Scegli cosa vedere e fare a Piteglio

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termo_cantagallo

Piteglio, una bellissima vista panoramica delle montagne pistoiese

piteglio stemmaIl territorio di Piteglio è situato sull’Appennino Pistoiese, al confine con la provincia di Lucca. Il territorio è solcato da due valli principali quella del torrente Lima (val di Lima) e quella del Forfora (Val di Forfora). Foreste di castagni ed estese faggete coprono le pendici dei monti, le cui valli sono attraversate da limpidi torrenti adatti agli sport sull’acqua.  Nota come luogo di villeggiatura, principalmente nel periodo estivo, Piteglio è sede di numerose  manifestazioni culturali e folcloristiche.

ZONAMontagna Pistoiese
TIPOcittadina di montagna e villeggiatura
COORDINATE44°2′0″N 10°46′0″E
ALTITUDINE698 metri s.l.m.
PRODOTTI
SPORTtrekking escursionistico, pesca sportiva, kayak
CONFINICutigliano, Marliana, Pescia, Pistoia città, San Marcello Pistoiese (PT)

piteglio mapInformazioni  Turistichepistoia mappa

Comune di Piteglio
Via Casanuova  – 51020 – Piteglio (Pt)
www.comune.piteglio.pt.it
Tel. +39 0573 69014

Salva

COSA VEDERE

Chiese di Piteglio

Chiesa di Santa Maria Assunta

chiesa santa maria assuntaZona: Montagna pistoiese
Comune: Piteglio (PT) – località Popiglio
Tipo: pieve romanica (XII°- XVIII° secolo)

La pieve risale al XII° secolo. Costruita in stilo tardoromanico, fu ristrutturata nel XVI° secolo. La facciata conserva l’originario aspetto romanico. Nel portale c’è un’insolita decorazione di un soldato con sudo e spada. All’interno si trovano bassorilievi del XIII° secolo che illustrano  Storie della vita di Cristo.

Monumenti e luoghi da visitare a Piteglio

Ponte di Castruccio - PiteglioPonte di Castruccio

Castello di Piteglio

Castello di PopiglioZona: Montagna pistoiese
Comune: Piteglio (PT) – località Popiglio
Tipo: fortificazione (XII° secolo) – ruderi visitabili
Tel.:  +39 0573 69014
Ingresso: gratuito

Fu uno dei castelli che, tra l’XI° e il XII° secolo, costituivano il sistema difensivo dei territori montani legati a Pistoia. Nel Medio Evo la fortificazione era denominata Rocca Sicurana, e comprendeva una lunga cinta muraria merlata dotata di torre centrale, la residenza signorile, la cisterna e la torre di avvistamento. All’interno delle mura si sviluppò l’abitato di Popiglio, trasformato con il passare del tempo in borgo dalle genuine caratteristiche montane.  Del complesso difensivo originale restano soltanto le torri e parte delle mura.

Ponte di Castruccio

piteglio 3Zona: Montagna pistoiese
Comune: Piteglio (PT) – località Popiglio
Tipo: ponte medievale (XIII° secolo)

Il ponte, che scavalca il torrente Lima, fa parte di un sistema articolato di tre ponti, tutti di origine medievale. Nei pressi del Ponte di Castruccio, confluivano diverse strade: la principale, proseguiva per i valichi appenninici, mentre un’altra scendeva lungo il corso del torrente e si dirigeva verso la Garfagnana.

ARTE E MUSEI

Musei a Piteglio

museo-arte-sacra-piteglioMuseu di Arte Sacra di popiglio – Piteglio

Ecomuseo di Arte Sacra e Polo della Religiosità Popolare di Popiglio

Museo arte sacfra PopiglioZona: Montagna pistoiese
Comune: Piteglio (PT) – località Popiglio
Tipo: museo di arte sacra
Indirizzo: Via delle Corti
Tel.: +39 0573 638025
Email: ecomuseo@provincia.pistoia
Orari: da aprile a ottobre: sabato e domenica 16.00-19.00 – luglio e agosto da martedì a domenica 16.00-19.00
Ingresso: € 2,00 intero – € 1,50 ridotto

L’Ecomuseo della Montagna Pistoiese è costituito da cinque itinerari tematici e da altrettanti punti museali. Lo scopo è quello di fornire una visione geo-morfologica culturale dalle attività protoindiustriali a quelle della vita quotidiana nel territorio della Montagna Pistoiese. Permettendo di comprendere come fu sviluppato, nei secoli, il rapporto tra uomo e ambiente, da cui l’uso del termine eco-museo. I cinque itinerari sono graficamente identificati con un colore e collegati ad una struttura espositiva-didattica.

Piteglio, è contrassegnato dall’itinerario viola, che comprende il Museo d’Arte Sacra di Popiglio. È un museo particolarmente ricco di pregevoli oggetti  religiosi. Sono esposti arredi, oggetti, immagini, paramenti ed elementi di  notevole pregio artistico, che uniscono un insieme di altri valori più direttamente legati al sentimento religioso ed all’immaginazione. Il museo documenta anche aspetti meno ortodossi, legati a magie, superstizioni ed alle paure ancora  comuni ed a alla tradizione orale della popolazione.

COSA FARE

Percorsi  nei dintorni a Piteglio

Montagne pistoiese - PiteglioMontagne pistoiese

Prunetta - Casetta Pulledrari

A Piteglio, poco oltre una breve deviazione sulla destra, si seguono le indicazioni per  Prataccio e poi per Prunetta. Quest’ultima è una località climatica, già nota nel Medio Evo per l’Ospizio della Croce Brandegliana, appartenuto all’Ordine dei Cavalieri del Tempio, ma in rovina dal XV° secolo.

Itinerario delle Torri di Popiglio

Partendo da Pistoia e percorrendo la strada statale 66, si raggiunge la località Le Piastre.Si prosegue in direzione di San Marcello e, in località La Lima, si devia a sinistra fino a raggiungere Popiglio, una delle tappe del percorso Ecomuseo della Montagna Pistoiese. Da qui, tramite un ulteriore percorso (circa un’ora a piedi), si raggiungono le Torri di Popiglio, vestigia di un’antica rocca medioevale. Tornando indietro e oltrepassata La Lima si prosegue fino al bivio con la strada statale 633 per Piteglio. Proseguendo si giunge, poco più avanti, nel piccolo ma suggestivo borgo di Migliorini.

Itinerario della Macchia Antonini

Una strada comoda e ombreggiata conduce a Margine di Momigno e poi alla Macchia Antonini, area demaniale di notevole interesse per le vaste radure alternate a boschi di faggio e di abete. Dalla Macchia Antonini la strada procede in discesa, offrendo ampie vedute panoramiche sulla dorsale appenninica, in uno dei tratti più belli e incontaminati della montagna pistoiese. Dalla moderna ma suggestiva borgata di Casa di Monte si raggiungono i tre piccoli abitati di Calamecca, Crespole e Lanciole.

Popiglio - Prunetta

Il Castello di Popiglio dominava la strada medievale che, attraversando le montagne, collegava Pistoia alla Garfagnana. È ancora possibile, scendendo lungo la via del Poggio, percorrere un breve tratto lastricato di questo – un tempo – importante percorso che, scavalcato il torrente Lima tramite il medievale Ponte di Castruccio, prosegue fino a Prunetta.

CULTURA

Storia

francigena-viaIl territorio di Piteglio fu abitato fin dagli albori della civiltà perché la zona aveva terreni fertili e abbondanza d’acqua. Infatti, sono stati trovati reperti dell’Età della Pietra e del Ferro; quindi anche liguri ed etruschi. Nella Val di Lima avvennero sicuramente scontri armati durante il periodo di espansione di Roma, che vi si insediò definitivamente verso il 180 a.C. Attorno all’anno Mille tutte le strutture fortificate, sia di origine romana che longobarda, divennero possesso dei conti Guidi nell’ambito del loro feudo tosco-romagnolo. Per il controllo dell’ampia area furono creati cinque diversi punti di avvistamento. In ognuno di questi c’era un castello o una fortificazione difensiva che proteggeva gli abitanti. Infatti non c’erano significative barriere naturali a proteggere questi primi nuclei abitati contro Lucca, già alla ricerca di espansione territoriale.

Progressivamente tutti i nuclei abitati scelsero la protezione di Pistoia. Nel XIII° secolo ognuno dei cinque borghi-castelli divenne un comune autonomo. Calamecca, Crespole, Lanciole, Piteglio e Popiglio divennero libere comunità con proprio statuto, prima sotto la protezione di Pistoia e poi, dal 1402, di Firenze. Politicamente ed amministrativamente la zona seguì le sorti del Granducato di Toscana fino all’Unità d’Italia. Il sistema di piccoli comuni rimase invariato fino alle riforme del 1774, quando il granduca Pietro Leopoldo II° suddivise tutta la Toscana in più grandi comunità. Ai cinque piccoli territori fu riconosciuto un unico consiglio di rappresentanti, con sede a Piteglio.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Piteglio

Albergo

Hotel Parco Le Lari

Via Statale Mammianese, 403 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573/672931
www.lelari.it
hotel@lelari.it
servizi: parcheggio

Hotel Pensione Dina

Via Statale Mammianese, 75 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573 672758
pensione.dina@alice.it

Hotel Pensione Mario

Via Casa Nuova, 5 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573 69031

Agriturismo

Agriturismo Le Panche di Domini Massimo

Via delle Serrine di Pontito, 21 – Piteglio (PT)
www.agriturismolepanche.it
lepanche@alice.it

Agriturismo Il Rifugio dell’Arcobaleno

Via San Giovanni, 1 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573674129
www.agriturismoilrifugiodellarcobaleno.it
info@agriturismoilrifugiodellarcobaleno.it
servizi: spazi accessibili ai disabili, piscina

Agriturismo L’Alberaccio

Località Lolle, 5 – Piteglio (PT)
Tel. +39 057369135
luciandreotti@alice.it

Agriturismo La Gualtiera

Via Valdiforfora, 65 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573628274
info@lagualtiera.com

Agriturismo La Quercia

Strada Provinciale 20 Popiglio – località Fontana Vaccaia – Piteglio (PT)
Tel. +39 5731 970520
poderelaquercia@gmail.com

Agriturismo Le Dogane

Località  Lambure, 1 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573671132
www.agriturismoledogane.it
info@agriturismoledogane.it

Bed and Breakfast

B&B Pratesi Lorenzo

Via Casa Nuova, 10/B – Piteglio (PT)
Tel. +39 334 6987289

B&B Scacco Matto

Via Campagliana, 2 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573 674241
www.scaccomatto-bandb.com
barbaralynnemagni@yahoo.it

B&B Spinicci Silvia

Via del Campanile, 11 – Piteglio (PT)
Tel. +39 329 5933262
mirfilon@tin.it

Affittacamere Bar Ristorante Bicocchi di Sichi Rosina
Via Casa di Monte, 19 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0573 628119
info@ristorantebicocchi.it

Affittacamere Casa di Via della Veduta

Via della Veduta, 23 – Piteglio (PT)
Tel. +39 0571 408122/ +39 348 4004045
mararoani@libero.it