Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana

Attrazioni Principali nelle Crete Senesi

. Fortezza di Serre
. Crete senesi e biancane
. Terme di Rapolano Terme
. Borgo medievale di Serre di Rapolano
. Abbazia di Monte Oliveto Maggiore
. Grancia di Montisi
. Mostra del Tartufo
. Borgo medievale di Buonconvento
. Borgo di San Giovanni d’Asso

Provincia di Siena:
Asciano,
Buonconvento,
Monteroni d’Arbia,
Rapolano Terme,
San Giovanni d’Asso (SI)

crete senesi zona

Salva

Salva

La zona delle Crete Senesi è uno dei paesaggi più controversi della Toscana. Situata a sud della Provincia di Siena, è caratterizzata da un paesaggio che presenta colline erose dallo scorrere del tempo, aspre e spoglie ma dall’indiscusso fascino. Il paesaggio del tutto particolare, è dominato dai colli argillosi quasi privi di vegetazione d’alto fusto, tagliato da profondi calanchi e biancane che si alternano a tratti in modo formare un paesaggio quasi “lunare”.

Infatti, fin dal Medioevo era, queste aree spoglie erano denominate Deserto di Accona. In contrasto ci sono aree di cipressi e pini che movimentano le distese argillose, in cui pascolano greggi di pecore, dal cui latte si ricava il famoso pecorino.  Infatti, fino ad oggi, i prodotti più pregiati della zona sono: il pecorino delle Crete senesi e il Tartufo bianco .Nel territorio ci sono numerose testimonianze storiche del passato medievale quale torri, castelli ed abbazie che rendono ancora più incantevole e surreale la zona

abbazia monte oliveto - Asciano - Toscana.Da segnalare il borgo medievale di Asciano e nei dintorni l’imponente complesso dell’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore e le terme di Rapolano Terme – la Queciolaia e San Giovanni.  Durante tutto l’anno sono organizzati vari eventi di ambito enogastronomico  con degustazione di prodotti tipici quale la Mostra del Tartufo a San Giovanni d’Asso e folclorici quali SerreMaggio che rievoca tradizioni antiche.

Salva

Salva

ATTRAZIONI DA VEDERE

Le attrazioni nelle Crete Senesi

Per leggere di più sulle attrazioni e servizi turistici offerti, cliccare sul nome di ogni località e comune elencato.

monte-olivieto-maggioreASCIANO (SI) – cittadina di campagna

La parte occidentale e meridionale del territorio comunale si caratterizza per un susseguirsi di biancane e calanchi che formano un suggestivo paesaggio. Sono le cosiddette “crete senesi”, zona che nel Medioevo era denominata “Deserto di Accona”, dalle caratteristiche quasi lunari. L’attuale centro storico, di origini medievali, conserva pregevoli monumenti. Nella località di Chiusure si trova l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, un complesso monastico sede della Congregazione Benedettina di Monte Oliveto. Situato all’interno di un bosco di cipressi, querce e pini, è uno dei più importanti monumenti della Toscana sia per l’aspetto storico che per l’elevato numero di opere d’arte conservate.


 buonconvento4BUONCONVENTO (SI) – borgo medievale

Buonconvento è un incantevole comune situato nella valle del fiume Ombrone, alla foce del fiume Arbia a 25 chilometri da Siena. La cittadina fa parte del circondario delle Crete Senesi, paesaggio tipico della zona costituendo uno dei più belli borghi toscani che attira grande flusso turistico. Il territorio è ricco di monumenti storici come castelli medievali e dimore in stile Liberty. La zona offre anche la possibilità di piacevole escursioni e percorsi trekking, oltre l’ opportunità di degustare l’eccellente cucina locale.


grancia di cuna1MONTERONI D’ARBIA (SI) – cittadina di campagna

La cittadina è situata tra le più belle colline della Toscana meridionale, vicino al fiume Arbia. Ha conservato l’atmosfera medievale che oggi ancora emana dalle piccole chiese, dalle case coloniche e dalle fattorie, dall’antico mulino e da altri elementi architettonici ben conservati. È un’area di notevole valore paesaggistico.

 


 treno naturaMONTISI (comune San Giovanni d’Asso – SI) – villaggio di campagna

È situato sul Monte Ghisi, da cui l’abitato prende il nome. Nonostante le piccole dimensioni, la cittadina conserva importanti monumenti di epoca medievale. Del castello feudale rimane una parte del cassero ed un torrione a pianta quadrata. Nei pressi del villaggio c’è anche una piccola necropoli etrusca con tombe a capanna dell’VIII° secolo a.C. Da visitare la fattoria fortificata Grancia di Montisi, la pieve della S.S. Annunziata e l’Oratorio di Sant’Antonio.

 


rterme rapolanoRAPOLANO TERME (SI) – cittadina termale

Rapolano Terme è un tipico borgo medievale ubicato al confine tra la zona del Chianti e la Valdichiana. È noto come località termale, disponendo addirittura di due distinti importanti stabilimenti – le terme di Querciolaia e le terme di San Giovanni.

 

 


serre rapolanoSERRE DI RAPOLANO (comune di Rapolano Terme) – borgo medievale

Serre è arroccato su di una collina che separa la valle del fiume Sentino da quella dell’Ombrone. L’abitato ha conservato l’aspetto medievale, parte della cinta muraria e le porte d’accesso. Sin dall’antichità nella zona si estraeva una delle più pregiate varietà di travertino. Attualmente solo alcune cave continuano a fornire questo materiale. A Serre di Rapolano ci sono alcune attrazione da visitare: Fortezza di Serre, Chiesa di San Lorenzo e Andrea, il Teatrino, la cappella in Piazza, Chiesa di Santa Caterina, la Grancia di Serre e il museo dell’olio.


 san giovanniSAN GIOVANNI D’ASSO (SI) – cittadina di campagna

L’abitato si trova al centro della zona delle cosiddette “crete senesi”, lungo il torrente Asso, da cui prende il nome. È costituito da due nuclei distinti, situati sullo stesso colle: il “paese alto”, più antico, ubicato sulla sommità e che contiene la parte storica-artistico-culturale dell’abitato, ed il “paese basso”, più moderno e di carattere residenziale. La zona è famosa per un’eccellente qualità di tartufi bianchi e per un’ottima produzione di vino.

Salva

Salva

Salva

Terme

Terme di San Casciano dei Bagni e Terme di Rapolano

san casciano bagni termeTERME DI SAN CASCIANO DEI BAGNI

Località: San Casciano dei Bagni (SI)
Acqua: Bianca Cappello, 42 °C, solfato-calcico-fluorurato-magnesiaca
Ferdinando II, 42 °C, solfato-calcico-fluorurato-magnesiaca
Ficoncella, 42 °C, solfato-calcico-fluorurato-magnesiaca
Portico, 42 °C, solfato-calcico-fluorurato-magnesiaca
Indicazioni terapeutiche: Malattie circolatorie, del fegato e delle vie biliari, della pelle, dell’apparato digerente, dell’apparato locomotore, dell’apparato respiratorio, dell’apparato urinario
Trattamenti: bagni terapeutici, cure idropiniche, cure inalatorie,  fanghi, grotte/stufe, humage, idromassaggi,  inalazioni caldo-umide, piscina termale, cosmesi, educazione alla salute, fitness, massaggi, medicina estetica, programmi antistress

Stabilimento termale: BAGNO DELLA FICONCELLA, Bagno Grande, Bagno Bossolo, Doccia della Testa,  Fonteverde

Le vicende della zona sono sempre state legate alla storia del suo territorio ricco di sorgenti termali, conosciute anche ai tempi degli etruschi e successivamente dei romani. Ai primi anni del XX° secolo furono costruiti i lussuosi padiglioni termali, attualmente affiancate da centri d’estetica e benessere e dell’elegante hotel Terme dei Medici. Molto bella è la piscina all’aperto, affacciata al paesaggio tra cascate e zampilli d’acqua. All’interno dei stabilimenti termali ci sono numerose piscine interne. A San Casciano dei Bagni ci  sono ben 42 sorgenti che sgorgano acque termali di temperatura compresa tra 40°C e 42°C. In relazione alla vicinanza, sono raggruppate in modo a formare una serie di bagni, di cui i principali sono quattro:
Bagno della Ficoncella – da sempre la sorgente più importante di tutto il complesso termale di San Casciano. È inclusa, assieme alle sorgenti di Santa Maria e San Giorgio, all’interno dell’impianto termale più grande della cittadina.
Bagno Grande – il nome è dovuto alla grande affluenza d’acqua che sorga in numerosissimi zampilli fin sopra la superficie del terreno. È una fonte d’acqua chiara e limpida dalle molteplici proprietà curative.
Bagno Bossolo – le sue acque sono tra le più tiepide della zona. Caratteristica di questa sorgente è la proprietà curativa su lesioni da ustioni: immergendo la parte bruciata, le cicatrici ottengono visibili benefici.
Doccia della Testa – è la sorgente più frequentata dagli abitanti. Le proprietà terapeutiche sono legate al forte getto di acqua calda proveniente dall’alto.


Terme rapolanoTERME DI RAPOLANO

Località: Rapolano Terme (SI)
Acqua: San Giovanni, 39°C, solfureo-bicarbonato-calcica
Sorgente 1, 39 °C, solfureo-bicarbonato-calcica
Sorgente 2, 37 °C, solfureo-bicarbonato-calcica
Indicazioni terapeutiche:
malattie della pelle, dell’apparato locomotore, dell’apparato respiratorio.
Trattamenti: bagni terapeutici, fanghi, humage, idromassaggi, inalazioni caldo-umide, insufflazioni, nebulizzazioni, piscina termale, politzer criooterapico, chinesiterapia, cosmesi, ginnastica respiratoria, vascolopatie periferiche, idrochinesioterapia, massaggi, medicina estetica, programmi antistress, riabilitazione, terapie fisiche

Stabilimento termale: PISCINE TERMALE DELL’ANTICA QUECIOLAIA
Indirizzo: Via Trieste, 22
Sito: www.termeaq.it
Tel: +39 0577.724091

Stabilimento termale:TERME DI SAN GIOVANNI
Indirizzo:
Tel:

La scoperta, in località Campo Muri, dei resti di un grande complesso termale romano conferma la considerazione che già i romani avevano di questa stazione di cura. L’acqua del parco termale di Rapolano, classificata solfurea-bicarbonato-calcica, sgorga a 39°C principalmente da due sorgenti, in corrispondenza delle quali sono ubicati gli attuali stabilimenti termali con annessi alberghi: Terme Antica Querciolaia – un complesso termale di fisionomia moderna, e Terme di San Giovanni – frequentate anche da Santa Caterina da Siena. I trattamenti comprendono bagni, fanghi e inalazioni. Numerosi sono i pacchetti e i trattamenti estetici proposti: anticellulite, dimagrante e benessere. La riscoperta di sorgenti a temperatura differenziata, ha permesso di realizzare un sistema di piscine coperte ed scoperte a temperatura variabile (dai 25°-26° ai 37°-39°C) fruibili a seconda della stagione e del percorso terapeutico. I trattamenti sono particolarmente indicati per la cura dell’apparato respiratorio, locomotore, cardiovascolare e per le malattie della pelle.

GASTRONOMIA

Prodotti Tipici

Olio

Olio

La coltivazione dell’olio nelle terre senesi si perde nei secoli, ma già la pianta è visibile in alcuni dipinti del tardo Medioevo. L’importanza dell’olivicoltura si affermò all’inizio del XIX° secolo e si è ulteriormente accentuata nel periodo successivo. Le varietà più diffuse sono Frantoio, Correggiolo, Moraiolo, Leccino. Il colore dell’olio delle Crete Senesi varia tra il verde e il giallo, ha odore fruttato e sapore con accenti amarognoli e leggermente piccanti. È consigliato per condire verdure crude, minestre o zuppe a base di legumi, piatti tipici quali la “ribollita” e la “panzanella” e per la preparazione di bruschette e crostoni. Altrettanto adatto a condire carni arrosto e in umido e anche per friggere.

Consorzio dell’Olio extravergine di oliva DOP “Terre di Siena”
Indirizzo: Strada delle Ropole, 15 – 53100 Taverne d’Arbia (SI)
Tel.: +39+0577 2800970
Email: consorzio@olioterredisienadop.it
Sito: www.terredisienadop.it

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire nella zona delle Crete Senesi