Scegli cosa vedere e fare a Orbetello

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_fivizzano

Orbetello, da qui partì Italo Balbo

Orbetello stemmaLa cittadina di Orbetello sorge nel mezzo Laguna di Orbetello ed è unita al promontorio Monte Argentario da una strada costruita su un terrapieno artificiale denominato “La Diga”, che divide la laguna in due distinti specchi d’acqua: “Laguna di Levante” e “Laguna di Ponente”. Il territorio comunale è piuttosto variegato; la zona lagunare è delimitata, verso il Mar Tirreno da due tomboli – Tombolo della Feniglia e Tombolo della Giannella – caratterizzati da lunghe spiagge sabbiose, pinete e macchia mediterranea. Le acque della laguna sono ricche di pesce (spigole, orate, muggini e anguille) che viene lavorato in loco o venduto in molti mercati d’Italia e anche all’estero. Attualmente Orbetello è uno dei più importanti centri turistici della Maremma grossetana. Il turismo e l’attività ittica sono le principali voci dell’economia. Ci sono tante attrazioni quale la Torre Talamonaccio, l’importante sito archeologico di Cosa, le bellissimi spiagge di Talamone, il Forte delle Saline, il Mulino Spagnolo solitario all’interno della Laguna di Orbetello, soltanto per citare alcune.

ZONA Maremma  –  Argentario
TIPO villaggio balneare
COORDINATE 42°26′22″N 11°12′45″E
ALTITUDINE 3 m  s.l.m.
PRODOTTI pesce, conserve, nave
SPORT trekking escursionistico, cicloturismo, golf,   sport nautici, vela, windsurf, kite-surf, acqua scooter, pesca esportiva, equitazione
CONFINI Capalbio, Magliano in Toscana, manciano, Monte Argentario (GR)

orbetello mapINFORMAZIONE TURISTICHEgrosseto map

Comune di Orbetello
Piazza del Plebiscito, 1 – 58015 – Orbetello (GR)
Tel. +39 0564 861111
www.comune.orbetello.gr.it

Pro Loco
Tel.: +39 0564 887410

COSA VEDERE

Castelli e Fortezze di Orbetello

Rocca Aldobrandesca di Talamone

rocca talamoneZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: fortificazione XIII° secolo

Le mura e la rocca di Talamone furono costruite nel punto più alto del promontorio, con funzioni di avvistamento e di difesa del sottostante porto attorno il XIII° secolo. Nel corso del secolo successivo, la famiglia Aldobrandeschi proprietario del complesso concessero a Siena una serie di diritti sull’utilizzo del porto in cambio di rinforzamento delle strutture di difesa.  Nella prima metà del XVI° secolo la rocca fu danneggiata nel corso di incursioni dei pirati barbareschi. La fortificazione fu definitivamente recuperata nella seconda metà dello stesso secolo, quando fu costituito lo Stato dei Presidii. Nel secolo scorso, dopo i danneggiamenti avvenuti durante la Seconda Guerra Mondiale, furono intraprese opere di restauro di hanno riportato la rocca agli antichi splendori. Da segnalare che la Rocca di Talamone fu il punto di raccolta per i volontari che si imbarcarono a Talamone per la spedizione dei Mille nel XIX° secolo.

Forte delle Saline

forte salineZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Albinia
Tipo: fortificazione XV°-XVII° secolo

Una torre di forma quadrangolare fu costruita nella seconda metà del XV° secolo. Nel 1630, per volere del re Filippo IV° di Spagna, furono aggiunti un fortino, i bastioni ed un fossato colmo d’acqua. All’interno si trovavano i magazzini ed una piuttosto ampia piazza d’armi. Il forte, inserito nel sistema difensivo dello Stato dei Presidii, era in posizione strategica: controllava le vicine saline, lo scalo fluviale, la via Aurelia ed il transito lungo la Giannella. Attualmente è utilizzato come archivio della Sovrintendenza alle Belle Arti.

Chiese

Chiesa di Santa Maria Assunta

chiesa santa maria assunta talamoneZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: chiesa XIV°-XVII° secolo

Venne eretta nel 1374, su un edificio religioso risalente al V° secolo a.C., ma nel XVII° secolo fu radicalmente modificata con l’aggiunta di due navate laterali. Della costruioze originale rimane la facciata centrale, in travertino, con ricco portale sormontato da una fascia decorata e da un grande rosone cimato da una nicchia con il busto di San Benedetto. All’interno, un affresco del XV° secolo raffigurante la cosiddetta “Madonna di Costantinopoli” e altro, di scuola senese, la “Madonna con il Bambino tra San Pietro e San Paolo”, della fine del XV° secolo.

Cattedrale di Santa Maria Assunta

Zona: Maremma
Tipo:  chiesa cattedrale in sitele gotico-toscano XIV° secolo

La cattedrale è dedicata a Santa Maria Assunta. Forse costruita su un tempio etrusco-romano, fu ristrutturata nel 1375 in stile gotico-toscano, i cui tratti salienti sono bem riconoscibili sulla pregevole facciata. All’interno sono conservate varie opere d’arte tra le quali spiccano alcuni affreschi del XV° secolo e opere del periodo barocco. Nella chiesa è pure conservata, come reliquia, la testa di San Biagio.

Monumenti e luoghi da visitare a Orbetello

Caserma Umberto I°

caserma umbertoZona: Maremma
Tipo: edificazione XIX° secolo

L’edificio fu costruito nel XIX° secolo, ampliando un vecchio convento di suore clarisse risalente al 1651,di cui conserva ancora le linee architettoniche. All’interno dell’edificio è stata collocata la biblioteca comunale e la mostra permanente del Frontone di Talamone. Si tratta di un raro esempio di frontone in terracotta, risalente al 150 a.C. (epoca etrusco-ellenistica), rinvenuto nei pressi di Talamone. Costituiva la parte superiore frontale del tempio di Talamonaccio. Vi è raffigurata la scena mitologica del combattimento tra i fratelli Eteocle e Polinice, entrambi figli di Edipo, durante l’assedio di Tebe.

Mulino Spagnolo

mulino spagnolo orbetelloZona: Maremma
Tipo: mulino XVI° secolo

Unico superstite dei nove mulini costruiti nella laguna di Orbetello nel corso del XVI° secolo, ha forma circolare con copertura conica. Sfruttava tanto l’energia del vento che il movimento dell’acqua per la macinazione del grano che qui veniva trasportato con i “barchini”, tipiche imbarcazioni della zona. Il mulino, ristrutturato e consolidato durante il periodo spagnolo, è visitabile solo per mezzo di un’imbarcazione.

Torre delle Cannelle

torre cannelleZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo:  fortificazione XVI° secolo

Fu costruita dai granduchi Medici nella seconda metà del XVI° secolo. Svolgeva funzioni di avvistamento e di difesa attiva della costa, con possibilità di comunicare con la non lontana Torre di Poggio Raso, situata più all’interno. Verso la fine del XVIII° secolo furono effettuati lavori di ristrutturazione, ma, dopo l’Unità d’Italia, la costruzione perse rapidamente importanza e conobbe un periodo di abbandono. Venduta in tempi recenti a privati, la torre è stata completamente restaurata e adibita a residence alberghiero. Il complesso è completato da una cortina muraria esterna. Per accedere alla torre si deve salire al piano rialzato tramite una rampa di scale che termina con un ponte levatoio.

Torre di Capo D'Uomo

torre capo uomoZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: fortificazione XVI°-XVIII° secolo

Fu costruita nella seconda metà del XVI° secolo esattamente dove sorgeva una fortificazione di epoca precedente. La torre svolgeva importanti funzioni di avvistamento lungo il tratto costiero più settentrionale dello Stato dei Presidii. Nel corso del XVIII° secolo furono effettuati alcuni interventi di restauro ed altri ancora negli ultimi decenni del secolo scorso, quelli che hanno riportato la torre al suo aspetto originario.

Torre di Talamonaccio

torre talamonaccioZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: fortificazione XVI° secolo

Fu costruita in epoca medievale come torre di avvistamento, ubicata a sud del villaggio, quando il territorio era possesso degli Aldobrandeschi. Dopo un periodo di tempo alle dipendenze di Siena, nella seconda metà del XVI° secolo la struttura entrò a far parte del territorio assegnato al Regno di Spagna. Dopo lavori di ampliamento ed ulteriore rafforzamento, fu integrata nel sistema difensivo dello Stato dei Presidii. Tra l’altro, poteva comunicare, attraverso segnali ottici, con la Rocca di Talamone e con il Forte delle Saline. Dopo l’annessione dell’intero territorio al Granducato di Toscana, nella prima metà del XIX° secolo la struttura fu gradualmente disattivata e, negli anni successivi, trasformata in abitazione. L’edificio è costituito da almeno undici vani, collegati da un corridoio interno. A destra dell’ingresso, lungo le pareti, sono stati disposti vecchi fucili ad avancarica e a pietra focaia. Inoltre elmi, scudi, spade ed altre armi risalenti al periodo romano, tutti reperti ritrovati dove avvenne la citata battaglia di Campo Regio. Le sale sono arredate con mobili risalenti al XVI° secolo. Nelle vicinanze c’è un’area archeologica della civiltà etrusca.

Torre di Poggio Raso

torre poggio rasoZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: fortificazione XVI° secolo

Fu costruita in un punto strategico per svolgere prevalentemente funzioni di avvistamento lungo la costa dei Monti dell’Uccellina. Nel XVI° secolo la torre divenne un avamposto difensivo del Granducato di Toscana. Proprio in questo periodo, i granduchi Medici commissionarono lavori di restauro e di riqualificazione, per rendere la struttura più efficiente. Dopo l’Unità d’Italia, la fortificazione andò in rovina e, in seguito, fu venduta a privati. I recenti lavori di ripristino hanno recuperato la torre, in seguito adibita a struttura ricettiva. La parte alta, oggi chiusa da grandi finestre, in precedenza era una terrazza di avvistamento, dalla quale potevano essere inviati segnali luminosi alle torri vicine.

Casale della Giannella

casale gianellaZona: Maremma
Tipo: edificazione fortificata XVI°-XVIII° secolo

Ufficialmente denominata Torre della Giannella, ma comunemente conosciuta come Casale Spagnolo, fu costruita nella seconda metà del XVI° secolo per rafforzare le difese costiere dello Stato dei Presidii. Tra l’altro, poteva comunicare sia con il Forte delle Saline che con la Torre della Peschiera di Nassa, tramite segnali luminosi emessi dalla sommità. Nel XVIII° secolo fu gradualmente trasformata fino ad assumere l’attuale aspetto di casale rurale fortificato. Attualmente è affidata al WWF Italia (vedi sotto).

Mausoleo Vivarelli

mausoleo vivarelliZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: mausoleo stile eclettico XX° secolo

Voluto da Jader Vivarelli, noto personaggio della zona, il mausoleo fu progettato dall’architetto Lorenzo Porciatti e realizzato tra il 1905 e il 1906. In anni recenti l’edificio ha subito gravi danni per esplosioni avvenute nei dintorni, che hanno causato la distruzione delle vetrate. Inserito all’interno del piccolo cimitero della cittadina, è un torrione rivestito di travertino che si nota per le notevoli dimensioni. Inoltre per l’insolito stile eclettico e per l’esotismo delle forme. L’ingresso alla cripta, a pian terreno, è inserito nella doppia scalinata posta ad avancorpo sulla parte anteriore. La scala è delimitata da una balaustra in ferro battuto a volute e linee curve stile Art Nouveau.

Idroscalo di Orbetello

idroscaloZona: Maremma
Tipo:  idroscalo  XX° secolo

Nella Laguna di Levante fu costruito un idroscalo di notevole importanza, completo di hangar progettati da Pier Luigi Nervi. Da qui partirono le crociere e le trasvolate transoceaniche del 1928 e del 1933 che resero celebre l’aviatore Ítalo Balbo, anche uno dei maggiori esponenti del Partito Fascista. Purtroppo gran parte delle strutture furono distrutte durante la Seconda Guerra Mondiale ed il Parco delle Crociere è quanto rimane di quel periodo di primati. L’idroscalo, non più attivo, è sede di varie manifestazioni durante i mesi estivi.

Riserve naturali nei dintorni a Orbetello

Parco Regionale della Maremma

parco della maremmaZona: Maremma
Comuni: Grosseto città, Magliano in Toscana e Orbetello
Tipo: area naturale protetta
Centro vistia: località Talamone (GR)
Tel: 0564-407098
Email: info@parco-maremma.it
Sito: www.parco-maremma.it

Il Parco Regionale della Maremma, noto anche come Parco dell’Uccellina, si estende lungo circa 25 chilometri di costa compresi tra le località di Principina a Mare (comune di Grosseto) a nord e Talamone (comune di Orbetello) a sud. I quasi 9.000 ettari del Parco sono  suddivisi tra i comuni di Grosseto, Magliano in Toscana e Orbetello.

parco maremmaL’area è  caratterizzata da elementi morfologici diversi: la dorsale dei monti dell’Uccellina parallela alla linea di costa è ricoperta da una folta macchia mediterranea, la costa presenta  lunghi tratti sabbiosi, piccole insenature, scogliere e ripidi roccioni, inoltre la palude della Trappola e una pineta di oltre 600 ettari – la Pineta Granducale dell’Uccellina, costituita principalmente da pini domestici che furono piantati nel corso del XVIII° secolo dai granduchi Asburgo Lorena, una volta completate le opere di bonifica e canalizzazione dell’area palustre precedente il Lago di Alberese. Anche se non fanno parte della fauna selvatica, sono presenti in tutta quest’area del parco,  le tipiche vacche maremmane che, assieme ai cavalli semibradi, sono divenute uno degli elementi più caratteristici del paesaggio agro-pastorale della Maremma.

parco maremma1Per quanto riguarda i beni storico-architettonici, nel territorio del parco ci sono numerosi edificazioni: ruderi del periodo etrusco-romano nei pressi di Talamone e lungo il fiume Ombrone, gli imponenti ruderi della medievale abbazia di S. Rabano e le torri costiere di avvistamento. Tra queste ultime sono di particolare rilievo:

– Torre della Trappola: di epoca medievale, faceva parte di un complesso che comprendeva saline ed una chiesa, svolgendo funzioni di difesa e di guardia costiera.

– Torre di Castel Marino: costruita nel XIII° secolo confunzioni di difesa e di avvistamento.

– Torre di Collelungo: situata su un promontorio davanti alla spiaggia di Collelungo, è una delle torri meglio conservate di tutto il litorale grossetano. Fu edificata a pianta quadrangolare su tre livelli con un possente basamento a scarpa in epoca rinascimentale con funzione di sorveglianza di un tratto di costa all’epoca controllato da Siena. La struttura venne distrutta e successivamente ricostruita nella seconda metà del XVI° secolo, epoca in cui venne notevolmente rialzata. Nel 1847 fu colpita da un fulmine che distrusse i piani superiori dove, in passato, era probabilmente ubicata la polveriera. Negli ultimi anni del secolo scorso un attento restauro ha riportato la torre all’antico aspetto, recuperando gran parte degli elementi stilistici del XVI° secolo. La torre è raggiungibile attraverso l’itinerario A2 del Parco.

torre uccellina parco maremma Torre dell’Uccellina: risalente all’inizio del XIV° secolo, si trova lungo il crinale dei Monti dell’Uccellina. La torre aveva funzioni di sorveglianza della costa e di difesa della vicina Abbazia di San Rabano, di cui era parte integrante.

Il Parco è aperto tutto l’anno e vi si accede tramite tre centri visite: Alberese (comune di Grosseto), Collecchio (comune di Magliano in Toscana), Talamone (comune di Orbetello). La visita è libera, individuale o di gruppo. All’interno del Parco ci sono vari itinerari segnalati e attrezzati, da percorrere a piedi o in bicicletta, ma alcuni sono efffettuabile solo accompagnati da guide, disponibili su prenotazione.

Itinerari a piedi

T1
Partenza: centro visite – località Talamone
Lunghezza: 4 km
Tempo di percorso: 2,30 ore
Difficoltà: media
Attrazioni:  Punta del Corvo

T2
Partenza: centro visite – località Talamone
Lunghezza: 9 km
Tempo di percorso: 5 ore
Difficoltà: impegnativo
Attrazioni:  le Cannelle

T3
Partenza: centro visite – località Talamone
Lunghezza: 16 km
Tempo di percorso: 8 ore
Difficoltà: impegnativo
Attrazioni:  Grotta di Stoppa

Oasi della Laguna di Orbetello

laguna orbetello fenicotteroZona: Maremma
Tipo: area natura protetta con laguna, spiagge e dune

L’Oasi è stata istituita nel 1971 per tutelare una zona umida, la cui importanza è stata riconosciuta dalla convenzione internazionale di Ramsar: infatti include la Laguna di Orbetello interna più ampia di tutto il Mar Tirreno. La terraferma comprende un tratto del Tombolo della Giannella, comprensivo di spiagge e dune con vegetazione tipica della costa, la Riserva Naturale Laguna di Orbetello di Ponente e la Riserva Naturale di Protezione Duna Feniglia. Tutta la zona è un’area dove svernano e nidificano oltre 250 specie di uccelli migratori e la variegata fauna è anche costituita da specie rare come le anguille di mare ed i fenicotteri.

Riserva Naturale della Laguna di Orbetello

oasi laguna di orbetelloZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Gianella
Tipo: area natura protetta
Centro visita: Casale Gianella

È una striscia sabbiosa lunga 8 chilometri che collega il Monte Argentario alla terraferma, in prossimità dell’abitato di Albinia. La vegetazione è quella tipica della macchia mediterranea, con abbondanza di cespugli. La fauna più comune è costituita da uccelli rapaci, gufi, istrici, volpi, gabbiani. Nella parte settentrionale della riserva è ubicato il Casale della Giannella, gestito dal WWF Italia per fini nauralistici, didattici e di studio dell’ambiente. All’interno ha sede il Centro di educazione ambientale “Aurelio Peccei”.

oasi laguna orbetelloAll’interno della Riserva sono stati organizzati tre diversi itinerari:
1 – sentiero ornitologico, dedicato esclusivamente alla fauna avicola, con un percorso completato da nove punti per l’osservazione
2 – sentiero del Bosco di Patanella, percorso botanico con punti per l’osservazione di esemplari arborei di leccio, sughero, pino d’aleppo e orchidee.
3 – sentiero escursionistico, il più lungo, che attraversa vari ambienti (tra cui un orto botanico), incluso il cosiddetto “giardino delle farfalle”
Il centro visite, gestito dall’organizzazione WWF Italia, è situato all’interno del Casale della Giannella. Il centro fornisce materiale didattico sulla riserva ed organizza esposizioni tematiche.

Riserva Naturale di Protezione Duna Feniglia

riserva duna fenigliaZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Feniglia
Tipo: area naturale protetta

La Riserva è una stretta duna sabbiosa lunga circa 6 chilometri e con un’area di 600 ettari. Collega la località di Porto Ercole, ai piedi del Monte Argentario, con la località di  Ansedonia. Conserva intatto l’ecosistema del tombolo (un tipo di bosco costiero ricco di vegetazione mediterranea) che ricopre tutta la striscia di terra tra l’Argentario e la terraferma, sia sul lato rivolto verso la laguna che su quello verso il Mar Tirreno. Diffusissimi gli alberi di pino e le latifoglie. All’interno vivono, in assoluta libertà, numerosi cinghiali, daini, volpi, tassi, faine, puzzole, donnole.

riserva laguna orbetello Vari percorsi, adeguatamente segnalati, consentono di effettuare la visita sia a piedi che in bicicletta. Inoltre un percorso fitness ed uno con diversi punti di osservazione birdwatching. Lungo la fascia prospiciente il mare si allunga, per circa 6 chilometri, una spiaggia di sabbia finissima, con zone frequentate anche da naturisti. Nel 1610 il pittore Caravaggio (Michelangelo Merisi di Caravaggio), fuggitivo da Roma, contrasse in questa zona quelle febbri malariche che ne provocarono la morte.

Località nei dintorni a Orbetello

Ansedonia

ansedoniaZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Ansedonia
Tipo: villaggio balneare

È un’apprezzata località turistica, situata su di un promontorio, nelle vicinanze dell’insediamento romano di Cosa. Numerose costruzioni moderne – residence di lusso e ville – caratterizzano la località, dove non mancano tracce di storia in alcuni monumenti.  Da segnalare il sito archeologico della Città di Cosa, che ancora preserva parte della città etrusco-romana, la Tagliata Etrusca, canale marittimo di epoca antica e l’Oratorio di San Biagio alla Tagliata. L’edificio della chiesa incorpora i resti di un mausoleo romano con tre absidi.

????????????????Secondo la tradizione l’oratorio sarebbe stato fondato da monaci armeni, sbarcati con varie reliquie, tra cui la venerata testa di San Biagio. Nel XV° secolo le reliquie furono trasportate a Siena e, conseguentemente, la capella perse importanza, fino essere completamente abbandonata nel 1693. Interessante è anche la Torre della Tagliata, di origine medievale. Tra la fine del XIX° secolo i primi decenni del XX°, vi soggiornò più volte il noto musicista Giacomo Puccini che qui trovò ispirazione per molte delle sue composizioni, tra le quali la celebre opera Turandot.

Fonteblanda

fonteblandaZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Fonteblanda
Tipo: villaggio balneare

Trattasi di una moderna cittadina turistica immersa nel verde del Parco Naturale della Maremma con incantevole spiagge come quella di Bengodi, spiaggia dell’Osa e della Puntata. L’abitato si localizza vicino al Golfo di Talamone. Nel territorio si trova i siti archeologici etruschi di Poggio Talamonaccio.

Talamone

talamone2Zona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: villaggio balneare
Informazioni turistiche: via Cala di Forno, 7
Tel: +39  0564 887410

Il villaggio sorge su di un promontorio roccioso ricoperto dalla tipica vegetazione della Maremma, la macchia mediterranea. Non mancano comunque incantevole spiagge sabbiose, tutte coronate da pinete. Ci sono tante attrazioni a Talamone: la Rocca di Talanome, la Torre delle Canelle, la Torre di Talamonaccio, l’Acquario della Lagura, il Mausoleo Vivarelli, la chiesa di Sanat Maria Assunta tra altri.

rocca talamoneTalamone fu una fiorente cittadina già in epoca etrusca, con il nome di Tlamun, mentre per i romani fu Talamo-Talamonis. Nella vicina località di Campo Regio (tra i fiumi Albegna ed Osa, a poca distanza da Fonteblanda) si combatté, nel 225 a.C., una grande battaglia: l’esercito di Roma sconfisse rovinosamente la più forte armata che le popolazioni celtiche (principalmente Galli) erano riuscite ad organizzare. Talamone fu invece rasa al suolo da Silla come punizione per l’appoggio dato all’acerrimo rivale Mario. Nel XIII° secolo  la famiglia Aldobrandeschi  fece erigere le mura. La rocca e le strutture difensive guardia del porto, all’epoca particolarmente attivo. Nella prima metà del XVI° secolo, una serie di incursioni da parte dei pirati barbareschi danneggiò la rocca. Nel 1559, il territorio fu ceduto alla Spagna ed entrò a far parte dello Stato dei Presidii.

TALAMONE11In tempi recenti la cittadina è diventata un’apprezzata località balneare. Le spiagge sono caratterizzate da acqua cristallina, adatte a vari sport acquatici e nautici (snorkeling, windsurf, kite-surf, ecc.). La spiaggia del Cannone e Bagno delle Donne è rinomata per la bellezza dei fondali e la limpidezza delle acque. Grazie alla posizione geografica e micro-ambientale – vento forte e mare calmo – le acque di fronte alla spiaggia Fertilia sono un’eccellente “palestra” per imbarcazioni a vela. Inoltre Talamone è un porto turistico importante, da cui si possono effettuare gite organizzate per l’Argentario e le due isole prospicienti, Giglio e Giannutri. Infine escursioni a quelle spiagge del Parco Regionale della Maremma raggiungibili solo via mare. Nei pressi di Talamone è situato l’ingresso più meridionale del parco: alcuni sentieri permettono di attraversarlo e di salire fin sul crinale dei Monti dell’Uccellina.

ARTE E MUSEI

Musei di Orbetello

Museo Archeologico di Orbetello

museo archeologico orbetelloZona: Maremma
Tipo: museo archeologico
Tel: +39 0564861238

Il museo è allestito all’interno dell’antica  Polveriera Guzman, costruita nel 1692 all’esterno della cinta muraria della cittadina, che è stata recentemente restaurata. Il Museo archeologico di Orbetello, raccoglie numerosi reperti di epoca etrusca e romana provenienti da tutto il territorio circostante.

Museo della Cultura Contadina

museo cultura contadinaZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Albinia
Tipo: museo etnografico
Tel: +39 0564 872084

Il museo raccoglie testimonianze della vita rurale dagli inizi del XX° secolo fino al periodo della Riforma Fondiaria.

Acquario della Laguna

Acquario orbetelloZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Talamone
Tipo: acquario
Indirizzo: Via Nizza, 24  – Talamone – Palazzo dei Pubblici Servizi
Tel: +39 0564 887173
Orari: tutti giorni 10.30-12.30 e 15.00-19.00 – Lunedì chiuso
Ingresso: € 3,00 intero € 1,00 ridotto
Accessibilità ai disabili:

Nei pressi del porto di Talamone si trova l’Acquario della Laguna, interamente dedicato al particolare ecosistema della Laguna di Orbetello, composto da una decina di vasche dove è rappresentata tutta la fauna ittica della zona. Completa l’esposizione una serie di attrezzi da pesca tradizionali, come i “barchini” e reti usati dai pescatori della zona. Pannelli illustrativi e documentari sul Mar Mediterraneo completano la visita.

Siti archeologici

Sito archeologico di Cosa e Museo archeologico “Rovine di Cosa”

citta di cosaZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Ansedonia
Tipo: sito archeologico etrusco-romano e museo archeologico
Tel: +39  0564 881421

Ubicata sul promontorio roccioso di Ansedonia, la località sarebbe stata originariamente un centro etrusco, come confermerebbero le mura, databili all’incirca V° secolo a.C. Certamente fu una città romana, fondata nel 273 a.C., poco dopo la conquista militare. L’insediamento  divenne di fondamentale importanza fino a diventare la capitale politica e amministrativa dell’intero territorio vicino, quello strappato agli etruschi di Vulci.

citta di cosa ansedoniaLa città era circondata da una cinta muraria poligonale realizzata in modo da rendere inespugnabile il luogo, sia in caso di attacco terrestre che di incursione dal mare. Il perimetro della cerchia si estendeva originariamente per quasi un chilometro e mezzo ed era rafforzato da ben 18 torri che svolgevano funzioni di avvistamento e di difesa. Un canale, denominato Tagliata Etrusca, serviva ad impedire l’insabbiamento del porto. Dopo la caduta dell’Impero Romano la cittadina andò gradualmente spopolandosi, soprattutto nel periodo compreso tra la dominazione longobarda e il X° secolo. Nel corso del XIV° secolo la città divenne oggetto delle mire espansionistiche di Siena, che cercava di espandere il proprio territorio verso il mare. L’assedio del 1329 determinò la caduta della cittadina e, da quel momento, l’abitato venne completamente abbandonato.

SONY DSCNonostante il periodo di declino e abbandono durato oltre mezzo millennio, le mura ciclopiche si trovano ancora in buono stato di conservazione. L’area archeologica è di assoluto rilievo, per dimensioni e qualità dei ritrovamenti. Nella parte alta è visibile il Capitolium (campidoglio), tempio a tre celle affiancato da altri due templi laterali, risalenti probabilmente al II° secolo a.C. Da questa costruzione inizia una strada che porta alla zona del foro, dove si riconoscono vari edifici tra i quali la basilica, le terme e altri due templi. All’interno del sito archeologico è ubicato un complesso museale “Rovine di Cosa”, che conserva i reperti ritrovati durante gli scavi. Sono inoltre visibili le mura di una casa romana. All’estate, le rudere fanno da scenario a rappresentazioni teatrale con lo sfondo del Mar Tirreno.

Tagliata Etrusca

tagliata etrusca ansedoniaZona: Maremma
Comune: Orbetello (GR) – località Ansedonia
Tipo: canale marittimo etrusco IV° secolo A.C.

È una notevole opera di ingegneria, risalente al periodo etrusco-romano. Si tratta di un canale tagliato nella roccia viva lungo la costa a sud-est del promontorio. La sua realizzazione si rese necessaria per evitare l’insabbiamento dell’antico porto creando un sistema di contro-correnti provenienti dal mare e dal canale emissario del non lontano Lago di Burano. Questa notevole opera ingegneristica era completata dal cosiddetto “Spacco della Regina”, una grande fenditura del promontorio soprastante che si sviluppa lungo alcuni cunicoli scavati artificialmente.

COSA FARE

Eventi

Corsa dei Barchini

corsa barchiniTipo: rievocazione storica sportiva
Periodo: maggio

Rievocazione storica che, nella competizione tra i caratteristici “barchini” a remi nelle acque della laguna, vede la sfida tra i cinque rioni della cittadina.

Orbetello Piano Festival al Chiaro di Luna

Tipo: musicale
Periodo: agosto-settembre

Festival  internazionale di musicale con pianoforte.

Festa di San Biagio

festa san biagioTipo: religioso
Periodo: maggio

Le festività in onore del Santo Patrono consistono in cerimonie religiose, processione per le vie del centro storico e luminaria di barchini dentro la Laguna di Orbetello.

Sport

Golf

golfIndirizzo: Località Maremmello – Fonteblanda
Tel: +39 0564 886217
www.maremmello.it

Il clima mite della zona consente a questo campo da golf con 9 buche di rimanere aperto per tutto l’anno.

CULTURA

Storia

orbetello1Nel VII° secolo a.C. esisteva già un insediamento etrusco vicino alla laguna. Rimangono tracce di mura costruite con grandi pietre poligonali risalenti al V° secolo a.C. Nel 280 a.C. la zona fu conquistata dall’esercito di Roma e, poco tempo dopo, fu fondata, nei pressi dell’attuale Ansedonia, la colonia (poi divenuta città) di Cosa. Nel Medio Evo la cittadina era conosciuta come Orbetellum e Orbitellus, nome probabilmente derivato dal diminutivo del latino herbetum (luogo erboso). La zona fu possesso della famiglia Aldobrandeschi fino agli inizi del XIV° secolo, quando il centro abitato passò sotto il controllo di Orvieto. Ne nacque però una contesa con la famiglia Orsini di Pitigliano che però si concluse con la sconfitta di entrambi i contendenti: infatti, nel XV° secolo, la cittadina fu conquistata da Siena, che ne mantenne il controllo fino a metà di quello successivo.

orbetello mappaQuindi, nel 1555, a seguito della fine di Siena come stato indipendente, l’intera zona fu occupata dall’esercito del Regno di Spagna e, due anni dopo, fu costituito il piccolo Stato dei Presidi, del quale Orbetello divenne capitale. A seguito della Restaurazione post-napoleonica all’inizio del XIX° secolo, tutto il territorio entrò a far parte del Granducato di Toscana, seguendone le sorti fino all’Unità d’Italia. Fino alla prima metà del XX° secolo, Orbetello fu il principale polo industriale della Maremma meridionale: erano presenti due industrie chimiche che producevano fertilizzanti ed esplosivi. La loro chiusura ha influito negativamente sul tessuto economico e sulo sviluppo demografico. Attualmente l’industria è costituita solo da alcune attività di cantieristica navale e dalla filiera agro-industriale (conserve alimentari, lavorazione del pesce).

Curiosità

film 007Nel 2008 a Talamone sono state girate alcune scene del film Agente 007 – Quantum of Solace.

GASTRONOMIA

Piatti tipici 

Bottarga di muggine (cefalo) o di tonno provenienti dalla laguna

Scarsella orbetellana

Cefalo affumicato

Anguilla allo sciabecco  o sfumata

Filetto di muggine (cefalo) affumicato

Scottiglia (zuppa di pane)

Carne vaccina alla maremmana

Tortelli alla maremmana

Marmellata di corbezzolo

Caviale dei Poveri e Zuppa di femminelle

Con questa denominazione sono conosciuti i granchi che popolano la laguna e che, nel periodo invernale, sono ricchi di uova. Con queste viene preparato il cosiddetto “caviale dei poveri”: le uova sono insaporite con olio d’oliva, prezzemolo, limone, sale e pepe. I crostacei sono parimenti utilizzati per una gustosa zuppa che ha la sua base in un soffritto di cipolla, sedano, carota, peperoncino e pomodori a pezzi.

Prodotti tipici 

Pesce di laguna

In un bacino di circa 2.500 ettari vivono e proliferano varie specie di pesci: orate, spigole, cefali, sogliole, anguille. Parte del pescato è destinato al mercato, parte utilizzato per alcune gustose specialità locali.

Nella zona pianeggiante tra Orbetello e Talamone si producono notevoli quantità di ortaggi, tra cui cavoli e carciofi. Consistenti anche gli allevamenti di vacche maremmane, che vivono allo stato brado e producono un’ottima qualità di carne da tavola. Inoltre ovini a caprini, all’origine di gustosi formaggi locali. Ci sono anche floridi oliveti (sopratutto Moraioli) e vigneti.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Orbetello e dintorni 

HOTEL CORALLO *** - località Albinia

Hotel Corallo ***

Indirizzo: Via Paolieri, 27 – 58015 località Albinia – Orbetello (GR)
Tel. +39 0564 870065
Email: info@hotelcorallo.it
Sito: www.hotelcorallo.it
Servizi: 25 camere ben arredate con aria condizionata, riscaldamento, tv digitale, balcone, wifi, asciugacapelli, set cortesia,colazione con croissant freschi e pietanze salate, bar, giardino – accetta animali di piccola taglia

Dove mangiare 

AGRIETRURIA - località Albinia

AGRIETRURIA – Enoteca -Gastronomia

Indirizzo: Via Lasio,3 (zona campo sportivo) – 58015 località Albinia – Orbetello (GR)
Tel. +39 0564 870285  cell. +39 339 3514481
Email: gigimasci@gmail.com
Facebook: facebook/agrietruria.enotecagastronomia
Servizi: piatti tipici maremmani, prodotti tipici di eccellenza di Maremma, vini pregiati, giardino

LA ROSA DEI VENTI - località Albinia

LA ROSA DEI VENTI – Hotel Restaurant

Indirizzo: Via Calabria (via Aurelia km 149) – 58015 località Albinia – Orbetello (GR)
Tel. +39 0564 870143
Email: info@la-rosa-dei-venti.it
Sito: www.la-rosa-dei-veinti.it
Servizi: piatti tipici maremmani, giardino

PIZZERIA DA TONY - località Albinia

PIZZERIA DA TONY

Indirizzo: Via Pascucci, 18 – 58015 località Albinia – Orbetello (GR)
Tel. +39 0564 872080  cell. +39 340 9893037
Servizi: pizze al piatto, al taglio e da asporto – chiuso giovedì