Anghiari, cosa vedere e fare

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_fivizzano

Anghiari, la battaglia incruenta e il dipinto “perduto” di Leonardo

Anghiari-StemmaAnghiari è uno splendido borgo medievale che domina l’alta valle del fiume Tevere (Valtiberina) e il torrente Sovara. La potente cinta muraria, buona parte della quale si è ben conservata, conferisce alla cittadina un aspetto particolarmente attraente. Il centro storico è caratterizzato da palazzi rinascimentali, pittoresche case in pietra, stretti vicoli. I numerosi edifici di culto sono costituiti da piccole chiese, molte delle quali di epoca medievale. Le attività tradizionali sono il restauro dei mobili e l’artigianato, principalmente armi da fuoco, cesti di vimini, legno e ferro battuto. Il centro storico è pieno di piccole botteghe di artigiani, tra cui spiccano quelle di ceramiche, decorazioni, stoffe. Numerosi inoltre gli antiquari, tutti affiancati da abili restauratori.

Nei dintorni ci sono numerosi castelli ancora ben conservati quali quelli di Sorci, Montauro e Galbino impregnati di leggende di fantasmi. La cittadina ha ottenuto il riconoscimento “Bandiera Arancione” a conferma dell’eccellente qualità dell’accoglienza turistica. Ad Anghiari ha sede la Libera Università dell’Autobiografia (www.lua.it). Dal 2006 vi si svolgono due eventi di rilievo: il Cyborg Film Festival, rassegna di cortometraggi fantascientifici, e il “Premio Anghiari – Parole, Colori, Suoni Diversi”.

ZONA Valtiberina Toscana
TIPO borgo medievale (XII° secolo)
COORDINATE 43°32′30″N 12°03′38″E
ALTITUDINE 429 metri s.l.m.
PRODOTTI ferro battuto, oggetti in legno, cesti di vimini, stoffe, ceramiche, vino
SPORT trekking escursionistico, ciclismo, equitazione
CONFINI Arezzo, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Subbiano (AR)
COME ARRIVARE Automobile Autostrada A1 con uscita ad Arezzo, poi imboccare la SS 73 e seguire la segnaletica, Autobus da Arezzo regolare servizio di autobus (www.arezzoweb.it/trasporti)

AnghiariInformazioni turisticheArezzo mappa

Comune di Anghiari
piazza del Popolo, 9 – 53031 Anghiari  (AR)
tel. +39 0575 789522
[email protected]
www.comune.anghiari.ar.it

Informazioni Turistiche

corso G. Matteotti, 103
tel. +39 0575 749279
[email protected]
www.prolocoanghiari.info

COSA VEDERE

Fortificazioni di Anghiari

Anghiari (AR) - veduta

Castello di Sorci

castello sorciZona: Valtiberina Toscana
Tipo: castello (XIV° secolo)
Indirizzo: località San Lorenzo, 21
Tel.:
+39 0575 789066  / +39 0575 788022
e-mail: [email protected]
Sito: www.castellodisorci.it
Orari: tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 15.00 alle 18.0

Un primo fortilizio fu probabilmente costruito già in epoca longobarda. Lo confermerebbe il nome, derivato dalla parola longobarda sorku (brughiera o bosco di scope). Una più ampia struttura fortificata, risalente al XII° secolo, fu parzialmente distrutta nel 1268 durante la discesa in Italia dell’imperatore Corradino di Svevia. All’inizio del XIV° secolo divenne proprietà della famiglia Tarlati di Arezzo. Fu quindi incluso nel territorio di Firenze e, nella prima metà del XV° secolo, divenne dimora del capitano di ventura Baldaccio Bruni. Negli anni successivi il castello fu oggetto di innumerevoli ristrutturazioni. A partire dagli anni ’70 del secolo scorso la struttura ha conosciuto nuova vita per l’impegno del proprietario Primetto Barelli e dei figli. La struttura è attrezzata per cerimonie, feste, incontri conviviali, convegni. All’interno c’è anche “La Locanda”, un ristorante frequentato da personaggi in vista.

Castello di Montauto

castello montautoZona: Valtiberina Toscana
Tipo: castello (XII°-XIV° secolo)
Tel: +39 0575 723004
Orari: visitabile su appuntamento

Costruito tra il 1180 ed il 1190 sulle rovine di una precedente torre-fortezza longobarda, prese nome della montagna piuttosto irta su cui è ubicato: Monte Acuto. Nel  XIII° secolo vi soggiornò più volte Francesco d’Assisi in occasione dei suoi viaggi verso la Verna. La piccola cappella era il luogo di preghiera del santo, all’epoca solo un giovane monaco. La struttura fu oggetto di numerose trasformazioni nel corso degli anni successivi. Nel XIV° secolo era già un vero e proprio fortilizio, con varie torri e almeno tre cinte murarie, in grado di contenere 400 persone. Distrutto quasi totalmente nel corso delle guerre tra Arezzo e Firenze, il castello fu ricostruito nel XVI° secolo, diventando una villa di proprietà della famiglia Barbolani. Nel 1963 fu acquistato dai Barbolani di Montauto, discendenti dei proprietari in epoca rinascimentale. Oltre alla bellezza dell’edificio, notevole è la suggestione che suscita l’eccezionale panorama sull’intera Valtiberina. Nel periodo estivo vengono organizzati eventi culturali. È possibile soggiornare nella foresteria del castello oppure negli edifici adiacenti destinati ad agriturismo.

Castello di Pianettole

castello pianettoleZona: Valtiberina Toscana
Tipo: castello (XII° secolo)

Costruito dai signori di Montauto, il castello fu donato ai monaci camaldolesi nel 1142. L’ordine religioso ne rimase in possesso fino al 1502, quando la diocesi di Arezzo lo incorporò nelle sue proprietà. L’intero complesso si è conservato in buone condizioni, in particolare la cinta muraria in pietra, la porta ad arco e il possente torrione con basamento a scarpa.

Chiese

anghiari-badia-di-san-bartolomeoPieve di Santa Maria alla Sovara

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

santuario madonna grazieZona: Valtiberina Toscana
Tipo: chiesa (XVII°-XVIII° secolo)
Tel.: +39 0575 788041

Fu costruita tra i secoli XVII° e XVIII° su progetto di Giovanni Battista Bellini. La pianta è a croce latina e l’unica navata è coperta da una volta a botte. Notevoli sono le opere pittoriche all’interno: la monumentale tavola Ultima Cena (1531) e la Lavanda dei piedi del pittore fiorentino Giovanni Antonio Sogliani. Sopra l’altare a destra c’è la tavola Deposizione dalla Croce (1515) di Domenico di Bartolomeo Ubaldini, detto il Puligo. Dietro l’altare maggiore c’è la Madonna della Misericordia, terracotta invetriata della bottega di Andrea della Robbia. Altra opera rilevante è una scultura lignea dell’artista senese Tito di Camaino, raffigurante la Madonna.

Chiesa di Santo Stefano

chiesa santo stefanoZona: Valtiberina Toscana
Tipo: chiesa (VIII°-XV° secolo)
Tel.: +39 0575 789021

È tra le chiese più antiche della Valtiberina, in quanto databile tra il VII° e l’VIII° secolo. L’aspetto generale ricorda lo stile bizantino ma la maggior parte degli esperti ritiene che l’edificio sia stato completato in epoca longobarda. La pianta centrale quadrata è chiusa da tre absidi semicircolari. All’interno le colonne sono sormontate da capitelli ionici di sicura epoca romana. Una tavola di Domenico di Michelino (XV° secolo) raffigura la Madonna con bambino e santi.

Chiesa di Sant'Agostino

Anghiari (AR) - Chiesa Sant'AgostinoZona: Valtiberina Toscana
Comune: Anghiari (AR)
Tipo: chiesa rinascimentale (XV° secolo)
Tel.: +39 0575 787023

Le origini sono legate al passaggio di Thomas Becket (1115-1170), Cancelliere di Enrico II° d’Inghilterra e Arcivescovo di Canterbury. Nel 1164 ottenne le carbonaie, dove gli Spedalieri di S. Antonio Abate, suoi accompagnatori, costruirono un oratorio dedicato a S. Antonio. Nel XIII° secolo la comunità passò alla regola di S. Agostino e, un secolo dopo, sopra l’oratorio fu edificata una chiesa dedicata al Santo. In seguito al crollo del campanile, l’edificio fu ampliato nel 1464 all’indomani della conquista da parte di Firenze, quando anche tutto il quartiere circostante fu oggetto di un vasto intervento edilizio. L’opera di maggior pregio è l’altorilievo Adorazione dei Pastori, opera della bottega di Santi Buglioni, collocato nel coro.

Pieve di Santa Maria a Corsano

chiesa santa maria corsanoZona: Valtiberina Toscana
Comune: Anghiari (AR)
Tipo: chiesa romanica (XIII° secolo)
Indirizzo: località San Leo

Si distingue per un’insolita soluzione costruttiva che la discosta dal semplice schema delle piccole chiese di stile romanico. Fu edificata nel XIII° secolo, probabilmente dai monaci camaldolesi, lungo la strada per Citerna, sui ruderi di un tempietto pagano. Piuttosto insolita è la posizione del campanile-torre, addossato alla facciata. L’altare maggiore, risalente al XVII° secolo, contiene un affresco del XIV° secolo di scuola aretina raffigurante la Madonna del Latte.

Badia di San Veriano

badia di san verianoZona: Valtiberina Toscana
Comune: Anghiari – località Toppole
Tipo: chiesa romanica (XII° secolo)

Poco distante dal borghetto di Toppole, costituito da abitazioni costruite sopra i ruderi dell’antico castello, c’è la Badia di San Veriano. Si tratta di un’abbazia costruita alla fine dell’XI° secolo e affidata alla Congregazione dei Camaldolesi fino al 1360. L’edificio è caratterizzato da una navata con tre absidi semicircolari. Al di sotto del presbiterio una cripta a tre navate occupa circa metà della lunghezza della chiesa.

Pieve di Santa Maria alla Sovara

pieve santa maria alla sovaraZona: Valtiberina Toscana
Comune: Anghiari (AR) – località Pieve a Sovara
Tipo: chiesa pre-romanica (X° secolo)
Tel.: +39 0575 788395

Fu probabilmente costruita intorno al IX°-X° secolo. L’impianto originario è riconoscibile all’esterno, nelle tre absidi, caratteristiche dell’architettura preromanica aretina. Affidata ai monaci camaldolesi, che decisero l’allungamento della navata, l’innalzamento della zona absidale e l’aggiunta di un campanile-torre, nel XVI° secolo fu oggetto di ulteriori modifiche interne. Pregevoli sono i frammenti scultorei altomedievali fissati alle pareti, unici superstiti della decorazione originale.

Pieve di Santa Maria a Micciano

Pieve Santa Maria a Micciano - Anghiari (AR)Zona: Valtiberina Toscana
Comune: Anghiari (AR) – località Micciano
Tipo: chiesa romanica (XII° secolo)
Tel.: +39 0575 787013

Le origini sono antichissime come confermato dai reperti di epoca romana rinvenuti durante recenti scavi. Nel XII° secolo la chiesa fu ceduta all’Ordine Camaldolese e, attorno, si sviluppò un’intensa attività agricola. Dopo essere stata completamente distrutta da un incendio nel 1260 fu integralmente ristrutturata nel corso del XVII° secolo.

Monumenti e luoghi da visitare ad Anghiari

Il borgo storico

Il nucleo storico della cittadina, tutto circondato dalle mura, è un affascinate insieme di vicoli, strette strade, rampe e scalinate che tra fortificazioni, edifici religiosi, palazzi, case in pietra, piccole piazze. Per una visita è opportuno iniziare da piazza Baldaccio, punto di raccordo tra il primo insediamento abitato e il borgo di epoca medievale. La gradinata di via Trieste conduce fino alla Chiesa di S. Maria delle Grazie.

Percorrendo via della Prepositura si giunge in piazza del Popolo dove spiccano due costruzioni principali. Il Palazzo Pretorio risale al XIV° secolo ma fu rimaneggiato cento anni più tardi. Sulla facciata sono appesi gli stemmi dei vicari e commissari che si succedettero al governo. Sul lato meridionale c’è la mole del Cassero, forse un adattamento dell’antico convento camaldolese. Percorrendo il vicolo della Piazzola si giunge a la Badia. Primo luogo di culto del borgo, fu fondata dall’Ordine Camaldolese all’inizio del XII° secolo e completamente ristrutturata nel XIV° e quindi ingrandita a metà del XV°. All’interno c’è un pregevole dossale in pietra scolpito probabilmente da Desiderio da Settignano e la statua lignea policroma Madonna attribuita a Tito di Camaino.

Anghiari (AR) - borgoAl di sotto della chiesa c’è il caratteristico quartiere Borghetto. Attraverso Porta S. Angelo si accede agli spalti delle mura, da dove si gode un’eccellente vista sulla vallata del Tevere e fino a Sansepolcro. Al centro del quartiere c’è piazza Mameli, tutta circondata da edifici del XV° secolo tra cui spiccano Palazzo Taglieschi, il composito Palazzo testi e la Chiesa di S. Agostino.

Da piazza Baldaccio si può accedere ad altre parti della cittadina: quasi di fronte c’è la Galleria Magi che dà accesso a una piazza dove sono ubicati il Teatro dei Ricomposti e la Cappella di S. Tommaso, entrambi della fine XVII° secolo. La ripida salita di corso Matteotti termina di fronte alla Chiesa della Croce (XVI° secolo) costruita dove la tradizione voleva che S. Francesco avesse lasciato infisso nel terreno un crocifisso. All’interno il dipinto Immacolata del Passignano.

Villa La Barbolana

villa barbolanaZona: Valtiberina Toscana
Comune: Anghiari (AR) – località Tavarnelle di Anghiari
Tipo: villa fortificata (XVI° secolo)
Tel: +39 0575 723140
Orari: giovedì e venerdì 16.00-18.00

L’edificio fu costruito nel XI° secolo, inizialmente con funzione puramente difensiva. Nel 1556 fu oggetto di una radicale trasformazione e il fortilizio divenne una villa a pianta quadrata con bastioni angolari, aspetto insolito per un palazzo signorile. Gli ambienti interni furono arricchiti con portali rinascimentali in pietra e pavimentazione in cotto. La villa è collegata al vicino Convento dei Cappuccini da una strada diritta e affiancata da cipressi.

Riserve naturali nei dintorni di Anghiari

anghiari parco monti rognosiMonti Rognosi

Riserva Naturale Monti Rognosi

golene tevereZona: Valtiberina Toscana
Tipo: area protetta
Centro visite: Ponte alla Piera, 67 – località La Fabbrica
Tel. +039 0575 787023
Email: [email protected]
Sito: www.parks.it
Servizi: bookshop, sala didattica, sala video, centro di educazione ambientale
Accessibilità disabili:

I Monti Rognosi, sono pieni di rari e suggestivi scenari naturali. La Riserva, che si estende per 171 ettari a circa 800 metri s.l.m., è caratterizzate da minerali dai colori verde scuro, denominati ofioliti, ovvero “pietre dei serpenti” che cambiano aspetto a seconda che ci sia sole, pioggia o luce lunare. La vegetazione è costituita da alberi quali conifere, la roverella, l’ornello, il ginepro rosso e arbusti poco diffusi come la stipa tira e l’aliseo. Qui vivono lupi, cervi e caprioli, istrici, tassi, volpi, e rapaci come lo sparviero, la poiana, il biancone, il gheppio l’aquila reale. Nel torrente Sovara sono comuni la salamandra con gli occhiali, la rana appenninica, il gambero d’acqua dolce.

Il sentiero C.A.I. 104 consente di visitare buona parte della Riserva. Inoltre ci sono due sentieri attrezzati, di facile percorribilità, per chi è interessato alla Riserva:

1 – Anello del Carmine
Lunghezza: km. 9
Tempo medio di percorrenza: 3 ore
Note: con inizio dal Convento del Carmine attraversa gran parte della Riserva e intercetta il sentiero C.A.I. 104

2 – da Poggio Castiglione ai Monti Rognosi
A – Lunghezza: km. 5
Tempo medio di percorrenza: 1 ora 30′
B – Lunghezza: km. 7,5
Tempo medio di percorrenza: 2 ore 30′
Note: sentiero con andamento circolare, percorribile in due varianti; inizia da Poggio di Castiglione e gira intorno al punto più alto dei Monti Rognosi; incrocia cinque volte il sentiero C.A.I. 104

Area Naturale Protetta Golena del Tevere

anghiari monti rognosi parcoZona: Valtiberina Toscana
Comuni: Anghiari, Sansepolcro (AR)

L’area si estende lungo una porzione del fiume Tevere a valle della diga di Montedoglio. Lo scopo era quello di recuperare e valorizzare l’ambiente fluviale, alterato dalla costruzione della diga e dalla presenza di numerosi laghetti artificiali creati dall’attività estrattiva. L’area è caratterizzata da una vegetazione adattata a temporanee sommersioni, come salicacee, pioppo nero, piccole canne tife. Questo ambiente favorisce la presenza di diverse specie di uccelli come il tarabusino, il martin pescatore, la folaga e il germano reale. La fauna ittica è stata penalizzata dall’invaso ma sono rimaste specie come il cavedano, il vairone e il barbo tiberino. All’area si accede alla tramite il sentiero CAI n.14 che da Santa Fiora arriva fino ad Albiano.

ARTE E MUSEI

Musei di Anghiari

anghiari museo palazzo-taglieschiInterno del Palazzo Taglieschi

Museo Statale di Palazzo Taglieschi

museo arte e tradizioniZona: Valtiberina Toscana
Tipo: museo d’arte ed etnografico
Indirizzo: piazza G. Mameli, 16
Tel: +39 0575 788001
Email: [email protected]

È ubicato all’interno del Palazzo Taglieschi, costruito nel XV° secolo incorporando alcune case-torri medievali. Le loro tracce sono riconoscibili nelle finestre a sesto acuto, nelle grandi mensole sporgenti, nell’ampio magazzino e nel pavimento in pietra. Il museo espone opere artistiche di notevole pregio: frammenti architettonici, affreschi provenienti da palazzi e chiese della cittadina, arredi sacri, strumenti e armi di fattura artigianale, un organo da tavolo della prima metà del  XVI° secolo ancora funzionante; infine oggetti di uso quotidiano e della devozione popolare dell’alta Valle del Tevere. Tra le opere di maggior pregio una Madonna con Bambino (1420 circa), attribuita a Jacopo della Quercia, una Natività, terracotta invetriata della bottega di Andrea della Robbia, e la lunetta Samaritana al pozzo di Benedetto Buglioni.

Museo della Battaglia e di Anghiari

Leonardo Da Vinci - Battaglia di Anghiari (disegno)Zona: Valtiberina Toscana
Tipo: museo archeologico e storico
Indirizzo: Palazzo Marzocco – piazza G. Mameli, 1-2
Tel: +39 0575 787023
Email: [email protected]
Sito: www.battaglia.anghiari.it
Orari: aperto tutti i giorni 9.30-13.30 e 14.30-18.30 tranne il 25 dicembre
Servizi: bookshop, biblioteca, sala didattica, internet point, percorso tattile, visite guidate, corsi di formazione, giardino
Accessibilità disabili: parziale

È ubicato all’interno del Palazzo del Marzocco, costruito nel XVI° secolo tramite l’aggregazione e la ristrutturazione di due case-torri medievali. All’interno sono esposti reperti provenienti da tutta l’area circostante Anghiari, dalla preistoria fino al XVIII° secolo. Sono esposti oggetti litici preistorici, manufatti di epoca romana, frammenti scultorei del Medioevo, manoscritti antichi, ceramiche invetriate e armi da fuoco prodotte dagli artigiani locali nel XVIII° secolo. Di particolare pregio la testa del dio Pan, scultura in cristallo di rocca databile attorno al II° secolo d.C. Un’ampia sezione è dedicata alla battaglia del 1440 e all’attività di Leonardo da Vinci, anche in relazione al dipinto “perduto”.

COSA FARE

Eventi ad Anghiari

tsl-anghiari corteo storico

Palio della Vittoria

Anghiari (AR) - Palio della VittoriaTipo:  folclore sportivo
Periodo: 29 giugno

È ritenuto il più antico palio della Toscana perché si svolge dal 1441, l’anno successivo alla battaglia. Dopo l’annuncio della sfida, il corteo si dirige verso la Cappella della Vittoria dove, alle 20.15, un colpo di bombarda dà inizio alla competizione tra i fantini, ognuno in rappresentanza di un diverso comune della regione. La competizione si svolge su un tracciato tutto in salita, con arrivo in piazza Baldaccio.

Tovaglia a quadri

Tipo: enogastronomia e folcloristico
Periodo: settimana di Ferragosto
Indirizzo: piazzetta del Poggiolino

E uno spettacolo in forma di cena interpretato dagli abitanti. L’evento si rinnova ogni anno con una storia che attinge al ricco patrimonio della tradizione territoriale. Le tematiche sono quelle legate alla memoria di Anghiari, ai racconti dei nonni. Il tutto condito da stornelli toscani che risuonano dalla fisarmonica e dalle voci degli stessi attori in mezzo ai vicoli mentre, tra una scena e l’altra, il pubblico si gode la prelibatezza dei piatti e del vino rosso.

Festa di San Martino e dei Bringoli

bringoliTipo: celebrazione religiosa e gastronomica
Periodo: secondo fine settimana di novembre

I bringoli sono grossi spaghetti fatti a mano con farina e acqua, conditi con sugo di funghi porcini oppure con sugo di carne della razza “chianina”.

Mostra-Mercato dell’Artigianato della Valtiberina Toscana

DSC07448Tipo: artigianato
Periodo: tra la fine di aprile e gli inizi di maggio

La manifestazione tende, principalmente, a valorizzare il lavoro degli artigiani, dando grande risalto alle loro abilità. L’evento comprende tutti i settori dell’artigianato, dall’antiquariato alla lavorazione del ferro e della ceramica, dalla pietra lavorata ai metalli preziosi, dalle stoffe al cuoio, oggetti tutti presenti nelle caratteristiche botteghe del centro storico.

ITINERARI

Percorsi nei dintorni di Anghiari

anghiari parco monti rognosiParco Monti Rognosi

Valle di Sovara e Monti Rognosi

Val del SovaraI percorsi possono essere effettuati assieme alle guide ambientali autorizzate. Sono possibili anche alcuni percorsi tematici in altre zone quali i luoghi francescani, la via dell’acqua e la Val Sovara.

Informazioni:
 G. Rossano tel. +39+339 2464939; email [email protected]
 Lorini Enrico tel. +39+338 3429044; email [email protected]
Sito: wwwanghiari.it

Percorso 1
Alla scoperta dei colori del bosco – tra Toppole e Badia San Veriano

Percorso 2
Alla scoperta dei castelli – passeggiata nella Val Sovara

Percorso 3
Camminata tra il Castello di Galbino e i ruderi dei Castello di Pietramala

Percorso 4
Seguendo le orme di San Francesco – dall’Eremo di Monte Casale all’Eremo di Cerbaiolo

Percorso 5
Passeggiata nelle Golene nel Tevere

Percorso 6
All’assalto al castello – attraverso la Riserva Naturale dei Monti Rognosi fino al Castello di Montauto

Percorso 7
Storia e natura lungo la Via Ariminensis (porzione dell’antica strada romana che dalla località la Scheggia conduce fino a Ponte alla Piera)

Percorso 8
Lungo il crinale dell’Alpe di Catenaia – a piedi tra Valtiberina ed il Casentino

Percorso 9
L’odore della pineta – percorso circolare a mezzacosta nei Monti Rognosi

Percorso 10
Dimore storiche – escursione guidata nei Monti Rognosi alla scoperta dell’antica contea dei Conti Barbolani

CULTURA

Storia

Anghiari (AR) - panoramica aerea

Dagli Etruschi alla "battaglia incruenta"

anghiari1Gli Etruschi furono i primi frequentatori del territorio, attirati dalla presenza di ferro nel sottosuolo. Successivamente divenne un insediamento romano. Dopo la fine dell’Impero vi si stabilirono, per breve, tempo i Bizantini e, poco dopo, i Longobardi. Questi ultimi, presumibilmente nel VII° secolo d.C., costruirono un castello a pianta ellissoide. Il territorio iniziò a essere più popolato nel IX° secolo quando tutta la zona fu oggetto di incastellamenti nei punti più strategici della valle del Sovara, del Tevere e del Singerna. In particolare il Castello di Montauto, quello di Galbino e quello di Sorci sono gli esempi più significativi e meglio conservati dei primi fortilizi. Il nucleo originario di Anghiari, feudo dei signori di Galbino, era certamente già costituito a metà dell’XI° secolo. Un secolo più tardi i monaci camaldolesi contribuirono ad ampliare l’insediamento costruendo una Badia.

val soaraNel 1175 le milizie di Arezzo attaccarono e distrussero il borgo, ma pochi anni dopo la città intraprese la ricostruzione, ivi compresa una robusta cinta muraria. La decisa espansione avvenne nella prima metà del XIV° secolo, quando la famiglia Tarlati di Arezzo, impadronitasi del borgo, fece costruire la Loggia con le fonti, situata sotto l’attuale piazza Baldaccio, e il lungo stradone in direzione di Sansepolcro. Alla fine del secolo sulla cittadina si consolidò il predominio di Firenze che qui istituì anche un suo vicariato. Di questo periodo rimangono numerosi elementi architettonici rinascimentali. All’inizio del XVI° secolo ci furono alcuni episodi di resistenza al dominio di Firenze, ormai saldamente controllata dalla famiglia Medici, senza però che Anghiari riuscisse a recuperare la propria indipendenza. In compenso, all’epoca della costituzione del Granducato di Toscana, la cittadina allargò il proprio territorio oltre il corso del Tevere. Successivamente Anghiari seguì le vicende storiche di questo stato fino all’Unità d’Italia.

Curiosità

Il fantasma di Baldaccio

Il castello di Sorci fu dimora di Baldaccio Bruni, descritto dallo scrittore Niccolò Machiavelli “uomo in guerra eccellentissimo, perché in quei tempi non era alcun in Italia che di virtù di corpo e d’animo lo superasse”. Fu ucciso a tradimento il 6 settembre 1491 da quelle stesse persone che considerava amiche e che invece in modo atroce lo decapitarono dinanzi a Palazzo Vecchio a Firenze. Da quell’orribile giorno, si è detto che, sempre nell’anniversario della morte, lo spirito di Baldaccio si aggiri nel castello forse per ricordare a tutti l’ingiustizia della sua morte. Il mistero su questa apparizione è forte, dal momento che secondo la leggenda lo spirito lo si vede così come è morto e cioè senza la testa. Un altro mistero è legato al rumore di sonagli che spesso si sente all’interno del castello e di cui non si conosce la provenienza. Oggi il castello è stato trasformato in uno dei ristoranti più conosciuti d’Italia, meta di personaggi in vista che si recano lì anche forse sperando di udire o vedere qualcosa. Lo scenario è comunque suggestivo.

La "battaglia incruenta" e l'affresco "mancato"

bataglia anghiariNel 1440 le milizie del ducato di Milano guidate da Niccolò Piccinino entrarono in Toscana per affrontare quelle della coalizione (Firenze, Venezia e Stato Pontificio) e raggiunsero la zona nella notte del 28 giugno. Confidando nell’elemento sorpresa e nelle capacità dell’esercito, Piccinino ordinò un attacco per il pomeriggio del giorno successivo, ma la polvere sollevata durante lo spostamento tra Sansepolcro e Anghiari allertò gli avversari che si prepararono subito. I cavalieri veneziani bloccarono l’avanguardia milanese sull’unico ponte sul canale che si interponeva con il campo della coalizione. I veneziani tennero il ponte permettendo alla maggior parte dell’esercito della coalizione di prepararsi allo scontro, ma furono fatti retrocedere dai rinforzi milanesi. Questi avanzarono ma il fianco destro fu presto ingaggiato dalle milizie papali e costretto a retrocedere sul ponte. In seguito giunsero anche contingenti di balestrieri genovesi al servizio dei milanesi che però non riuscirono a rovesciare l’esito dello scontro. Infatti la battaglia proseguì per quattro ore, fino a quando una manovra di accerchiamento tagliò fuori un terzo delle truppe milanesi sul lato toscano del canale. I combattimenti proseguirono finché la notte non vi pose termine. Fu uno scontro praticamente senza spargimento di sangue e, di fatto, le milizie fiorentine riuscirono a bloccare l’avanzata degli avversari verso la loro città. Nicolò Machiaveòlli così descrisse l’episodio “ed in tanta rotta e in sì lunga zuffa che durò dalle venti alle ventiquattro ore, non vi morì che un uomo, il quale non di ferite ne d’altro virtuoso colpo, ma caduto da cavallo e calpesto spirò”.

Nell’aprile 1503 Leonardo da Vinci ricevette da Pier Soderini, gonfaloniere della Repubblica di Firenze, l’incarico di affrescare una grande parete all’interno del Palazzo Vecchio con un dipinto che ricordasse la “vittoria”. Probabilmente Leonardo iniziò l’opera ma certamente interruppe il lavoro, forse insoddisfatto dei risultati dei colori utilizzati. Ne rimane una testimonianza attraverso i lavori dei pittori Rubens e Biagio di Antonio.

Antiche armi da fuoco

armi da fuocoTra il XVIII° ed il XIX° secolo, Anghiari fu uno dei più apprezzati centri di produzione di armi da fuoco: si distinguevano per la raffinatezza delle incisioni sulle parti meccaniche e l’incredibile ricchezza dei decori. Spesso queste decorazioni erano ottenute con l’agemina, un’antica tecnica che consentiva sgargianti effetti policromi attraverso l’incrostazione di metalli pregiati su quelli più umili, opportunamente cesellati. Oggetto di numerose mostre specializzate, le armi da fuoco di Anghiari sono considerate straordinarie opere d’arte per la maestria con cui furono realizzate.

Tintura di guado (indaco)

tintura di indacoProdotto un tempo estremamente apprezzato – e per questo esportato in altre regioni – il guado è un colorante estratto da una pianta coltivata in tutta la Valtiberina e che conferisce alle stoffe la colorazione indaco. La macinatura delle foglie avveniva nei frantoi e la pasta che se ne ricavava veniva lasciata riposare per qualche giorno per poi essere essiccata in pani. Al momento dell’utilizzo il guado veniva disciolto nell’acqua bollente come un sapone. Purtroppo l’avvento dei coloranti chimici fece dimenticare a lungo questo tipo di lavorazione, anche se, recentemente, c’è stata una rinascita d’interesse per questo colorante naturale.

Vasellame

vasiMolte famiglie conservano ancora pignatte, tegami e scaldini, frutto di un’altra tradizione artigianale. La tipicità di questa produzione risiedeva nel caratteristico colore, ottenuto dalla macinatura di sassi neri utilizzati per ricavare smalti per le terrecotte. Si trattava dei noduli di manganese, ricchi di metallo, abbondantemente presenti nel territorio. Alla cottura dell’argilla seguiva la fase di colorazione con vernici a base di acqua e manganese, la cui percentuale conferiva una colorazione rossa o nera. La tradizione si è poi estinta a metà del XX° secolo, ma, da qualche anno, alcuni intraprendenti artigiani hanno di recuperato e rivalorizzato quella che fu una delle maggiori attività del territorio.

Filmografia

Gli attori Roberto Benigni e Massimo Troise hanno tratto ispirazione dal Castello di Sorci per la sceneggiatura del film “Non ci resta che piangere”.

ARTIGIANATO ARTISTICO

anghiari teleriaTessitura tradizionale

Teleria

teleriaTra le grandi tradizioni artigianali della cittadina c’è indubbiamente la teleria. Sul finire del XVIII° secolo iniziò la produzione di stoffe e trine di lana o di canapa. La tradizione tessile trovò il miglior interprete in Livio Busatti che, all’inizio del secolo scorso, affidò alle massaie delle campagne la produzione di tessuti. L’imprenditore impiantò un piccolo laboratorio e una prima rete commerciale che avrebbe portato, a distanza di un secolo, il nome della famiglia in oltre cinquanta punti vendita di tutto il mondo. In tempi recenti è stato favorito il tessuto di qualità, realizzato esclusivamente con fibre naturali quali la canapa, il lino ed il cotone, e completato da motivi e colori ripresi dalla tradizione.

Cesti di vimini

cesti vimminiUna famiglia di artigiani ha mantenuto la secolare tradizione della lavorazione dei vimini raccolti lungo i corsi d’acqua, realizzando oggetti destinati ad un mercato non solo locale. Vista la richiesta, il vimini viene anche coltivato in piantagioni. Quando gli steli sono secchi inizia il lavoro del cestaio, partendo dai costelli intrecciati che imbastiscono la base, per poi procedere con la tessitura fino alla bordatura finale, in modo da realizzare ceste, panieri, imbottiture di sedie.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire ad Anghiari

Alberghi

Hotel La Meridiana

Piazza IV Novembre, 8 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 788102
www.hotellameridiana.it
[email protected]
servizi: wi-fi, bar, parcheggio, TV, ristorante

Hotel Oliver

Via della Battaglia, 16 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 789933
[email protected]

Agriturismi

Agriturismo Arcobaleno

Località Catagliano, 61 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 70670
www.arcobaleno.sleepeat.it
[email protected]

Agriturismo Centro Equestre

Ponte alla Piera – località Casale, 21/H – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723281
www.montemercole.it
[email protected]
sevizi: centro equestre, ristorante

Agriturismo La Scarpaia

Via Tavernelle, 95 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723258
[email protected]

Agriturismo Ca’ del Viva

Località La Scheggia, 63 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 749171
www.cadelviva.com
[email protected]
servizi: piscina, parco

Agriturismo Cafaggio

Località Toppole, 42 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 749025
www.cafaggio.it
[email protected]
servizi: piscina, parco

Agriturismo Castello di Pianettole

Località Pianettole, 88 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 749342

Agriturismo Il Sasso

Località S. Lorenzo, 38 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 787078
www.agriturismoilsasso.it
[email protected]
servizi: piscina, terrazza solarium, ristorante

Agriturismo La Casaccia

Località San Lorenzo – Anghiari (AR)
Tel. +39 055 631463
[email protected]

Agriturismo Podere il Cerro

Località Tortigliano – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 749045
www.borgodelsenatore.com
[email protected]
servizi: piscina, parco

Agriturismo Podere Infranciani

Località San Lorenzo – Anghiari (AR)
Tel. +39 328 2870863
www.podereinfranciani.it
[email protected]

Agriturismo Val della Pieve

Via della Fossa, 8 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 788593
www.agriturismovaldellapieve.it
[email protected]
servizi: piscina, parco

Agriturismo I Caprioli di Sigliano

Località Scheggia, 5 – Anghiari (AR)
Tel. +39 338 5813372
www.icapriolidisigliano.it
[email protected]

Bed and Breakfast

B&B Antico Casale Anghiari

La Palaia – località S. Lorenzo, 109 – Anghiari (AR)
Tel. +39 339 6382970
www.anticocasaleanghiari.it
[email protected]
servizi: piscina, parcheggio, wi-fi

B&B Il Giardino Nascosto

Via delle Mura di Sopra, 60 – Anghiari (AR)
Tel. +39 348 5626597
www.ilgiardinonascosto.com
[email protected]
servizi: accettazione animali domestici, giardino

B&B Relais La Commenda

Località Commenda, 6 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723356
www.relaislacommenda.com
[email protected]

Case vacanze/residence

Casa vacanze I Bastioni

Via Castello Antico, 10 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 789669
www.ibastioni.it
[email protected]

Casa vacanze Fattoria La Scheggia

Località Scheggia, 92 – Anghiari (AR)
Tel. +39 338 6233558 (Sophie) / +39 347 7137491 (Ludovica)
www.natura-lascheggia.com
[email protected]
servizi: piscina, calcetto, campo da calcio, campo da bocce, ping pong, noleggio mountain bikes

Casa vacanze La Scheggina

Fattoria La Scheggia, 92 – Anghiari (AR)
Tel. +39 335 810929
www.caselascheggia.it
[email protected]
servizi: giardino, piscina, wi-fi, TV

Casa vacanze Locanda del Viandante

Cerreto, 11 – località Ponte alla Piera – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723016
www.toscanadappennino.ithomeit
[email protected]

Casa vacanze Piomboni Lucio

Località Scheggia, 43 – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723000
www.anticopostodiristoro.it
[email protected]

Casa vacanze Relais La Commenda

Commenda, 6 – località Tavernelle – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723356
www.relaislacommenda.com
[email protected]

Casa vacanze Il Pozzeto

Casale, 16 – località Preconne – Anghiari (AR)
Tel. +39 0575 723248
www.ilpozzeto.it
[email protected]
servizi: piscina, parco, barbecue

Dove mangiare ad Anghiari

Ristoranti e Pizzerie

Ristorante La Nena

Corso G. Matteotti, 1014 – 52031 Anghiari (AR)
Tel: +39 0575 789491
Sito: www.ristorantenena.it
Email: [email protected]
Servizi: cucina tradizionale  toscana, specialità piatti a base di funghi e tartufi, ampia scelta di vini

La Tagliatella

Località San Lorenzo, 21 – Castello di Sorci  – 52031 Anghiari (AR)
Tel: +39 0575 789066  /   +39 335 6086706
Sito: www.castellodisorci.it
Email: [email protected]
Servizi: cucina tradizionale  toscana, piatti realizzati con prodotti freschi, pasta fatta a mano, menu fisso  a €25,00 e menu vegetariano – aperto da mercoledì a domenica

Fast Food di qualità

Piadineria artigianale AL 59

Corso Matteotti, 59 – 52031 Anghiari
Tel: +39 366 1445183
Email: [email protected]
Sito: www.piadineriaartigianaleal59.com
Orari: Tutti i giorni 12-15 e 17 in poi – chiuso Marted’
Servizi e piatti: piedine preparate a mano, hamburger di carne chianina, hot.dog, insalate, piattini fritti a base di carne