Capolona cosa vedere e fare

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_aulla

Capolona, dove l’Arno scansa Arezzo

gonfaloneIl territorio di Capolona si estende sulle propaggini sud-orientali del Monte Pratomagno. È l’area che Dante Alighieri descriveva …lì dove l’Arno torce il muso agli aretini…”  La ricostruzione dei vasti danni durante la Seconda Guerra Mondiale ha conferito alla cittadina un aspetto sostanzialmente moderno. Gli unici edifici di accertate origini medievali sono alcune case, una torre di epoca longobarda e il complesso La Nussa. Capolona è attualmente un centro industriale e artigianale in continua e costante crescita economica, pur conservando la semplicità di sempre e l’attaccamento alle tradizioni popolari. In tempi recenti il turismo è divenuto una componente rilevante dell’economia locale per la presenza di numerose aziende agrituristiche ubicate nella zona collinare.

ZONA Casentino
TIPO  cittadina rurale
COORDINATE 43°34′04″N 11°51′53″E
ALTITUDINE 263 metri s.l.m.
SPORT trekking escursionistico, equitazione, ciclismo
CONFINI Arezzo città, Castel Focognano, Castiglion Fibocchi, Subbiano, Talla (AR)

capolona mapInformazioni turisticheArezzo mappa

Comune di Capolona
piazza della Vittoria, 1 – 52010 Capolona (AR)
tel. +39 0575 421317
[email protected]
www.comune.capolona.ar.it

COSA VEDERE

Chiese di Capolona

Pieve a Sietina

sietinaZona: Casentino
Tipo: chiesa protoromanica
Tel.: +39 0575 451018
Orari: visite su prenotazione

La chiesa, documentata dall’XI° secolo con il nome di Santa Maria Maddalena, è uno dei migliori esempi di stile pre-romanico in Casentino. Le tre navate sono separate da grossi pilastri rettangolari e concluse da altrettante absidi semicircolari. L’interno è completamente rivestito di pregevoli affreschi di vari periodi. I più antichi risalgono agli anni 1370-1380: quelli sopra l’arcata destra del presbiterio sono stati attribuiti a un seguace di Spinello Aretino, mentre la Madonna in trono con Bambino è stato attribuito a Lippo di Corso o a Lippo Benivieni. Gli altri affreschi, tra cui Martirio di Sant’Agata, sono datati 1490 e attribuiti a Lorentino d’Andrea. La vetrata dell’abside è attribuita a Guillaume de Marcillat. Il campanile a vela, posto sulla facciata, è notevolmente posteriore.

ARTE E MUSEI

Musei

Collezione Targa-Tagliaferri (moto d'epoca)

Zona: Casentino
Tipo: raccolta di motociclette d’epoca
Indirizzo: via S. d’Acquisto, 4
Tel: +39 0575 420307 / 903197
Visite: su appuntamento

La raccolta è nata dall’iniziativa di due appassionati di motociclismo che si sono dedicati alla produzione della MBA, creando anche il registro storico di quest’azienda che, tra il 1975 e il 1987, produsse circa 700 esemplari, tutti da competizione. Tra le motociclette più significative il Morbidelli VR 125cc, il VR Bassotto 125cc e il P4X 125cc, vincitore del campionato mondiale marche del 1985

COSA FARE

Percorsi nei dintorni di Capolona

Via Romea Germanica

La Via Romea Germanica è il secondo più importante itinerario dei pellegrini che, dall’Europa Centrale e Orientale, fin dal Medio Evo avevano per meta Roma. Nella sola porzione della dorsale appenninica che separa l’Emilia Romagna dalla Toscana sono state individuate almeno tre varianti di questo antico cammino. In tempi recenti si è arrivati a una sorta di identificazione, con un itinerario condiviso e che solca tutta la provincia di Arezzo in direzione nord-sud fino al confine con la Regione Umbria.

Le origini

A Stade, importante città portuale alla foce del fiume Elba (Germania), verso la fine del XII° secolo nacque Alberto. Attratto fin da giovane dalla vita religiosa si fece monaco e, nel 1232, divenne abate del monastero benedettino della città. Per ottenere dal papa una regola più rigida di quella vigente, nel 1236 intraprese un viaggio verso Roma. Rientrato in sede, fu però deluso dai rifiuti dei confratelli e delle gerarchie ecclesiastiche cittadine. Così si dimise dall’incarico ed entrò in un convento di frati minori di regola francescana.
Qui Alberto compilò in lingua latina gli Annales, una cronaca dei più importanti eventi religiosi e politici dell’epoca. Nell’opera inserì un dialogo tra due monaci a proposito delle migliori vie di pellegrinaggio verso Roma. Certamente memore del suo viaggio elencò vari itinerari con dati precisi su luoghi e distanze, sulle condizioni delle strade e indicazioni esatte sulla lunghezza delle singole tappe. Insomma una sorta di esposizione ragionata dei lunghi itinerari già esistenti verso la capitale della Cristianità.

Le tappe in Toscana

Il primo numero indica la progressione delle tappe dell’itinerario completo dalla Germania a Roma, quello tra parentesi l’ordine progressivo in territorio italiano.

77 (29) Valle Santa-Chitignano
– lunghezza: km. 20 (variante km. 12,5)
– difficoltà: impegnativo
– percorribilità: a piedi, in bicicletta

78 (30) Chitignano-Subbiano-Capolona
– lunghezza: km. 18,3
– difficoltà: media
– percorribilità: a piedi, in bicicletta

79 (31) Subbiano-Capolona-Arezzo
– lunghezza: km. 20
– difficoltà: media
– percorribilità: a piedi, in bicicletta

80 (32) Arezzo-Sassaia-Castiglion Fiorentino
– lunghezza: km. 26,3
– difficoltà: media
– percorribilità: a piedi, in bicicletta

81 (33) Sassaia-Castiglion Fiorentino-Cortona
– lunghezza: km. 12,8
– difficoltà: media
– percorribilità: a piedi, in bicicletta

82 (34) Cortona-Castiglion del Lago (PG)
– lunghezza: km. 24,4
– difficoltà: media
– percorribilità: a piedi, in bicicletta

ASSOCIAZIONE ITALIANA DELLA VIA ROMEA GERMANICA
Sede operativa: via Nefetti, 3E – 47018 Santa Sofia (FC)
Tel.: +39 320 4322968, +39 366 1305777, +39 329 2106197
Email: [email protected]
Sito: www.viaromeagermanica.com

Sentieri CAI

trekkingNel territorio ci sono numerosi percorsi adatti a conoscere luoghi e monumenti strettamente legati alla storia, adatti a escursioni a cavallo, ma anche impegnativi percorsi per mountain bike. I percorsi del C.A.I. (Club Alpino Italiano) sono opportunamente segnalati. Ci sono numerosi agriturismi dove poter gustare i piatti tipici della cucina toscana.

I percorsi suggeriti sono:

CAI 00CT: Capolona – Ponina – Migliarino – Monte Capannino
Lunghezza km. 11

CAI 45: Ponte Burano – Cafaggio – Pieve San Giovanni – L’Apia
Lunghezza km. 9,5

CAI 47: Giovi – Moraia
Lunghezza km. 7,5

Anello: Capolona – Casa La Moraia – Il Pozzo – Capolona
Lunghezza km. 10

CULTURA

Storia

fiume arnoLa zona fu abitata già nel Neolitico, come confermato da alcuni ritrovamenti in ben quattro località. Sono state individuate tracce anche di civiltà successive: Romani, Bizantini, Longobardi. Il nome deriva da Campus Leonis. Le origini dell’abitato vanno ricercate nell’importante Abbazia di San Gennaro a Campoleone (XI° secolo), che godeva di una speciale protezione dell’imperatore. Tracce del passato sono presenti nei ruderi dei castelli, nelle torri e nelle pievi sparse nel territorio. Ad esempio, ben conservate sono la Torre di Santa Flora, quella della Casella e quella di Bibbiano. Dopo un periodo di grande sviluppo, alla fine del XII° secolo per l’abbazia iniziò una lenta ma inarrestabile decadenza. Capolona, all’epoca soltanto un piccolo centro amministrativo, perse il principale punto di riferimento e lo sviluppo fu compromesso. Tra l’altro, data la posizione strategica all’imbocco del Casentino e la vicinanza di Arezzo, tutto il territorio era inevitabilmente destinato a diventare parte del sistema difensivo della città che ben presto lo occupò e lo adattò alle proprie esigenze. Nei secoli successivi il villaggio seguì le vicende di Arezzo prima, di Firenze dopo: dalla repubblica alla signoria dei Medici, dal Granducato di Toscana all’Unità d’Italia.

GASTRONOMIA

Piatti tipici

A Capolona è possibile gustare tutti i sapori più tipici della Toscana.

Antipasti: crostini di cavolo nero, crostini neri (con i fegatini di pollo e/o con la milza), salumi della zona (prosciutto crudo, capocollo, spalla, salame, salsicce di maiale o di cinghiale, soprassata); la panzanella è da gustare soprattutto d’estate.

Primi piatti: pasta fatta in casa con sugo di nana (anatra), tortelli di patate; d’inverno anche minestra di pane e tagliolini con i ceci.

Secondi piatti: cacciagione e carne “rossa” cotte rigorosamente alla brace; quindi gli arrosti: la nana (anatra) e il coniglio in porchetta, la porchetta di maiale e di cinghiale, i fegatelli, i grifi e, piatto eccezionale, il collo d’ocio ripieno.

Dolci: lo zuccherino (un dolce aromatizzato all’anice), la panina pasquale (con uva sultanina), il baldino (castagnaccio), il migliaccio, le crostate e anche le castagne, tutti da abbinare all’ottimo Vinsanto.

Prodotti tipici

Funghi

Tartufi

Formaggi tra cui il raviggiolo, formaggio tenero tipico di questo territorio, e l’abbucciato aretino realizzato con latte crudo

Olio extravergine d’oliva

Vino rosso

Birra di produzione locale

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Capolona

Alberghi

Hotel Badia di Campoleone

Località Castelluccio, 38 – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 451561
www.badiacampoleone.it
[email protected]

Agriturismi

Agriturismo All’Antico Silbule

Località Serboli, 52 – Capolona (AR)
Tel. +39 333 4853431
[email protected]

Agriturismo Casa Rossa

Casa Rossa – località Pieve San Giovanni – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 451093
[email protected]

Agriturismo Contea

Località Contea, 305 – Capolona (AR)
Tel. +39 339 8891552
www.agriturismocontea.com
[email protected]

Agriturismo Galealpe

Località Pieve S. Giovanni, 76 – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 451309
[email protected]

Agriturismo Il Legato

Località Botti, 69-70/A – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 488023

Agriturismo Il Palazzo

Podere Palazzo – località Pieve San Giovanni – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 451080

Agriturismo Il Pozzo

Località Il Pozzo, 31/B – Capolona (AR)
Tel. +39 338 7401265
www.agripozzo.it
[email protected]

Agriturismo Il Querceto

Poggio Calzanera – località Casa Vecchia – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 364539

Agriturismo Le Lame

Le Lame, 57 – località Bibbiano – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 488026
[email protected]

Agriturismo Le Palaie

Località Le Palaie, 162/B – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 420131
www.palaie.com
[email protected]

Agriturismo Le Rocche

Località Le Rocche, 101 – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 420643
www.fattorialerocche.it
[email protected]

Bed and Breakfast


B&B Casa Gemelli

Via Casa Gemelli, 4 – località Castelluccio – Capolona (AR)
Tel. +39 0575 451367
[email protected]

B&B Il Pino

Località Il Pino, 29 – Capolona (AR)
Tel. +39 335 1986845
[email protected]

Case vacanze/residence

Casa vacanze Relais Santa Margherita

Santa Margherita, 1 – località Castelluccio – Capolona (AR)
Tel. +39 339 5727901
[email protected]