Cosa vedere e fare nella Costa degli Etruschi

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana

costa degli etruschi zona

ATTRAZIONI PRINCIPALI NELLA COSTA DEGLI ETRUSCHI

  • Castiglioncello
  • Vada e le spiagge bianche di Rosignano Marittimo
  • Spiagge Bandiera Blu
  • Bolgheri a Castagneto Carducci
  • Borgo di Populonia Alta
  • Riotorto
  • Parco Archeologico di Baratti e Populonia
  • Museo archeologico del Territorio di Populonia
  • Museo della Bambola a Suvereto
  • Terme di Calidario a Venturina
  • Terme  di Sassetta
  • Parco della Sterpaia
  • Parco di Montioni
  • Parco Archeominerario di San Silvestro
  • Strada del Vino Costa degli Etruschi

TERRITORIO

toscana mare e isoleLa Costa degli Etruschi è un lungo tratto della costa toscana – quasi 90 chilometri – che si estende da Livorno a Piombino e comprende anche quattro comuni dell’entroterra Collesalvetti, Sassetta, Suvereto e Campiglia Marittima. Diventata un’apprezzata meta turistica, è una zona dove il mare, la natura, l’arte e la storia convivono in un unico e armonioso ambiente con caratteristiche davvero speciali. Il nome deriva dai numerosi insediamenti e necropoli etrusche risalenti al IX° secolo a.C., ubicate principalmente tra il Golfo di Baratti e Populonia. Il mare limpido, con colori che sfumano dal verde smeraldo al blu intenso, assieme alle località sulla costa, è stato più volte premiato con le Bandiere Blu per la qualità delle acque e dei servizi turistici. Ci sono 47 spiagge con caratteristiche diverse: a quelle di sabbia chiara come San Vincenzo e Baratti si alternano gli arenili più scuri di Marina di Castagneto Carducci, Bibbona e Cecina; inoltre scogliere modellate dal vento e dai marosi e dove i fondali sono profondi e pescosi. Grandi opportunità ha la nautica da diporto, grazie ai numerosi porti turistici attrezzati.

Castiglioncello, Quercianella e altre località sono divenute mete anche di un turismo colto e raffinato di scrittori, artisti e letterati che hanno ripercorso le orme dei famosi pittori macchiaioli vissuti nella zona.

Oltre il 20% della Costa degli Etruschi è coperto da parchi, aree protette, oasi naturalistiche e rifugi faunistici incastonati in folte pinete, boschi e una campagna ricca di colori e di profumi. Spiccano l’Oasi WWF di Bolgheri, zona umida di importanza internazionale, il Parco della Magona che include un’oasi biogenetica, il Parco delle Colline Livornesi, di notevole interesse storico-naturalistico, l’oasi faunistica del Parco di Rimigliano, l’oasi di Orti-Bottagone e i Parchi della Sterpaia e di Montioni.

Sentieri adatti al trekking e al cavallo sono presenti in tutta la Costa degli Etruschi. Inoltre, nella zona, sono ben 28 i percorsi cicloturistici segnalati: la bicicletta è senza dubbio il migliore sistema di locomozione per escursioni rilassanti e visite nelle varie zone di attrattive storiche e naturali. Sono stati allestiti cinque percorsi tematici che consentono di visitare la Costa degli Etruschi con ottiche diverse a seconda del proprio interesse: città del mare, città del gusto, spiagge e rocce, le terre del vino, i parchi e le riserve naturali.

Salva

Salva

COSA VEDERE

Attrazioni nella Costa degli Etruschi

pineta Costa degli EtruschiParco di Rimigliano

Attrazioni in Provincia di Livorno

Per conoscere di più sulle attrazioni e servizi offerti cliccare sul nome di ogni comune elencato.

BibbonaBIBBONA (LI) – borgo medievale e località balneare

Chiese: Pieve di Sant’Ilario
Riserve naturali: Parco della Magona
Località: Marina di Bibbona
Eventi: Palio delle Botti, Gran Fondo Costa degli Etruschi
Sport: trekking escursionistico, cicloturismo, sport nautici

La cittadina è un tipico borgo medievale, caratterizzato da stretti vicoli, scalinate e archi. Nel centro storico c’è la Pieve di Sant’Ilario, una delle poche chiese romaniche presenti in quest’area. Situata al centro di una vasta campagna, intervallata da suggestivi squarci panoramici verso la costa, Bibbona è essenzialmente meta di turismo estivo. Le spiagge in località Marina di Bibbona sono apprezzate per la qualità del mare e i servizi al turista. Nella produzione agricola spicca un ottimo e aromatico olio d’oliva.


marina bibbonaMARINA DI BIBBONA  (comune di Bibbona – LI) – villaggio balneare

Monumenti: Forte di Marina di Bibbona
Spiagge: spiaggia centrale, spiaggia dei Tomboli, spiaggia del Gineprino, spiaggia per cani

Grazie al clima mite e alla tranquillità, Marina di Bibbona è diventata un frequentato centro balneare. Il Forte di Marina di Bibbona, eretto nel 1785 come punto di avvistamento e di difesa costiera dalle incursioni dei pirati, si erge di fronte alla spiaggia. La vera attrattiva è costituita dal litorale, costituito da lunghe spiagge di sabbia fine, tipici tomboli di macchia mediterranea e caratteristiche dune. Le spiagge sono in parte attrezzate con stabilimenti balneari e in parte libere. La pineta è il luogo ideale per passeggiate, percorsi in bicicletta o a cavallo.


rocca campigliaCAMPIGLIA MARITTIMA (LI) – cittadina storica e centro vinicolo

Monumenti: Rocca di Campiglia, Palazzo Pretorio
Chiese: Pieve di San Giovanni
Musei: Museo Archeologico, Museo delle Macchine Minerarie, Museo di Temperino,
Siti archeologici: Parco Archeominerario di San Silvestro
Terme: Parco Termale Calidario di Venturina
Località: Venturina
Percorsi: Parco Archeominerario di San Silvestro
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

Il territorio comunale comprende due distinti agglomerati urbani: Campiglia, il capoluogo posto in alto, e Venturina, nella sottostante pianura. Particolarmente attraente è il borgo medievale di Campiglia, dominato dalla possente Rocca. Tra i vari edifici storici di rilievo il Palazzo Pretorio. Nel moderno abitato di Venturina un moderno e attrezzato stabilimento termale sfrutta le sorgenti calde già apprezzate da Etruschi e Romani. La campagna circostante è piena di aziende agricole che producono vino, miele e ortofrutta e, non a caso, la località è inserita nella Strada del Vino Costa degli Etruschi. Interessante e in gran parte visitabile il Parco Archeominerario di San Silvestro, con un suggestivo percorso all’interno delle gallerie su un trenino adattato alle visite.


venturinaVENTURINA (Campiglia Marittima – LI) – cittadina termale

Terme: Parco Termale Calidario
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

È un attivo centro industriale, artigianale, agricolo, commerciale e termale. La località era già conosciuta sia dagli Etruschi che dai Romani, per le acque termali. Questa ricchezza che sgorga dal sottosuolo è attualmente all’interno del Parco Termale. Le acque sono ricche di zolfo, alcali e terra, e sgorgano da due sorgenti distinte, alla temperatura di 36°C. Le moderne strutture sono composte da uno stabilimento termale, dove si praticano bagni, massaggi, idro-massaggi, aerosol, trattamenti con fanghi e cure estetiche, e da una grande piscina termale.


bolgheriCASTAGNETO CARDUCCI (LI) – cittadina rurale

Musei: Casa Carducci, Museo-Archivio “Giosué Carducci”
Località: Bolgheri, Marina di Castagneto Carducci (Marina di Donoratico)
Spiagge: Marina di Castagneto Carducci (Marina di Donoratico)
Percorsi: Viale dei Cipressi
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici
Prodotti tipici: vino, olio d’oliva

L’economia del territorio è legata al turismo enogastronomico e balneare, quest’ultimo premiato con il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità della zona costiera di Marina di Castagneto Carducci (Marina di Donoratico). Altra risorsa importante è costituita dalla produzione di vini pregiati, che hanno reso celebri le cantine di Bolgheri e dintorni. Di qualità eccellente anche la produzione di olio extra vergine di oliva. Partendo da Castagneto Carducci si possono effettuare vari percorsi, in bicicletta o a piedi, lungo numerosi tracciati, ivi compresa la storica Antica Via Campigliese.


sentiro delle sorgentiMARINA DI CASTAGNETO CARDUCCI – DONORATICO (comune di Castagneto Carducci – LI) – villaggio balneare

Monumenti: Forte di Marina
Parchi a tema: Parco-giochi “Cavallino Matto”
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici

Situata sulla costa, Marina di Castagneto Carducci, anche conosciuta come Marina di Donoratico, dispone di lunghe e ampie spiagge sabbiose. La località ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità delle acque, dell’ambiente e dell’accoglienza. Le spiagge sono costellate da numerosi stabilimenti balneari e il mare tranquillo e pulito permette di praticare molti sport nautici. Nell’abitato c’è il Cavallino Matto, uno dei principali parchi giochi della Toscana.


viale dei cipressiBOLGHERI (comune di Castagneto Carducci – LI) – borgo storico e zona di produzione vinicola di pregio

Monumenti: Castello di Bolgheri
Percorsi: Viale dei Cipressi
Sport: trekking escursionistico, ciclismo
Prodotti tipici: vino, olio d’oliva

È un antico borgo al quale si giunge percorrendo il Viale dei Cipressi, una strada rettilinea, lunga quasi cinque chilometri, che inizia esattamente davanti all’Oratorio di San Guido, ubicato sulla via Aurelia (SS 1). La pittoresca strada che sale verso l’abitato di Bolgheri è tutta fiancheggiata da cipressi secolari. Il borgo conserva ancora la struttura urbanistica originaria, caratterizzata da un’articolazione concentrica delle strade. È tutto un susseguirsi di edifici storici, vecchie cantine e depositi e curiose botteghe artigianali. Tutta l’area circostante è piena di vigneti particolarmente curati che producono vini bianchi e rossi di qualità superlativa e molte delle cantine e aziende vinicole sono visitabili.


cecina1CECINA (LI) – cittadina balneare

Musei: Museo della Vita e del Lavoro della Maremma Settentrionale, Museo Civico Archeologico “La Cinquantina”
Siti archeologici: Parco Archeologico di San Vincenzino
Località: Marina di Cecina
Riserve Naturali: Riserva Naturale Biogenetica dei Tomboli di Cecina
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

Inserita tra il mare e la campagna pianeggiante, è una cittadina moderna che offre un’ottima selezione di ristoranti ed è dotata di moderni impianti sportivi. Durante tutto l’anno si svolge un’intensa attività teatrale e sono numerosi gli eventi, le sagre, le feste e le manifestazioni folcloristiche. La località balneare Marina di Cecina ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità dell’ambiente e dei servizi al turista. Significativi i ritrovamenti archeologici della zona, in buona parte esposti in un apposito museo. La produzione agricola è varia, ivi compresa la viticoltura che ha permesso alla cittadina di essere inserita nella “Strada del Vino Costa degli Etruschi”.


marina cecinaMARINA DI CECINA (comune di Cecina – LI) – villaggio balneare

Spiagge: Le Gorette, Fosso Nuovo
Parchi gioco: Acqua Village
Riserve: Centro Faunistico Bioparco Gallorose
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici, vela, windsurf, pescaturismo

La località ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità dell’ambiente e dei servizi al turista. Il mare è limpido e di colore azzurro intenso, la spiaggia è costituita da sabbia morbida. Oltre a numerosi e attrezzati stabilimenti balneari ci sono ampi tratti di spiaggia libera. Dappertutto e possibile praticare il nuoto, la vela e il windsurf, l’attività subacquea. Il grande parco divertimenti Acqua Village ha ottenuto il premio “Awards Parksmania” per l’alto livello delle attrazioni per adulti e bambini. Da segnalare anche il Centro Faunistico Bioparco Gallorose.


PIOMBINO (LI) – cittadina storica, balneare e porto d’imbarco

Castelli: Castello, Rocca degli Appiani
Chiese: Chiesa di Sant’Antimo
Monumenti: La Cittadella, Casa delle Bifore, Fonti di Marina, Torre del Sale, Torre Mozza
Musei: Museo del Mare e Acquario Città di Piombino, Collezione Gasparri, Museo del Castello e della Città
Riserve naturali: Parco della Sterpaia, Riserva Padule Orti-Bottagone , Parco di Punta Falcone, Parco di Montioni
Località: Populonia, Baratti, Riotorto
Spiagge: Spiaggia Lunga (Cala Moresca e Punta Falcone), Prato Ranieri, Marina di Salivoli
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici, pescaturismo, windsurf

È il centro principale della Val di Cornia e il più importante porto toscano per l’imbarco verso l’Isola d’Elba e le isole minori di Pianosa e Capraia. Nel centro della cittadina sono numerosi e notevoli gli edifici civili e religiosi, tra cui primeggiano il Castello, la Rocca degli Appiani e due storiche chiese. La zona è peraltro meta balneare, in particolare le spiagge del Golfo di Baratti e quelle nel Parco della Sterpaia che hanno conseguito la Bandiera Blu per la qualità ambientale. Di assoluta importanza la componente storica e archeologica, tutta compresa nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia. Notevole anche la tutela dell’ambiente con ben quattro aree protette: Punta di Falcone, Orti e Bottagone, Montioni (nei pressi di Riotorto) e della Sterpaia.


porto barattiBARATTI  (Piombino – LI) – sito archeologico etrusco e villaggio balneare

Siti Archeologici: Necropoli di Populonia e Baratti, Parco Archeologico di Baratti e Populonia
Musei: Museo Archeologico del Territorio di Populonia
Spiagge: Monte Massoncello
Sport: sport nautici, windsurf

In origine un porto etrusco per lo scarico del minerale di ferro proveniente dell’Isola d’Elba, Baratti è un piccolo villaggio affacciato su un pittoresco golfo. Per le numerose tombe presenti nella zona e gli oggetti del VI° secolo ritrovati sul fondale del mare tutto l’abitato è inserito nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia. I reperti più importanti sono esposti nel Museo Archeologico del Territorio di Populonia. L’ampio e ridente golfo, quasi tutto contornato da spiaggia, è di richiamo per il turismo balneare.


rocca degli appiani poluloniaPOPULONIA ALTA (Piombino – LI) – insediamento etrusco e borgo medievale

Fortificazioni: Rocca
Siti Archeologici: Necropoli di Populonia e Baratti, Parco Archeologico di Baratti e Populonia
Musei: Museo Archeologico del Territorio di Populonia, Collezione Gasparri

Ubicata in posizione dominante sul promontorio di Piombino, Populonia fu una delle più importanti città-stato etrusche dell’Etruria. L’abitato ebbe un periodo di grande splendore intorno al VI° a.C.: in quest’epoca esistevano già l’acropoli (centro del potere), la necropoli, i quartieri portuali e quelli industriali destinati alla lavorazione del minerale di ferro proveniente dall’isola d’Elba. La parte sopravvissuta della città etrusca, le mura, alcuni edifici romani e le ampie necropoli etrusche sono tutte all’interno del Parco Archeologico di Baratti e Populonia. I reperti etruschi sono esposti nel Museo Collezione Gasparri. Di epoca più recente sono la Rocca di Populonia e alcune fortificazioni risalenti al XV° secolo.


spiaggia parco sterpaiaVIGNALE RIOTORTO  (comune di Piombino – LI) – villaggi balneari

Monumenti: Torre Mozza
Spiagge: Parco della Sterpaia
Riserve naturali: Parco della Sterpaia

Sono due piccoli abitati costieri con belle ed ampie spiagge sabbiose. Nelle vicinanze c’è la Torre Mozza risalente al XVI° secolo mentre nei pressi di Vignale è stata attivata una zona di archeologia sperimentale accessibile a tutti. Di interesse naturalistico è il Parco della Sterpaia, una zona umida caratteristica che si estende dietro alla linea di costa. All’interno c’è l’ambiente tipico della Maremma: radure coltivate, bosco, foresta umida con maestosi esemplari di alcune specie arboree. Una linea di dune sabbiose separa l’area boschiva dalla spiaggia di sabbia dorata che, nel 2017, ha ricevuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale.


castiglioncello2ROSIGNANO MARITTIMO (LI) – borgo e cittadine balneari

Musei: Museo Civico Archeologico di Rosignano Marittimo
Spiagge: Rosignano Solvay
Riserve Naturali: Parco dei Monti Livornesi
Località: Castiglioncello, Rosignano Solvay, Vada
Percorsi: Monte Pelato
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici, windsurf, subacquea, pesca

L’attrattiva del territorio è fondamentalmente costituita dagli insediamenti lungo la costa, tutti a forte connotazione balneare. Innanzi tutto l’elegante cittadina di Castiglioncello, apprezzata per le bellezze del paesaggio, per la qualità e raffinatezza dei servizi, da sempre meta ricorrente di noti personaggi del mondo dell’arte, della cultura e dello spettacolo. Quindi la località di Vada con ampie spiagge e moderni stabilimenti balneari. Particolarmente attraenti sono le cosiddette “spiagge bianche“, originate dalla combinazione dei residui di calcio di uno stabilimento industriale con il silicio della sabbia. Rosignano Marittimo ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità delle acque del mare.


vadaVADA (comune di Rosignano Marittimo – LI) – villaggio balneare

Siti archeologici: San Gaetano
Spiagge: Spiagge Bianche
Sport: sport nautici, windsurf, subacquea, pesca

Gli scavi nella località San Gaetano hanno portato alla luce i resti di un ampio quartiere portuale costruito nella seconda metà del I° secolo d.C., di un edificio termale e di un mercato. Vada fu successivamente il porto utilizzato da Volterra. Dal secolo scorso la località è nota per le sue ampie spiagge di sabbia chiara e fine. Sul litorale, ombreggiato da folte pinete, si alternano stabilimenti balneari e ampi tratti di spiaggia libera. Le Secche di Vada, un tratto di mare caratterizzato da bassi fondali, attirano, in ogni stagione, gli appassionati di pesca. È un centro nautico importante con possibilità di praticare tanti sport acquatici. Rosignano Marittimo ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità delle acque del mare.


castiglioncello1CASTIGLIONCELLO  (Rosignano Marittimo – LI ) cittadina balneare e centro culturale

Monumenti: Torre medicea
Musei: Museo Archeologico Nazionale
Spiagge: La Caletta
Sport: sport nautici, windsurf, subacquea, pesca

Situata in posizione privilegiata dal punto di vista panoramico, la cittadina è rimasta fino all’epoca moderna sconosciuta e incontaminata, con le folte pinete e le pittoresche scogliere a ridosso del mare. Divenne rinomata località balneare fin dalla metà del XIX° secolo, corroborata anche dalla corrente pittorica dei Macchiaioli, che si espresse attraverso le opere di Giovanni Fattori, Odoardo Borrani, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Giuseppe Abbati. Meta ricorrente di personaggi illustri del mondo dell’arte, della cultura e dello spettacolo, è attualmente una delle più rinomate località turistiche della Toscana, felice combinazione di bellezze del paesaggio, qualità e raffinatezza dei servizi e iniziative culturali di alto profilo. Castiglioncello ha conseguito più volte il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale, l’accoglienza turistica e la purezza del mare.


quecianellaQUERCIANELLA  (comune di Livorno città – LI) – villaggio balneare

Edifici storici: Castello di Sonnino
Monumenti: Torre di Calafuria
Sport: sport nautici, windsurf, subacquea, pesca

È una località pochi chilometri a sud di Livorno su un tratto di costa roccioso e dove si ergono alcune vecchie torri d’avvistamento. Immersa nella macchia mediterranea, è una meta balneare che, nel 2017, ha conseguito la Bandiera Blu per la qualità dei servizi turistici e delle acque. A pochi chilometri dall’abitato, e ben visibile anche da lontano, c’è il Castello di Sonnino, edificio in stile neo rinascimentale costruito dal barone Sidney Sonnino nel XIX° secolo su un promontorio a picco sul mare. Lungo la strada in direzione di Livorno (SS 1 “Aurelia”), nel tratto precedente la Torre di Calafuria, furono girati gli esterni delle sequenze finali del film “Il sorpasso” (1962).


san vincenzoSAN VINCENZO (LI) – cittadina balneare

Monumenti: Torre di San Vincenzo
Riserve naturali: Parco di Rimigliano
Spiagge: Principessa, Parco di Rimigliano, Riva degli Etruschi, Nido dell’Aquila (spiaggia per nudisti)
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici, windsurf, subacquea, pesca

È uno dei centri balneari più apprezzati e attrezzati della Toscana, località turistica per eccellenza della Val di Cornia e una delle più frequentate nella Costa degli Etruschi. Nel 2017 ben quattro delle spiagge, una delle quali inclusa nel Parco di Rimigliano, hanno ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale. Oltre agli 11 chilometri di spiagge libere di fine sabbia chiara e ai numerosi stabilimenti balneari, la cittadina offre possibilità agli appassionati di sport subacquei. I fondali prospicienti l’abitato conservano numerose navi, andate perdute nel corso di entrambi i conflitti mondiali. Tra queste le navi da carico “Capacitas” e “Caboto” e la vedetta dragamine G32, affondata nel 1917.


antignanoANTIGNANO (comune di Livorno città – LI) – villaggio balneare

Spiagge: Maroccone

Sede di un antico fortilizio mediceo, la località è, di fatto, il quartiere più meridionale della città, alla quale fu collegato dall’urbanizzazione propagatasi, tra la fine del XIX° e l’inizio del XX° secolo, lungo la linea di costa. Negli ultimi decenni è divenuto un centro balneare frequentato che ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale. Tra i vari lidi spicca la spiaggia del Maroccone da cui si gode un bel panorama naturale.


terme di sassettaSASSETTA (LI) – cittadina termale

Monumenti: Palazzo Ramirez de Montalvo
Musei: Museo del Bosco
Terme: Terme di Sassetta
Riserve naturali: Parco Forestale di Poggio Neri
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

Sassetta è una piccola cittadina le cui origini medievali sono testimoniate dal castello che domina l’abitato. Per secoli l’economia si è basata sulla raccolta delle castagne e sui tradizionali mestieri del bosco (boscaiolo e carbonaio). Tali attività sono ben documentate nel Museo del Bosco, allestito all’interno del Parco di Poggio Neri, dove si possono osservare le strutture e gli strumenti di lavoro. Le Terme di Sassetta, alimentate da sorgenti termali, costituiscono un richiamo, come pure i boschi verdi intersecati da percorsi trekking e sentieri adatti a passeggiate a piedi, in bicicletta e a cavallo.


suveretoSUVERETO (LI) – borgo medievale

Chiese: Pieve di San Giusto
Edifici storici: Rocca Aldobrandesca
Musei: Museo Artistico della Bambola
Riserve Naturali: Parco Naturale di Montioni, Parco Naturale di Poggio Neri
Prodotti tipici: vino
Sport: trekking escursionistico, ciclismo, equitazione

Il territorio ricco di sughere, olivi secolari e viti, riflette i caratteri dell’economia locale, basata tradizionalmente sull’agricoltura, le attività forestali e l’allevamento, attualmente anche su artigianato e turismo. In particolare, i boschi di sughere, mescolati alla macchia mediterranea, conferiscono al paesaggio un’impronta esclusiva. Il passato storico della cittadina, tra i borghi più belli d’Italia, è testimoniato dall’imponente Rocca Aldobrandesca e da tre significativi edifici religiosi. Da segnalare l’inconsueto Museo della Bambola che conserva esemplari di importanza storica ed artistica. Suvereto è sede di importanti aziende vinicole DOC Val di Cornia e fa parte dell’associazione Città del Vino.

Attrazioni in Provincia di Pisa

Per conoscere di più sulle attrazioni e servizi offerti cliccare sul nome di ogni comune elencato.

suveretoCASALE MARITTIMO (PI) – cittadina storica

Edifici: Casa del Camarlingo
Siti archeologici: Necropoli etrusca di Casa Nocera
Prodotti tipici: vino
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

Ubicata su una collina nella valle del fiume Cecina, la cittadina è relativamente vicina al mare (12 chilometri di distanza). Significative le tracce della civiltà etrusca nel territorio. Il centro storico, rimasto pressoché intatto, il castello (i cui resti sono stati inglobati nel tessuto urbano) e la struttura ad anelli semicircolari delle varie cinte murarie hanno costituito un indubbio richiamo turistico, oggi divenuto la fonte principale di reddito. La cittadina è pure nota per la produzione di pregiati vini ed è a giusto titolo inserita nella Strada del Vino Costa degli Etruschi. Casale Marittimo ha anche ricevuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano per la qualità ambientale e i servizi al turista.


CASTELLINA MARITTIMA (PI) – cittadina rurale

Musei: Ecomuseo dell’Alabastro
Prodotti tipici: vino, olio d’oliva
Artigianato: alabastro
Percorsi: trekking dei colori
Sport: trekking escursionistico, mountain bike

La cittadina fu nota fino alla prima metà del secolo scorso per l’estrazione e lavorazione di alabastro, usato dagli artigiani locali per la produzione di opere d’arte e oggetti vari. Il meglio di questa attività è attualmente esposto nell’Ecomuseo dell’Alabastro. Il territorio circostante si è progressivamente affermato per la produzione di pregiati vini e Castellina Marittima è inserita nella Strada del Vino di Montescudaio. Attualmente l’economia è basata sul turismo, cui contribuiscono interessanti percorsi di trekking, e la produzione anche olio di qualità e di cereali.


MONTESCUDAIO (PI) – villaggio rurale

Fortificazioni: Torre Civica
Chiese: Santa Maria Assunta
Prodotti tipici: vino

È un piccolo comune nella valle del fiume Cecina, all’interno della cosiddetta Maremma Pisana. La zona è nota per l’eccellente qualità di vino rosso (vitigno Sangiovese) e di vino bianco (vitigni Trebbiano Toscano) prodotto, entrambi garantiti dal marchio Consorzio Vino DOC Montescudaio. Di conseguenza la cittadina è inserita sia nella Strada del Vino di Montescudaio che nella Strada del Vino Costa degli Etruschi. Montescudaio ha ricevuto anche le qualifiche di Città dell’Olio e di Città del Pane, un riconoscimento ad altre due produzioni di qualità tipiche della zona.


RIPARBELLA (PI) – villaggio rurale

Giardini: Giardino Scornabecchi, Parco Avventura “Il Giardino Sospeso”
Eventi: Presepe animato
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

Nel territorio di Riparbella ci sono numerose aziende agrituristiche tutte ubicate all’interno in un suggestivo ambiente verdeggiante. La tradizione gastronomica si basa su una serie di piatti tipici toscani a base di cacciagione e altre carni provenienti da allevamenti e aziende agricole locali. L’evento tipico di maggior rilievo è la Sagra del Cinghiale, occasione per assaggiare gustosi piatti. Per esperienze adrenaliniche all’aria aperta c’è il Parco Avventura “Il Giardino Sospeso”: si può praticare l’arborismo lungo percorsi acrobatici tra gli alberi oppure effettuare percorsi interamente dedicati alla botanica.


SANTA LUCE (PI) – villaggio rurale

Chiese: Pieve di santa Maria Assunta, Istituto Lama Tzong Khapa
Musei: Ecomuseo dell’Alabastro
Riserve naturali: Lago artificiale di Santa Luce
Prodotti tipici: vino, olio d’oliva, miele
Artigianato: alabastro
Sport: trekking escursionistico, ciclismo

Santa Luce ha conservato intatta la planimetria del borgo feudale: l’abitato, che ricalca la linea delle fortificazioni, si stringe a semicerchi concentrici attorno al luogo in cui il castello, di cui rimangono solo alcuni resti, dominava la vallata sottostante. Nelle immediate vicinanze c’è il monastero buddista tibetano Lama Tzong Khapa, visitato qualche volta anche dal Dalai Lama. L’economia è ancora in buona parte legata all’agricoltura di qualità: vino, olio, miele e cereali sono le principali produzioni delle aziende agricole. Nel villaggio si sono ancora conservate attività tradizionali, come il carbonaio, e artigianali, come la lavorazione dell’alabastro.

Località importanti

Populonia ALta

Baratti

BarattiZona: Costa degli Etruschi
Comune: Piombino (LI) – località Baratti
Tipo: villaggio balneare

Siti Archeologici: Necropoli di Populonia e Baratti, Parco Archeologico di Baratti e Populonia
Musei: Museo Archeologico del Territorio di Populonia
Spiagge: Monte Massoncello
Sport: sport nautici, windsurf

In origine un porto etrusco per lo scarico del minerale di ferro proveniente dell’Isola d’Elba, Baratti è un piccolo villaggio affacciato su un pittoresco golfo. Per le numerose tombe presenti nella zona e gli oggetti del VI° secolo ritrovati sul fondale del mare tutto l’abitato è inserito nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia. I reperti più importanti sono esposti nel Museo Archeologico del Territorio di Populonia. L’ampio e ridente golfo, quasi tutto contornato da spiaggia, è di richiamo per il turismo balneare.

Populonia Alta

Borgo etrusco medievale

Bolgheri

Bolgheri

Castiglioncello

Cittadina balneare

RISERVE E SPIAGGE

Riserve naturali

Piombino Sterpaia

Riserva Naturale Provinciale Padule Orti-Bottagone

padule orto bottagoneZona: Costa degli Etruschi (Maremma settentrionale)
Comune: Piombino (LI) – località Torre del Sale
Tipo: area naturale protetta

È un’area protetta, nella fascia costiera a est di Piombino, in prossimità della Torre del Sale. Il paesaggio della riserva, caratterizzato da stagni di acqua salmastra e prati umidi, è quello che fino a circa un secolo fa caratterizzava la pianura attraversata dal fiume Cornia. Comunissimi sono fenicotteri, ibis, cicogne, aironi e altri uccelli migratori.

Parco di Rimigliano

Pineta e spiaggia

Parco di Punta Falcone

Parco con spiagge

Parco della Sterpaia

Parco e spiaggia

Parco dei Monti Livornesi

Parco naturale

Parco Naturale di Montioni

Parco naturale

Spiagge 

Baratti spiaggia

Tutto il litorale del la Costa degli Etruschi è caratterizzato da mare cristallino, tante spiagge di ogni tipo e per tutte le esigenze. Attorno al promontorio di Piombino ci sono spiagge e calette, racchiuse tra alte scogliere a picco, raggiungibili solo via mare. Molte le località che hanno conseguito il riconoscimento Bandiera Blu per le condizioni ottimali dell’ambiente e per i servizi al turista. Sulle spiagge libere è possibile effettuare escursioni a cavallo. Molte le spiagge a diretto contatto con le tracce della civiltà etrusca.

Spiaggia Lunga di Piombino

spiagge lungaZona: Costa degli Etruschi (Maremma settentrionale)
Comune: Piombino (LI) – località Cala Moresca e Punta Falcone
Tipo: spiaggia sassosa con scogli

È una bella spiaggia di sassi e ciottoli chiari, stretta tra la costa rocciosa alta e frastagliata e il mare. L’acqua è cristallina, ideale per il nuoto.

Spiaggia del Parco della Sterpaia

spiaggia parco sterpaiaZona: Costa degli Etruschi (Maremma settentrionale)
Comune: Piombino (LI) – località Vignale Riotorto
Tipo: spiaggia sabbiosa
Servizi: bar, parcheggio, area sosta camper

La spiaggia è situata all’interno del Parco della Sterpaia. È un gradevole e ampio tratto litoraneo di sabbia dorata contenuta da una fila di dune punteggiate da arbusti e vegetazione mediterranea. Il mare è cristallino, ideale per il nuoto. Nel 2017 la spiaggia ha conseguito il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità dell’ambiente.

Castiglioncello

castiglioncello1

Zona: Costa degli Etruschi
Comune: Rosignano Marittimo (LI) – località Castiglioncello

La cittadina ha ottenuto ripetutamente il riconoscimento Bandiera Blu, l’ultima volta nel 2017, per la qualità ambientale del mare e dei servizi al turista. Il tratto di costa è roccioso e gli arenili sono minimali, ma i frequentatori della località sono abituati a scegliere lo scoglio favorito e immergersi nel mare spumeggiante. L’attrattiva balneare della cittadina è rinforzata dalla possibilità di escursioni in barca o gommone sul mare o di vere mini-crociere.

Altre spiagge importanti

Zona: Costa degli Etruschi (Maremma settentrionale)
Comuni: Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, San Vincenzo
Tipo: cittadine e villaggi balneari

Marina di Bibbona: l’attrattiva è costituita da lunghe spiagge di sabbia fine, tipici tomboli di macchia mediterranea e caratteristiche dune. Le spiagge sono in parte attrezzate con stabilimenti balneari e in parte libere.

Marina di Castagneto Carducci: anche conosciuta come Marina di Donoratico, dispone di lunghe e ampie spiagge sabbiose. La località ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità delle acque, dell’ambiente e dell’accoglienza. Le spiagge sono costellate da numerosi stabilimenti balneari e il mare tranquillo e pulito permette di praticare molti sport nautici.

Marina di Cecina: il mare è limpido e di colore azzurro intenso, la spiaggia è costituita da sabbia morbida. Oltre a numerosi e attrezzati stabilimenti balneari ci sono ampi tratti di spiaggia libera. Dappertutto e possibile praticare il nuoto, la vela e il windsurf, l’attività subacquea. La località ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità dell’ambiente e dei servizi al turista.

San Vincenzo: è uno dei centri balneari più apprezzati e attrezzati della Toscana. Nel 2017 ben quattro delle spiagge, una delle quali inclusa nel Parco di Rimigliano, hanno ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale. Oltre agli 11 chilometri di spiagge libere di fine sabbia chiara e ai numerosi stabilimenti balneari, la cittadina offre possibilità agli appassionati di sport subacquei.

Vignale Rio Torto

Spiagge libere

Parco di Rimigliano

Pineta e spiaggia

Vada

Spiaggia libera

ARCHEOLOGIA

Siti archeologici nella Costa degli Etruschi

Parco Archeologico di Populonia - Piombino

Tutta la Costa degli Etruschi è costellata di siti archeologici villanoviani, etruschi e romani come quelli di Rosignano Marittimo, Cecina e Piombino. La civiltà etrusca è di gran lunga la più documentata perché ha lasciato tracce importantissime in tutto il territorio. Tra tutti i siti di rilievo il primo posto va all’ampio Parco Archeologico di Baratti e Populonia (comune di Piombino) dove sono visibili le testimonianze più significative di questo grande popolo. Di grande fascino è pure l’insediamento di Populonia Alta, un impressionante villaggio costruito dagli Etruschi sulla cima di una collina che domina il Golfo di Baratti, unico esempio di città costiera etrusca. L’abilità degli etruschi nell’escavazione dei minerali e nella metallurgia è ampiamente documentata in un altro importante sito. Percorrendo gli itinerari predisposti all’interno del Parco Archeominerario di San Silvestro (comune di Campiglia Marittima), vero museo a cielo aperto, si possono osservare le varie fasi di lavorazione dei metalli dall’epoca etrusca fino al Medioevo.

Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Baratti – Piombino (LI)

Parco Archeominerario di San Silvestro

Parco minerario

ITINERARI

Percorsi nella Costa degli Etruschi

Strada del vino Costa degli Etruschi

Strada vino e olio

Strada del Vino Costa Degli Etruschi

Zona: Costa degli Etruschi
Comuni: Montecatini Val di Cecina (PI), Cecina (LI), Montescudaio (PI), Casale Marittimo (PI), Bolgheri (Castagneto Carducci – LI), Suvereto (LI), Campiglia Marittima (LI), Isola d’Elba (Rio Marina, Marina di Campo) (LI)
Informazioni: Consorzio Strada del Vino Costa degli Etruschi
Indirizzo: Località San Guido, 45 – Bolgheri – Castagneto Carducci (LI)
Tel: +39 0565 749705
Sito: www.lastradadelvino.com
Prodotti: Terratico di Bibbona DOC, Bolgheri DOC, Elba DOC, Val di Cornia

I Vini

Il Bolgheri DOC, Bianco, Vermentino e Rosato, è un vino da bere preferibilmente giovane, da abbinare a minestre, pesce e verdure. Il Bolgheri Sauvignon è indicato per piatti importanti a base di pesce mentre il Bolgheri Rosso è un vino da abbinare a carni sia bianche che rosse. Il Sassicaia, da bere preferibilmente invecchiato, è adatto con arrosti e selvaggina. Il Vin Santo si associa bene con la pasticceria. Il Val di Cornia è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Vermentino, Ciliegiolo, Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Aleatico Passito, Ansonica Passito, Suvereto, Suvereto merlot, Suvereto Cabernet Sauvignon e Suvereto Sangiovese. Le varietà di questo tipo di vino permettono l’abbinamento a ogni tipo di piatto. Anche l’Elba DOC è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Ansonica Passito, Vin Santo, Vin Santo Occhio di Pernice, Aleatico e Moscato. I bianchi, sono da bere giovani e sono adatti con i frutti di mare ed ogni altro piatto di pesce. I Rossi sono adatti con arrosti di pollame, selvaggina e formaggi di media stagionatura. Gli altri, possono essere associati a dessert e dolci anche secchi.

strada del vino Costa degli EtruschiPercorso

La prima zona DOC che si attraversa è quella di Montescudaio, in provincia di Pisa. Lungo il “percorso della memoria” ci sono i palazzi di nobili famiglie, come i Marchionneschi, i Ridolfi e i Guerrini, la Chiesa della SS. Annunziata, fino a raggiungere la Torre della Guardiola e il Piazzale del Castello con la Chiesa di Santa Maria Assunta. Procedendo oltre si entra nella provincia di Livorno con il borgo di Bibbona, dove viene prodotto il DOC Terratico di Bibbona. Nel centro storico, dove si intersecano caratteristici vicoli e piazzette medievali, la Pieve di Sant’Ilario, risalente all’XI° secolo, ha forma di trapezio. Dopo pochi chilometri si entra in piena zona del Bolgheri DOC, patria del Sassicaia, dell’Ornellaia e di altri grandi vini protagonisti della storia enologica italiana degli ultimi anni. Da Bolgheri (comune di Castagneto Carducci) si scende lungo il duplice filare di cipressi (Via dei Cipressi) celebrato dal poeta Carducci e si arriva alla chiesetta di San Guido. Il territorio di Castagneto Carducci è rinomato grazie a un terreno e un clima particolarmente favorevoli a una viticoltura di alta qualità. Attraversando il mare da Piombino si giunge all’Isola dell’Elba, dove l’Aleatico passito è il prodotto più tipico e interessante. Per gli Etruschi, l’Elba costituì un’inesauribile fonte di ricchezza: già nel VIII§ secolo a.C. sfruttavano le miniere ed esportavano il ferro in tutto il bacino del Mediterraneo, ricavandone enormi ricchezze. Dal declino della potenza etrusca i Romani ereditarono l’industria metallurgica, ma valorizzarono anche i giacimenti di granito e scoprirono i fanghi curativi delle Terme di San Giovanni, le bellezze del paesaggio e i vini eccellenti.

GASTRONOMIA

Prodotti Tipici

Casone Ugolino

L’area di produzione vinicola della Costa degli Etruschi si estende da Montecatini Val di Cecina verso Cecina, Montescudaio, Casale Marittimo, Bolgheri, Castagneto Carducci, Suvereto fino a Campiglia Marittima per poi proseguire sull’Isola d’Elba, da Rio Marina a Marina di Campo.

Ottimo, sopratutto nella zona collinare, l’olio extravergine di oliva di altissima qualità, contrassegnato dal marchio IGP, prodotto con tecniche tradizionali. L’olio accompagna bene le specialità gastronomiche della zona.

La zona pianeggiante produce consistenti quantità di carciofi, zucchine, piselli, cavoli. Alcuni di questi ortaggi vengono utilizzati da varie aziende conserviere per la preparazione di sottoli. Nelle colline che salgono verso Volterra e la provincia di Pisa ci sono numerosi castagneti e dove è diffusa la raccolta del “frutto del bosco”.

Strada del Vino Costa Degli Etruschi

Zona: Costa degli Etruschi
Comuni: Montecatini Val di Cecina (PI), Cecina (LI), Montescudaio (PI), Casale Marittimo (PI), Bolgheri (Castagneto Carducci – LI), Suvereto (LI), Campiglia Marittima (LI), Isola d’Elba (Rio Marina, Marina di Campo) (LI)
Informazioni: Consorzio Strada del Vino Costa degli Etruschi
Indirizzo: Località San Guido, 45 – Bolgheri – Castagneto Carducci (LI)
Tel: +39 0565 749705
Sito: www.lastradadelvino.com
Prodotti: Terratico di Bibbona DOC, Bolgheri DOC, Elba DOC, Val di Cornia

I Vini

Il Bolgheri DOC, Bianco, Vermentino e Rosato, è un vino da bere preferibilmente giovane, da abbinare a minestre, pesce e verdure. Il Bolgheri Sauvignon è indicato per piatti importanti a base di pesce mentre il Bolgheri Rosso è un vino da abbinare a carni sia bianche che rosse. Il Sassicaia, da bere preferibilmente invecchiato, è adatto con arrosti e selvaggina. Il Vin Santo si associa bene con la pasticceria. Il Val di Cornia è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Vermentino, Ciliegiolo, Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Aleatico Passito, Ansonica Passito, Suvereto, Suvereto merlot, Suvereto Cabernet Sauvignon e Suvereto Sangiovese. Le varietà di questo tipo di vino permettono l’abbinamento a ogni tipo di piatto. Anche l’Elba DOC è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Ansonica Passito, Vin Santo, Vin Santo Occhio di Pernice, Aleatico e Moscato. I bianchi, sono da bere giovani e sono adatti con i frutti di mare ed ogni altro piatto di pesce. I Rossi sono adatti con arrosti di pollame, selvaggina e formaggi di media stagionatura. Gli altri, possono essere associati a dessert e dolci anche secchi.

strada del vino Costa degli EtruschiPercorso

La prima zona DOC che si attraversa è quella di Montescudaio, in provincia di Pisa. Lungo il “percorso della memoria” ci sono i palazzi di nobili famiglie, come i Marchionneschi, i Ridolfi e i Guerrini, la Chiesa della SS. Annunziata, fino a raggiungere la Torre della Guardiola e il Piazzale del Castello con la Chiesa di Santa Maria Assunta. Procedendo oltre si entra nella provincia di Livorno con il borgo di Bibbona, dove viene prodotto il DOC Terratico di Bibbona. Nel centro storico, dove si intersecano caratteristici vicoli e piazzette medievali, la Pieve di Sant’Ilario, risalente all’XI° secolo, ha forma di trapezio. Dopo pochi chilometri si entra in piena zona del Bolgheri DOC, patria del Sassicaia, dell’Ornellaia e di altri grandi vini protagonisti della storia enologica italiana degli ultimi anni. Da Bolgheri (comune di Castagneto Carducci) si scende lungo il duplice filare di cipressi (Via dei Cipressi) celebrato dal poeta Carducci e si arriva alla chiesetta di San Guido. Il territorio di Castagneto Carducci è rinomato grazie a un terreno e un clima particolarmente favorevoli a una viticoltura di alta qualità. Attraversando il mare da Piombino si giunge all’Isola dell’Elba, dove l’Aleatico passito è il prodotto più tipico e interessante. Per gli Etruschi, l’Elba costituì un’inesauribile fonte di ricchezza: già nel VIII§ secolo a.C. sfruttavano le miniere ed esportavano il ferro in tutto il bacino del Mediterraneo, ricavandone enormi ricchezze. Dal declino della potenza etrusca i Romani ereditarono l’industria metallurgica, ma valorizzarono anche i giacimenti di granito e scoprirono i fanghi curativi delle Terme di San Giovanni, le bellezze del paesaggio e i vini eccellenti.

Cantine con degustazione e Wine Tour

Poggio al Grillo

Castagneto Carducci (LI)
Cantina vinicola

Piatti Tipici

L’abbondanza di selvaggina nella parte collinare permette la preparazione di gustosi piatti: crostini di cacciagione, pappardelle al sugo di lepre, cinghiale in umido, tordi allo spiedo.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire

Casone Ugolino

Castagneto Carducci (LI)
Residence e museo vino