Casale Marittimo cosa vedere

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_fosdinovo

Casale Marittimo e la caccia al lupo

casale marittimo stemmaLa cittadina di Casale Marittimo è relativamente vicina al mare (12 chilometri di distanza). Ubicata su una collina nella valle del fiume Cecina, dall’abitato si gode una bella vista delle isole dell’Arcipelago Toscano. Particolarmente significative le tracce della civiltà etrusca nel territorio. La cittadina è conosciuta per la produzione di pregiati vini come il vino bianco DOC Montescudaio e il rosso I Principi Guerrieri, entrambi inseriti nella Strada del vino Costa degli Etruschi. Casale Marittimo ha anche ricevuto la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano per la qualità ambientale e l’accoglienza turistica. Inoltre per la conservazione del patrimonio storico-culturale, tanto che è considerato un “paradiso” per chi è alla ricerca di tranquillità e benessere. Il centro storico, rimasto pressoché intatto, il castello (i cui resti sono stati inglobati nel tessuto urbano) e la struttura ad anelli semicircolari delle successive cinte murarie hanno, in tempi relativamente recenti, costituito un indubbio richiamo turistico, oggi divenuto la fonte principale di reddito.

ZONA Val di Cecina (Maremma pisana)
TIPO cittadina di villeggiatura
COORDINATE 43°17’51’’N 10°37’00’’E
ALTITUDINE 214 metri s.l.m.
PRODOTTI vino DOC Montescudaio, vino I Principi Guerrieri, vino Casalvecchio, pancetta, ficchi secchi, ceramiche
SPORT trekking escursionistico, ciclismo
CONFINI Bibbona (LI), Cecina (LI), Guardistallo (PI)

casale marittimo mapInformazioni turistiche pisa mappa

Comune di Casale Marittimo
Via del Castello, 133 – 56040 Casale Marittimo (PI)
Tel.: +39 0586 654311
www.comune.casale.marittimo.pi.it

COSA VEDERE

Monumenti e luoghi da visitare a Casale Marittimo

Casa del Camarlingo

casa camarlingoZona: Val di Cecina
Tipo: dimora storica

Si tratta di uno dei palazzi più antichi del borgo: il camarlingo, nominato direttamente dal feudatario, era una sorta di tesoriere addetto alla riscossione delle tasse.

Palazzo della Canonica

canonicaZona: Val di Cecina
Tipo: ricostruzione di edificio storico (XX° secolo)

È stato ricostruito nel 1940 con materiali provenienti da una villa romana. Al suo interno si può visitare la “sala romana” dove sono raccolti vari reperti, tra cui un pavimento a mosaico.

Siti archeologici

Necropoli etrusca di Casa Nocera

Zona: Val di Cecina
Comune: Casale Marittimo (PI) – località Poggiarella
Tipo: sito archeologico etrusco (VII° secolo a.C.)

Nella necropoli spiccano tombe del VII° e VI° secolo a.C. I ricchi corredi funebri rinvenuti lasciano supporre che le sepolture fossero riservate ad una casta dominante ricca e potente, quasi certamente “principi guerrieri”. Di pari interesse è anche la “tomba a tholos”, risalente al V° secolo a.C., trovata in località Poggiarella: si tratta di una sepoltura di forma circolare, costituita da “dromos” (corridoio) e “tholos” (falsa cupola) ricoperta da un cumulo di terra.

COSA FARE

Eventi

Sagra del Cinghiale

Tipo: enogastronomia
Periodo: agosto

Sagra delle Chiocciole

Tipo: enogastronomia
Periodo: luglio

ITINERARI

Percorsi nei dintorni di Casale Marittimo

Strada del Vino Costa degli Etruschi

etrusComuni: Montecatini Val di Cecina (PI), Cecina (LI), Montescudaio (PI), Casale Marittimo (PI), Bolgheri/Castagneto Carducci (LI),  Suvereto (LI), Campiglia Marittima (LI), Isola d’Elba (Rio Marina, Marina di Campo) (LI)

Informazioni: Consorzio Strada del Vino Costa degli Etruschi
Indirizzo: Località San Guido, 45 – Bolgheri – comune di Castagneto Carducci (LI)
Tel: +39 0565 749705
Sito: www.lastradadelvino.com

Prodotti: Terratico di Bibbona DOC, Bolgheri DOC, Elba DOC, Val di Cornia

In uno scenario paesaggistico di rara intensità, dal verde intenso delle vigne affiancate dai boschi al blu profondo del mare

I Vini

Il Bolgheri DOC, Bianco, Vermentino e Rosato, è un vino da bere preferibilmente giovane, da abbinare a minestre, pesce e verdure. Il Bolgheri Sauvignon è indicato per piatti importanti a base di pesce mentre il Bolgheri Rosso è un vino da pasto, da abbinare a carni sia bianche che rosse. Il Sassicaia, da bere preferibilmente invecchiato, è adatto con arrosti e selvaggina. Il Vin Santo si associa bene alla pasticceria. L’Elba DOC è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Ansonica Passito, Vin Santo, Vin Santo Occhio di Pernice, Aleatico e Moscato. I Bianchi, sono da bere giovani e sono adatti con i frutti di mare e ogni altro piatto di pesce. I Rossi sono adatti con arrosti di pollame, selvaggina e formaggi di media stagionatura. Gli altri, possono essere associati a dessert e dolci anche secchi. Anche il Val di Cornia è un vino prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Vermentino, Ciliegiolo, Merlot, Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Aleatico Passito, Ansonica Passito, Suvereto, Suvereto merlot, Suvereto Cabernet Sauvignon e Suvereto Sangiovese. L’assortimento  di questo tipo di vino, permette di abbinarvi ogni tipo di piatto.

strada del vino Costa degli EtruschiPercorso

La prima zona DOC è quella di Montescudaio, in provincia di Pisa, originariamente sede di un monastero benedettino. Lungo il “percorso della memoria” si trovano i palazzi di nobili famiglie, come i Marchionneschi, i Ridolfi e i Guerrini, la Chiesa della SS. Annunziata, fino a raggiungere la Torre della Guardiola e il Piazzale del Castello con la Chiesa di Santa Maria Assunta, posti in posizione panoramica. Procedendo oltre si entra nella provincia di Livorno incontrando subito il borgo di Bibbona, capofila della nuova zona DOC Terratico di Bibbona.  Nel centro storico, dove si intersecano caratteristici vicoli e piazzette medievali, la Pieve di Sant’Ilario, risalente all’XI° secolo mostra la forma trapezoidale. Dopo pochi chilometri si entra in piena zona del Bolgheri DOC, patria del Sassicaia e di altri grandi vini protagonisti della storia enologica italiana degli ultimi anni. Da Bolgheri (comune di Castagneto Carducci) si attraversa il duplice filare di cipressi (Via dei Cipressi), dichiarato monumento nazionale e celebrato dal poeta Carducci, e si giunge alla chiesetta di San Guido. Il territorio di Castagneto Carducci è rinomato per il terreno e il clima particolarmente favorevoli a una viticoltura di alta qualità.

Qui la viticoltura è molto antica: nel Medioevo la coltivazione delle vigne era strettamente legata ad abbazie e monasteri. Attraversando il mare da Piombino si giunge all’Isola dell’Elba, dove l’Aleatico passito è il prodotto più tipico e interessante. L’Isola d’Elba fu teatro di grandi eventi. Secondo le narrazioni mitologiche è a Porto Argon, l’odierna Capo Bianco, che Giasone fece tappa durante l’avventurosa ricerca del Vello d’oro e, come rivela Virgilio nell’Eneide, dallo stesso porto salparono trecento giovani elbani per portare aiuto al “Pio Enea” nella dura lotta contro i Rutuli. Per gli Etruschi, l’Elba costituì un’inesauribile fonte di ricchezza: già nel VIII° secolo a.C. sfruttavano le miniere di ferro ed esportavano in tutto il bacino del Mediterraneo, ricavandone enormi ricchezze. Sorsero così i forni, che giorno e notte fondevano i minerali e, come narra Aristotele, dettero origine al nome Aethalia (scintilla), attribuito all’Elba dai navigatori greci. Dei cinque secoli di dominazione etrusca rimangono diverse necropoli, alcuni resti di forni fusori e numerosi “villaggi d’altura”, inseriti in scenografie impareggiabili. Dal declino della potenza etrusca, i Romani ereditarono l’industria siderurgica, ma valorizzarono anche i giacimenti di granito e scoprirono i fanghi curativi delle Terme di San Giovanni, le bellezze del paesaggio e i vini eccellenti. “L’isola del vino buono” la definiva lo scrittore Plinio il Vecchio. Ecco quindi che fiorì un intenso traffico di navi cariche di anfore: molte sono conservate nei musei archeologici di Portoferraio e Marciana, e, insieme a sorprendenti reperti restituiti dal mare, raccontano tutta la storia della navigazione antica. Nei golfi più suggestivi sorsero le grandiose ville patrizie della Linguella, delle Grotte e di Capo Castello.

CULTURA

Storia

casa camarlingoIl territorio vanta importanti ritrovamenti archeologici che testimoniano il passaggio dal periodo etrusco a quello romano. Scavi recenti sulla collina di Casalvecchio hanno riportato alla luce i resti di un villaggio etrusco del VII° secolo a.C. e, sia a Casa Nocera che in località Poggiarella, importanti sepolture. La presenza romana in zona è confermata dal ritrovamento di reperti di due ville. Il borgo medievale sorse intorno all’anno 1000 e le prime notizie accertate risalgono al 1004, quando faceva parte dei possedimenti dei conti Della Gherardesca. Nel XV° secolo, in seguito alla conquista di Pisa da parte di Firenze, il paese seguì le sorti di quest’ultima città e, successivamente, ebbe il permesso di costituirsi in comune e di darsi uno statuto.

Nel 1777, con le riforme del Granduca Pietro Leopoldo, ebbe inizio il processo di ridistribuzione delle terre e, conseguentemente, il loro accentramento nelle mani di alcune famiglie facoltose. Nel 1800 le condizioni di vita peggiorarono nuovamente, accompagnate dal ritorno della  malaria. Di conseguenza furono avviate opere di bonifica della palude costiera che risolsero, definitivamente, l’epidemia e favorirono, nuovamente, lo sviluppo agricolo. Altro problema, affrontato e risolto nello stesso periodo, quello dei lupi, divenuti così numerosi nella zona che un decreto governativo ne autorizzò la libera caccia. Accanto a questo un rilancio delle attività agricole. Alla fine degli anni ’60 del secolo scorso, una campagna per il ripopolamento della zona ha attratto molti cittadini stranieri (svizzeri e tedeschi in particolare) che vi si sono trasferiti ed hanno dato nuovo impulso alla coltivazione di cereali, olio e vino.

GASTRONOMIA

Prodotti tipici

Pancetta arrotolata (di forma cilindrica, molto salata e speziata)

Cantuccini (pasta farcita di mandorle e pinoli)

Forma di fichi (fichi essiccati, aperti, conditi e pressati)

Pera del curato

Miele

Vini bianchi Doc “Montescudaio” e “San Torpè”

Vini rossi  “Casalvecchio” e “I Principi Guerrieri”

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Casale Marittimo

Agriturismi

Agriturismo Chiavicone

Via Pereta, 31 – località Chiavicone – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 677307
www.agriturismochiavicone.com
info@agriturismochiavicone.com
servizi: piscina, giardino

Agriturismo Fattoria della Gioiosa

Via dei Tre Comuni – località Il Poderino – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 334 3840188
www.fattoriadellagioiosa.it
info@ilpoderinodellagioiosa.it

Agriturismo Il Poggio

Via del Poggio, 2 – località Il Poggio – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 652308
marco-montano@virgilio.it

Agriturismo Le Fornacine

Via del Poggio, 12 – località Il Poggio – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 653013
www.agriturismofornacine.com
info@agriturismofornacine.com

Agriturismo Poggio Simone

Via Cecinese, 51 – località Le Preselle – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 639022
impan@tin.it

Bed & Breakfast

B&B Locanda Le Volte

Via Roma, 61 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 652018
www.locandalevolte.com
info@locandalevolte.com

B&B A Room With a View

Via del Poggio, 6 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 652356/ +39 349 1803401
roberta.fossati@gmail.com
servizi: piscina

B&B Casal Tre Querce

Via Cecinese, 131 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 683448
www.casaltrequerce.it
info@casaltrequerce.it

B&B La Casetta

Via Cecinese, 87 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 681236
www.la-casetta.it
info@la-casetta.it

Casa vacanze/residence

Casa vacanze Borgo Il Poggetto

Via Cecinese, 70 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 639051
www.borgoilpoggettoresidence.com
borgoilpoggetto@gmail.com

Casa vacanze Tenuta Ricrio

Camperi – via Camminata, 2/A – località Ricrio – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 652329
www.tenutaricrio.it
paola@tenutaricrio.it

Casa per Ferie So.Ge.Al di Volpi D. E C. Sas

Via Cecinese, 70 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 639051

Casa Vacanza Vacanze Natura Toscana

Via delle Vignacce, 13 – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 652361

Campeggi

Campeggio Valle Gaia

Via Cecinese, 87 – località La Casetta – Casale Marittimo (PI)
Tel. +39 0586 681236
www.vallegaia.it
info@vallegaia.it