Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana

ATTRAZIONI PRINCIPALI NELL’ARGENTARIO

  • Porto Ercole
  • Porto Santo Stefano
  • Forte Stella
  • Isola del Giglio (Giglio Porto, Giglio Castello e Giglio Campese)
  • Isola di Giannutri (Cala Maestra e Cala Spalmatoio)
  • Oratorio di San Biagio e tagliata etrusca
  • Sito archeologico di Cosa
  • Santuario dei Cetacei
  • Riserva Naturale della Laguna di Orbetello
  • Acquario Mediterraneo della Costa dell’Argento
  • Grotta Azzurra

COMUNI DELL’ARGENTARIO

Monte Argentario
Orbetello
Isola del Giglio

LOCALITA’ IMPORTANTI DELL’ARGENTARIO

Porto Ercole
Porto Santo Stefano
Ansedonia
Fonteblanda e Talamone
Isola Giannutri

argentario zona

Salva

Salva

Salva

TERRITORIO

tsl-home70Il Monte Argentario è un promontorio che si protende nel Mar Tirreno non lontano da due delle isole dell’Arcipelago Toscano (l’Isola del Giglio e l’Isola di Giannutri). Isole più piccole ma più vicine sono Isolotto, Isola Rossa, Isola Argentarola, Formica di Burano. In origine anche l’Argentario era un’isola, ma nel corso dei secoli l’azione congiunta delle correnti marine e dei detriti trasportati dal fiume Albegna ha creato due sottili strisce di terreno (attualmente i tomboli Giannella e Feniglia) che hanno unito l’isola alla terraferma formando, nel contempo, la laguna di Orbetello. Il Monte Argentario raggiunge il punto più alto in corrispondenza di Punta Telegrafo (635 metri). Il promontorio, interamente montuoso, è ricoperto da macchia mediterranea. La costa, alta, rocciosa e molto frastagliata, è piena di piccole cale, prevalentemente sassose, e spiagge selvagge e isolate, tutte di notevole bellezza e bagnate da un mare cristallino.

Data la posizione geografica, l’Argentario fu un approdo sicuro fin dagli albori della navigazione. Di importanza strategica fin dal Medio Evo, il promontorio fu munito di torri di avvistamento e di segnalazione per far fronte al costante pericolo di incursioni piratesche. Ha anche conservato alcune successive strutture militari come i forti spagnoli e le torri di segnalazione che, all’epoca dello Stato dei Presidi (XIV° sec), potevano avvertire tempestivamente eventuali incursioni di pirati. Complessivamente rimangono dieci torri e tre fortezze in buono stato di conservazione. Numerose sono le zone più propriamente archeologiche, in particolare i reperti romani a Cosa e Ansedonia.

I principali centri abitati della zona sono Porto Santo Stefano, sede del Comune di Monte Argentario, Porto ErcoleOrbetello, Ansedonia, Fonteblanda e Talamone. Servizi giornalieri di traghetto collegano la terraferma all’Isola del Giglio e Giannutri.

sub argentario L’Argentario è luogo privilegiato per il turismo nautico e gli sport subacquei: è una delle mete classiche sia per gli appassionati di immersioni che per quelli di biologia marina. La costa molto irregolare offre ai subacquei innumerevoli punti di immersione differenti l’uno dall’altro: pareti, grotte, secche e relitti in un mare ricco di vita. Ad esempio, tra il Carrubo e Punta Avvoltore c’è uno dei punti più spettacolari, la Cala dei Santi, dove è possibile accedere alla pittoresca Grotta Azzurra. Tutto l’Argentario è quindi all’interno del Santuario dei Cetacei, area naturale marina protetta di interesse internazionale.

Salva

COSA VEDERE

Attrazioni nell’Argentario

tsl-home56Veduta di Porto Ercole

Località dell'Argentario

ansedoniaANSEDONIA (comune di Orbetello – GR) – villaggio balneare

Situata su un promontorio, è un’apprezzata località turistica. Numerose costruzioni moderne – residence di lusso e ville – caratterizzano l’abitato. Nelle immediate vicinanze c’è il sito archeologico di Cosa, che ha conservato parte della città di epoca etrusca e poi romana. Altrettanto vicina la Tagliata Etrusca, canale scavato nella roccia viva, e l’Oratorio di San Biagio alla Tagliata. L’edificio incorpora i resti di un mausoleo romano con tre absidi. Interessante è anche la Torre della Tagliata, di epoca medievale. Tra la fine del XIX° secolo i primi decenni del XX°, ad Ansedonia soggiornò più volte il noto musicista Giacomo Puccini che qui trovò ispirazione per molte delle sue composizioni, tra le quali la celebre opera Turandot.


fonteblandaFONTEBLANDA  (comune di Orbetello – GR) – villaggio balneare

È una moderna cittadina a forte vocazione turistica, vicina al Golfo di Talamone e lambita dal verde del Parco Regionale della Maremma. Molte le spiagge accoglienti e ben attrezzate tra cui quelle di Bengodi, dell’Osa, della Puntata. Nelle vicinanze ci sono i siti archeologici etruschi di Poggio Talamonaccio.


ISOLA DEL GIGLIO (GR)

L’Isola del Giglio è una tra le più pittoresche isole dell’Arcipelago Toscano e fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. Non a caso è meta di un costante flusso turistico per buona parte dell’anno, essendo divenuta una località balneare di livello internazionale con un attrezzato porto turistico. Tre sono i centri abitati: Giglio Porto, Giglio Castello e Campese. Il perimetro costiero, di soli 28 chilometri, è in larga parte roccioso, ma interrotto da alcune spiagge quali Campese (la più estesa dell’isola), Arenella, Cannelle e Caldane. L’isola è nota anche per i fondali ricchi di pareti, grotte, secche e relitti, che sono punti di immersione per l’attività subacquea. L’isola è raggiungibile in traghetto da Porto Santo Stefano (Comune di Monte Argentario).


villa romana Isola GianutriISOLA GIANNUTRI  (comune di Isola del Giglio – GR)

A forma di mezzaluna, è caratterizzata da costa rocciosa piena di grotte e piccole suggestive insenature. Tutta l’isola è un’area naturale protetta, con una riserva marina lungo buona parte della costa, e fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. La balneazione è consentita solo sulle spiagge ghiaiose di Cala Maestra e Cala Spalmatoio. L’isola è di notevole interesse per ogni tipo di attività subacquea attratta dalle pareti sottomarine ricche di gorgonie, spugne, coralli e tunicati. Attualmente la maggior parte dei fondali sono stati formalmente dichiarati zona protetta, ma l’immersione è consentita in quelli coperti di posidonie. Giannutri è collegata con un servizio di traghetto giornaliero da Porto Santo Stefano.


porto ercolePORTO ERCOLE  (comune di Monte Argentario – GR) – cittadina storica e balneare

Porto Ercole è una pittoresca località il cui nucleo storico è tutto all’interno della cinta muraria. Attraente è la marina su cui si specchiano le case dei pescatori del borgo Le Grotte. Tra gli edifici di rilievo c’è il Palazzo dei Governanti Spagnoli, di origini cinquecentesche e in stile rinascimentale, la Chiesa di Sant’Erasmo, il giardino di Villa Consani, il Faro di Porto Ercole e la possente Rocca Aldobrandesca. Fuori dall’abitato principale numerose fortificazioni come il Forte Santa Caterina, il Forte Filippo, la Torre del Mulinaccio e il suggestivo Forte Stella in stile rinascimentale, collocato lungo la strada panoramica. Nella chiesa parrocchiale è sepolto il noto pittore Caravaggio, che si spense a Cala Galera nel 1610, probabilmente a causa della malaria, che in quel periodo infestava ancora la zona.


monte argentarioPORTO SANTO STEFANO (comune di Monte Argentario – GR) – cittadina storica e balneare

È, al tempo stesso, la sede del Comune di Monte Argentario e un’apprezzata località balneare. Nella Fortezza Spagnola di Porto Santo Stefano sono collocate le mostre permanenti dei “Maestri d’Ascia”, dedicate agli artigiani costruttori di vascelli e imbarcazioni da pesca, e delle “Memorie Sommerse”, che espone i reperti ritrovati sui fondali del Monte Argentario. Sul lungomare c’è invece l’Acquario Mediterraneo della Costa d’Argento. Dal porto un servizio di traghetto giornaliero collega con l’Isola del Giglio e Giannutri


orbetello1ORBETELLO (GR) – cittadina storica

La cittadina sorge nel mezzo della Laguna di Orbetello ed è unita al Monte Argentario da una strada costruita su un terrapieno artificiale denominato “La Diga”, che divide la laguna in due distinti specchi d’acqua. Il territorio è piuttosto variegato; la zona lagunare è delimitata, verso il Mar Tirreno da due tomboli – Tombolo della Feniglia e Tombolo della Giannella – caratterizzati da lunghe spiagge sabbiose, pinete e macchia mediterranea. Tra le attrazioni più significative la Torre Talamonaccio, il Forte delle Saline, il solitario Mulino Spagnolo. Accoglienti e ben attrezzate sono le spiagge, in particolare quelle lungo i tomboli. Le acque della laguna sono ricche di pesce (spigole, orate, muggini e anguille) che viene lavorato direttamente o venduto in molti mercati d’Italia e anche all’estero.


TALAMONE11TALAMONE (comune di Orbetello – GR) – villaggio storico e balneare

Il villaggio sorge su di un promontorio roccioso ricoperto da macchia mediterranea, vegetazione tipica della Maremma. Importanti le attrazioni di Talamone, tra cui la Rocca, la Torre delle Cannelle, la Torre di Talamonaccio, l’Acquario della Laguna, il Mausoleo Vivarelli, la chiesa di Santa Maria Assunta. In tempi recenti la cittadina è diventata un’apprezzata località balneare: le spiagge sono sabbiose, tutte coronate da pinete, caratterizzate da acqua cristallina e adatte a sport acquatici e nautici. Quelle di Cannone, Fertilia e Bagno delle Donne sono rinomate per la limpidezza delle acque e la bellezza dei fondali. Da Talamone si possono effettuare escursioni a quelle spiagge del Parco Regionale della Maremma raggiungibili solo via mare. Nei pressi della cittadina pure è situato l’ingresso più meridionale del Parco: alcuni sentieri permettono di attraversarlo e di salire fin sul crinale dei Monti dell’Uccellina.

Salva

Salva

Riserve naturali

Il Monte Argentario ha assunto importanza regionale per quanto riguarda l’ambiente nel suo complesso. La costa del promontorio fa parte del Santuario dei Cetacei, area naturale marina protetta di interesse internazionale. In tempi recenti maggiore attenzione è stata dedicata alla conservazione degli ambienti rupestri e dell’avifauna per la protezione di numerose piante endemiche e di varie specie rare di uccelli nidificanti nelle falesie. Le coste sono in gran parte rocciose, con morfologia aspra, caratterizzate da elevata diversità floreale e con specie rare. Tra le altre tipologie ambientali rilevanti ci sono gli affioramenti rocciosi, le spiagge, i boschi di latifoglie nelle zone più fresche. I prati calcarei sono ricchi di orchidee.


oasi laguna orbetelloOasi della Laguna di Orbetello 

Zona: Maremma
Tipo: area naturale protetta con laguna, spiagge e dune

L’Oasi è stata istituita nel 1971 per tutelare la zona umida, la cui importanza è stata riconosciuta dalla convenzione internazionale di Ramsar: infatti include la laguna interna più ampia di tutto il Mar Tirreno. La terraferma comprende un tratto del Tombolo della Giannella, comprensivo di spiagge e dune con vegetazione tipica della costa, la Riserva Naturale Laguna di Orbetello di Ponente e la Riserva Naturale di Protezione Duna Feniglia. In tutta la zona svernano e nidificano oltre 250 specie di uccelli migratori e la variegata fauna è anche costituita da specie rare come le anguille di mare e i fenicotteri.


orbetello naturaRiserva Naturale della Laguna di Orbetello

Zona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Giannella
Tipo: area naturale protetta
Centro visite: Casale Gianella

È una striscia sabbiosa lunga 8 chilometri che unisce il Monte Argentario alla terraferma, in prossimità dell’abitato di Albinia. La vegetazione è quella tipica della macchia mediterranea, con abbondanza di cespugli. La fauna più comune è costituita da uccelli rapaci, gufi, istrici, volpi, gabbiani. Nella parte settentrionale della riserva è ubicato il Casale della Giannella, gestito dal WWF Italia a fini didattici e di studio dell’ambiente. È anche sede del Centro di Educazione Ambientale “Aurelio Peccei”. All’interno del Casale c’è infine il centro visite che fornisce materiale didattico e organizza mostre tematiche.

All’interno della Riserva sono stati allestiti tre diversi itinerari:
– sentiero ornitologico, dedicato esclusivamente alla fauna avicola, con un percorso completato da nove punti per l’osservazione degli uccelli
sentiero del Bosco di Patanella, percorso botanico con punti per l’osservazione di esemplari arborei di leccio, sughero, pino d’Aleppo e orchidee.
sentiero escursionistico, il più lungo, che attraversa vari ambienti (tra cui un orto botanico), incluso il cosiddetto “giardino delle farfalle”


riserva duna fenigliaRiserva Naturale di Protezione Duna Feniglia

Zona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Feniglia
Tipo: area naturale protetta

La Riserva è una striscia sabbiosa, lunga circa 6 chilometri e con un’area di 600 ettari, che unisce la località di Porto Ercole, ai piedi del Monte Argentario, con Ansedonia. Conserva intatto l’ecosistema del tombolo (un tipo di bosco costiero ricco di vegetazione mediterranea) che ricopre tutta la porzione di terra e dove sono molto diffusi i pini e le latifoglie. All’interno vivono, in assoluta libertà, numerosi cinghiali, daini, volpi, tassi, faine, puzzole, donnole. Una vera ricchezza faunistica sono i rari esemplari di fenicottero e spatola che vivono nei canneti. Torrette e altri osservatori consentono agevolmente il birdwatching.

laguna orbetelloVari percorsi, adeguatamente segnalati, consentono di effettuare la visita sia a piedi che in bicicletta. Inoltre un c’è anche un percorso fitness. Lungo la fascia prospiciente il mare si allunga una spiaggia di sabbia finissima, con zone frequentate anche da naturisti.

Salva

Salva

COSA FARE

Attività sportive

toscana-sub

Subacquea

È uno degli sport più praticati, dato il numero e la varietà dei punti d’immersione, il modo per raggiungerli, le attrattive naturali o artificiali (relitti) da vedere. Semplice immersione per sub è la Punta Finestra, dove, già alla profondità di 10-15 metri è possibile osservare coralli, gorgonie, margherite di mare, polpi, stelle marine, murene, aragoste, paguri e pesci luna. La pulizia dell’acqua è confermata dalla presenza di ampie zone di posidonie, pianta marina che conferisce stabilità al terreno.

ancoraggi e subPunti d’immersione nell’Argentario

Cala Grande:  42°25′50.11″N 11°5′9.15″E
Argentarola:  42°25′9.75″N 11°4′51.99″E
Scoglio del Corallo:  42°24′3.60″N 11°5′28.81″E
Punta Finestra:  42°21′49.60″N 11°10′42.63″E
Cala dei Santi:  42°21′57.05″N 11°11′25.29″E
Grotta Azzurra:  42°22′14.94″N 11°11′22.84″E
Punta Naso di Papa:  42°21′45.53″N 11°11′9.52″E
Punta Avoltore:  42°21′48.21″N 11°11′27.28″E
Scoglio sommerso:  42°21′48.02″N 11°10′47.99″E
Secca di capo d’uomo:  42°23′32.92″N 11°5′48.88″E
Punta del Bove:  42°24′40.12″N 11°5′26.95″E
Cacciarella (statua del Cristo):  42°26′24.93″N 11°5′46.07″E
Secca di Mezzo Canale:  42°19′51.22″N 11°5′39.63″E

 

Punti di immersione all’Isola del Giglio        Piantina Immersioni

Punta del Fenaio
Le Scole
Cala Cupa
Scoglio della Cappa
Secca della Croce
Punta Capel Rosso

     


gianutri isolaPunti di immersione all’Isola Giannutri

Punta Secca
Punta di San Francesco
Punta Pennello
Punta del Calettino
Parete di Cala Brigantina
Gli Archetti

Salva

Vela e pesca sportiva

giro barca

Il tratto di mare antistante il Monte Argentario è apprezzato a livello internazionale per la pratica della vela. Da citare, tra le regate più importanti, Pasquavela e Sailing Week, entrambe organizzate dallo Yacht Club di Porto Santo Stefano. Anche la pesca sportiva su imbarcazioni è diffusa lungo tutta la costa dell’Argentario.

Salva

Trekking

trekking1Gli appassionati di trekking hanno a disposizione molti sentieri che dal mare salgono, attraverso una rigogliosa macchia mediterranea, fino ai 635 metri di Punta Telegrafo, il punto più alto del Monte Argentario, godendo di notevoli panorami lungo tutto il percorso.

Salva

Ciclismo

ciclismoGli appassionati di mountain bike hanno a disposizione molti tracciati che dal mare salgono, attraverso una rigogliosa macchia mediterranea, fino ai 635 metri di Punta Telegrafo, il punto più alto del Monte Argentario, accompagnati da notevoli panorami lungo tutto il percorso. Ogni anno, in un fine settimana compreso nel periodo tra i mesi di marzo e aprile, si svolge la Gran Fondo dell’Argentario di MTB.
Salva

Free Climbing

arrampicataLe due falesie di Capo d’Uomo e Canne d’Organo sono eccellenti pareti dove praticare l’arrampicata libera.

Salva

Golf

golf

Gli appassionati di questo sport hanno a disposizione un’ottima struttura in località Le Piane, l’Argentario Golf Club. Sono 77 ettari di terreno con un campo da campionato da 18 buche situato in un panoramico anfiteatro naturale circondato da ulivi e macchia mediterranea.

Salva

Eventi nell'Argentario

palio marinaroPalio Marinaro  (Porto S. Stefano, 15 agosto) I quattro rioni della cittadina si affrontano in una gara di voga con barche a remi nelle acque del porto. Gli equipaggi sono tutti composti da un timoniere più quattro vogatori, che devono percorrere 10 volte la distanza di 400 metri in 25 minuti.

Sagra dell’Anguilla (Orbetello, mese di agosto) sagra culinaria dedicata all’anguilla, tipico pesce della laguna.

Festival delle Crociere (Orbetello) rassegna estiva di teatro d’autore, danza, musica e comicità che si svolge nel parco dell’ex idroscalo.

corsa barchiniProcessione in onore del Santo Patrono (Porto S. Stefano, 3 agosto e 15 agosto) festa religiosa con regata di barche a remi.

Processione del Cristo Risorto (Porto S.Stefano, Pasqua) alle prime luci dell’alba solenne benedizione del mare al suono delle sirene delle barche in porto.

Pasquavela (Porto S.Stefano, periodo di Pasqua) regata velica organizzata dallo Yacht Club.

Feste del Patrono S. Erasmo (2 giugno) solenne processione in mare con luminaria e fuochi d’artificio.

Sagra della Ficamaschia (Porto S.Stefano, seconda e terza settimana di agosto) manifestazione enogastronomica con degustazione di piatti tipici locali a base di pesce.

Salva

ITINERARI

Percorsi nell’Argentario

tsl-home451

Sentieri di trekking

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il GAT-Gruppo Argentario Trekking è, probabilmente, il gruppo di appassionati che con maggiore dovizia ha riscoperto o creato tracciati nel Monte Argentario adatti al trekking e alle semplici escursioni a piedi. È infatti un’associazione che riunisce gli amanti della natura e delle escursioni e che intende far conoscere, valorizzare e tutelare il pittoresco promontorio. Al di là dei soci sono moltissime le persone che ogni giorno percorrono strade e sentieri alla scoperta di scorci nascosti.

Il GAT ha recuperato, messi in sicurezza e adeguatamente segnalati quasi una trentina di itinerari di lunghezza e difficoltà differenti che, in pratica, coprono ogni angolo del pittoresco promontorio. Alcuni sono ad anello, altri sono adatti anche alle mountain bike. La cartina di tutti i percorsi preparata dal GAT è disponibile, gratuitamente, presso tutti gli Uffici Turistici di Monte Argentario.

Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito <www.trekkingargentario.it> o contattare la segreteria tramite l’email andrealoffr@tiscali.it

Escursioni consigliate

Per chi vuole veramente scegliere in piena autonomia un percorso consigliamo tre itinerari che consentono di avvicinarsi ad altrettanti aspetti dell’Argentario.

Torre di Capo d’Uomo

L’inizio del percorso è la via Panoramica, in prossimità di Porto Santo Stefano: dal bivio per Porto Ercole si prosegue per circa 1 chilometro verso questa direzione. Il sentiero inizia sulla destra, segnalato da un leccio, sale dolcemente e progressivamente in mezzo alla macchia mediterranea. Sono necessari 40 minuti fino raggiungere i 360 metri sul livello del mare della torre di Capo d’Uomo. Da qui si vedono le isole dell’Arcipelago Toscano, il ParcoRegionale della Maremma, la Laguna di Orbetello e il Monte Amiata.

Torre dell’Argentiera

Il percorso inizia anch’esso da Porto Santo Stefano: la strada sterrata si imbocca girando a destra al bivio di Pozzarello. Il sentiero s’inoltra tra le vigne e la tipica macchia mediterranea e quindi sale più in alto. Il punto di arrivo è una torre medievale recentemente restaurata. Da qui si può ammirare il paesaggio delle pianure maremmane nell’entroterra e, ovviamente, delle isole dell’Arcipelago Toscano.

I forti spagnoli di Porto Ercole

È un percorso a forte connotazione storica. Inizia infatti nel porto di Cala Galera e tocca i forti di epoca spagnola: Santa Caterina, Forte Filippo e Torre del Mulinaccio. Furono tutti costruiti tra il 1500 e il 1700, quando il territorio apparteneva allo Stato dei Presìdi. Lungo il percorso si può ammirare il Tombolo della Feniglia e la cittadina di Porto Ercole, verso a cui si rientra alla fine dell’escursione.

CURIOSITA'

Film

film ulisseL’Argentario è stato frequentemente scelto come location ideale per le riprese degli esterni sia dal cinema che dalla televisione. Per le bellezze naturali il promontorio è stato spesso lo scenario di molteplici produzioni italiane e internazionali, dai film d’azione alla classica commedia all’italiana. Tra i film più noti: Ulisse di Mario Camerini, girato nel 1954, protagonisti Silvana Mangano e Kirk Douglas, La mina di Giuseppe Bennati, girato nel 1958, Spasmo, film thriller del 1974 di Umberto Lenzi, Mi faccio la barca di Sergio Corbucci, del 1980, classica commedia all’italiana, Il talento di Mr. Ripley, girato nel 1999 da Anthony Minghella, L’estate del mio primo bacio, realizzato nel 2006 da Carlo Virzì, Il cantico di Maddalena, film biografico sulla vita di Maria Maddalena dell’Incarnazione (nata nel 1770 a Porto Santo Stefano) realizzato nel 2011 da Mauro Campiotti.

GASTRONOMIA

Piatti tipici

caldaroLa cucina tipica dell’Argentario si basa principalmente sul pesce, in particolare i prodotti ittici allevati nella laguna di Orbetello (spigole, orate, cefali, anguille). Tra quelli tradizionali più utilizzati c’è un pesce locale, semplice ma saporito, denominato “fica maschia”, che viene utilizzato principalmente essiccato. Alla preparazione delle specialità locali contribuiscono anche i prodotti agricoli provenienti dalle zone terrazzate del promontorio.

 

I piatti tipici dell’Argentario sono:

– Caldaro, una zuppa di pesce tipica della zona
– Scaveccio, pesce povero fritto e poi conservato sottaceto
– Tonnina, filetti di tonno salati ed essiccati.

Tra i vini dell’Argentario spiccano il DOC Ansonica Costa dell’Argentario e il Riminese.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire nell’Argentario

Country Resort Le Due Ruote

Grosseto (GR)
Resort agrituristico

Trasporti

argentario

Porti e approdi marittimi

porto ercole2Porto del Valle a Porto Santo Stefano – collegamenti con traghetto per l’Isola del Giglio e l’Isola Giannutri.

Porto Vecchio a Porto Santo Stefano –  approdo turistico.

Porto di Santa Liberata –  piccolo ormeggio lungo il canale che separa l’Argentario dal tombolo della Giannella.

Porto di Cala Galera a Porto Ercole –  moderno e rinomato approdo turistico.

Porto Vecchio di Porto Ercole – antico porto, originariamente di pescatori, in seguito divenuto ormeggio turistico.

Salva