Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana

ATTRAZIONI DELLA RIVIERA APUANA

  • Cave di Marmo
  • Parco delle Alpi Apuane
  • Marina di Massa
  • Castello Agnolfi
  • Laboratori artistici di marmo

Informazioni, mappe e itinerari

Informazioni e carte geografiche

Per informazioni su itinerari e rifugi e acquisto di carte geografiche e altro materiale rivolgersi a:
Via Nuova Bergiola, 33 – località Bergiola – Carrara (MS)
Tel. +39 390 58573252
Email: alpiapuane@gmail.com / moriconipaolo@tin.it

Rifugio “Il Nido del Cuculo”
Email: info@alnidodelcuculo.com
Sito: www.ilnidodelcuculo.com
Servizi: parcheggio, wi-fi, TV, animali domestici ammessi

La Riviera Apuana situata  nella parte più a nord della Toscana, è al centro di importanti mete turistiche. Ai piedi delle montagne di marmo, le Alpi Apuane, il mare bagna un litorale sabbioso che si estende per chilometri di belle spiagge. Lungo questo tratto costiero vi sorge il Porto di Carrara,  da dove sono trasportati  i pregiati blocchi di marmi. Il turismo balneare è la componente fondamentale della stagione estiva, ma non mancano nei dintorni attrattive di tipo culturale, quali l’area archeologica di Luni ed i centri storici di Carrara e Massa. Le principali località balneari sono Marina di Carrara e Marina di Massa.

COSA VEDERE

alberghi carrara-massaMarina di Massa  (MS)

Salva

Attrazioni suddivise per comune e località

Per conoscere di più sulle attrazioni e servizi offerti cliccare sul nome di ogni comune elencato.

Duomo di CarraraCARRARA (MS) – città capitale del marmo

Castelli: Castello di Moneta
Chiese: Duomo di Carrara, Chiesa del Suffragio
Monumenti: Piazza Alberica
Palazzi: Palazzo Cybo-Malaspina, Palazzo del Medico, Villa Fabbricotti di Padula, Scuola di Scultura,
Musei: Museo del Marmo, Cava-Museo Fantiscritti, Museo della Scultura
Riserve Naturali: Parco Regionale delle Alpi Apuane
Spiagge: Marina di Carrara
Località: Avenza, Colonnata, Marina di Carrara
Eventi: Carrara Marmotec, Sagra del Lardo di Colonnata, Biennale Internazionale della Scultura
Percorsi: Laboratori artistici di marmo, Tour alle Cave di Marmo, Strada del Vino Colli di Candia e di Lunigiana
Prodotti tipici: Marmo
Sport: trekking, ciclismo, sport acquatici, vela

Situata tra il mare e le Alpi Apuane, Carrara è da tempo conosciuta in tutto il mondo per l’estrazione e la lavorazione del marmo bianco proveniente dalle vicine cave. L’economia della città si basa principalmente sull’industria e sul commercio di tutte le varietà del pregiato minerale. I blocchi di marmo sono estratti, poi imbarcati nel porto di Marina di Carrara ed esportati in tutto il mondo; oppure terminano il viaggio dai bacini marmiferi nelle moltissime segherie del territorio, dove vengono trasformati in elementi per l’edilizia, e nei laboratori dove diventano manufatti artistici. Oltre a tutto questo Carrara è nota per il turismo culturale legato al marmo, un percorso che in genere inizia con la visita alle cave di estrazione e si conclude nei numerosi laboratori artistici. Di notevole importanza anche il turismo balneare, concentrato nelle spiagge attorno all’elegante cittadina di Marina di Carrara.


colonnata1COLONNATA (Carrara -MS) – borgo di montagna

Il villaggio è situato sulle pendici delle Alpi Apuane, all’interno del comprensorio di cave marmifere nella zona denominata “Gioia Calagio”. Le origini risalgono all’insediamento, sviluppato intorno al 40 a.C., per l’alloggio degli schiavi costretti a cavare il marmo destinato ai palazzi e alle ville di Roma. Infatti il nome della cittadina deriva del latino columna, certamente a indicare il luogo in cui venivano sbozzate le colonne di marmo. Ancora oggi il villaggio ha parzialmente mantenuto le caratteristiche di punto per l’attività estrattiva e la lavorazione del pregiato minerale. All’interno dell’abitato sono ben visibili numerosi elementi costruttivi, componenti architettonici e opere d’arte in marmo. Colonnata è anche nota per il lardo, un particolare salume con certificazione IGP, preparato in modo ancora tradizionale con grasso di suino stagionato in conche di marmo.


massa storiaMASSA (MS) – capoluogo della Provincia di Massa Carrara

Castelli: Castello Malaspina
Chiese: Duomo, Chiesa della Madonna del Monte, Chiesa di San Leonardo al Frigido
Monumenti: Arco di Alberico I
Palazzi: Palazzo Ducale, Villa Rinchiostra, Villa della Cuncia
Musei: Museo Etnologico delle Apuane, Museo Diocesano
Parchi: Orto Botanico
Terme: Terme di San Carlo
Spiagge: Marina di Massa
Località: Borgo del Ponte
Riserve Naturali: Parco delle Alpi Apuane
Eventi: Rappresentazione della Passione di Cristo, Quintana Cybea, Feira dell’Oriente
Percorsi: Via di Vandelli
Prodotti tipici: vino di Candia, mortadella
Sport: Trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici, vela

La città è il capoluogo della provincia di Massa Carrara. Il territorio comunale si estende su una zona pianeggiante prospiciente il mare ma la parte più estesa è montuosa, raggiungendo 891 metri di altezza sui crinali delle Alpi Apuane. Attualmente Massa è una moderna città industriale e commerciale, nonché una località balneare. Il centro storico è ricco di chiese ed edifici rinascimentali. Su di un colle si trova il castello Malaspina che domina tutta la pianura in basso.


montignoso1MONTIGNOSO (MS) – cittadina balneare e di villeggiatura

Castelli: Castello Aghinolfi
Chiese: Pieve dei San Vito e Modesto
Dimora storica: Villa Giorgini Schiff
Riserve Naturali: Lago di Porta
Spiaggia: Cinquale
Percorsi: Strada del Vino di Colli di Candia e di Lunigiana
Eventi: Fiera del Bestiame
Sport: Trekking, ciclismo, sport nautici

Di origine longobarda, la cittadina è ubicata al confine con la Versilia, in un territorio che si estende dal monte Carchio al mare. I paesaggi sono quindi molto differenti tra loro, dalle spiagge del Cinquale al Parco delle Apuane e al lago di Porta, un’oasi faunistica. Dominato dall’imponente castello Aghinolfi, il villaggio contiene interessanti monumenti religiosi come la chiesa di San Vito e Modesto. La zona consente piacevoli itinerari tra antichi borghi e aree di produzione vinicola.

Michelangelo e i marmi delle Apuane

michelangeloMichelangelo Buonarroti effettuò varie visite nella zona di Carrara, lasciando anche tracce tangibili.

La prima visita avvenne tra la fine del 1497 e l’inizio dell’anno successivo per scegliere il marmo di una Pietà destinata alla chiesa di Santa Petronilla di Roma, in realtà poi collocata dentro la cattedrale di San Pietro, nella Città del Vaticano. Quest’opera, che suggellò la definitiva consacrazione all’arte scultorea di un appena ventiduenne, fu anche la prima realizzata con marmo di Carrara, che da questo momento divenne la materia prima per Michelangelo. Per l’occasione l’artista manifestò un altro aspetto della personalità: la consapevolezza del proprio talento. Da quel momento infatti acquistò altri blocchi, nella convinzione che – considerata l’abilità – le occasioni per utilizzarli non sarebbero mancate. Michelangelo si convinse che non aveva bisogno di committenti: avrebbe potuto scolpire di propria iniziativa opere da vendere una volta terminate. In pratica diventava imprenditore di sé stesso e investiva sul proprio talento senza aspettare che altri lo facessero per lui.
Chiamato a Roma nel marzo 1505, Michelangelo ricevette l’incarico da papa Giulio II° di realizzargli una sepoltura monumentale. Riscosso un consistente acconto, l’artista si recò subito a Carrara per selezionare personalmente i blocchi di marmo. Il lavoro di scelta ed estrazione dei blocchi richiese otto mesi, dal maggio al dicembre, ma l’esecuzione dell’opera fu però accantonata. Il pontefice morì nel febbraio 1513 e gli successe un fiorentino, Leone X°, figlio di Lorenzo de’ Medici (“Il Magnifico”).

Carrara8In uno dei primi atti il neo-eletto assegnò a Firenze Pietrasanta, il porto di Motrone, Seravezza e le pertinenze di Cappella e Stazzema. Nel 1516 Michelangelo era a di nuovo Carrara per scegliere i marmi per la più volte rinviata esecuzione del sepolcro di Giulio II°. Leone X° lo obbligò a spostarsi, anche per sfruttare al massimo il bacino marmifero da poco assegnato a Firenze. Nel 1517 il cardinale Giulio de’ Medici, cugino del papa, lo invitava a rispettare la volontà del pontefice di usare solo Seravezza.
La terza visita nella zona, ma la prima a Seravezza, divenne progressivamente sempre più complicata. Michelangelo mostrò tutta la sua insofferenza in una lettera al fratello Bonarroto. Innanzi tutto i cavatori non sapevano estrarre blocchi di grandi dimensioni né lavorare con scultori o scalpellini. Quindi la cava era mal collegata col mare, il che rendeva più lungo il trasporto per via fluviale o marittima. Furono comunque estratte cinque colonne: la prima aveva una venatura e fu scartata, la seconda andò in frantumi nel settembre 1518 e l’artista sfiorò anche la morte: durante il trasporto la colonna si staccò dal carro sfiorandolo e colpendo mortalmente un operaio accanto a lui, evento che lo sconvolse profondamente. La terza e la quarta si spezzarono durante la lavorazione. La quinta fu estratta senza incidenti e spedita a Firenze nel 1521, ma nel frattempo papa Leone X° aveva rescisso il contratto. Contemporaneamente Michelangelo aveva dovuto costruire una strada per il trasporto dei marmi dalle zone di Trambiserra, Cappella e Monte Altissimo lavorandoci fino al 1519. Fu ampliata nel 1567 da Cosimo I° Medici ed è ancora oggi esistente. I blocchi venivano calati dalla cava di Trambiserra ad Azzano, davanti al Monte Altissimo, trasportati fino a Forte dei Marmi (insediamento sorto proprio in contemporanea) e da lì imbarcati su nave per Firenze o per Roma.

LOCALITA' DA VISITARE

Marina di Carrara

Cittadina balneare

Colonnata

Cave di marmo

RISERVE NATURALI

Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano

Riserva naturale

SERVIZI TURISTICI

Tour alle Cave di Marmo

Cave di Marmo in Jeep

Carrara (MS)
Transfer e Tour

Dove dormire

Alberghi

CARRARA

Hotel Michelangelo

Via Corso C. Rosselli, 3 – Carrara (MS)
Tel. +39 0585 777161
www.michelangelocarrara.it
info@michelangelocarrara.it
servizi: accettazione animali domestici,  parcheggio, baby sitting

Hotel Sergio

Via Provinciale Carrara Avenza, 181 – Carrara (MS)
Tel. +39 0585 857695
hotelsergio@tin.it

Hotel Maestrale

Via Fabbricotti, 2 – località Marina di Carrara – Carrara (MS)
Tel. +39 0187 66739/ +39 0585 785371
mistral@zia.ms.it

Hotel Bagno Stella del Mare  

Viale Colombo, 68 – località Marina di Carrara – Carrara (MS)
Tel. +39 0585 648656/ +39 338 1600041
www.hotelstelladelmare.com
servizi: bar, giardino, giochi per bambini, spazi accessinile ai disabili, parcheggio, solarium, T

Agriturismi

CARRARA

Agriturismo e Maneggio Fattoria Battilana

Via Pontremoli, 9 – Carrara (MS)
Tel. +39 0585 53960
www.fattoriabattilana.com
info@fattoriabattilana.com
servizi: accettazione animali domestici


Bed & Breakfast

CARRARA

B&B A Casa di Duke

Via Luogo al Colle, 18 – località Bedizzano – Carrara (MS)
Tel. +39 392 2663598
www.donatellacamarrone.vpsite.it
camaxdona@cheapnet.it
servizi: accettazione animali domestici

B&B Al Nido del Cuculo

Via Nuova Bergiola, 33 – località Bergiola – Carrara (MS)
Tel. +39 390 58573252
www.ilnidodelcuculo.com
info@alnidodelcuculo.com
servizi: accettazione animali domestici,  parcheggio, wi-fi, TV