Barberino di Mugello  cosa vedere e fare

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termo_montemurlo

Barberino di Mugello, tra il Lago di Bilancino e il Barberino Outlet

Barberino_Val_d'Elsa-StemmaBarberino di Mugello è adagiato sulla riva sinistra del torrente Stura, in prossimità dello sbocco con il fiume Sieve. Il paesaggio è costituito da gruppi di colline divise da valli e torrenti, ricche di boschi di faggio, castagni e querce. Il fiume Sieve nasce nell’area di Montecuccoli e attraversa tutto il territorio comunale. Numerosi altri piccoli corsi d’acqua, provenienti da tre lati, fociano nel lago artificiale di Bilancino. Questo ampio specchio d’acqua ha costituito un’importante soluzione per ll’approvvigionamento di acqua alla “città metropolitana di Firenze”. Da qualche tempo il lago è diventato una destinazione turistica per la possibilità di balneazione e di sport acquatici. In quest’area c’è anche un’oasi naturalistica del WWF, l’Oasi di Gabbianello. Importante per l’economia la presenza di un grande outlet. Il territorio è da secoli dedito all’agricoltura e all’allevamento di bovini.

ZONA  Mugello
TIPO  cittadina agro-industriale
COORDINATE  44°00'00"N11°14'00"E
ALTITUDINE 270 metri s.l.m.
SPORT trekking escursionistico
CONFINI Calenzano (FI), Cantagallo (PO), Firenzuola (FI), Scarperia e San Piero (FI), Vaiano (PO), Vernio (PO)


barberino di mugello mapInformazioni Turistichefirenze map

Comune di Barberino di Mugello
viale della Repubblica, 24 – 50031 Barberino di Mugello (FI)
tel: +39 055 84771
www.comunebarberino.it

COSA VEDERE

Edifici storici di Barberino

cafaggioloVilla medicea di Cafaggiolo

Castello di Villanova

Zona: Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: castello ricostruito (XVII°-XX° secolo)
Indirizzo: Strada della Futa – località Le Maschere
Tel: +39 333 6433493
Orari: visita su appuntamento
Ingresso: gratuito

Il primo castello di Villanova fu costruito nel 1250. Nel 1611 la fortificazione, ormai piuttosto degradata, fu acquistata assieme ai terreni circostanti dal marchese Ottavio. Su parte dei ruderi nel XIX° secolo fu edificato da Carlo Gerini l’attuale castello, in stile medievale e adibito a scuola e convento. Il castello e il parco sono stati oggetto di un piano di recupero e l’edificio è stati destinato a uso di ristorante e locale per cerimonie e banchetti.

Villa Medicea di Cafaggiolo

cafaggioloZona:  Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: castello-villa medicea (XIV°-XV° secolo)
Indirizzo: via Nazionale, 16 – località Cafaggiolo
Tel: +39 055 8479293
Email: [email protected]
Orari: mercoledì e venerdi 14.30-18.30; sabato e domenica 10.00-12.30 e 14.30-18.30
Ingresso: € 5,00 intero e € 2,50 bambini oltre 6 anni

Il castello fu inizialmente costruito per scopo difensivo, ma poco tempo dopo fu trasformato nell’edificio principale di un’azienda agricola. Nel 1451 l’edificio principale fu ristrutturato e trasformato dall’architetto Michelozzo in sontuosa abitazione di campagna per Cosimo Medici il Vecchio.

Cafaggiolo_utensLa villa, circondata da un ampio giardino e da una delle più ampie riserve di caccia, divenne la residenza estiva prediletta dalla famiglia Medici e in particolare da Lorenzo il Magnifico, che qui ospitava i amici letterati e artisti come Marsilio Ficino e Pico della Mirandola. Nel XVI° secolo a fianco della villa fu costruita la Fabbrica di Ceramiche dove si producevano sia oggetti per la corte granducale sia di uso corrente. Un piatto proveniente dalla Fabbrica di Cafaggiolo è esposto al Victoria and Albert Museum di Londra.

A Cafaggiolo avvenne l’uccisione di Dianora di Toledo da parte del marito Don Pietro Medici, figlio minore del granduca Cosimo I°. Nel XIX° secolo la villa subì alcuni interventi che, in parte, mutarono l’aspetto originario dell’edifico e del giardino, che venne ristrutturato secondo il modello all’inglese. All’interno della villa sono visibili le copie di una serie di ritratti di personaggi famosi appartenenti alla famiglia Medici, realizzate dal pittore Carmine Fontanarosa. Accanto alla costruzione sono rimaste le scuderie del XVI° secolo.

Monumenti e luoghi da visitare a Barberino di Mugello

outlet barberinoL’outlet di Barberino

Villa Torre Il Palagio

torre il palaggioZona:  Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: villa (XV° secolo)
Indirizzo: via del Torracchione, 8 – località Cavallina
Tel: +39 055 8420155 +39 335 6798237
Sito: www.villatorrepalagio.it
Orari: visita su appuntamento
Accessibilità ai disabili:

La villa fu costruita nel XV° secolo dalla famiglia Pulci. Nell’edificio ha soggiornato anche Lorenzo il Magnifico in compagnia di amici letterati. L’aspetto della villa ha le caratteristiche assunte dopo la ristrutturazione del XIX° secolo, con facciata decorata da disegni geometrici monocromatici e ampie sale adibite a convegni e banchetti. La costruzione è circondata da un vasto parco di conifere a cui si accede attraverso un lungo viale alberato, caratterizzato da numerose piante secolari tra cui un cipresso della California, alcuni cedri del Libano e una sequoia della specie giganthea.

Villa Le Maschere

villa le MaschereZona: Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: villa storica (XVI°-XIX° secolo)
Indirizzo: località Le Maschere

Il nome della villa deriva dalle 22 maschere, tutte diverse l’una dall’altra, scolpite nella facciata. Costruita nel XVI° secolo, è considerata una tra le più belle ville del Mugello e della Toscana per la favorevole posizione in cima a un colle che domina il Lago di Bilancino. Di proprietà della famiglia Gerini, la villa fu oggetto di profondi interventi di ampliamento e ristrutturazione, oltre all’organizzazione del parco circostante con viali e giardini all’italiana. Nel XVIII° secolo la villa ospitava importanti personalità come regnanti e pontefici che partecipavano a feste memorabili. Nel 1801 vi soggiornò il re di Sardegna Carlo Emanuele IV° e, nel 1821, un’altro monarca sabaudo, re Carlo Felice. All’inizio del 2000 è stato avviato un progetto di restauro che ha trasformato la costruzione in un prestigioso resort a cinque stelle.

Barberino Designer Outlet

outletZona: Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: outlet
Indirizzo: via A. Cavallina Meucci
Tel.: +39 055 842161
Sito: www.mcarthurglen.it/barberino

Il Barberino Designer Outlet è una graziosa cittadella dello shopping, con l’aspetto di borgo rinascimentale inserito nel paesaggio dell’alta Valle della Sieve, dove fare acquisti. Per chi è alla ricerca di qualità e risparmio l’outlet è una delle migliori occasioni per fare acquisti in oltre 100 negozi, tra boutique di stilisti rinomati e negozi delle migliori firme di abbigliamento con prezzi scontati dal 30% al 70%. La proprietà del Barberino Outlet è del gruppo inglese McArthurGlen.

Riserve naturali

bilancinoVeduta del lago di Bilancino

Lago di Bilancino

lago-bilancino1Zona: Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: lago artificiale con oasi faunistica

Il lago di Bilancino è stato realizzato a partire dal 1984 per sopperire al fabbisogno idrico delle province di Firenze e Prato e anche per la produzione di energia elettrica. L’invaso fu creato tramite uno sbarramento sul fiume Sieve, in località Bilancino, e l’alveo fu completato nel 1999.
La diga e le strutture di servizio si estendono su un’ampia superficie, situata al centro di un’area di rilevante valore paesaggistico: boschi, colture, pievi e case coloniche tipiche. Le aree accessibili totalizzano 120 ettari. Durante la stagione estiva su alcune rive del lago ci sono stabilimenti per la balneazione. Nel lago si possono praticare attività di canoa, windsurf e vela. Si può inoltre praticare la pesca sportiva. Attorno al lago ci sono 20 chilometri di percorsi pedonali e per biciclette. Nelle vicinanze sono ubicati tre complessi architettonici importanti: Villa medicea di Cafaggiolo, Chiesa-borgo di San Giovanni in Petroio e Castello di Trebbio.

Oasi di Gabbianello

Barberino di Mugello (FI) - Oasi di GabbianelloZona: Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: oasi faunistica protetta
Indirizzo: via di Galliano, 1 – località Bilancino
Tel. (solo il fine settimana): +39 333 9537114
Email: [email protected]
Sito: www.gabbianello.it
Orari: mesi di gennaio e febbraio 1a e 3a domenica del mese 10.30-16.00, 2a e 4a domenica del mese solo su prenotazione; mesi da marzo a novembre ogni domenica 10.30-16.00 con ora solare, 11.30-19.00 con ora legale; mesi di maggio e giugno anche sabato 8.00-15.30; chiuso nei mesi di luglio e agosto.
Ingresso: intero €uro 4,00, ridotto (tra i 5 e i 14 anni e oltre 65 anni) € 3,00, cumulativo famiglie € 10,00

L’Oasi ha avuto origine da un intervento di totale recupero ambientale finalizzato alla creazione di habitat umidi, che sono tra quelli a più forte rischio di scomparsa a livello globale in Italia e in Europa. L’area è all’interno di un contesto paesaggistico di grande fascino, tra ampie zone di boschi, pascoli e coltivazioni biologiche, su una superficie complessiva di 25 ettari, di cui 8 allagati, in un’area pianeggiante lungo la sponda nord orientale del Lago di Bilancino. Durante il periodo migratorio, l’Oasi è luogo di sosta di numerosi uccelli di notevole interesse, tra cui la cicogna bianca, la gru, l’oca selvatica, il Cavaliere d’Italia, il tarabuso, il fenicottero rosa e anche il raro falco pescatore. Per gli amanti del birdwatching è possibile osservare gli animali da quattro osservatori, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dall’Oasi stessa.

Monti della Calvana

Firenze - Prato - Monti della CalvanaZone: Area Fiorentina, Mugello, Prato Val Bisenzio,
Comuni in Provincia di Firenze: Barberino di Mugello, Calenzano
Comuni in Provincia di Prato: Cantagallo, Prato, Vaiano
Tipo: area naturale protetta (A.N.P.I.L.)

La Calvana è una vera e propria catena montuosa, che si differenzia dal resto dell’Appennino per i materiali di cui è composta (in prevalenza rocce calcaree). La catena della Calvana inizia da Montecuccoli e si prolunga per circa 15 chilometri fino a Prato e sulla piana fiorentina, limitata a ovest dalla Valle del Bisenzio e a est dalla Valle della Sieve e poi dal torrente Marina (affluente del Bisenzio). La quota più alta è il Monte Maggiore (m. 916).  La Calvana è una montagna carsica per eccellenza, con ben 35 grotte, numerose doline, risorgive e inghiottitoi. Ci sono numerosi sentieri adatti sia alle escursioni che al trekking, alla mountain bike e al cavallo.

Flora e fauna

Le tipologie di vegetazione sono influenzate dalle condizioni ambientali e dalla natura del terreno. Ci sono querceti di roverella, cerreti, ostrieti, carpino-noccioleti, rimboschimenti di conifere, arbusteti. Particolarmente suggestivi sono i prati sommitali che, in primavera, si riempiono di splendidi fiori, mentre i cespugli di prugnoli e biancospino fanno da rifugio a rare specie di uccelli. Tra le specie animali più rappresentative e di maggior interesse ci sono mammiferi (lupo, pipistrello), uccelli (biancone, falco pecchiaiolo, albanella minore, averla piccola, tottavilla, succiacapre), anfibi (tritone crestato italiano, sgeotrirone), rettili (ramarro occidentale, lucertola muraiola e campestre). Nei torrenti vivono variopinte specie di anfibi come la salamandrina dagli occhiali e il raro ululone dal ventre giallo. I prati sono molto utilizzati per il pascolo bovino.

CULTURA

Storia

castello villanuovaUna parte del territorio di Barberino è una depressione tettonica dove è avvenuto il ritrovamento di fossili quali la costola di Palaorynchus (balena preistorica). In località Paino, durante i lavori per la realizzazione dell’invaso di Bilancino, è venuto alla luce un insediamento di 30.000 anni fa, probabilmente un accampamento estivo di cacciatori e pescatori.

Di primaria importanza era senza dubbio la lavorazione della tifa, un’erba spontanea che si sviluppa in stagni di acque dolci di circa 1 metro di profondità. Le comunità del Paleolitico superiore erano in grado di utilizzare alcune piante selvatiche per la produzione anche di alimenti: impastata con acqua, ridotta in foglia e cotta, la farina di tifa diventava una galletta. I primi abitanti del territorio furono quelli dell’etnia ligure dei Magelli, da cui è derivato il nome Mugello. A questi seguirono gli Etruschi che tracciarono un primo abbozzo della rete viaria, una serie di percorsi che univano in origine Fiesole a Felsina (attuale Bologna), poi ampliati e migliorati dai Romani.

Il villaggio prese forma solo nel Medioevo e tutta l’area divenne un importante centro. Il nome deriva dallo stemma della famiglia Cattani di Combiate, rappresentante un uomo con tre barbe, alla quale è attribuita la costruzione nell’XI° secolo del Castello di Barberino. Il periodo di maggior splendore fu comunque durante il predominio mediceo, data l’origine locale dell’importante famiglia di signori poi elevati al rango granducale.

Curiosità

Pietro Medici, scialacquatore e omicida

Don Pietro Medici, il figlio minore del granduca Cosimo I°, fu una delle personalità più controverse di tutta la famiglia. Viaggiò in Spagna, dove prese l’epiteto di “Don” e la fama di persona violenta, viziosa, prepotente e scialacquatrice. Nel 1576 sposò Dianora di Toledo, sua cugina. Poco tempo dopo, Pietro iniziò a frequentare donne di malaffare, molto diverse dalla raffinata moglie. Abbandonata al suo destino la sposa si avvicinò al gentiluomo Bernardo Antinori, appartenente a una nobile famiglia fiorentina. Furono scoperti da Don Pietro, che intercettò alcune lettere e decise di liberarsi della moglie, ormai un ostacolo alla sua vita dissoluta. Un giorno, rimasto solo con la donna nella villa di Cafaggiolo, la soffocò – come riportano i documenti dell’epoca – con un “asciugatoio”. In seguito, come espiazione dell’uxoricidio, fece voto di non sposarsi più.

Galliano, set per la cantante Madonna

Madonna in Toscana

In tempi recenti la nota cantante Madonna ha scelto Galliano, un paesino in prossimità del Lago di Bilancino, come set del suo video Turn Up The Radio. Il video è stato girato tra una stazione di servizio dismessa, la locale chiesa di San Bartolomeo e un panoramico viale fiancheggiato da cipressi secolari. Madonna e gli altri personaggi appaiono su un Cadilac che percorre il viale alberato.

SERVIZI TURISTICI

Shopping

Barberino Designer Outlet - Barberino del Mugello (Toscana)

Barberino Designer Outlet

outletZona: Mugello
Comune: Barberino di Mugello (FI)
Tipo: outlet
Indirizzo: via A. Cavallina Meucci
Tel.: +39 055 842161
Sito: www.mcarthurglen.it/barberino

Il Barberino Designer Outlet è una graziosa cittadella dello shopping, con l’aspetto di borgo rinascimentale inserito nel paesaggio dell’alta Valle della Sieve, dove fare acquisti. Per chi è alla ricerca di qualità e risparmio l’outlet è una delle migliori occasioni per fare acquisti in oltre 100 negozi, tra boutique di stilisti rinomati e negozi delle migliori firme di abbigliamento con prezzi scontati dal 30% al 70%. La proprietà del Barberino Outlet è del gruppo inglese McArthurGlen.