parco san silvestroSituato alle spalle di Campiglia Marittima, il Parco ha un’estensione di 450 ettari e contiene ampie testimonianze delle attività minerarie e metallurgiche, dal periodo etrusco all’epoca attuale. È una straordinaria carrellata a cielo aperto della storia mineraria della Val di Cornia, ricostruendone alcune fasi e illustrandone l’evoluzione tecnologica. Ci sono musei, gallerie minerarie, un borgo medievale di minatori e fonditori (rocca San Silvestro, risalente a circa 1000 anni fa) e quattro percorsi di interesse storico, archeologico, geologico e naturalistico.

Presso l’ingresso c’è l’impianto dei “forni della Madonna della Fucinaia”, utilizzati in epoca anteriore al III° secolo a.C. per la prima fase di lavorazione del rame. Il Museo dell’Archeologia e dei Minerali contiene una mostra di rocce locali e alcuni dei reperti ritrovati durante lo scavo di Rocca San Silvestro. Nella Miniera del Temperino si può osservare l’evoluzione delle tecniche di ricerca ed estrazione dei minerali. Dalla miniera si sale verso l’area di Pozzo Earle, dove è ubicato il Museo delle Macchine Minerarie e dei Minatori che narra gli ultimi decenni di storia mineraria. A bordo di un piccolo treno, lungo la Galleria Lanzi-Temperino, si ripercorre il viaggio dei minerali, dalle miniere della Valle del Temperino agli impianti di trattamento della Valle dei Lanzi.

All’interno del parco sono stati allestiti due percorsi trekking a carattere archeo-minerario: nell’area del Temperino e nell’area di Valle Lanzi.


museo parco san silvestroMiniera e Museo del Temperino 

Tipo: museo archeologico-industriale

Illustrano, in modo sintetico, i risultati dello scavo, attraverso i reperti archeologici e le ipotesi ricostruttive sui processi di metallurgia estrattiva documentati nel sito. Nell’antica miniera di solfuri, attraverso un percorso in galleria di 360 metri, è possibile seguire le tracce della lavorazione e dell’evoluzione mineraria dagli Etruschi fino ai giorni nostri.

 


Museo delle Macchine Minerarie

Tipo: museo industriale

È collocato nell’edificio di servizio di Pozzo Earle, l’unico superstite dei cinque pozzi di estrazione che si trovavano nell’area di Campiglia agli inizi del secolo scorso. Nell’edificio c’era anche l’argano che, nell’ultima fase di attività delle miniere, trasportava i minatori fino a 170 metri di profondità.


Rocca di San Silvestro

Tipo: villaggio minerario archeologico

Rocca San Silvestro è un villaggio risalente al X°-XI° secolo, dove abitavano i minatori impegnati nell’estrazione del rame e del’argento. Rimangono i ruderi delle abitazioni, della chiesa, del cimitero, delle case signorili e della zona di lavorazione dei metalli.

 

 


trenino minerario

Trenino minerario

Il trenino collega, con un percorso in galleria, la Valle del Temperino con la Valle dei Lanzi da dove, in breve, si raggiunge il villaggio minerario di San Silvestro, l’Ostello Gowett (ricavato dall’omonimo palazzo) e il Centro di Studio e Documentazione di Villa Lanzi, edificio del XVI° secolo che si sviluppa intorno a un cortile con cisterna.

Zona: Val di Cornia
Tipo: sito minerario e di archeologia industriale
Indirizzo: Strada Provinciale 20
Informazioni: via San Vincenzo, 34b – Campiglia Marittima (LI)
Tel.: +39 0565 226445
Email: [email protected]
Sito: www.parchivaldicornia.it
Orari: da ottobre a maggio sabato e domenica, da giugno a settembre da martedì a domenica 9.30-19.30
Servizi: bookshop, ristoro, bus navetta per i collegamenti interni, visite guidate, sconto con Card Viviparchi
Accessibilità ai disabili: solo Museo Archeominerario e trenino minerario

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Strada Provinciale SP20 Campiglia Marittima (LI)

GPS:

43.0615494, 10.6012635