Scegli cosa vedere e fare a Uzzano

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_aulla

Uzzano, terra di buon buristo, funghi e cenci per palati esigenti

uzzano stemma

Uzzano è un piccolo borgo situato su una collina ricoperta di oliveti che si affaccia sulla valle del torrente Pescia. Il villaggio ha conservato l’aspetto medievale: impianto urbanistico a triangolo, con il vertice coincidente con la rocca e la Chiesa dei Santi Jacopo e Martino.

Nell’abitato ci sono anche palazzetti ed edifici del XVI° e XVII° secolo, tra cui spicca il Palazzo del Capitano (XIII°-XIV°secolo), che attualmente contiene l’archivio storico comunale con documenti a partire dalla fine del XIII°secolo.

Nel territorio ci sono numerose ville gentilizie (XVIII°-XIX° secolo) quale Villa del Castellaccio dove, nel 1895, fu ospite Giacomo Puccini che qui scrisse il secondo e il terzo atto de La Bohème e l’inizio del quarto.

ZONA Valdinievole
TIPO borgo collinare
COORDINATE 43°53′0″N 10°43′0″E
ALTITUDINE 50 metri s.l.m.
PRODOTTI funghi, buristo, laterizi
SPORT trekking escursionistico, ciclismo
CONFINI Buggiano, Chiesina Uzzanese, Pescia (PT)

uzzano mapInformazioni  Turistichepistoia mappa

Comune di Uzzano
piazza Unità d’Italia, 1 – 51010 Uzzano (PT)
tel. +39 0572 447721
comune@comune.uzzano.pt.it
www.comune.uzzano.pt.it

COSA VEDERE

Chiese

Uzzano

Chiesa dei Santi Jacopo e Martino

Chiesa Santi Jacopo e MartinoZona: Valdinievole
Tipo: chiesa romanica (XII° secolo)

Risalente al XII° secolo, la chiesa contiene varie tele di autori locali tra cui San Francesco con le stigmate e S. Girolamo del pittore Alessandro Bardelli, lo Sposalizio della Vergine di Alessio Gemignani, la Madonna con Bambino e Santi di Francesco Brina e l’Annunciazione di Giovan Battista Naldini.

C’è anche un ciclo d’affreschi di scuola fiorentina. All’interno si trovano anche un’acquasantiera romanica del XIII° secolo, un fonte battesimale marmoreo con coperchio ligneo (XVI° secolo), la statua Sant’Antonio Abate, attribuita a Giovanni della Robbia e un pulpito ligneo del XVII° secolo.

Il campanile fu edificato su una struttura difensiva e, a piano terra, c’è un affresco del XV° secolo attribuito a Neri di Bicci.

Monumenti e luoghi da visitare a Uzzano

Palazzo del Capitano

palazzo del CapitanoZona: Valdinievole
Tipo: edificio storico (XIII°-XVI° secolo)

Risalente al XIII° secolo, in epoca medievale fu la sede del comune. Sorretto da grossi pilastri in pietra, ha una maestosa forma squadrata, con un loggiato al piano terreno e monofore al primo e secondo piano.

Nella sala principale si trova un affresco del XV° secolo raffigurante la Madonna in trono con Bambino e i Santi Jacopo e Martino. Attualmente è sede dell’Archivio Storico Comunale, che conserva documenti a partire dalla fine del XIII° secolo.

COSA FARE

Eventi

La Pucciniana

Tipo: evento musicale
Periodo: fine luglio-inizio agosto

Dal 1996 Uzzano dedica ogni anno a Giacomo Puccini, che fu ospite nel 1895, uno spettacolo collegato al Festival Pucciniano di Torre del Lago Puccini. La manifestazione si svolge d’estate nella piazza di Uzzano Castello, dove per una o più serate vengono rappresentati quadri tratti dalle maggiori opere del compositore.

CULTURA

Storia

Uzzano

palazzo capitano 1Fino al III° secolo a.C. fu soltanto un’area di confine tra le zone abitate da Etruschi e Liguri. Successivamente entrò a far parte dei territori di Roma. Durante il periodo longobardo  ci fu costruita un’importante fortificazione appartenente alla famiglia Montichiari, originaria di Lucca.

Le prime notizie sull’abitato risalgono all’XI° secolo, quando Sant’Allucio di Campugliano fondò un ospizio per l’accoglienza dei viandanti che percorrevano la vicina via Cassia-Clodia, la strada tra Firenze e Lucca.

Dopo duecento anni di dominio feudale a metà del XII° secolo Uzzano divenne comune rurale sottomesso a Lucca. Soltanto nel 1339, quanto tutta la Valdinievole entrò a far parte dei territori controllati da Firenze, Uzzano divenne sede di podesteria.

Per difendere la propria autonomia, tra il XV° e il XVIII° secolo il borgo ebbe frequenti contrasti con gli amministratori fiorentini. Con l’inizio delle grande riforme amministrative del Granducato di Toscana, nel 1773 il granduca Pietro Leopoldo Asburgo Lorena decretò l’accorpamento di Uzzano a Pescia.

Con l’Unità d’Italia, Uzzano ottenne lo status di comune autonomo, all’interno della provincia di Lucca. Nel 1928, assieme ad altri comuni della Valdinievole, fu inserito nella neonata Provincia di Pistoia.

Per secoli l’economia della zona si basò sulla coltivazione di olivi e viti. Nel XVIII° secolo si diffuse anche quella del gelso per la preparazione della seta grezza. Nel corso del XX° secolo si svilupparono tanto il florovivaismo quanto le manifatture di laterizi.

GASTRONOMIA

Piatti tipici

Cinghiale con funghi e polenta

cinghiale con funghi e polentaLa polpa di cinghiale tagliata a pezzi è macerata nel vino rosso, assieme a sedano, carota, cipolla, sale, pepe in grani e funghi porcini. Il piatto è accompagnato da polenta.

Cenci

cenciSono dolci tradizionali diffusi in molte altre zone della Toscana, tipici del periodo di Carnevale. Qui vengono preparati con vinsanto.

Prodotti tipici

Buristo

Tipico salume a base di sangue di maiale, spezie e cannella.

Fungo marzuolo

funghi dormiglioniLa polpa è bianca o grigiastra, con un gradevole profumo che ricorda il miele; il sapore è molto delicato.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Uzzano

Agriturismo I Pianacci

Uzzano (PT)
Appartamenti, piscina, maneggio, vendita prodotti