Castagneto Carducci cosa vedere e fare

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termo_montemurlo

Vino di Bolgheri e viale dei cipressi, i due simboli di Castagneto Carducci 

Castagneto_Carducci-StemmaL’economia del territorio di Castagneto Carducci è fortemente imperniata sul turismo eno-gastronomico e balneare. Particolarmente importante è la produzione di vini pregiati, che hanno reso celebri le etichette della località di Bolgheri e dei dintorni. Da segnalare anche la produzione di un eccellente olio extra vergine di oliva. Altrettanto apprezzate sono le spiagge della moderna Marina di Castagneto Carducci, sviluppatasi a partire dagli anni ‘50 dello scorso secolo attorno a un fortilizio, che, durante il periodo estivo, sono meta di un notevole flusso di villeggianti. Nel 2018 la località ha conseguito il riconoscimento Bandiera Blu per la qualità ambientale-turistica. In tutta la zona di Castagneto Carducci sono disponibili vari percorsi, da effettuare in bicicletta o a piedi, lungo numerosi tracciati, ivi compresa la storica “Antica Via Campigliese”.

ZONA Costa degli Etruschi e Val di Cecina
TIPO borgo medievale e cittadina balneare
COORDINATE 43°10′00″N 10°36′00″E
ALTITUDINE 167 metri s.l.m.
PRODOTTI vino, olio d'oliva
SPORT trekking escursionistico, ciclismo, sport nautici, vela, surf, kitesurf, windsurf,
CONFINI Bibbona (LI), Monteverdi Marittimo (PI), San Vincenzo (LI), Sassetta (LI), Suvereto (LI)

castagneto carducci mapInformazioni turistichelivorno map

Comune di  Castagneto Carducci
via V. Emanuele, 21 – 57022 Castagneto Carducci (LI)
Tel.: +39 0565 765042
www.comune.castagneto-carducci.li.it
turismo@comune.castagneto-carducci.li.it

COSA VEDERE

Fortificazioni

Castello di Bolgheri - Castagneto CarducciCastello di Bolgheri

Castello di Bolgheri

castello bolgheriZona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Bolgheri
Tipo: castello (XIII° secolo)
Tel.: +39 0565 763624
Orari: visitabile su prenotazione; aperto al pubblico in data 16 luglio, in occasione della festa del villaggio

È una tipica fortezza militare di origine medioevale, che fin dal XIII° secolo fu proprietà della famiglia Della Gherardesca. Si erge imponente al termine del Viale dei Cipressi, proprio all’ingresso dell’abitato. All’interno è di particolare interesse la sala d’armi.

Castello di Castiglioncello di Bolgheri

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Castiglioncello di Bolgheri
Tipo: fortificazione
Visite: il fortilizio è di proprietà privata ed è aperto alle visite solo il 16 luglio, in occasione della festa del villaggio

È un complesso fortificato ubicato a quasi 400 metri s.l.m. La costruzione originale risale all’anno 780. Nel corso dei secoli successivi, gli edifici furono oggetto di varie ristrutturazioni fino al XVII° secolo quando divenne proprietà della famiglia Della Gherardesca. Nelle cantine fu prodotto per la prima volta il noto vino Sassicaia.

Forte di Marina di Castagneto Carducci

forti di marina castagneto carducciZona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Marina di Castagneto Carducci
Tipo: fortificazione (XVIII° secolo)

La costruzione risale alla seconda metà del XVIII° secolo. Oltre a proteggere la costa dagli attacchi dei pirati, costituiva un avamposto per la vigilanza sanitaria e la lotta al contrabbando.

Chiese

Propositura di San Lorenzo

propositura san lorenzoZona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Tipo: chiesa (XIII° secolo)
Indirizzo: via dell’Indipendenza

Le origini risalgono a prima del 1212, anno in cui è documentata come pieve. Nel 1926 venne radicalmente trasformata per volere del conte Walfredo Della Gherardesca. La facciata è del tipo a capanna e il portale d’ingresso è anticipato da un arco scavato nella cinta muraria che presenta sulla chiave di volta lo stemma della famiglia.

Parchi e giardini

Viale dei Cipressi - Castagneto CarducciViale dei Cipressi

Viale dei Cipressi

viale dei cipressiZona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Bolgheri
Tipo: strada panoramica

È una strada, lunga quasi cinque chilometri, che inizia esattamente davanti all’Oratorio di San Guido, ubicato sulla via Aurelia (SS 1), e che sale verso l’abitato. Il viale si presenta come un lunghissimo ed ombroso rettilineo, fiancheggiato da cipressi secolari. È stato celebrato da una delle più note poesie di Giosué Carducci.

Parco-giochi "Cavallino Matto"

cavallino mattoZona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Marina di Donoratico
Tipo: parco-giochi

È il maggiore parco divertimenti della Toscana e trae origine da un maneggio, che, durante l’estate, consentiva passeggiate a cavallo. Fu ingrandito all’inizio degli ’90, quando furono installate giostre meccaniche. Il parco è diviso in quattro aree tematiche:
Area Corsara : comprende l’attrazione Baia dei Bucanieri e, inserita all’interno, l’attrazione Nave Pirata.
Area Africana: comprende l’attrazione Safari Adventures e un piccolo villaggio africano.
Area West: comprende Wild Mine, Pazzo West, Gold Mine, Speedy Gonzales e, anche se collocata altrove, la stazione del Cavallino Train Express.
Area Azteca: è un piccolo angolo del parco a cui appartiene solo Yukatan.

Riserve naturali

Oasi di Bolgheri

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Tipo: area naturale protetta

Primo rifugio faunistico istituito su tutto il territorio nazionale, è una suggestiva zona umida popolata da migliaia di uccelli acquatici. Inoltre caprioli, daini, anatre e falchi pescatori vivono sia nella pineta che nell’area paludosa e possono essere osservati da torri di osservazione.

Località nei dintorni a Castagneto Carducci

Marina di Castagneto CarducciMarina di Castagneto Carducci – Marina di Donoratico

Bolgheri

Zona: Costa degli etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Bolgheri
Tipo: borgo di origine medievale

Bolgheri è un antico borgo medievale risalente al XI° secolo e appartenent alla famiglia Gheradesca. La località, nota internazionalmente per la pregiata produzione vinicola, è raggiungibile percorrendo il suggestivo Viale dei Cipressi, strada lunga quasi 5 chilometri che ha inizio sulla via Aurelia, proprio davanti all’Oratorio di San Guido. Il viale si presenta come un lunghissimo rettilineo, chiuso e ombreggiato su entrambe le sponde laterali da una fila di fittissimi cipressi secolari. Il nome Bolgheri deriva da un insediamento militare di Bulgari alleati dei Longobardi, qui attestati in posizione difensiva contro un eventuale sbarco di truppe bizantine provenienti dalla Sardegna. All’abitato si accede tramite un’unica porta ad arco, ubicato direttamente sotto il castello. Bolgheri ha conservato l’antica struttura urbanistica originaria, caratterizzata da un’articolazione concentrica delle strade.

Castello di Bolgheri - Castagneto Carducci

Il borgo di Bolgheri, appartenente al comune di Castigneto Carducci in provincia di Livorno,  si è sviluppato attorno al castello medievale che sorge alle fine del Viale dei Cipressi, reso noto dai versi del poeta Giosuè Carducci. Inoltre, all’interno del paese è ubicato il cimitero monumentale dove fu sepolta la nonna dello stesso poeta, Lucia. Non distante dal nucleo abitato, su un’altura di 400 metri s.l.m. sorge l’antico nucleo fortificato di Castiglioncello di Bolgheri, con la chiesa di San Bernardo. Nell’abitato ci sono numerosi edifici storici, vecchie fabbriche e curiose botteghe artigianali.

Vini

Vini di Bolgheri

Bolgheri è famoso anche per gli eccelenti vini rossi che vengono prodotti nella zona. Grazie alle particolari caratteristiche del terreno sabbioso di origine marina e al microclima soleggiato, asciutto e moderatamente ventilato, si sono ben adattati nella zona vitigni di origine bordolese, quali il Cabernet Sauvignon, il Cabernet Franc, il Merlot e il Petit Verdot. Tra i vini più noti ritroviano il Sassicaia di Tenuta San Guido a base di Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc, i vini di Ornellaia e Masseto, Guado al Tasso, Le Macchiole, Grattamacco e Michele Satta. La maggior parte dei vini prodotti rientrano nella denominazione “Bolgheri DOC”.


Cantine da visitare – Wine Tasting

Vino Sassicaia di Bolgheri

Nel territorio di Bolgheri ci sono più di 43 aziende vinicole che producono vini con fama internazionale. La zona che ha un microclima speciale e un terreno sabbioso molto addato alla coltivazione dell’uva, concentra alcune delle migliore cantine toscane. Oltre quelle principali già affermate nel mercato internazionale quale Tenuta San Guido Sassicaia, Ormellaia, Tenuta Guado al Tasso, Tenuta San Giusto, e Ca’ Marcanda Gaja, ci sono numerose piccole aziende che producono pregiati vini. Le cantine sono aperte alle visitazione e quasi tutte offrono degustazione di vini accompagnati di prodotti tipici e vendita diretta.

Marina di Castagneto Carducci (Marina di Donoratico)

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Comune: Castagneto Carducci (LI) – località Marina di Castagneto Carducci
Tipo: villaggio balneare – spiagge Bandiera Blu 2018
Informazioni turistiche: via della Marina, 8
Tel.: +39 0565 744278

Situata sulla costa del Mar Ligure e anche conosciuta come Marina di Donoratico, è ubicata su un lungo tratto di costa con gradevoli spiagge sabbiose. Nel 2018 la località ha ricevuto la certificazione Bandiera Blu per la qualità delle acque, dell’ambiente e dell’accoglienza. Il villaggio dispone di alberghi, campeggi e numerosi stabilimenti balneari attrezzati che rendono confortevole il soggiorno. Notevoli le possibilità di praticare sport nautici. Ubicato nella pineta che separa la fascia costiera della campagna il Cavallino Matto, uno dei principali parchi-giochi della Toscana.

ARTE E MUSEI

Musei

Casone Ugolino - Museo del vinoMuseo Sensoriale del Vino

Parco Letterario e Museo-Archivio "Giosuè Carducci"

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Tipo: museo letterario
Indirizzo: via G. Carducci, 2
Tel.: +39 0565 765032
Email: castagneto.archivio@comune.castagneto-carducci.li.it
Sito: www.parchiletterari.com/pachi/carducci
Orari: dal lunedì al venerdì 10.00-13.00

Il museo, attualmente anche sede del Parco Letterario, conserva documenti e oggetti sulla vita e le opere del poeta Giosuè Carducci. Il Parco Letterario è un insieme di vari itinerari che ripercorrono luoghi e paesaggi del territorio presenti nelle opere e nella vita del poeta.

Museo Sensoriale Multimediale del Vino

Zona: Costa degli Etruschi e Val di Cecina
Tipo: museo enologico
Indirizzo: via Casone Ugolino, 24/32 – 57022 Castagneto Carducci (LI)
Tel.: +39 0565 775110
Sito: www.worldwinetown.com

È situato a fianco dell’antica fattoria “Casone Ugolino”, le cui strutture risalgono al XVI° secolo. Inaugurato nel giugno 2017, il museo vuole giustamente celebrare il territorio, ormai divenuto celebre per i vini di Bolgheri. Articolato su due piani, è una carrellata storico-culturale sul ruolo e sulla diffusione del vino dagli Etruschi a Roma, dal Medio Evo al Rinascimento. È possibile gustare e acquistare tutta la rinomata produzione locale.

COSA FARE

Eventi

Sagre enogastronomiche

Un territorio così ricco di prodotti agro-alimentari celebra giustamente le proprie eccellenze in varie manifestazioni e fiere. Le due principali sono:

– Festa dell’Olio nuovo (gennaio)

– Castagneto a tavola (maggio)

Sport subacquei

Relitto Gabriele II - Marina di Castagneto CarducciRelitto Gabriele II

"Gabriele II°"

È, probabilmente, la più bella immersione nella porzione più meridionale della Costa degli Etruschi. Il piroscafo “Gabriele II°” risale alla fine del XIX° secolo e il relitto è al largo di Marina di Castagneto Carducci. Affondato di poppa consente ai sub il passaggio sotto la carena e la piena visuale di tutta la porzione di prua.

CULTURA

Storia

Vino Sassicaia di BolgheriIl toponimo deriva chiaramente da castagno, i cui boschi sono ancora presenti nella zona. La zona era un feudo dei conti Della Gherardesca e i legami tra la famiglia e Castagneto proseguirono per tutta l’epoca medioevale. Con l’annessione di Pisa al Granducato di Toscana (XV° secolo) la comunità di Castagneto poté usufruire di una maggiore autonomia. Tuttavia i conti Della Gherardesca mantennero parte degli antichi privilegi e furono, di fatto, confermati signori, pretendendo benefici feudali come il diritto alla caccia, alla pesca e alla raccolta di legna. Dopo il periodo mediceo, i rapporti tra il governo degli Asburgo Lorena ed i conti si fecero più tesi. Ma, già a partire dal XVI° secolo, tra la popolazione si erano innescate aperte ostilità ivi compresi anche alcuni confronti armati. I privilegi, tra cui quelli della rendita e locazione dei mulini, furono conservati fino al 1749. Avendo tentato di recuperare gli antichi privilegi (caccia e pesca), nel XIX° secolo il conte Guido Alberto Della Gherardesca accese nuovamente gli animi. La reazione che ne seguì fu accompagnata da attentati e incendi dolosi alle sue proprietà. A seguito di queste vicende la comunità cittadina ottenne dal governo granducale il cambio del nome da “Comunità di Gherardesca e Bolgheri” a Castagneto. Nel 1907 la denominazione fu cambiata in onore del poeta Giosuè Carducci che qui abitò per alcuni anni dell’infanzia.

Curiosità

via dei cipressi

Il viale dei Cipressi è stato luogo di riprese del film Kolossal Quo Vadis, dove Robert Taylor, nel ruolo di Marco Vinicio, sulla via di ritorno a Roma, viene inseguito da due pretoriani con la biga.

GASTRONOMIA

Prodotti tipici

cantine di Bolgheri - Castagne CarducciCantine di Bolgheri

Come suggerisce il nome del comune, in tutto il territorio ci sono abbondanti castagneti. L’abbondante disponibilità del “frutto del bosco” ha consentito di mettere a punto una variante locale del castagnaccio, arricchendolo con i pinoli.

Vino

vino
Il territorio di Castagneto Carducci è eminentemente agricolo, ricco di vigneti e oliveti. Comprende anche un tratto della “Strada del Vino Costa degli Etruschi”. Tra i vari eccellenti vini della zona spicca tra tutti il conosciuto e apprezzato Bolgheri DOC, prodotto in vare tipologie: Rosso, Rosso superiore, Rosato, Bianco, Vermentino, Sauvignon, Sassicaia.

Consorzio Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi
Località San Guido, 45 – 57022 Bolgheri – Castagneto Carducci (LI)
Tel: +39 0565 749705
Email: info@lastradadelvino.com
Sito: www.lastradadelvino.com

Consorzio per la Tutela dei vini Bolgheri DOC
Indirizzo: viale S. Guido, 3A – 57022 Bolgheri – Castagneto Carducci (LI)
Tel.: +39 0565 749600
Email: consorzio@bolgheridoc.com
Sito: www.bolgheridoc.com

Strada del Vino e dell'Olio Costa degli Etruschi

Comuni: Montecatini Val di Cecina (PI), Cecina (LI), Montescudaio (PI), Casale Marittimo (PI), Bolgheri/Castagneto Carducci (LI),  Suvereto (LI), Campiglia Marittima (LI), Isola d’Elba (Rio Marina, Marina di Campo) (LI)

Informazioni: Consorzio Strada del Vino Costa degli Etruschi
Indirizzo: Località San Guido, 45 – Bolgheri – comune di Castagneto Carducci (LI)
Tel: +39 0565 749705
Sito: www.lastradadelvino.com

Prodotti: Terratico di Bibbona DOC, Bolgheri DOC, Elba DOC, Val di Cornia

In uno scenario paesaggistico di rara intensità, dal verde intenso delle vigne affiancate dai boschi al blu profondo del mare

I Vini

Il Bolgheri DOC, Bianco, Vermentino e Rosato, è un vino da bere preferibilmente giovane, da abbinare a minestre, pesce e verdure. Il Bolgheri Sauvignon è indicato per piatti importanti a base di pesce mentre il Bolgheri Rosso è un vino da pasto, da abbinare a carni sia bianche che rosse. Il Sassicaia, da bere preferibilmente invecchiato, è adatto con arrosti e selvaggina. Il Vin Santo si associa bene alla pasticceria. L’Elba DOC è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Ansonica Passito, Vin Santo, Vin Santo Occhio di Pernice, Aleatico e Moscato. I Bianchi, sono da bere giovani e sono adatti con i frutti di mare e ogni altro piatto di pesce. I Rossi sono adatti con arrosti di pollame, selvaggina e formaggi di media stagionatura. Gli altri, possono essere associati a dessert e dolci anche secchi. Anche il Val di Cornia è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Vermentino, Ciliegiolo, Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Aleatico Passito, Ansonica Passito, Suvereto, Suvereto merlot, Suvereto Cabernet Sauvignon e Suvereto Sangiovese. L’assortimento  di questo tipo di vino, permette di abbinarvi ogni tipo di piatto.

strada del vino Costa degli EtruschiPercorso

La prima zona DOC è quella di Montescudaio, in provincia di Pisa, originariamente sede di un monastero benedettino. Lungo il “percorso della memoria” si trovano i palazzi di nobili famiglie, come i Marchionneschi, i Ridolfi e i Guerrini, la Chiesa della SS. Annunziata, fino a raggiungere la Torre della Guardiola e il Piazzale del Castello con la Chiesa di Santa Maria Assunta, posti in posizione panoramica. Procedendo oltre si entra nella provincia di Livorno incontrando subito il borgo di Bibbona, capofila della nuova zona DOC Terratico di Bibbona.  Nel centro storico, dove si intersecano caratteristici vicoli e piazzette medievali, la Pieve di Sant’Ilario, risalente all’XI° secolo mostra la forma trapezoidale. Dopo pochi chilometri si entra in piena zona del Bolgheri DOC, patria del Sassicaia e di altri grandi vini protagonisti della storia enologica italiana degli ultimi anni. Da Bolgheri (comune di Castagneto Carducci) si attraversa il duplice filare di cipressi (Via dei Cipressi), dichiarato monumento nazionale e celebrato dal poeta Carducci, e si giunge alla chiesetta di San Guido. Il territorio di Castagneto Carducci è rinomato per il terreno e il clima particolarmente favorevoli a una viticoltura di alta qualità.

Qui la viticoltura è molto antica: nel Medioevo la coltivazione delle vigne era strettamente legata ad abbazie e monasteri. Attraversando il mare da Piombino si giunge all’Isola dell’Elba, dove l’Aleatico passito è il prodotto più tipico e interessante. L’Isola d’Elba fu teatro di grandi eventi. Secondo le narrazioni mitologiche è a Porto Argon, l’odierna Capo Bianco, che Giasone fece tappa durante l’avventurosa ricerca del Vello d’oro e, come rivela Virgilio nell’Eneide, dallo stesso porto salparono trecento giovani elbani per portare aiuto al “Pio Enea” nella dura lotta contro i Rutuli. Per gli Etruschi, l’Elba costituì un’inesauribile fonte di ricchezza: già nel VIII° secolo a.C. sfruttavano le miniere di ferro ed esportavano in tutto il bacino del Mediterraneo, ricavandone enormi ricchezze. Sorsero così i forni, che giorno e notte fondevano i minerali e, come narra Aristotele, dettero origine al nome Aethalia (scintilla), attribuito all’Elba dai navigatori greci. Dei cinque secoli di dominazione etrusca rimangono diverse necropoli, alcuni resti di forni fusori e numerosi “villaggi d’altura”, inseriti in scenografie impareggiabili. Dal declino della potenza etrusca, i Romani ereditarono l’industria siderurgica, ma valorizzarono anche i giacimenti di granito e scoprirono i fanghi curativi delle Terme di San Giovanni, le bellezze del paesaggio e i vini eccellenti. “L’isola del vino buono” la definiva lo scrittore Plinio il Vecchio. Ecco quindi che fiorì un intenso traffico di navi cariche di anfore: molte sono conservate nei musei archeologici di Portoferraio e Marciana, e, insieme a sorprendenti reperti restituiti dal mare, raccontano tutta la storia della navigazione antica. Nei golfi più suggestivi sorsero le grandiose ville patrizie della Linguella, delle Grotte e di Capo Castello.

 

Cantine da visitare – Wine Tasting

Nel territorio di Castagneto Carducci, principalmente nei dintorni alla località di Bolgheri ci sono più di 43 aziende vinicole che producono fantastici vini con fama mondiale. La zona che ha un microclima speciale e un terreno molto addato alla coltivazione dell’uva concentra alcune delle migliore cantine toscane. Oltre quelle principali già affermate nel mercato internazionale quale Tenuta Sassicaia, Ormellaia, Tenuta San Giusto, Tenuta Guado al Tasso, Ca’ Marcanda Gaja,ci sono numerose piccole aziende che producono vini che sono davvero gioielli del gusto e che vale la pena visitare e assaggaire i pregiati vini offrono.


Poggio al Grillo

Castagneto Carducci (LI)
Cantina vinicola

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Castagneto Carducci

Casone Ugolino

Castagneto Carducci (LI)
Residence e museo vino

Dove mangiare 

Casone Ugolino

Castagneto Carducci (LI)
Residence e museo vino