Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termo_montemurlo

Le terme degli Ardengheschi

civitella paganico stemmaIl territorio di Civitella Paganico, prevalentemente collinare e solcato dal fiume Ombrone, è un ambiente naturale ben conservato, dove la fitta macchia mediterranea si alterna a campi coltivati. L’abitato conserva ancora le tipiche casa di mattoni con loggiato risalenti al XIV° e XV° secolo. Da segnalare le Terme di Petriolo, con stabilimenti sfruttati dall’epoca dei Romani e la Riserva Naturale del Basso Merse.

ZONA Maremma del Sud
TIPO cittadina collinare
COORDINATE 42°59′42″N 11°16′54″E
ALTITUDINE 329 m  s.l.m.
PRODOTTI vino
SPORT trekking escursionistico, cicloturismo
CONFINI Campagnatico (GR), Cinigiano (GR), Montalcino (SI), Monticiano (SI), Murlo (SI), Roccastrada (SI)

civitella paganico mapInformazioni turistichegrosseto map

Comune di Civitella Paganico
via 1° Maggio, 6 – 58045 Civitella Paganico (GR)
tel. +39 0564 900411
www.comune.civitellapaganico.gr.it

COSA VEDERE

Fortificazioni

Civitella Paganico castello

Cassero Senese

casero seneseZona: Maremma del Sud
Comune: Civitella Paganico (GR) – località Paganico
Tipo: fortificazione (XIV° secolo)

Risalente al XIII° secolo, fu edificata per il controllo della via di comunicazione lungo il fiume Ombrone. Nel 1328, l’edificio fu distrutto dalle milizie di Castruccio Castracani, condottiero di Lucca. Nel XIV° secolo le strutture furono ricostruite e fortificate con quattro possenti torri insieme al Cassero Senese che fino a oggi si è ben conservato. L’edificio è costituito da due corpi di fabbrica rivestiti in pietra e laterizio con un serie di finestre che si affacciano verso il centro dell’abitato e la torre che presenta alcune feritoie destinate alla difesa.

Castello di Monte Antico

castello di monte anticoZona: Maremma del Sud
Comune: Civitella Paganico (GR) – località Monte Antico
Tipo: fortificazione (X°-XIV° secolo)

Il castello sorse attorno il XI° secolo come proprietà della famiglia Ardengheschi. Nel XVI° secolo fu ristrutturato dalla famiglia Buonsignori che ampliarono la rocca presistente. Sotto il domnio di Siena, nel XV° secolo, la fortificazione subì sostanziali cambiamenti. L’ultima ristrutturazione conferì al castello un stile neomedievale conservato fino a oggi. Il castello è successivamente diventato un albergo e ristorante.

Chiese

Civitella Paganico - Monastero di Siloe

Badia Ardenghesca

badia ardenghescaZona: Maremma del Sud
Tipo: chiesa-abbazia romanica (XII° secolo)

Anche denominata Abbazia di San Lorenzo al Lanzo fu edificata nel XII° secolo ma abbandonata nel XVI°. Dell’edificio originale si è conservata la facciata in stile romanico con il portico e la navata centrale con capitelli raffiguranti figure zoomorfe.

Terme

Terme di Petriolo - Civitella Paganico

Terme di Petriolo

terme petrioloZona: Maremma del Sud
Comune: Civitella Paganico (GR) – località Petriolo
Tipo: terme

Le acque termali sgorgano a una temperatura di +43°C e sono caratterizzate da un pungente odore, dovuto alla presenza di idrogeno solforato. Erano già conosciute fin dall’epoca romana, tanto da essere citate in un’orazione di Cicerone. Il primo complesso termale moderno fu costruito all’inizio del XV° secolo nella zona di Monticiano. Proprio durante il Rinascimento, le terme assunsero un notevole prestigio, tanto che vi si recarono alcuni esponenti della famiglia dei Medici e papa Pio II°. L’attuale stabilimento termale, ubicato lungo il corso del fiume Farma, è stato recentemente ristrutturato e riaperto al pubblico. La struttura alberghiera è annessa allo stabilimento. A fianco del fiume ci sono alcune vasche naturali liberamente fruibili.

Riserve naturali

Civitella Pagnico Riserva Naturale Basso Merse

Riserva naturale del Basso Merse

riserva basso merseZona: Maremma del Sud
Tipo: area naturale protetta

La riserva è costituita da un’area protetta di boschi di leccio, cerro, carpino nero, rovenelle e orniello. Per quanto riguarda la fauna, sono presenti la poiana, lo sparviero, il biancone e il falco pecchiaiolo. Tra i mammiferi ci vivono ungulati come il daino e il capriolo. Nella zona ci sono alcuni affluenti del fiume Merse circondati di pioppi neri.

Località nei dintorni

Civitella Paganico dintorni

Civitella Marittima

civitella marittimaZona: Maremma del Sud
Comune: Civitella Paganico (GR) – località Civitella Marittima
Tipo: borgo collinare

È un piccolo paese arroccato su una collina che domina da un lato la Maremma e dall’altro le colline in direzione di Siena. Sede di un antico insediamento etrusco, come borgo si sviluppò intorno all’anno Mille. Fu il centro principale nel territorio della famiglia Ardengheschi che, dopo varie sommosse e ribellioni, nel 1202 accettò di pagare a Siena il “fodro” – equivalente a 26 denari dell’epoca – per ciascun nucleo familiare residente nei possedimenti. Nel 1254 i conti fecero atto formale di sottomissione a Siena, iniziando così il progressivo calo della loro egemonia. La vicenda si concluse definitivamente nel 1317, con la vendita a Siena di ciò che restava del feudo. Il borgo conserva le mura medioevali e alcuni palazzi e chiese edificati a partire dal XV° secolo. Degne di nota sono le “Scale Sante” dove, secondo la tradizione, apparvero i santi patroni, salvando quindi gli abitanti da una terribile epidemia di peste.

Paganico

paganicoZona: Maremma del Sud
Comune: Civitella Paganico (GR) – località Paganico
Tipo: borgo collinare

L’abitato si sviluppò alla fine del XIII° secolo come vero e proprio borgo fortificato – denominato anche Castelfranco o Borgo-Franco perché esente da qualunque tassa o balzello per almeno dieci anni – in grado di adempiere a funzioni doganali e di libero scambio commerciale. Nel 1273 era infatti già sede di un mercato settimanale. Dopo l’assedio del 1328 da parte delle milizie del condottiero lucchese Castruccio Castrani, la cinta muraria fu completamente ricostruita. Oggi rimangono il Cassero ben conservato e gran parte delle mura e tre delle porte, la più importante delle quali è la Porta Grossetana, con arco gotico senese. Al’interno del borgo c’è la chiesa di San Michele Arcangelo, contenente un ciclo di affreschi del XIV° secolo, attribuiti al pittore di scuola senese Biagio di Goro Ghezzi, e alcune altre pregevoli opere pittoriche.

Casal di Pari

casal di pariZona: Maremma del Sud
Comune: Civitella Paganico (GR) – località Casal di Pari
Tipo: villaggio collinare

Antico villaggio nascosto tra i boschi, originariamente denominato Casale, fu un piccolo centro dei possedimenti della famiglia Ardengheschi. Poi si sottomise alla città di Siena. Poco o niente rimane dell’originario agglomerato urbano, databile al XII° secolo, se non per le strette stradine e una piccola piazzetta sovrastata da terrazze e archetti. Nei dintorni spicca il poggio Montacuto  con rudere dell’antico borgo risalente al XII° secolo arroccato a 470 m s.l.m. che costituiva la  rocca forte difensiva della famiglia Ardenghesca. Dal poggio si gode un spettacolare panorama delle colline maremmane nei dintorni. Inoltre la zona è considerata ideale per osservazione astronomiche per la chiarezza del cielo.

COSA FARE

Eventi

Palio della Granocchia

palio della granocchiaTipo: folclore sportivo
Periodo: prima domenica di settembre

Il Palio è preceduto dal corteo storico, composto da circa 100 figuranti in abiti medievali e da un carroccio trainato da buoi, sul quale è collocato il premio. Per la competizione vera e propria a ciascun concorrente, detto “Granocchiaio”, viene assegnata una carriola contenente tre rane: il vincitore sarà quello che arriva per primo con tutte le rane vive e in buone condizioni.

ITINERARI

Percorsi

Strada del vino di Montecucco

Strada del vino

Bicicletta

Via Leopoldina

Itinerario: Paganico Fercole-Casal di Pari-Casenovole-Monte Antico Stazione-Paganico
Lunghezza: km. 38,5
Dislivello: m. 350
Tipo di strada: asfaltata
Difficoltà: media-impegnativa
Attrazioni: Casal di Pari

CULTURA

Storia

Civitella PaganicoAnticamente diversi piccoli centri etruschi costellavano la zona. Tali insediamenti furono mantenuti anche durante tutto il periodo romano, ma con il progressivo decadimento dell’Impero i terreni agricoli furono abbandonati e la valle dell’Ombrone lentamente si impaludò. Il territorio fu quindi occupato dai Longobardi e, successivamente, divenne possesso della famiglia Ardengheschi. In varie fasi seguenti entrò a far parte dei domini di Siena e, insieme alla città, a metà del XVI° secolo fu integrato nel Granducato di Toscana.

GASTRONOMIA

Piatti tipici

Anacino

anacinoTipico biscotto salato con aroma di anice, originario della località di Pari.

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire

Poggio alla Rocca

Civitella Paganico (GR)
Agriturismo in collina con vista spettacolare e turismo astronomico