Scegli cosa vedere e fare a Piombino

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_fivizzano

Piombino, l’etrusca Populonia e il delizioso Golfo di Baratti

Piombino-StemmaPiombino è il maggior centro abitato della Costa degli Etruschi e della Val di Cornia. Lo storico periodo del Principato di Piombino ha lasciato tracce sotto forma di fortificazioni, numerosi monumenti e opere d’arte. I giacimenti di minerali ferrosi hanno favorito lo sviluppo precocissimo delle attività metallurgiche che sono proseguite nel corso dei secoli, dagli Etruschi ai Romani e Piombino è stato il principale polo siderurgico della Toscana. Dal porto della cittadina partono i collegamenti marittimi per tutte le maggiori isole dell’Arcipelago Toscano, Isola d’Elba in particolare. Nel territorio ci sono importantissime testimonianze dell’epoca etrusca all’interno del Parco Archeologico di Baratti e Populonia. La spiaggia del Parco della Sterpaia ha conseguito il riconoscimento Bandiera Blu 2018 per la qualità ambientale. Il Golfo di Baratti è invece molto frequentato per la balneazione e per la pesca, sia di superficie che subacquea. Vi sono infine varie aree protette come il Parco Punta di Falcone, l’oasi di Orti e Bottagone, il Parco di Montioni e il Parco della Sterpaia.

ZONA Costa degli Etruschi e Val di Cornia
TIPO cittadina industriale e balneare
COORDINATE 42°55′00″N 10°32′00″E
ALTITUDINE 21 metri s.l.m.
PRODOTTI vino, olio d’oliva, siderurgia
SPORT trekking escursionistico, ciclismo, rugby, basket, nuoto, scherma, pattinaggio, sport nautici, vela, pesca sportiva
CONFINI Campiglia Marittima (LI), San Vincenzo (LI), Suvereto (LI), Follonica (GR)

piombino mapINFORMAZIONI TURISTICHElivorno map

Comune di Piombino
Via Ferruccio, 4 – 57025 Piombino (LI)
Tel:. +39 0565 63111
www.comune.piombino.li.it

Ufficio Turismo (centro città)
Via Ferruccio – 57025 Piombino (LI)
Tel: +39 0565 225639
uffturismo@comune.piombino.li.it

Ufficio Turismo (porto)
Via Stazione Marittima – 57025 Piombino (LI)
Tel: +39  0565 226627

Ufficio Turismo (Riotorto)
via E. De Amicis, 23 – Riotorto – 57025 Piombino (LI)
Tel: +39  0565 20808

COSA VEDERE

Fortificazioni

Piombino castello

Castello di Piombino

castello piombinoZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: fortificazione (XIII°-XVI° secolo)
Indirizzo: Piazza S. Anastasia
Tel.: +39  0565 226445
Email: prenotazioni@parchivaldicornia.it
Sito: www.parchivaldicornia.it

Trae origine dalla struttura del cassero pisano (XIII° secolo), successivamente ritoccato da Leonardo da Vinci durante la ristrutturazione dell’apparato difensivo. In seguito divenne, tra il 1552 e il 1557, fortezza medicea assumendo una pianta stellare. Di notevoli dimensioni, è ancora oggetto di scavi archeologici che hanno recuperato reperti del XII° secolo. All’interno del castello c’è il Museo della Città.

Rocca degli Appiani

rocca degli appiani poluloniaZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Comune: Piombino (LI) – località Populonia Alta
Tipo: fortificazione (XIV° secolo)

La rocca fu costruita proprio sull’acropoli dell’etrusca Pupluna, l’attuale Populonia. Nel XIV° secolo, l’edificio fu ristrutturato e divenne un castello. L’aspetto attuale è una struttura transitoria, tra il Medio Evo e la fortificazione alla moderna di fine XV° secolo. Presenta un mastio semicircolare con feritoie, merlatura ghibellina e camminamento di ronda. Il castello si trova in posizione estremamente panoramica: si gode un’eccellente vista del Golfo di Baratti e di tutto l’Arcipelago Toscano.

Chiese

Chiesa Populonia

Concattedrale di Sant'Antimo

cattredale santantimoZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: chiesa rinascimentale (XIV°-XVI° secolo)
Indirizzo: via del Coro, 18

Fu costruita nel 1377, esattamente dove c’era un precedente luogo di culto. Molti quadri adornano le pareti e sono databili ai secoli dal XVI° al XIX°. Il chiostro fu eretto intorno al 1470 da Andrea Guardi ed è un classico esempio di chiostro rinascimentale toscano.

Chiesa della Misericordia

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: chiesa romanica (XIII° secolo)

È uno dei più antichi monumenti religiosi della cittadina. Dedicata inizialmente a San Giovanni Battista, la costruzione, in stile romanico, risale alla prima metà del XIII° secolo. Di epoche successivi i due palazzi sulla destra e sulla sinistra, che furono il principale ospedale cittadino nel Rinascimento, dedicato alla Santissima Trinità e a San Giovanni di Dio.

Monumenti e luoghi da visitare

Torre Mozza

La Cittadella

la cittadellaZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: struttura fortificata
Indirizzo: Piazza della Cittadella

Il complesso era una vera e propria “città nella città” adattata a una signorile corte rinascimentale. Originariamente fortificata e munita di porta, comprendeva la residenza dei principi, la chiesa, una cisterna e altre strutture adibite alla corte e ai servitori.  La cisterna è in marmo bianco con rilievi scolpiti, opera del Guardi. Il palazzo della corte, restaurato nel 1805 da Elisa Baciocchi (sorella di Napoleone Bonaparte), è attualmente sede del Museo Archeologico del territorio di Populonia. Importante anche è la Cappella della Cittadella, dedicata a Sant’Anna: fu realizzata intorno al 1465 su ispirazione del tempio malatestiano di Rimini. Sull’altare, del XVIII° secolo, è conservata la terracotta policroma Madonna con il Bambino, opera di Andrea della Robbia.

Casa delle Bifore

casa delle biforeZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: edificio storico (XIII° secolo)
Indirizzo: Via Ferruccio, 18

È anche conosciuta come Palazzo di Martino di Brancaccio o Casa Minelli ed è l’unica architettura civile del XIII° secolo nella cittadina. Attualmente vi ha sede l’archivio storico della città.

Porto Antico

PENTAX ImageZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: porto storico (XII° secolo)
Indirizzo: Piazza Bovio

Conosciuto anche come porticciolo di Marina, fu utilizzato fin dal XII° secolo. Il porto fu ampliato da Jacopo III° Appiani nel 1470 con la costruzione della diga foranea. La struttura fu utilizzata per attività commerciali fino agli inizi del XX° secolo quando perse importanza. Attualmente è costituito da darsena, pontile e dal faro della Rocchetta. Sono disponibili fino a 80 posti per natanti fino 8 metri di lunghezza. Si gode un’eccellente visuale sugli isolotti Cerboli e Palmaiola e su tutta la parte orientale dell’Isola d’Elba.

Fonti di Marina

fonti di marinaZona: Costa degli Etruschi e Val di Conia
Tipo: fontane pubbliche
Indirizzo: Piazza Bovio

Si trovano vicino all’antico porto di Piombino, conosciuto come “porticciolo di Marina”. Le fontane anche conosciute come “Fonti delle serpi in amore”, risalgono al 1248 e sfruttano una sorgente naturale. L’acqua sgorga attraverso teste marmoree di draghi e cavalli.

Faro di Piombino

faro piombinoZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: faro
Indirizzo: Piazza Bovio

Denominato anche Faro della Rocchetta, è il faro per eccellenza del Canale di Piombino. Fu costruito all’inizio del XX° secolo in stile neogotico esattamente dove era ubicata la fortificata Rocchetta e sfruttando parte delle strutture.

Piazza Bovio

piazza bovioZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: piazza con belvedere
Indirizzo: Piazza Bovio

È una scenografica piazza posta proprio sulla punta del promontorio: la vista spazia su tutto l’Arcipelago Toscano e, nelle giornate particolarmente limpide, si può scorgere la Corsica. All’estremità della piazza c’è un piccolo faro, in stile neo-medievale.

Torre del Sale

torre del saleZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: fortificazione (XVI° secolo)

È così denominata perché situata in prossimità delle antiche saline, ubicate nella pianura un tempo paludosa. Fu costruita per rafforzare il sistema difensivo costiero del Principato di Piombino e proteggere il territorio da eventuali incursioni dei pirati. Le funzioni di avvistamento e di difesa furono mantenute fino al XIX° secolo.

Torre Mozza

HPIM0140.JPGZona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Tipo: fortificazione (XVI° secolo)

Fu costruita intorno al XVI° secolo per sorvegliare le imbarcazioni provenienti dall’Isola d’Elba. Durante la fase di bassa marea è anche possibile scorgere un’antica strada romana che affiora a una decina di metri dalla costa.

Riserve naturali

Piombino Sterpaia

Parco della Sterpaia

parco sterpaiaZona: Costa degli Etruschi (Maremma settentrionale)
Comune: Piombino (LI)
Tipo: area naturale protetta
Indirizzo: via della Geodetica – località Vignale Rio Torto
Ingresso: libero

È una caratteristica zona umida che si estende per circa 10 chilometri dietro alla linea di costa. Ha mantenuto l’ambiente tipico della Maremma, con dune, radure coltivate, bosco, foresta umida con esemplari particolarmente maestosi di alcune specie arboree. Una linea di dune sabbiose separa l’area boschiva dal mare. Nel parco ci sono aree pic-nic, sentieri pedonali e ciclabili, servizi igienici e docce, stabilimenti balneari attrezzati, punti di ristoro, parcheggi auto a pagamento. Nel 2018 la spiaggia del Parco ha ottenuto il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale.

Riserva Naturale Provinciale Padule Orti-Bottagone

padule orto bottagoneZona: Costa degli Etruschi (Maremma settentrionale)
Tipo: area naturale protetta

Si tratta di un’area protetta, nella fascia costiera a est della cittadina, in prossimità della Torre del Sale. Il paesaggio della riserva, caratterizzato da stagni di acqua salmastra e prati umidi, è quello che fino a un secolo fa caratterizzava la pianura del fiume Cornia. Comunissimi sono fenicotteri, ibis, cicogne, aironi e altri uccelli migratori.

Parco di Punta Falcone

parco punta falconeZona: Maremma
Comune: Piombino (LI) – località Punta Falcone
Tipo: area naturale protetta

Ubicato all’estremità del promontorio di Piombino, il parco è ricco di una vegetazione in cui vivono i gabbiani. Ci sono spiagge con sassi e scogli come Spiaggia Lunga, Cala San Quirico, Buca delle Fate. Attraverso un percorso immerso nel verde si può arrivare fino al Golfo di Baratti. All’interno del parco c’è l’Osservatorio Astronomico.

Parco Naturale di Montioni

parco montioniZona: Maremma settentrionale
Provincia Livorno: comuni di Piombino, Suvereto, Campiglia Marittima
Provincia di Grosseto: comune di Follonica e Massa Marittima
Tipo: area naturale protetta
Centro visite: Piombino – località Rio Torto
Tel.: +39 0565 226445
Email: prenotazioni@parchivaldicornia.it
Sito: www.parcodimontioni.it

Il Parco Naturale di Montioni, che si estende per 7.000 ettari tra la provincia di Livorno e quella di Grosseto, è caratterizzato da una ricca fauna da rari esemplari di flora tipicamente mediterranea. I rilievi collinari della riserva sono ricoperti di una fitta vegetazione di boschi di cerri, lecci e altri. La fauna è costituita da numerose specie tra cui caprioli, lupi, gatti selvatici e marmotte. All’interno del parco ci sono tracce di insediamenti protostorici, etruschi e romani come Pievaccia, i ruderi del castello di Montioni Vecchio, le terme di Montioni. Inoltre, nella piccola località di Montioni, importanti monumenti di epoca napoleonica recentemente restaurati. Tra questi le terme, cosiddette “della Baciocca”, e un obelisco commemorativo dedicato a Elisa Bonaparte. La fitta rete di sentieri che attraversa il parco, un tempo frequentato soprattutto da pastori e carbonai, consente di raggiungere le cave di allume di epoca napoleonica.

Spiagge nei dintorni di Piombino

Baratti spiaggia

Spiaggia Lunga di Piombino

spiagge lungaZona: Costa degli Etruschi e Maremma settentrionale
Comune: Piombino (LI) – località Cala Moresca e Punta Falcone
Tipo: spiaggia con scogli e sassi

È una bella spiaggia di sassi e ciottoli chiari caratterizzata da un stretto litorale irregolare e frastagliato e con scogliere rocciose. Il mare è cristallino, ideale per il nuoto.

Spiaggia del Parco della Sterpaia

spiaggia parco sterpaiaZona: Costa degli Etruschi e Maremma settentrionale
Comune: Piombino (LI) – località Vignale Rio Torto
Tipo: spiaggia sabbiosa Bandiera Blu 2018 e dune
Servizi: bar, parcheggio, area sosta camper

La spiaggia è situata all’interno del Parco della Sterpaia. È un gradevole e ampio tratto litoraneo di sabbia dorata con dune punteggiate da arbusti e vegetazione mediterranea. Il mare è cristallino, ideale per il nuoto, mentre nel 2018 la spiaggia ha conseguito il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale.

Località nei dintorni di Piombino

Populonia ALta

Baratti

porto barattiZona: Costa degli Etruschi
Comune: Piombino (LI) – località Baratti
Tipo: villaggio balneare

Ubicato nel piccolo Golfo di Baratti, dove un tempo c’era un porto etrusco per lo scarico del minerale di ferro proveniente dell’Isola d’Elba. Lo confermano le numerose tombe nella zona mentre nel golfo furono ritrovati oggetti del VI° secolo (tra cui l’Anfora di Baratti conservata nel Museo Archeologico del Territorio di Populonia). Pur trattandosi di una località di modeste dimensioni ha recentemente migliorato la strutture ricettive. La spiaggia è quasi tutta libera.

Populonia Alta

rocca degli appiani poluloniaZona: Costa degli Etruschi
Comune: Piombino (LI) – località Populonia Alta
Tipo: insediamento etrusco e borgo medievale

I primi insediamenti risalgono all’Età del Ferro (IX° secolo a.C.). Ubicata in posizione dominante su un promontorio, Pupluna era una delle più importanti città etrusche, per l precisione una delle 12  città-stato dell’Etruria. Ebbe un periodo di grande splendore intorno al VI° a.C. quando aveva un popolazione di alcune migliaia di abitanti. In quest’epoca erano già consolidate la zona dell’acropoli (centro del potere politico), la necropoli, i quartieri portuali e quelli destinati alla lavorazione del minerale di ferro estratto dell’isola d’Elba. L’economia era basata sui commerci marittimi e sui prodotti siderurgici. In epoca romana, Populonia fornì al generale Scipione l’Africano il ferro necessario per la spedizione in Africa. La decadenza ebbe inizio nel I° secolo a.C. con le invasioni barbariche. L’ultimo grande saccheggio avvenne nell’anno 809 a opera dei pirati saraceni.

necropoli populonia baratti 1L’abitato conserva i resti della città etrusca con le mura e parte degli edifici romani. Le necropoli sono visitabili, assieme ai resti del quartiere industriale etrusco, all’interno del Parco Archeologico di Baratti e Populonia. I reperti etruschi sono esposti nel Museo Collezione Gasparri. Di epoche più recenti sono la Rocca di Populonia e le fortificazioni del XV° secolo.

Vignale Riotorto

Zona: Costa degli Etruschi e Maremma settentrionale
Comune: Piombino (LI) – località Rio Torto
Tipo: villaggi balneari

Sono piccoli abitati costieri dotati di belle e ampie spiagge sabbiose. La località di Rio Torto è situata a metà strada tra Montioni e il Mar Tirreno. Nelle vicinanze c’è la Torre Mozza, risalente al XVI° secolo. Da Riotorto si può facilmente raggiungere il Parco Naturale di Montioni, dove ci sono numerosi percorsi trekking.

ARTE E MUSEI

Musei di Piombino

Museo Archeologico del Territorio di Populonia

Digital StillCameraZona: Costa degli Etruschi
Tipo: museo archeologico etrusco
Indirizzo: Palazzo della Corte – piazza Cittadella, 8
Tel: +39 0565 226445 / 221646
Email: museocittadella@parchivaldicornia.it / prenotazioni@parchivaldicornia.it
Sito: www.parchivaldicornia.it
Servizi: bookshop, bar-enoteca, sala convegni, visite guidate
Accessibilità disabili:

Allestito nel Palazzo Nuovo, all’interno della Cittadella, il museo è strettamente collegato al Parco Archeologico di Baratti e Populonia e illustra l’evoluzione del territorio e l’utilizzo delle sue risorse, prime tra tutte quelle minerarie. Vi sono anche reperti di altra origine, come quelli provenienti da una nave romana, naufragata nel II° secolo a. C. nel Golfo di Baratti. Tra gli oggetti più insoliti il corredo completo di un medico che viaggiava sulla nave. Di particolare pregio un’anfora d’argento, databile fine IV° secolo d.C., e il Mosaico dei Pesci (I° sec. d.C.). Nel museo c’è un centro di archeologia sperimentale, specializzato nella lavorazione della ceramica e della pietra.

Museo Diocesano dell'Arte Sacra "Andrea Guardi"

museo arte sacra andrea guardiZona: Costa degli Etruschi
Tipo: museo di arte sacra
Indirizzo: via del Coro, 18
Tel: +39 0565 32531

Il museo è ubiacto nel Convento di Sant’Agostino, attiguo alla concattedrale di Sant’Antimo. È essenzialmente dedicato ad Andrea Guardi, artista fiorentino del XV° secolo, molto attivo a Piombino. Nella raccolta sono presenti anche dipinti provenienti da Populonia, sculture lignee e in marmo, e oggetti di uso liturgico.

Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali

museo del castelloZona: Costa degli Etruschi
Tipo: museo archeologico
Indirizzo: Castello di Piombino – Piazza S. Anastasia
Tel.: +39  0565 226445 / 34534
Email: prenotazioni@parchivaldicornia.it
Sito: www.parchivaldicornia.it
Servizi: bookshop, visite guidate
Accessibilità disabili:

Il museo è ubicato all’interno del Castello di Piombino e contiene reperti medievali, ceramiche, ricostruzioni grafiche e altri documenti relativi al periodo 1399-1815. Particolarmente ricca è l’esposizione di vasi in ceramica, quasi tutti del XIII° secolo. Il percorso museale illustra anche la tecnica di produzione dei vari oggetti e il loro uso nelle cucine e sulle tavole medievali.

Museo della Collezione Privata Gasparri

museo collezioni gaspariZona: Costa degli Etruschi
Comune: Piombino (LI) – località Populonia Alta
Tipo: museo archeologico etrusco
Indirizzo: Via di Sotto, 8
Tel.: +39 0565 29666

Il museo contiene reperti della necropoli di Populonia (Poggio delle Granate) e della necropoli di Baratti. Sono esposti corredi funebri, ceramiche, vasellame di stile corinzio, oggetti d’ornamento d’ambra e di vetro. Da segnalare la tazza del VI° secolo a.C. e le brocche a cartoccio a figure rosse.

Museo del Mare e Acquario città di Piombino

museo del mareZona: Costa degli Etruschi
Tipo: museo marino e acquario
Indirizzo: Palazzo Appiani – piazza Bovio 3-4
Tel.: +39 0565 225196
Email: museomare@biomare.it
Sito: www.biomare.it

Creato per iniziativa del comune e dell’Istituto di Biologia ed Ecologia Marina di Piombino, è una struttura per lo studio e la conoscenza dell’ambiente marino del Mediterraneo. È dotato di un Centro Polivalente di Educazione Ambientale, con sezioni di didattica e di ricerca, di una biblioteca specializzata e di un acquario costituito da 15 vasche, collegate al mare tramite un sistema di pompaggio, e del museo del mondo marino.

Museo di Entomologia

museo entomologiaZona: Costa degli Etruschi
Tipo: museo di entomologia
Indirizzo: Via Amedeo Modigliani

Il Museo di Entomologia contiene una raccolta che comprende la quasi totalità degli ordini tassonomici degli insetti, dettagliatamente esposti in una serie di vetrine didattiche. Gli esemplari vivi sono osservabili, con l’assistenza di un esperto, in terrari e acquari.

Area archeologica di Vignale

Zona: Costa degli Etruschi
Tipo: scavo archeologico a cielo aperto
Indirizzo: località Poggio alle Forche, Vignale – Riotorto, Piombino (LI)
Email: enrico.zanini@unisi.it
Sito: www.uominiecoseavignale.it
Apertura: settembre-ottobre; in altri periodi visite su prenotazione

Dal 2004 un gruppo di archeologi dell’Università di Siena ha iniziato lo scavo di un’antica stazione di posta ubicata lungo la via Aurelia. L’iniziativa ha raccolto successo e sono stati progressivamente coinvolti gli abitanti del quartiere Riotorto, le scuole della zona e anche alcuni turisti che soggiornano nelle strutture ricettive vicine. Lo scopo dello scavo si è allargato alla possibilità di vivere un’esperienza quasi unica in prima persona di un’iniziativa che vuole essere pubblica, condivisa e sostenibile.

Osservatorio Astronomico

osservatorio astronomicoZona: Costa degli Etruschi
Comune: Piombino (LI) – località Punta Falcone
Tipo: osservatorio astronomico

L’osservatorio è ubicato in località Punta Falcone. Costruito nel 1976 sui ruderi della batteria navale “Sommi Picenardi”, è attualmente dotato di un telescopio newtoniano e da altri di ultima generazione; una sala sotterranea è stata ricavata dai locali di servizio dell’antica batteria.

Siti Archeologici

Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Necropoli di Baratti

necropoli populonia barattiZona: Costa degli Etruschi
Comune: Piombino (LI)
Tipo: sito archeologico etrusco
Indirizzo: località Baratti
Tel.: +39 0565 226445 / +39 0565 29002
Email: prenotazioni@parchivaldicornia.it / parcobp@parchivaldicornia.it
Sito: www.parchivaldicornia.it
Servizi: visite guidate, bookshop, punto ristoro con bar e ristorante, laboratorio archeologico, parcheggio gratuito

È uno dei più importanti insediamenti della civiltà etrusca riportati alla luce. È costituito da diverse tombe risalenti al periodo VII°-II° secolo a.C. L’area visitabile è all’interno del Parco Archeologico di Baratti e Populonia. Le necropoli più importanti sono indiscutibilmente quella di San Cerbone-Casone e quella di Poggio della Porcareccia. È un insieme di tombe monumentali, alcune di oltre 20 metri di diametro, destinate ai familiari delle famiglie aristocratiche. Ci sono anche tombe a edicola a forma di tempietto e con statue decorative. Tra queste spicca la cosiddetta Tomba del Bronzetto. C’è anche la necropoli delle Grotte, risalente a un periodo posteriore (IV°-II° secolo a.C.), del periodo denominato “ellenistico”. Le tombe sono ipogee, a camera e scavate nell’arenaria. Ci sono altre sepolture più piccole, a cassone (a cremazione o a inumazione).

Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Baratti – Piombino (LI)

COSA FARE

Eventi

Corteo storico

corteo storicoTipo: folclore storico e rievocazioni
Periodo: luglio

Durante tutto il mese di luglio si svolgono rievocazioni in costume d’epoca di vari avvenimenti storici.

Festa patronale

festa patronaleTipo: festa religiosa
Periodo: 8 maggio

La patrona è sant’Anastasia, che è festeggiata l’8 maggio.

Carnevale Piombinese

carnevaleTipo: festa di Carnevale
Periodo: febbraio

Sfilata di carri allegorici rappresentanti i rioni, cortei mascherati e il pupazzo tradizionale, Cicciolo. Quest’ultimo, detto anche Re del Vino e rappresentato storicamente come un ubriaco, viene “bruciato” a simboleggiare la fine del Carnevale.

Falò di San Giovanni

falò san giovanniTipo: folclore
Periodo: 22 e 23 giugno

Tradizionale festa, diffusa anche in altre zone della Toscana, con spettacoli in costume nel centro storico della cittadina.

Sagra del pesce

Tipo: enogastronomica
Periodo: ultima domenica di luglio

Tradizionale festa che celebra, con una gigantesca frittura, il pesce locale.

Sport

sport maratona etruschiA Piombino si possono praticare vari sport: rugby, basket, nuoto, ciclismo, scherma, pattinaggio e vela. Durante tutto l’anno si svolgono importanti manifestazioni sportive come la Maratona degli Etruschi, il Trofeo Golfo di Baratti, il Campionato Europeo di Nuoto di Fondo. Si svolgono anche varie gare veliche.

CULTURA

Storia

PiombinoiGli Etruschi sfruttarono al massimo il promontorio di Piombino. Pupluna fu formata dall’unione di alcuni villaggi dell’Età del Ferro, ognuno dei quali aveva una necropoli. Le sepolture più ricche confermano il veloce sviluppo di tutta la zona, che raggiunse il massimo splendore attorno al VII° secolo a.C. Già nel V° secolo a.C. era diventato un importantissimo centro per la lavorazione del minerale ferroso proveniente dall’Isola d’Elba e la successiva commercializzazione. Il porto esportava minerali e metalli lavorati e riceveva merci da tutto il Mediterraneo. L’abitato e l’acropoli erano protetti da mura poderose. Successivamente la zona fu romanizzata e, per secoli, seguì le sorti dell’Etruria romana, ma l’attività siderurgica si estinse completamente nel I° secolo d.C. Dopo le invasioni barbariche del IV° secolo, il villaggio fu abbandonato e gli ormai pochi abitanti si spostarono nell’antico Porto Falesia, creando le basi di ciò che sarebbe diventata Piombino.

 Il nome, sembra, derivi dal peso in piombo (in latino plumbum), all’epoca comunemente utilizzato per pagare il dazio portuale. Nel 1022 venne fondato dai monaci benedettini il monastero di San Giustiniano a Falesia. La presenza del monastero favorì l’attività di pescatori, naviganti e lavoratori. Nell’XI° secolo, Piombino divenne soggetta a Pisa, diventando quindi il secondo porto fortificato della costa per importanza, ancora come punto di attracco privilegiato dei traffici con le miniere dell’Isola d’Elba. A metà del secolo XII° la cittadina si trasformò in libero comune, con proprie istituzioni e regolamenti. Nel 1557 il Granduca di Toscana Cosimo I° Medici si impossessò della zona. Nel 1805 l’imperatore francese Napoleone Bonaparte assegnò alla sorella Elisa il territorio, unitamente a quello di Lucca: nacque così il Principato di Lucca e Piombino. Con la Restaurazione, il principato fu sciolto e il territorio fu nuovamente aggregato al Granducato di Toscana.

La rivoluzione industriale italiana mosse i suoi primi passi anche da Piombino. Le prime acciaierie sorsero intorno al 1860, favorite dal più intenso sfruttamento dei giacimenti di ferro dell’Elba e dalle miniere di calcare di Campiglia, consolidando la tradizione metallurgica della zona. Essendo sede di importanti industrie siderurgiche, durante la Seconda Guerra Mondiale la cittadina subì pesanti bombardamenti. Nel dopoguerra, alla tradizionale attività siderurgica fu progressivamente affiancata a quella turistica, grazie allo sfruttamento delle spiagge vicine e alla valorizzazione degli importanti insediamenti etruschi.

Curiosità

cittadellaFilm

A Piombino sono stati girati numerosi film tra cui:
L’età del ferro di Roberto Rosselini (1964)
La bella vita di Paolo Virzi (2006)
Io & Marilyn di Leonardo Pieraccioni (2009)
Manuale d’amore di Giovanni Veronesi (2010)
Acciaio di Stefano Mordini (2011)

GASTRONOMIA

Piatti tipici

Polpo lesso con pomodoro

I piatti principali della cucina di Piombino sono, ovviamente, a base di pesce, proveniente dai fondali della costa e dall’Arcipelago Toscano:

polpo lesso al pomodoro
stoccafisso con patate
acciughe alla povera
cacciucco
carciofo violetto
frati (dolci)

"Tonno briao"

È una specialità tipica di Baratti, derivata dalla pesca al tonno nel mare antistante. Il pesce – indifferentemente tonno o palamita – viene cucinato in padella con vino rosso (da qui la denominazione “tonno ubriaco”).

Prodotti tipici

Vino e olio d’oliva

Nelle campagne e nelle colline circostanti si producono vini e olio extravergine di oliva. Tra i più conosciuti, alcuni I.G.T e D.O.C. Val di Cornia. Piombino fa parte del circuito Città del Vino.

SERVIZI TURISTICI

Piombino porto

Servizi al turista

Porticciolo di Baratti

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cornia
Comune: Piombino (LI) – località Baratti
Tipo: porto turistico
Indirizzo: Golfo di Baratti

Il porto di Baratti è di origini etrusche. Infatti, nel I° secolo a.C. c’era già un approdo per le imbarcazioni che trasportavano minerale di ferro dall’Isola d’Elba. Poiché i fondali sono bassi il porto è adatto solo a piccole imbarcazioni.

Scuole di sub - diving

Blue Dream – Centro Sub Piombino
Indirizzo: località Perelli, 1 – Piombino (LI)
Email: info@blue-dream.it / centrosubpiombino@alice.it
Sito: www.blue-dream.it / www.centrosubpiombino.it

Baratti Diving – Sulle Vie degli Etruschi
Indirizzo: Porticciolo di Baratti – Piombino (LI)
Email: info@barattidiving.com
Sito: www.barattidiving.com / www.sulleviedeglietruschi.org