Scegli cosa vedere e fare a Colle di Val d’Elsa

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termo-_carmignano

Colle di Val d’Elsa, città del cristallo e del vetro

Colle_di_Val_d'Elsa-StemmaColle di Val d’Elsa è situata nel cuore della Toscana, in una posizione geograficamente favorevole, circa a metà strada tra Siena e Firenze e non lontana da Volterra Inoltre è anche sul tracciato della via Francigena (o Romea). Colle di Val d’Elsa è anche una delle Città del Vino, riconoscimento ottenuto per la qualità dei vini DOC prodotti nel territorio. Importanti anche le attività legate alla produzione di oggetti artigianali in cristallo e in vetro, questi ultimi essenzialmente per uso domestico.

ZONA Val d'Elsa
TIPO cittadina di origine medievale
ALTITUDINE 141 metri s.l.m.
PRODOTTI vino, cristallo
SPORT trekking escursionistico, ciclismo, equitazione
CONFINI Casole d'Elsa (SI), Monteriggioni (SI), Poggibonsi (SI), San Gimignano (SI), Volterra (PI)

<center<

colle valdelsa mapInformazioni Turistichesiena mapp

Comune di Colle Val d’Elsa
Via F. Campana, 18 – 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 0577 912111
www.comune.collevaldelsa.it

COSA VEDERE

Chiese

Duomo di Colle Val d’Elsa

Duomo

duomo colle valdelsaZona: Val d’Elsa
Tipo: 
cattedrale (XII°-XIX° secolo)
Indirizzo:
Via della Misericordia

Costruito nel XII° secolo, in quello successivo fu elevato a pieve e ospitava una consistente comunità di canonici che seguivano la regola di San Pietro. Il complesso comprendeva la chiesa, la casa canonica e il chiostro. Tra il XIV° e il XV° secolo vennero eseguiti vari interventi. Nel 1592 l’edificio fu elevato al rango di cattedrale. La vecchia torre campanaria fu abbattuta nel 1623 e ricostruita subito dopo (ma mai completata) su progetto dell’architetto Renieri. La facciata, rimasta per lungo tempo senza ornamenti, fu completata nel 1833 su progetto di Agostino Fantastici. All’interno della cattedrale, dentro un tabernacolo opera di Mino da Fiesole, si conserva uno dei chiodi della crocifissione di Cristo, secondo la tradizione quello che trafisse il piede sinistro. La reliquia, recuperata da Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, e portata dalla Palestina in Italia nel 326, giunse a Colle nel IX° secolo. Il chiodo, venerato nel corso dei secoli, viene portato in solenne processione una volta all’anno.

Chiesa di Santa Maria in Canonica

santa maria in canonincaZona: Val d’Elsa
Tipo: chiesa romanica (XIII° secolo)
Indirizzo: Via delle Romite

La chiesa è citata già nel 1183. Nell’edificio sono evidenti varie fasi costruttive, ma l’aspetto attuale fu consolidato nel XIII° secolo. Nel 1225 venne fusa una campana per l’adiacente campanile, adattamento di una torre più antica. Essendo inserita all’interno del castello, la chiesa godette di buone rendite. La situazione economica migliorò ancora nel corso del XIV° secolo, periodo in cui ricevette varie donazioni testamentarie che furono usate per realizzare modifiche architettoniche. Nel corso del XV° secolo divenne anche l’oratorio del comune e vi fu collocata la campana “La Martinella”, fusa nel 1351 e conquistata nel corso di una battaglia contro Siena. All’interno ci sono pregevoli affreschi del XV° secolo quali Madonna col Bambino e i santi Giovanni Battista, Lorenzo, Marco e Nicola di Pier Francesco Fiorentino.

Convento di San Francesco

convento san francescoZona: Val d’Elsa
Tipo: chiesa (XIV°-XV° secolo)
Indirizzo: Via San Francesco, 4
Tel.: +39 0577 920040

Nel 1229 fu concesso al frate francescano Pietro Gargalini, poi beatificato, il permesso di costruire un oratorio. Si tratta quindi di uno dei primi insediamenti francescani in Toscana. Lo stile rispettava i canoni dell’ordine monastico, che prediligeva chiese essenziali e severe, con pareti spoglie e tetto a vista. Nel 1338 fu ultimata la costruzione del ponte, a nove arcate, per collegare il convento all’abitato. Danneggiata durante l’assedio del 1479, la chiesa fu ricostruita nel 1485. Il ciclo pittorico presente sulle pareti fu, nel corso del tempo, coperto da imbiancature.

Risale al 1740 il monumento funebre del musicista ed organista del convento Antonio Giacobbi. Nel periodo dal 1767 al 1809 il convento fu anche ospedale pubblico e il chiostro fu utilizzato per sepolture. La destinazione a Seminario Vescovile risale al 1940. L’ultimo restauro, avvenuto nel 1992, ha consentito di riscoprire parte degli originari affreschi attribuibili a Cennino Cennini, a Giovanni Maria Tolosani e a Pier Francesco Fiorentino.

Santuario di Santa Maria delle Grazie

santa maria delle grazie1Zona: Val di Chiana
Tipo: chiesa-santuario (XV° secolo)
Indirizzo: Via Volterrana, 55

In origine il santuario fu un oratorio fatto costruire dai fratelli Jacopo e Luparello Luci nel XV° secolo. Nel 1501 l’edificio fu ampliato e trasformato in convento. Fino al 1570 ospitò l’ordine mendicante degli Amedeisti (Minori Osservanti di San Francesco). Quindi, fino al 1783, anno delle soppressioni decretate dal Granduca di Toscana Leopoldo, ai frati agostiniani. All’interno c’è un ciclo di affreschi di scuola fiorentina del XVI° secolo.

Monumenti e luoghi da visitare

colle arnolfoCasa-torre di Arnolfo di Cambio

Casa-torre di Arnolfo di Cambio

Zcasa arnolfo di cambioona: Val d’Elsa
Tipo: casa-torre (XIII° secolo)
Indirizzo: Via del Castello 63

È una delle poche torri delle tante che esistevano nella cittadina. Nel 1245 vi nacque il famoso scultore e architetto Arnolfo di Cambio, che però svolse gran parte della sua carriera artistica a Firenze. La torre è stata recentemente restaurata e gli spazi interni sono stati abbelliti con affreschi del pittore Gino Terreni che ha voluto raffigurare anche alcune scene della battaglia del 1269.

Palazzo del Podestà

Zona: Val d’Elsa
Tipo: edificio storico (XIV° secolo)
Indirizzo: Piazza del Duomo, 42

Sulla facciata grezza ci sono numerosi stemmi, in ceramica e pietra, dei podestà e governatori che si sono succeduti nel tempo. Nel corso degli anni più recenti il palazzo è stato adibito a vari usi: da sede di uffici amministrativi, a Pretura (con annesso carcere), ad abitazioni. Le carceri, in funzione fino agli anni ’20 del XX° secolo, sono situate al piano terra e conservano ancora lo scarso arredo originario. Attualmente nel palazzo hanno sede il Museo Archeologico e  l’Antiquarium Etrusco “Ranuccio Bianchi Bandinelli”.

Palazzo Campana

palazzo campanaZona: Val d’Elsa
Tipo: dimora storica (XVI° secolo)

Affacciato sul ponte che ha sostituito l’originale ponte levatoio del borgo, è un bell’esempio di architettura manierista toscana del XVI° secolo. Fu costruito nel 1536 su progetto di Giuliano di Baccio d’Agnolo.

Terme

Le Caldane

le caldane1Zona: Val d’Elsa
Comune: Colle Val d’Elsa (SI) – località Gracciano
Tipo: stabilimento termale (XIII°-XV° secolo)

Conosciute fin dall’epoca etrusco-romana, Le Caldane sono sorgenti di acqua tiepida con proprietà terapeutiche. L’acqua, limpida e ricca di sali minerali, con proprietà purgative, è usata per trattamenti terapeutici contro varie affezioni, tra cui le eruzioni cutanee. Le terme furono distrutte dalle milizie di Siena nel 1260, ma parzialmente ricostruite intorno alla metà del XV° secolo. Lo stabilimento, tutt’ora in funzione, si trova all’interno del Parco Fluviale Alta Val d’Elsa.

Riserve naturali

Parco Fluviale Alta Val d'Elsa

Zona: Val d’Elsa
Tipo: area naturale protetta con sorgente termale e canali
Indirizzo: Via F. Campana, 18
Tel.: +39 0577 912111

L’area naturale protetta è stata istituita sia per il valore paesaggistico e storico che per quello naturalistico ed ambientale. L’area tutelata comprende il percorso del fiume Elsa e la sorgente termale denominata Le Caldane. Il percorso nel parco inizia dalla “Steccaia” – una sorta di sbarramento per trattenere l’acqua del fiume e deviarla grazie ad un sistema di chiuse mobili – e il “Callone Reale”. Entrambe sono opere di ingegneria idraulica utilizzate, almeno fin dall’XI° secolo, per convogliare le acque del fiume nelle ”gore”, un sistema di canali artificiali per portare l’acqua verso la città. Il sistema idraulico originale fu oggetto di un restauro, voluto dal Granduca di Toscana Ferdinando I° Medici, nel corso del XVII° secolo. Subito dopo la “Steccaia” si trova il “Diborrato”, dove le acque dell’Elsa effettuano un brusco salto creando una cascata e formando una sorta di piccolo lago. Intorno c’è la “Grotta dell’Orso”, la “Conchina”, il “Masso Bianco”, la “Nicchia” e la “Spianata dei Falchi”. Lungo il percorso, accompagnato da cartellonistica esplicativa, ci sono anche diversi attraversamenti del fiume.

Cascata di Dioborrato

Zona: Val d’Elsa
Tipo: cascata
Indirizzo: località Graciano – Colle Van d’Elsa

Il fiume Elsa è lungo 63 Km. Nasce nei dintorni di Siena e si snoda tra le campagne toscane fino ad arrivare quasi a Pisa. Il suo primo tratto del fiume, chiamato Elsa Morta, chiamato così perché, alimentato principalmente da acque piovane, ha un flusso irregolare durante l’anno, si trova in località Gracciano nel comune di Colle Val d’Elsa. In questo punto, si incontra le acque tiepide delle Caldane, conosciute per le proprietà terapeutiche, e con quelle del fiumicello Vene, che un tempo servivano ad alimentare i mulini della zona. Da qui in poi, il fiume Elsa diventa Elsa Viva.

Di particolare, nella località di Gracciano, inizia l’area protetta del Parco Fluviale dell’Alta Valdelsa. Propriamente in questa località il fiume passa sotto un ponte e poco dopo fa un grande salto creando una imponente cascata, chiamata cascata del Dioborrato, che forma un piccolo lago profondo 10 metri. Di veramente interessante è il colore delle acque che diventano turchesi per un lungo tratto.

All’interno del parco, c’è un percorso di almeno 4km che va dal ponte di San Marziale al ponte di Spugna, chiamato Sentierelsa che rende l’esplorazione della zona veramente molto piacevole. È un percorso di circa 3 ore andata e ritorno facile di percorrere. Tra scale, ponticelli tibetani e cartelli esplicativi sulla flora e la fauna della zona il Sentierelsa si presta molto bene ad una giornata con i bambini, dove si può fermare un pic-nic oppure fare bagno nelle piscine naturale formate dal fiume.

COME ARRIVARE

Per arrivare sul tratto del fiume Elsa Viva lungo il Sentierelsa basta prendere il raccordo Firenze-Siena e uscire a Colle Val d’Elsa e proseguite fino alla località di Gracciano dove ci sono le segnalazioni per il Parco Fluviale dell’Alta Valdelsa. Al Ponte di San Marziale si può parcheggiare e poi scendere verso le indicazioni Sentierelsa.

ARTE E MUSEI

Musei di Colle di Val d’Elsa

Museo del Vetro

Museo Archeologico di Colle Val d'Elsa

museo archeologicoZona: Val d’Elsa
Tipo: 
museo archeologico
Indirizzo:
Piazza del Duomo, 42
Tel.:
+39 0577 922954
Email: info@museocolle.it
Sito:
www.museocolle.it
Orari:
estivo da martedì a venerdì 10.30-12.30 e 16.30-19.30; sabato, domenica e festivi 10.30-12.30 e 15.00- 19.30; invernale da martedì a venerdì 15.30-17.30; sabato, domenica e festivi 10.30-12.30 e 15.00-18.30: chiuso lunedì
Ingresso: 
€uro 4,00 intero, € 2,00 ridotto

Il museo è ubicato all’interno del Palazzo del Podestà, dove ha sede anche l’Antiquarium Etrusco “Ranuccio Bianchi Bandinelli”. Oltre a vasi e oggetti etruschi provenienti da alcune tombe rinvenute nel territorio, di particolare interesse sono i resti di una giovane donna – denominata “Ragazza delle Porciglia” – con ancora indosso un orecchino d’oro. C’è poi la ricostruzione di una tomba eneolitica a grotticella risalente al IV° millennio a.C.

Museo Civico e d'Arte Sacra

museo arte sacraZona: Val d’Elsa
Tipo: 
museo di arte sacra
Indirizzo:
Via del Castello, 33
Tel.:
+39 0577 923095
Orari:
da maggio a settembre nei giorni da martedì a domenica 10.30-12.30 e 16.30-19.30; da ottobre ad aprile nei giorni da martedì a venerdì 15.30-17.30, festivi e prefestivi 10.30-12.30 e 15.30-18.30; chiuso lunedì
Ingresso:
 intero €uro 3,00, ridotto € 2,00

La maggior parte delle opere d’arte e di oggetti religiosi esposti risalgono ai secoli XVII° e XVIII°. Di assoluta importanza è il cosiddetto “Tesoro di Galognano”: si tratta di un rarissimo corredo eucaristico in argento, formato da quattro calici, una patena e un cucchiaio, che testimonia l’esistenza di una comunità cristiana di etnia ostrogota nel VI° secolo d.C.

Museo San Pietro

Zona: Val d’Elsa
Tipo: 
museo d’arte
Indirizzo:
Conservatorio San Pietro
Tel.:

Orari:
 
Ingresso:

Dopo una programmazione durata quasi venti anni è stato aperto nel marzo 2017. È ubicato all’interno di uno storico conservatorio e suddiviso su due livelli. Sono esposte circa 200 opere, per la maggior parte proprietà della curia vescovile, in parte provenienti dal Museo Civico, in parte dalla collezione del conservatorio stesso, in parte dal concittadino e scrittore Romano Bilenchi, in parte dal pittore Walter Fusi.

Museo del Cristallo

Zona: Val d’Elsa
Tipo: 
museo industriale e di artigianato
Indirizzo: 
Via dei Fossi, 33
Tel.:
+39 0577 924135
Sito: www.cristallo.org
Orari:
invernale da martedì a venerdì 15.30-17.30, sabato domenica e festivi 10.30-12.30 e 15.00-18.30; estivo da martedì a domenica 10.30-12.30 e 16.30-19.30; chiuso lunedì

È stato realizzato inglobando la ciminiera dell’ex-vetreria “Boschi”. La zona d’ingresso, realizzata in cristallo, permette di osservare la parte sotterranea. L’esposizione illustra la storia della produzione del cristallo, iniziando con alcuni reperti di età medievale, seguiti dalle origini della produzione vetraria nel XIV° secolo. Quindi è ampiamente documentato il ruolo delle fabbriche impiantate nel XIX° secolo. Inoltre le varie realizzazioni di cui l’industria locale si vanta: produzione di vetri per l’ottica e di vetro dicroico, invenzione di un nuovo sistema di produzione mediante “semiforme”, fino alle sperimentazioni per la realizzazione del cristallo al piombo (1963) e alla moderna produzione di oggetti di design. Nel piano inferiore sono esposti antichi macchinari usati per la lavorazione: pressa in ghisa, forno per la fusione, stampi e attrezzi vari.

Siti archeologici

Necropoli di Dometaia

Zona: Val d’Elsa
Comune: Colle Val d’Elsa (SI) – località Dometaia
Tipo: necropoli etrusca (VI° secolo a.C.)
Tel.: +39 0577 922954
Email: musarcolle@gmail.com
Orari: da maggio a settembre sabato, domenica e festivi 16.30-19.30; ottobre 16.30-18.30; visite su richiesta negli altri periodi dell’anno
Ingresso: gratuito

Ubicata nei pressi della località Dometaia, la necropoli etrusca è stata oggetto di più attenti scavi e di una notevole opera di ripulitura e sistemazione. Un’ulteriore tomba è stata poi scoperta nel 1994 e, al suo interno, sono stati recuperati frammenti di interessanti vasi. Fanno parte dell’area archeologica cinque grandi ipogei gentilizi, risalenti al VI° secolo a.C., dotati di un vestibolo centrale e di camere con sedute. Le altre tombe, sicuramente non destinate a nobili, sono a pianta quadrata o circolare.

ARTIGIANATO ARTISTICO

Cristallo

colle21Tra i prodotti non alimentari niente è più tipico e tradizionale del cristallo di Colle Val d’Elsa. I primi documenti che attestano la produzione di oggetti in vetro risalgono al 1331. All’inizio il prodotto era di colore verdastro a causa delle impurità presenti nelle materie prime. Quando fu sviluppato un sistema di renderlo trasparente, fu denominato “cristallo” per la somiglianza alla trasparenza del cristallo di rocca, una pietra pregiata per caratteristiche e bellezza. Più recentemente fu scoperto che l’aggiunta di ossido di piombo aumentava l’effetto di brillantezza, avvicinando il vetro alle proprietà ottiche del diamante. La tradizione della produzione di cristallo è proseguita fino ai giorni nostri. A Colle di Val d’Elsa si produce il 95% di tutto il cristallo italiano e il 15% di tutto il cristallo del mondo, con un numero di oggetti di grande valore, bellezza e varietà, da calici a bottiglie, da ampolle a saliere e vasi.

Aziende di produzione di cristallo - visita guidata e vendita

Cristallo Colle – Arte e Colori

Indirizzo: Piazza Canonica, 6 – centro storico Colle di Val d’Elsa
Tel.:
+39 0577 920458
Email: cristallocolle@gmail.com
Prodotti:
bicchieri, vasi  – lavorazione artigianale 

Cristalleria Ceramica Artigiana CCA
Indirizzo: Via Castello, 40
Tel.: +39 0577 959666
Prodotti: bicchieri, vasi

Arnolfo di Cambio
Indirizzo: località Pian dell’Olmino 81
tel. +39 0577 928279

ColleVilca
Indirizzo: località San Marizale 24
tel. +39 0577 929188
Orari: show room 8.30-12 / 14-17.30
visita lavorazione su prenotazione

Duccio di Segna
Indirizzo: località Pian dell’Olmino
tel. +39 0577 929656.
Orari: lavorazione lunedì-sabato 9.00-12.00
show room lunedì-sabato 9.00-12.30 / lunedì-venerdì 14.30-19.30

Bandinelli Giuliano
Indirzzo: Via del Murolungo, 20
tel. +39 0577 931879
Orari: visita 10.30-13.00 e 15.00-20.00

Cigni Boreno
Indirizzo: Vicolo delle Fontanelle
tel. +39 0577 920326
visita con prenotazione

La Moleria Gelli
Indirizzo: Via Masson
tel. +39 0577 922024
visita con prenotazione

Cucini Franco
Indirizzo: Via Gramsci, 13a
tel. +39 0577 922497
Orari: visita con prenotazione 8.00-13.00 e 14.30-20.00

Grassini Loreno
indirizzo: Viale di Spugna 124
tel. +39 0577 922734
Orari: visita 9.30-13.00

Emmeci
Indirizzo: via F.lli Bandiera
tel. +39 0577 929216
Orari: visita con prenotazione 8.00-13.00 e 14.30-20

Ser Cristallo di Barone Pasquale
Indirizzo: località S.Marziale
tel. +39 0577 -928756
Orari: showroom 8,00-12.00 e 14.00-17.30

Artisti e Artigiani

Interno di uno studio artigiano

Eva Munarin - ceramiche artigianali

IMG_3195Indirizzo: Piazza Bartolomeo Scala, 8 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 339 3600116
E-mail: info@evamunarin.it
Sito: www.evamunarin.it
Servizi: corsi di ceramica

Eva Munarin è una ceramista contemporanea specializzata nella tecnica della maiolica. Le sue opere – originali, uniche e tutte realizzate a mano – sono ispirate ai gradevoli colori e paesaggi della Toscana. Eva Munarin organizza lezioni di ceramica per privati e gruppi.

 

Manufactum ceramiche

Indirizzo: Via del Castello,32 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 0577 922400  / +39 338 2641568
Email: info@manifactm.it
Sito: www.manufactm.it
Prodotti: vendita e organizzazione di corsi di ceramica

Sensi Arte - Art Gallery

Indirizzo: Via Gracco del Secco, 66 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 0577 1981483  / +39 333 9091367
Email: sensiarte@sensiarte.it
Sito: www.sensiarte.it
Prodotti: galleria d’arte

Artigianato Orafo

Indirizzo: Via Gracco del Secco, 66 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Prodotti: creazione di gioielli artigianali

Lorella Capezzuoli - Tessitura a mano

Indirizzo: Via del Castello – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 347 9739194
Prodotti: tessitura a mano

Laboratorio d'Arte - pittura e ceramica

Indirizzo: Via del Castello – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 338 8693689
Prodotti: pittura e maiolica

COSA FARE

Eventi a Colle di Val d’Elsa

colle arteArte all’Arte

Festa patronale di San Marziale

festa san marzialeTipo: religioso
Periodo: 1° luglio

La festa rievoca il miracolo di San Marziale. Nel III° secolo, Marziale, all’epoca vescovo di Limoges (Francia), si trovava proprio a Gracciano dell’Elsa, durante il ritorno da Roma. All’improvviso un suo compagno, di nome Austricliniano, morì. La leggenda racconta che Marziale avrebbe resuscitato l’amico. Oltre alle celebrazioni religiose, durante l’evento è possibilie degustare prodotti locali negli stand gastronomici e osservare l’abilità dei “madonnari”. Completano la rievocazione una corsa ciclistica, una competizione tra imbarcazioni sul fiume Elsa e lo spettacolo pirotecnico.

Cristallo tra le mura

cristallo tra le muraTipo: artigianato
Periodo: settembre

Durante la manifestazione, che si svolge nel centro storico, si possono osservare dimostrazioni pratiche di lavorazione a caldo e a freddo del cristallo, intaglio, molatura, incisione, incisione su stampi, lavorazioni orafe; inoltre esposizione di pezzi artigianali, mostre e proiezioni tematiche, degustazione comparata di vini.

Motocavalcata Colle Val d'Elsa-Follonica

motocavalcataÈ una delle più importanti manifestazioni motociclistiche italiane e si svolge su di un impegnativo percorso stradale, da Colle Val d’Elsa a Follonica. La manifestazione è organizzata dal locale moto club e richiama ogni anno migliaia di appassionati.

CULTURA

Storia

Palazzo Comunale

Fedele sentinella di Firenze

IMG_1427

L’abitato si costituì tramite la fusione di tre borghi autonomi: il Borgo di Santa Caterina, il Castello di Piticciano e il Piano. Il Castello di Piticciano e il borgo di Spugna erano entrambi in posizione strategica perché posti a controllo della via Volterrana sul fiume Elsa. I primi documenti dove si nomina Colle di Val d’Elsa, risalgono al X° secolo, ma solo dalla fine del XII° la cittadina acquistò autonomia e identità politica. Il fatto di essere situata sulla via Francigena (o Romea) contribuì pure alla crescita demografica ed economica. Le gore, canali artificiali (tuttora esistenti) alimentati dalle acque del fiume Elsa, fornivano energia motrice ai mulini, alle numerose cartiere e alle altre attività manifatturiere che si svilupperanno nei due secoli seguenti. In questa fase la cittadina fu suo malgrado teatro di frequenti episodi bellici. Tra i più famosi la battaglia del 1269 che vide contrapposte le milizie di Carlo d’Angiò e un contingente fiorentino da una parte e dall’altra quelle di Siena, rinforzate da vari alleati di parte ghibellina. L’episodio portò prima a gravi distruzioni del territorio e dell’abitato, poi a nuovi potenziamenti delle fortificazioni. Ma nel Medio Evo la vita del borgo sarà ancora turbata dalle tensioni tra guelfi e ghibellini.

L’epidemia di “peste nera” del 1348 causò un forte decremento demografico ma anche una sorta di rivoluzione nell’economia della cittadina. Emerse un nuovo ceto mercantile che assunse la gestione dei mulini ed intraprese nuove attività: principalmente la lavorazione della lana e la produzione di armi e di carta. Quest’ultimo prodotto acquistò molta importanza: già a partire dal XV° secolo si stampavano libri di ogni genere. Nel 1479 la cittadina subì l’assedio delle truppe aragonesi (provenienti dal Regno di Napoli) consentendo però a Firenze di approntare adeguate difese. Due anni dopo Colle ritornò sotto la protezione dell’alleato e il riconoscimento non tardò: Firenze estese la propria cittadinanza a tutti gli abitanti, deliberò notevoli riduzioni fiscali e l’esenzione dalle gabelle per i manufatti prodotti localmente. Ma, a seguito delle distruzioni dell’assedio, l’attività di stampa subì una brusca interruzione (si riprenderà solo verso la fine del XVIII° secolo) mentre la produzione della carta riprenderà velocemente.

colle valdelsa1Nel corso del XVI° secolo, la cittadina gravitò ancora nell’orbita di Firenze, acquistando però sempre maggiore autonomia. In quest’epoca la carta fu progressivamente soppiantata dalle nuove industrie del ferro e del vetro. Sarà soprattutto la produzione del vetro prima e del cristallo poi, a caratterizzare l’attività industriale di Colle di Val d’Elsa. Nel 1820, per iniziativa del francese François Mathis, nacque la prima vetreria dell’epoca moderna. Colle diventò quindi uno dei maggiori centri industriali della Toscana e, nel XIX° secolo, fu definita “la Boemia d’Italia”.

Tra i personaggi rinomati, a Colle val d’Elsa sono nati Arnolfo di Cambio, scultore e architetto molto attivo in Firenze, e, in tempi più moderni, il pittore Mino Maccari e lo scrittore Romano Bilenchi.

Curiosità

drago esperidiNella nuova zona residenziale di Agrestone c’è un parco di sculture realizzate da Mauro Berrettini: tra le varie opere esposte spicca il Drago delle Esperidi, lungo ben 16 metri.

GASTRONOMIA

Prodotti tipici

Salumi di cinta senese

cinta seneseLa Cinta Senese è l’unica delle razze suine toscane sopravvissuta all’estinzione. Oggi, come un tempo, viene allevata in libertà, nutrendosi perlopiù di erba e ghiande. Un elemento importante caratterizza questa particolare razza suina: la carne è venata di grasso in modo omogeneo, mentre in altre varietà suine la parte magra e quella grassa sono nettamente separate. Per questo è straordinariamente saporita e profumata. Con la cinta senese si preparano gustosi salumi. Nel 2000 è stato costituito il Consorzio di Tutela della Cinta Senese.

Prosciutto

Il prosciutto ottenuto esclusivamente da Cinta Senese, ha carne di colore rosso vivo e bassa percentuale di grasso. Dopo la rifilatura, il prosciutto viene sottoposto a salatura su assi di legno ed esposto a riposare in cella frigorifera e poi pepato.

Salame di Colle Val d’Elsa

È un insaccato stagionato di carne suina e spezie, di consistenza compatta, colore rosso scuro, profumo e sapore molto intensi. La stagionatura dura dai 20 giorni ai 12 mesi, a seconda delle dimensioni del salame.

Gota

È un prodotto tipicamente locale. Dopo la rifilatura, le guance del maiale, dette “gote”, vengono disposte su assi di legno e quindi salate e pepate. Per la stagionatura, il guanciale viene appeso all’interno di appositi locali.

buristo1Buristo

Ha forma cilindrica allungata, colore scuro e consistenza morbida. Il sangue di maiale viene impastato insieme a cubetti di grasso, acqua, spezie, sale, pepe e, a volte, cannella e mollica di pane. L’impasto viene inserito in budello di maiale, cotto in acqua, sottilmente forato per evitare che si formino bolle d’aria, fatto asciugare e raffreddare.

Rigatino

Ha forma rettangolare ed è ricoperto esternamente da pepe nero e peperoncino che conferiscono un sapore particolarmente piccante, mentre la consistenza dipende dal tempo di stagionatura.

Pancella

È cotenna ripiegata, dalla consistenza morbida e dal forte profumo di spezie.

Capocollo

Ha aroma e sapore fortemente caratterizzati dalla presenza di spezie; viene confezionato nella rete o in carta di paglia.

Soprassata (o soppressa)

È un insaccato di frammenti grossolani di carne suina, talvolta anche di seconda scelta, bolliti o scottati. La denominazione, sinonimo di “compresso”, deriva dal fatto che i componenti vengono inseriti in un sacco di tela e poi sottoposti a pressione per permettere alle parti gelatinose di fondersi con le altre fino a formare una massa compatta.

finocchionaFinocchiona

Ha la forma cilindrica tipica del salame, colore rosa e odore e sapore intenso di finocchio. Le carni selezionate vengono macinate e quindi impastate aggiungendo sale, pepe, aglio, vino rosso e semi di finocchio selvatico. L’impasto viene insaccato in budella, legato e, infine, fasciato.

Formaggi

formaggiIl prodotto finale migliore è quello che origina dal latte crudo, non pastorizzato ma solo riscaldato a una temperatura intorno ai 40°. I formaggi vanno accompagnati con il tipico pane toscano non salato, miele, noci, marmellate, pepe e, immancabilmente vino della zona.

Pecorino toscano

Formaggio di solo latte di pecora lavorato a crudo con sostanza grassa minima del 26%. La crosta viene trattata con olio d’oliva, ma a volte anche con cenere, pomodoro o pepe. La stagionatura minima è di 60 giorni.

Pecorino di fossa

Ottenuto con la stessa procedura del pecorino toscano dal quale differisce solo per la stagionatura. Questa avviene in fosse, anche molto antiche, scavate nel terreno tufaceo. La stagionatura, che dura da agosto a novembre, attribuisce al formaggio un profumo unico e ne esalta il sapore piccante. La forma, dopo i mesi di stagionatura, deve essere irregolare, segno evidente dello schiacciamento che ha subito nella fossa dove i formaggi vengono calati, a strati, dopo essere stati inseriti in sacchetti di stoffa bianca.

Pecorino in foglia

Ha forme rotonde, con crosta leggermente rugosa di colore beige. Il sapore è intenso, con leggero sentore tannico e caratteristico odore di foglie che lo aromatizzano, usualmente di noce o di fico.

pecorino tartufoPecorino al tartufo

Prodotto con latte intero di pecora al quale viene aggiunta una consistente quantità di tartufo nero e bianchetto, in scaglie ben visibili anche dall’esterno. Salato, rigirato, lavato e oliato manualmente, è sottoposto a una stagionatura di almeno un mese.

Marzolino

Ha forma cilindrica e pezzature che variano da 1 a 2 chilogrammi. La pasta, di colore giallo paglierino, è morbida e dolce se il formaggio è fresco, piccante e friabile se è stato stagionato su assi di legno di abete.

Raveggiolo

È un formaggio bianco, molto tenero, con profumo di latte e sapore dolce.

Ricotta

La ricotta di pecora ha colore bianco, consistenza cremosa e quasi spugnosa, sapore dolce e delicato, forte odore di latte.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Colle di Val d’Elsa

Residenza d’epoca

Alberghi

Albergo Il Nazionale

Via Garibaldi, 20 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920039

Hotel La Vecchia Cartiera

Via Oberdan 5/7/9 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 921107
www.lavecchiacartiera.it
info@lavecchiacartiera.it

Hotel Arnolfo

Via F. Campana, 8 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 922020
www.hotelarnolfo.it
arnolfo@temainf.it

Hotel Relais della Rovere

Via Piemonte, 10 – località La Badia – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 924696
www.chiantiturismo.it
dellarovere@chiantiturismo. it

Hotel Villa Belvedere

Via Senese – località Belvedere – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920966
www.villabelvedere.com
info@vollabelvedere.com

Hotel Il Pietreto

Il Pietreto – località Gracciano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 928838

Hotel Villa Sabolini Dimora Storica

Località Mensanello – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 972001
www.villasabolini.it
info@villasabolini.it

Agriturismi

Agriturismo Bardeggiano

Località Bardeggiano, 30 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 929742
www.bardeggiano.it
info@bardeggiano.it

Agriturismo Borgo Santinovo

Località Santinovo – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971048
info@borgosantinovo.eu

Agriturismo Campiglia-Dometaia

Località Campiglia , 31 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959129

Agriturismo Campinovi

Località Gracciano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 909091
wwwpoderecampinovi.com
info@poderecampinovi.com

Agriturismo Casa Verniano

Località Verniano di Sopra – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 908295

Agriturismo Casale

Via Casale, 3 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 929718
casalewines@temainf.it

Agriturismo Cercignano

Località Cercignano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959123
www.cercignano.com
info@cercignano.com
servizi: piscina

Agriturismo Fattoria Belvedere

Località Belvedere – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920009
www.fattoriabelvedere.com
info@fattoriabelvedere.com

Agriturismo Fattoria Mugnano

Via Volterrana – località Fattoria Mugnano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959023

Agriturismo Fattoria Nerbona

Località Nerbona – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971066

Agriturismo I Borracci

I Borracci – località Le Grazie – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 958039

Agriturismo I Pianacci

Località I Pianacci, 49 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 928027

Agriturismo Il Casalino

Località Il Casalino Sub S. Agostino – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 923395

Agriturismo Il Faetino

Località Il Faetino, 136/7 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 338 9723784
www.ilfaetino.it
info@ilfaetino.it

Agriturismo La Fornace

Località La Fornace, 38 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 922677
www.fornace.com
info@fornace.com

Agriturismo La Pieve

La Pieve – località Campiglia – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959121
www.agriturismolapieve.it
info@agriturismolapieve.it

Agriturismo Tenuta Barbagallo

Strada di Mensanello – località Le Beringhe – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 972004
info@tenutabarbagallo.com

Agriturismo Le Conia

Località Coneo Case Nuove – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971253

Agriturismo Le Ville

Via La Canonica – località Le Ville – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 055 2478630
www.agriturismoleville.it
info@agriturismoleville.it

Agriturismo Montornello

Località Fabbricciano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 922047

Agriturismo Poggio alla Fame

Via Poggio all’Olivo – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920806

Agriturismo Sant’Ulivieri di Ganozzi Remo

S. Ulivieri – località Borgatello – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959081
www.santulivieri.it
info@santulivieri.it

Agriturismo Taverna di Bibbiano

Bibbiano – località La Taverna – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959164

Agriturismo Tenuta di Mensanello

Località Mensanello, 34 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971080
www.mensanello.com
info@mensanello.com

Agriturismo Vallebuona

Via Vallebuona – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920331
cappellinivarn@libero.it

Bed & Breakfast

B&B Borgonovo

Via G. Pascoli, 47 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 924115
veraduka@yahoo.it

B&B Camere Il Giardino

Strada di Selvamaggio, 8 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 922014
info@camereilgiardino.it

B&B Enoteca Il Salotto

Via Gracco del Secco, 33 interno 2 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 926983
www.enotecailsalotto.com
info@enotecailsalotto.com

B&B Il Granaio

Località Boscona, 79/C – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959787

B&B Le 4 Querce

Via Casa Nuova di Vico, 1 interno 2 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 958025

B&B Sara

Paganico – località Le Grazie – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959803
sarabacc@hotmail.it

B&B Selvamaggio

Via Selvamaggio, 72/A – località S. Antonio – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 922797

B&B Vallebona

Via Gramsci, 18 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 924156

B&B Arnolfo

Via XX Settembre, 50/52 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920549
arnolfo@arnolfo.com

B&B Giunti Emanuele

Via dei Mille, 86 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 929957
info@anticamagione.it

B&B Il Boschetto di San Biagio

San Biagio, 17/6 – località Le Grazie – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 989840

B&B Il Nazionale

Via Garibaldi, 20 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920039

B&B Il Rudere

Poggio alla Staffa – località Bibbiano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959915
www.ilrudere.it
info@anticamagione.it

B&B L’Orcio di Bardeggiano

Via S. Antonio Bardeggiano, 3 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 904384
www.siena.be
info@siena.be

B&B Le Tre Perle

Via Pieve in Piano, 23 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 921489
www.letreperle.com
elisabetta@letreperle.com

B&B Mix Service

Via dei Cipressi, 14/A – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 328 0154293/ +39 348 7215367

B&B Mugnano

Mugnano – località Campiglia – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959023

B&B Residenza Antica Canonica

Località La Canonica – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920458
www.anticacanonica.com
info@anticacanonica.com

B&B Villa La Coccinella

Via XXV Aprile, 62 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 333 2013474
info@villalacoccinella.it

Case vacanze/residence

Casa vacanze Cristall

Via Liguria, 1 – località La Badia – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920361
www.cristall-feri.com
info@cristall-feri.com

Casa vacanze Bardeggiano

Località Bardeggiano, 30 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 929742
www.bardeggiano.it
info@bardeggiano.it

Casa vacanze Borgo Buliciano

Località Buliciano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971197
info@buliciano.it

Casa vacanze San Giuseppe

Località Collalto – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920030
www.poderesangiuseppe.it
info@poderesangiuseppe.it
servizi: piscina, giardino

Casa vacanze Sisti

Via Masaccio, 14 – località Campiglia – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 959396
info@casasisti.com

Casa vacanze Fonternino

Località Fonternino, 117 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 934501
www.fonternino.it
info@fonternino.it
servizi: si accettano animali domestici

Casa vacanze Il Caggio

Podere Il Caggio – località Lano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971240

Casa vacanze La Pieve di San Martino

Località Lano – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 972005
pievedisanmartino@libero.it

Casa vacanze Pacini Romano

Località Collina III – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 920461

Casa vacanze Podere Vallebuona

Località Vallebuona, 9 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 926925
paula@vallebuona.com

Casa vacanze Santinovo di Taddei Vittorio

Località Santinovo – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971048

Casa vacanze Zarpellon Giuseppina

Località La Casina – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 971066

Residence Tana De’ Lepri

Via Sub S. Caterina – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel. +39 0577 958961
www.tanadelepri.com
info@tanadelepri.com
servizi: piscina

Dove mangiare

Ristorante tipico

Ristoranti ed Enoteche

Dietro Le Quinte

Indirizzo: Piazza Canonica, 2 – Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 0577 920458
Sito: www.dietrolequinteristorante.it
Email: info@dietrolequinteristorante.it
Servizi: specialità toscane, pasta fatta in casa, pesce fresco, giardino panoramico

 

 

 

Enoteca Il Salotto

Indirizzo: Via Gracco del Secco, 31 – 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)
Tel.: +39 0577 926983
Sito: www.enotecailsalotto.com
Email: info@enotecailsalotto.com
Servizi: specialità vini pregiati toscani, degustazione cioccolato, distillati, olio, aceto balsamico