Turismo in provincia di Arezzo 

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana

Provincia Arezzo stemma La Provincia di Arezzo deriva dall’unione dei comuni del arezzo mappavecchio territorio aretino appartenente al Granducato di Toscana. Abitata fin dai tempi preistorici, ha ricevuto influenza delle civiltà etrusca e romana. Arezzo e Cortona sono state importanti città etrusche, di cui ancora oggi ci sono reperti conservati nei musei archeologici del territorio.

Arte, architettura, ambienti naturali, luoghi di fede, cucina tipica, borghi medievali conservati ed identità caratterizzate da una solida tradizione rurale e artigianale, sono elementi che fanno della Provincia di Arezzo un territorio di alto interesse turistico. Da segnalare la produzione orafa di Arezzo, del ferro battuto, della pietra lavorata oltre le colorate ceramiche che ricordano le maestrie medievali. Nel territorio aretino sono nati importanti artisti come Michelangelo Buonarroti, Giorgio Vasari, Masaccio, Piero della Francesca, Luca Signorelli, Francesco Petrarca, Roberto Benigni tra altri.

Il territorio offre la possibilità di intraprendere numerosi percorsi trekking a piedi, a cavallo o in mountain bike. Ci sono numerose riserve naturali ed aree protette quale Alpe della Luna, Alta Valle del Tevere, Monti Rognosi, Sasso di Simone, Valle dell’Inferno e Bandella, Badia Prataglia, Le Balze, Golena del Tevere tra altre. Il  Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna costituisce il complesso storico-religioso-naturalistico più importante della zona.

Nelle numerose strutture agrituristiche sparse su tutto il territorio aretino, vengono svolte attività di vario genere: didattiche, sportive, agresti, culturali o ricreative, oltre i ricercati corsi di cucina tipica toscana. Il comune di Monte San Savino è entrato nel Guiness per il record della maggior e miglior “porchetta” del mondo. Nella zona ci sono anche numerose opportunità di shopping nei negozi di moda e artigianato, dalle grande firme degli outlet, come quello di Valdichiana Outlet.

TERRITORIO E ZONE

Territorio della Provincia di Arezzo

Zone Arezzo

Il territorio della Provincia di Arezzo si estende dal Monte Falterona alla riva settentrionale del lago Trasimeno e dai monti del Chianti al versante orientale dell’Alpe della Luna. È attraversata dal fiume Arno dalla sorgente fino a San Giovanni Valdarno. Il rilievo più elevato è il Monte Falco (1658m s.l.m.), situato nella zona del Casentino. Nel territorio si possono distinguere alcune aree geografiche ben precise: Casentino, parte del Valdarno Superiore, tra il Pratomagno e i monti del Chianti, la Valdichiana aretina, il Chianti aretino e la Valtiberina.

Casentino

pratomagnoCASENTINO

Comuni: Bibbiena, Capolona, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Poppi, Pratovecchio Stia, Subbiano, Talla

Il Casentino è una vallata formata dal primo tratto dell’Arno, compresa indicativamente tra il monte Falterona, da cui il fiume Arno nasce al massiccio del Pratomagno. E’ una zona che fu scelta come luogo di meditazione e di preghiera da San Francesco d’Assisi e da San Romualdo, fondatore dell’Eremo di Camaldoli. Per tale motivo il Casentino è meta di turismo religioso (Monastero ed Eremo di Camaldoli e Complesso francescano di La Verna) che si affianca al turismo naturalistico del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e del Monte Falterona.

Salva

Salva

Salva

Chianti Aretino

chianti aretinoCHIANTI ARETINO

Comuni: Bucine, Cavriglia

Il Chianti aretino si trova all’estremità occidentale della provincia di Arezzo. L’area è caratterizzata da paesaggi ricchi di vigneti ed uliveti dai quali vengono prodotti vini ed olio di ottima qualità. Infatti è una pregiata zona vinicola.

Salva

Salva

Valdichiana

cortona zoneVAL DI CHIANA

Comuni: Arezzo, Castiglion Fiorentino, Civitella in Val di Chiana, Cortona, Foiano della Chiana, Lucignano, Marciano della Chiana, Monte San Savino

La Val di Chiana (o Valdichiana) è una valle di origine alluvionale. È una delle zone più fertili d’Italia, circondata da colline dolci e verdeggianti, punteggiate da splendide ed intatte cittadine medievali. Oltre 500 chilometri quadrati di ben ordinate colture. Già ventidue secoli fa doveva essere considerata il granaio d’Etruria.  Posti di origini etrusca come Farneta, Foiano, Cignano, Castiglion Fiorentino e Cortona, ci confermano che gli etruschi popolarono e coltivarono questa valle contendendola alle acque che da millenni la impaludavano. Alcuni secoli dopo, non più curata come nei tempi degli Etruschi, la Val di Chiana cedette nuovamente alle acque che tornarono ad invaderla. Quando Leonardo da Vinci, oltre quindici secoli più tardi, disegnò il “Codice Atlantico”, la Val di Chiana vi apparve di nuovo come un lago.

riserva valle inferno diga levane La bonifica lorenese dei principi del XIX° secolo, progettata e diretta dall’aretino Vittorio Fossombroni, restituì la Val di Chiana all’antica fertilità, disseminandola di nuovi villaggi. La fiorente agricoltura produce oggi cereali (grano, granturco, girasole, orzo) e ortaggi. L’allevamento è diffuso a livello suino, bovino, ovino (cui si lega la produzione del formaggio pecorino toscano), del pollame e struzzi. La Val di Chiana è una delle aree esclusive di allevamento di una pregiatissima razza bovina da carne, detta appunto chianina, direttamente derivata dal bos primigenius della preistoria. Numerosi furono gli pittori e scultori nati nella zona quali Lucca Signorelli, Pietro da Cortona, Andrea Sansovino, e Gino Severini. L’Autostrada del Sole e la linea ferroviaria Roma-Milano tagliano longitudinalmente la valle assicurano i collegamenti tra i centri abitati maggiori, mentre una fitta rete di ottime strade provinciali consente di percorrere la zona in ogni senso e di scoprirne le bellezze.

Salva

Salva

Valtiberina

valtiberinaVALTIBERINA

Comuni: Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Sestino

La zona della Valtiberina  è una valle attraversata dal corso superiore del Tevere. Il territorio è caratterizzato da una grande presenza di zone rurali e montane. La Valtiberina fu confine e insieme punto d’incontro tra civiltà diverse, l’umbra e l’etrusca, la bizantina e la longobarda. I patrizi romani del tempo di Augusto ne scoprirono la bellezza e vi costruirono ville. Poi venne il tempo dei feudatari e degli abati che vi eressero castelli e monasteri. Integre città murate come Anghiari o centri fluviali come Pieve Santo Stefano, badie camaldolesi e conventi francescani narrano la storia di questo territorio incantevole. Michelangelo e Piero della Francesca nacquero tra queste montagne. L’Alta valle del Tevere è attraversata per tutta la sua lunghezza dalla Statale Tiberina 3, e dalla Superstrada E45 che congiunge Roma al Nord Italia valicando l’Appennino proprio presso le sorgenti del Tevere.

Salva

Salva

Valdarno e Valdambra

valdarno superioreVALDARNO Superiore

Comuni: Bucine, Castelfranco Piandiscò, Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini

Il  Valdarno è la valle percorsa dall’Arno. Si presenta come una larga pianura che, attraverso un millenario lavoro di erosione ad opera dell’acqua e del vento, ha formato le Balze. Sopra alle Balze corre la  Strada dei Setteponti (la strada  romana Cassia Vetus che univa Arezzo a Fiesole). Alla pianura si succedono le colline, punteggiate da insediamenti medievali, e poi il monte di Pratomagno con  suoi boschi, castagneti e pascoli. Abitata da Etruschi e Romani, conserva borghi con tracce di mura urbane, rocche, castelli, oltre a fattorie e poderi che mantengono il sapore rurale della campagna toscana. Nella zona si concentra un grande numero di aziende principalmente del settore di pelletteria e di calzatura. Il Valdarno ha un’economia attiva e differenziata, presente  anche nei settori alimentare, tessile, dell’abbigliamento,  estrattivo, chimico, di trasformazione dei metalli ed elettromeccanico.

La Valdambra (o Val d’Ambra) è la valle che segue il corso del Torrente Ambra. Il centro abitato più importante della valle è Bucine.  Altri borghi e centri minori della valle sono: Levane, Badia a Ruoti, Ambra, Cennina e  San Leolino. La Valdambra è un territorio ondulato di origine collinare e molto boscoso, inoltre è ricco di colture dai cereali al tabacco, dai girasoli a viti ed olivi. Anche il settore turistico si è molto evoluto presentando infatti varie strutture ricettive quali b&b, agriturismi, case vacanza, hotel e camping.

Salva

Salva

Salva

Centro di Accoglienza Turistica – Arezzo
. Piazza della Libertà, 1 – Arezzo (AR)
Tel: +39 0575401945
. Piazza della Repubblica, 28 – Arezzo (AR)
Tel: +39 057 526850
Orari : tutti i giorni 9.30 – 13.00 e 13.30 – 16.0O
Servizi: totem TOUCH-SCREEN attivo 24 h/24 per informazioni turistiche

In totale la Provincia di Arezzo comprende 37 comuni. Per leggere di più sulle attrazioni e servizi turistici, CLICCA SUL NOME di ogni zona oppure comune elencato.

ATTRAZIONI TURISTICHE

Cosa vedere ad Arezzo e dintorni

Pieve di Romena (AR)

C’è tanto da vedere, da fare e da gustare in Provincia di Arezzo, una terra ricca tanto dal punto di vista culturale-artistico quanto enogastronomico. La quasi totalità dei 37 comuni che fanno parte della provincia sono mete turistiche e di villeggiatura. Offrono al turista un’eccellente e diversificata acoglienza che traduce la vera vita della campagna toscana.

Nel territorio della provincia di Arezzo sono presente numerose riserve naturali, parchi ed aree protette di interesse naturalistico. Spicca il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna (comuni Pratovecchio Stia, Poppi, Chiusi della Verna e Bibbiena) costituito di foreste di grande bellezza, che fanno un complesso forestale eccezionale articolato attorno a nuclei storici.  L’importanza e la fama di centri monastici come il Monastero e l’Eremo di Camaldoli e il Santuario la Verna, luogo di preghiera di San Francesco, ubicati all’interno del parco, tramandano fino ai giorni nostri testimonianze di spiritualità che affondano le loro radici nel Medioevo.

ATTRAZIONI PRINCIPALI DA NON PERDERE

  • Parco naturale delle Foreste Casentinesi
  • Santuario di La Verna
  • Pieve di Romena
  • Pieve di Gropina
  • Eremo e Monastero di Camaldoli
  • Strada del Vino Terre di Arezzo
  • Wine tour e degustazione di vini
  • Centri storici di Arezzo e Anghiari
  • Sansepolcro, Cortona
  • Giostra dell’Archidado
  • Valdichiana Outlet (Foiano della Chiana)
  • Museo dell’arte Medievale
  • Casa-museo di Michelangelo
  • Fiera antiquaria di Arezzo
  • Il Borro (Loro Ciuffenna)
  • Porchetta con erbe
  • Mercato Logge del Grano (Arezzo)

Parco Nazonale delle Foreste Casentinesi - Monte Falterona - Campiagna

parco foreste casentinesi mappaZona: Casentino
Provincia di Arezzo: Bibbiena- Chiusi della Verna – Poppi – Pratovecchi Stia
Provincia di Firenze: San Govenzo, Londa
Tel: +39 0575 50301
Sito: www.parcoforestecasentinesi.it
Email: infosede@parcoforestecasentinesi.it

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi-Monte Falterona-Campigna si estende per circa 35.170 ettari lungo il crinale appenninico tra le provincie di Arezzo, Firenze e Forlì. Il parco è una grande area protetta  caratterizzata da boschi tra i più estesi e meglio conservati d’Italia e sede di un importante patrimonio floreale, composto da 1358 specie individuate, e da una fauna di grande interesse. Abeti, faggi, castagni costituiscono la ricchezza del patrimonio naturalistico.La fauna presente nel parco è molto varia: daini, caprioli, cinghiali oltre alla presenza oramai stabile del lupo e dell’aquila reale. La natura geologica del parco è composta da arenaria, argille e marne che hanno creato grotte come la Buca delle Fate vicino a Badia Prataglia.

trekkingL’area può essere visitata con escursioni a piedi, in mountain bike e a cavallo o, in inverno, con sci da escursionismo. La rete dei sentieri si estende per circa ben 600 chilometri.  I boschi ed i numerosi ambienti naturali fanno da cornice ai segni della millenaria presenza dell’uomo: borghi, mulattiere e, soprattutto, due santuari di assoluto spicco, Camaldoli e La Verna. I boschi rigogliosi sono stati per secoli sostentamento e ricovero per tante piccole e grandi comunità. Inoltre hanno fornito il legname fin da epoche storiche: ad esempio quello per le impalcature del Duomo di Firenze, o travi lunghe e dritte per costruire le navi della flotta di Pisa. Il parco è un vero paradiso naturale, costituito a sua volta da alcune componenti delle Foreste Demaniali Casentinesi: la Riserva Naturale di Sasso Fratino, la zona integrale de La Pietra, le riserve naturali biogenetiche di Campigna, della Scodella, di Badia Prataglia-Lama, di Camaldoli, la foresta monumentale de La Verna e l’area delle Cascate dell’Acquacheta.

Foresta della Lama

La foresta, che però si estende in gran parte nel territorio della regione Emilia Romagna, si trova al centro del Parco, nei pressi del Monte Penna, e confina con la Riserva Biogenetica di Camaldoli. All’interno c’è una stazione forestale attorno a cui si possono ammirare anche piante esotiche di dimensioni eccezionali, come pure un inusuale biancospino di vecchio di circa 300 anni.

foresta lamaForesta Monumentale de La Verna

Di grande interesse naturalistico è la Foresta Monumentale de La Verna, conservata e mantenuta fino ai giorni nostri anche grazie alla sapiente opera dei frati, in una perfetta armonizzazione tra uomo e natura. Il bosco principale è costituito da abeti e faggi, con esemplari che raggiungono i 50 metri di altezza e diametri fino a 1,80 metri. La foresta è caratterizzata anche da una notevole ricchezza botanica e faunistica. Sono presenti anche numerose specie di uccelli, tra cui rapaci quali il Gufo Reale ed il Falco Pellegrino.

Riserva Biogenetica di Camaldoli

È situata tutt’intorno all’Eremo di Camaldoli e confina con la Foresta della Lama. I monaci l’hanno accudita per molti secoli, dedicando particolare cura ai boschi di abete bianco. Tutta l’area è popolata da quattro specie fondamentali di animali ungulati: cervo, daino, capriolo e cinghiale, oltre che al loro predatore naturale, il lupo. Nella riserva sono presenti anche aree umide, habitat naturale di importanti specie di anfibi quali il tritone e la salamandra.

monte falteronaMonte Falterona

La dorsale appenninica, elevandosi con gradualità dal lato orientale, comprende il principale rilievo montuoso all’interno del Parco. Lungo le pendici meridionali del Monte Falterona, a quota m.1358, c’è una rigogliosa sorgente, denominata “Capo d’Arno”, all’origine del maggior corso d’acqua della Toscana, il fiume Arno. Più ad est si trova la leggera depressione erbosa denominata “Lago degli Idoli”, rilevante sito archeologico perché vi sono state rinvenute numerose statuette di fattura etrusca.

Salva

Riserve Naturali in Provincia di Arezzo

Informazioni generali dei parchi e riserve:

Tel: +39 0575 3161 parchi@provincia.arezzo.it www.areeprotette.provincia.arezzo.it

Val del SovaraRiserva Naturale Monti Rognosi

Comune: Anghiari

La Riserva Naturale dei Monti Rognosi è situata sui rilievi che separano Anghiari da Caprese Michelangelo. Si estende per 156 ettari ed è compresa nel comune di Anghiari. La riserva è stata istituita per tutelare la vegetazione presente nei terreni e nelle rocce.

 


riserva valle infernoRiserva Naturale Ponte Buriano e Penna

Comune: Arezzo città – Civitella in Valdichiana – Laterina

La Riserva Naturale Ponte Buriano e Penna ha un’estensione di 665 ettari. Si estende in un’area compresa tra Ponte Buriano e lo sbarramento artificiale della Penna. La vegetazione varia da boschi di roverella, leccete ecc. a zone coltivate. Uccelli acquatici come il cormorano e il falco pescatore, hanno eletto questa riserva zone di sosta e di dormitorio invernale.


parco naturaleParco Naturale di Cavriglia

Comune: Cavriglia
Indirizzo: Località Cafaggiolo, 169
Tel: +39 339 1763192
Sito: www.galloalparco.it
Email: info@galloalparco.it
Parzialmente accessibile ai disabili

Il Parco Naturale Attrezzato di Cavriglia si estende su una superficie di 600 ettari, circondato da boschi di castagni e faggi. Mufloni, daini, caprioli ed altri animali vivono liberi all’interno del parco percorso da numerosi sentieri a piedi, a cavallo, mountain-bike ecc.


roseto botanicoRoseto Botanico “Carla Fineschi”

Comune: Cavriglia
Indirizzo: Località Casalone, 76
Tel: +39 055 9121411
Sito: www.rosetofineschi.it
Email: info@rosetofineschi.it
Accessibile ai disabili:

Il Roseto Botanico “Carla Fineschi” fu istituito nel 1967 su iniziativa del Prof. Gianfranco Fineschi. Vi si possono trovare più di 8.500 varietà di rose, dalla rosa canina a quella gallica, alla rosa californiana. Per il patrimonio naturalistico che il roseto accoglie, è stato dichiarato bene artistico e quindi posto sotto vincoli particolari.


riserva valle inferno diga levaneRiserva Naturale Valle dell’Inferno e Bandella

Comune: Laterina – Montevarchi – Pergine Valdarno – Terranuova Bracciolini
Centro visita: località Monticello (Terranuova Bracciolini – AR)

La Riserva Naturale Valle dell’Inferno e Bandella si estende per circa 526 ettari. La vegetazione è molto varia a seconda delle zone ed è composta da boschi di cerro, farnia, salici, pioppo nero, roverella e leccio.


le balzeArea protetta Le Balze

Comune: Loro Ciuffenna – Castelfranco Piandi scò – Terranuova Terracciolini

L’area si estende sulle pendici valdarnesi del Pratomagno, con una estensione di circa 2372 ettari comprendenti i comuni di Terranuova Bracciolini, Pian di Scò e Loro Ciuffenna. La natura morfologica del territorio costituito da calanchi e balze ha disegnato un paesaggio di particolare fascino e di grande valore ambientale.


riserva alta valle del tevereArea protetta Serpentine di Pieve Santo Stefano

Comune: Pieve Santo Stefano

L’area protetta delle Serpentine si estende per circa 126 ettari e comprende i rilievi del Monte Murlo, Monte Petroso e Poggio delle Calbane, nell’Alta Valtiberina. Il parco è stato istituito per proteggere il tipo di paesaggio caratterizzato da rocce, denominate “rocce verdi”, per il tipico colore dovuto alla presenza di alcuni componenti mineralogici.


zooParco Zoo della Fauna Europea

Comune: Poppi
Indirizzo: Via Parco Zoo, 16
Tel: +39 0575 504541
Sito: www.parcozoopoppi.it
Email: info@parcozoopoppi.it

Accessibilità ai disabili:

Il Parco Zoo della Fauna Europea è stato istituito nel 1972 ed ospita esclusivamente fauna europea. La superficie si estende per circa 50 ettari tra piante di pini, castagni e querce secolari.


riserva camaldoliRiserva Regionale Statale di Camaldoli

Comune: Poppi

La Riserva Regionale di Camaldoli si estende per circa 1119 ettari ed è caratterizzata da una affascinante abetina di abete bianco intervallata con boschi misti di faggio e abete bianco. Ricca è anche la fauna presente nell’area, lupo, cervo, capriolo e daino. Centro della Riserva è l’Eremo di Camaldoli e la presenza dei monaci dell’ordine ai quali si deve l’origine della foresta.


sasso simoneRiserva Naturale Sasso di Simone

Comune: Sestino

La Riserva Naturale Sasso di Simone si estende per circa 1575 ettari e comprende il comune di Sestino, al confine tra Marche e Toscana. La vegetazione presenta boschi di cerro, faggio e carpino bianco.

Salva

Salva

Salva

Salva

CITTA D'ARTE, MUSEI E SITI ARCHEOLOGICI

Arte e Cultura

Basilica San Francesco

La provincia di Arezzo presenta evidenti tracce medievali sia nell’architettura degli edifici che nella struttura urbanistica dei borghi e delle città. Principalmente nelle città di Arezzo, Anghiari, Cortona, Poppi e Sansepolcro è possibile ammirare numerose opere di grande rilievo artistico ed anche visitare le case-museo di alcuni degli artisti nati nel territorio, conservate nei secoli, come la casa di Michelangelo.

Le principali opere artistiche e architettoniche da vedere sono indubbiamente: ad Arezzo, il Duomo, il Museo Diocesano, la Basilica di San Domenico, la Basilica di San Francesco che custodisce il capolavoro di Piero della Francesca “La leggenda della Vera Croce” (XV° secolo), il Museo Archeologico, rievoca l’importanza della città in epoca etrusca, e il Museo Statale d’Arte Medievale e Moderna. A Monterchi è possibile ammirare lo straordinario affresco della “Madonna del Parto”. Di grande valore artistico oltre che religioso, il Santuario de La Verna sorge tra le foreste casentinesi ed è oggi una frequentatissima meta di pellegrinaggi.

Importanti sono anche il Monastero e l’Eremo di Camaldoli e il Castello di Poppi, uno dei pochi castelli medievali rimasto praticamente totalmente originale. Tra i numerosi borghi della Valdichiana, particolarmente interessante è Cortona che conserva intatto il suo patrimonio artistico tra cui il Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona (MAEC), l’Abbazia di Farneta. Su tutto il territorio sorgono suggestive pievi medievali : Pieve di San Pietro a RomenaSan Pietro a Gropina, vero e proprio gioiello romanico.

 

COSA FARE

Eventi in Provincia di Arezzo

Giostra del Saracino (AR)

La provincia di Arezzo è terra di antiche tradizioni. Durante tutto l’anno ci sono diverse manifestazioni folcloristiche e rievocazioni storiche oltre prestigiose rassegne di antiquariato e mostre d’arte di interesse internazionale. Da segnalare la nota Giostra del Saracino ad Arezzo, la Giostra dell’Archidado a Cortona, il Palio dei Rioni a Castiglion Fiorentino, il Palio della Balestra a Sansepolcro; di particolare rilievo è anche la rievocazione storica della battaglia di Scannagallo a Foiano della Chiana. Tra gli eventi particolari, la Biennale Internazionale del Merletto a Sansepolcro e, tra le feste dedicate ai prodotti tipici, la sagra della porchetta a Monte San Savino.

Sport

Arezzo - sport

La provincia di Arezzo è un territorio con una grande diversità di paesaggi e ambienti  naturalistici che invitano a numerose attività sportive come il trekking, il ciclismo, l’equitazione, il golf, pesca, sport  acquatici quali canoa, kayak, rafting lungo il fiume Arno che attraversa il teritorio ed altri torrenti minori adatti principalmente alla pesca sportiva.  Ci sono anche numerosi luoghi per la pratica del volo, principalmente del deltaplano e parapendio. Da non dimenticare i campi di golf ubicati in mezzo ad aree con incantevoli paesaggi natualistici

Volo, Deltaplano, Aeromodellismo

Aero Club Luciano Centini

Indirizzo: Aeroporto Molin Bianco – Via Francesco Baracca 1 –  Arezzo
Tel: +39 0575 324282
Email: segreteria@aeroclubarezzo.it
Sito Web: www.aeroclubarezzo.it
Corsi: pilota di aeroplani a motore, voli di ambientamento e mini-stages, aeromodellismo, scuola di aeromodellismo


Aero Club Etruria

Indirizzo: Aeroporto Molin Bianco – Via Francesco Baracca 1 –  Arezzo
Tel: +39 335 1430825
Corsi: paracadutismo, prove di lancio in tandem con istruttore


Associazione Elicotteristi Eli-Ghibli

Indirizzo: Via Cascia Pilano, 15 – Reggello (FI)
Tel: +39 055 8665770
Email: info@elighibli.com
Sito Web: www.elighibli.com
Corsi: pilota di elicotteri, voli di ricognizione panoramica sulla città e il suo territori


Aero Club Serristori

Indirizzo: Loc. Manciano – Castiglion Fiorentino (Arezzo)
Tel: +39 0575 653445
Email: info@areoclubserristori.it
Sito Web: www.aeroclubserristori.it
Presso l’Aero Club vengono attivati corsi di abilitazione al volo da diporto in particolare utilizzando aerei biposto, elicotteri autogiro e deltaplani a motore.

Canoa, Kayak, Rafting

kayak arno3Zona: Casentino
Comune: Pratovecchio Stia, Poppi, Bibbiena, Subbiano
Informazioni: www-ckfiumi.net

Percorso1: dalla località di Pratovecchio (AR) alla località di Ponte a Poppi (AR)

Percorso 2: dalla località di Rassina(AR) a  Subbiano (AR)

Percorso 3: dalla località di Lama (AR) alla località di Buon Riposo (AR)

Percorso 4: dalla località di Castelluccio (AR) alla località di Ponte Buriano (AR)

Il bacino superiore dell’Arno è dunque a tutti gli effetti, un luogo ideale sia per la pratica della canoa sportiva che di quella più tipicamente eco-turistica. Il fiume  Arno nasce dal Monte Falterona (1654 mt.) nell’appennino tosco-romagnolo e dopo un percorso di 241 km si getta nel mar Tirreno nei pressi di Pisa. Nel suo tratto superiore l’Arno attraversa la suggestiva vallata del Casentino. Nel territorio aretino-casentinese l’alveo del fiume Arno presenta diverse caratteristiche geo-morfologiche che  rendono le sue acque talora rapide o lente, profonde o medio-basse, omogenee oppure frazionate per la presenza di massi e formazioni rocciose.

kayak-arnoIn questo tratto del fiume, che va dal comune di Pratovecchio-Stia fino all’oasi ecologica di Ponte Buriano, l’Arno può essere disceso, con la necessaria preparazione tecnica, utilizzando piccole e agili imbarcazioni (canoe, kayak, rafting) che consentono di navigare le sue acque limpide ammirando i suggestivi scorci paesaggistici e i vari elementi di interesse naturalistico che si disvelano durante il percorso: antichi borghi arroccati nelle sponde, castelli medievali, aree frequentate da uccelli migratori (aironi cenerini, folaghe, germani, martin pescatori).

Salva

Equitazione

Centro Equestre “Scuderia Pan”

Indirizzo: Località  Mulinelli  35/a – 52100 Arezzo
Telefono:.+39  339 3831416

La scuderia Pan si trova in località Mulinelli circondata da boschi ed ampi spazi verdi, dispone di un campo in sabbia silicea, dotato anche di ostacoli, dove praticare equitazione, sia a livello amatoriale che agonistico. Dispone inoltre di un tondino dove iniziano a muovere i primi passi in sella i cavalieri più piccoli. Molteplici sono le iniziative proposte: intere giornate presso la scuderia con giochi e pranzo, campi estivi e campeggio rivolti ai bambini. Gli allievi in genere hanno un’ età che va dai 4 ai 16 anni ma possono praticare l’equitazione anche gli adulti.

Golf

campo golfASD Casentino Golf Club Arezzo

Indirizzo: Via Fronzola, 6 –  Poppi (AR)
Telefono: +39  0575 529810
Email: info@golfclubcasentino.it
Sito Web: www.golfclubcasentino.it

L’impianto sportivo Casentino Golf Club Arezzo è ubicato nella località collinare di Fronzola, poco distante da Poppi, ed è facilmente raggiungibile da Arezzo percorrendo la strada provinciale casentinese per circa 35 Km. L’impianto sportivo è completamente immerso nel verde della natura, in una cornice paesaggistica dal fascino particolare e antico in cui risaltano i monti e le foreste dell’appennino, in gran parte occupati dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

CASENTINO golfDisseminate qua e la si trovano molteplici testimonianze della storia umana rappresentate dalle opere d’arte custodite nelle chiese e nei musei, dalle industrie tradizionale della lana, del ferro e della carta, dai piccoli borghi e dai sentieri della fede su cui sorgono le suggestive pievi romaniche, i monasteri di Camaldoli e Vallombrosa e  il Santuario della Verna dove San Francesco visse in ascesi spirituale e povertà.

 Attualmente il campo da golf annovera 13 buche ma è allo studio un progetto che prevede di aumentare progressivamente a 18 il numero complessivo conferendo in tal modo all’impianto uno standard qualitativo di livello internazionale. Al campo da golf si affianca un Campo pratica di mt.200 x mt.100, con 7 postazioni coperte e 14 su  erba – utilizzato per l’esercizio al tiro lungo, per gli esordienti e i corsi di formazione – ed altri servizi quali ristorante, bar, sala carte, golf shop , deposito carrelli, noleggio mazze

Informazioni tecniche: 13 buche, mt. 5614, par 72, gialli: CR 70,7 Slope 127; rossi CR 73 slope 132; 2 buche in costruzione

Salva

ITINERARI

Percorsi

Valdichiana - girasoli

Tutti i percorsi trovano il loro fulcro nella visita al capoluogo Arezzo, ma poi si diversificano orientandosi verso una delle vallate della provincia, con una scelta tra i santuari e i monasteri del Casentino, tra il genio di Piero della Francesca in Valtiberina o tra i borghi più belli della Valdichiana. In seguito alcuni percorsi a tema  per conoscere il territorio secondo interessi enogastronomici, naturalistici e storico-artistici. Per informazioni, contattare l’ufficcio turistico della provincia di Arezzo.

GASTRONOMIA

Prodotti Tipici della provincia di Arezzo

 

arte888

La gastronomia  è fatta di sapori antichi, genuini, che rendono la cucina aretina famosa in tutto il mondo, perchè è sinonimo di eccellenza e di quel “Made in Italy”, ancora unico ed inimitabile.  La cucina della Provincia di Arezzo è  principalmente legata all’agricoltura con una presenza di ricette provenienti dalla vita conventuale e religiosa come le minestre di fagioli, le acquacotte, le ministre di pane con cavolo nero, le zuppe con la carne, e i crostini di beccaccia o il pan di lepre. Da segnalare anche le eccezionale ricette con la patata rossa di Cetica, tipica della zona.

Vino Terre di Arezzo

AREZZO CITTà (7)Comuni di produzione: Arezzo, Bucine, Cavriglia, Capolona, Castelfranco di Sopra, Castiglion Fibocchi, Castiglion Fiorentino, Civitella in Val di Chiana, Cortona, Foiano della Chiana, Laterina, Loro Ciuffenna, Lucignano, Marciano della Chiana, Monte San Savino, Montevarchi, Pergine V.no, San Giovanni V.no, Subbiano, Terranuova Bracciolini

Informazioni: Associazione Strada del Vino Terre di Arezzo

Info Point degustazione:  Casa del Vino – Via B. Ricasoli, 36 – 52100 Arezzo

Tel: +39 0575 294066

Email: info@stradadelvino.arezzo.it

Sito: www.stradadelvino.arezzo.it

vino rosso

Nella zona della Valdichiana aretina e del Chianti aretino sono prodotti di vini pregiati (bianchi e rossi) fin dall’epoca etrusca. Nel 1716 il Granduca Cosimo III° Medici individuò il contado di Arezzo come una delle quattro zone di produzione vinicola in Toscana. La Strada del Vino Terre di Arezzo è una delle strade del vino più vaste della Toscana (200km con 120 aziende vinicole) che tocca due zone a denominazione di origine controllata: Valdichiana DOC e Cortona DOC, e la DOCG Chianti. Un percorso che si snoda tra cantine e punti di ristoro, attraversando la campagna toscana.   Al paesaggio tipicamente toscano ricco di vigneti, oliveti e boschi, si aggiungono le bellezze artistiche e archeologiche che si incontrano lungo tutto il percorso dai  reperti Etruschi ai borghi medievali, dalle manifestazioni folcloristiche in costume d’epoca all’artigianato tradizionale.

Prodotti: Chianti dei Colli Aretini DOCG, Chianti DOCG, Cortona DOC, Valdichiana Toscana DOC, Vald’Arno di Sopra DOC, Colli di Etruria Centrale DOC, Vinsanto del Chianti DOC, Pietraviva DOC, Vinsanto del Chianti Colli Aretini Occhio di Pernice DOC Vitigni: I principali vitigni coltivati nell’area sono: Sangiovese, Canaiolo, Ciliegiolo, Malvasia Nera, Syrah, Cabernet Sauvignon, Merlot (vini rossi), mentre Trebbiano, Malvasia bianca, Chardonnay e Grechetto (vini bianchi).

Il Chianti dei Colli Aretini è un vino da pasto, ottimo con carni rosse e con i piatti tipici del Valdarno; Il Cortona è un vino prodotto con diverse varianti: Chardonnay, Grechetto, Pinot Bianco, Riesling Italico, Sauvignon, Rosato, Cabernet Sauvignon, Gamay, Merlot, Pinot nero, Sangiovese, Sirah, Vin Santo e Vin Santo Occhio di Pernice. Questa grande varietà di vini, può essere abbinata ad una ampia scelta di piatti, meglio se carni, cacciagione e dolci per il Vin Santo.  Molti produttori della provincia di Arezzo producono dei vini alternativi, alcuni sotto l’IGT Toscana o Colli della Toscana Centrale. In cima alla lista c’è il rosso “Super Tuscans”.

Point degustazione: La Casa del Vino è  un info-point sulle produzioni enogastronomiche del territorio aretino  dove si può conoscere, degustare e acquistare i vini più pegiati della zona. Nel posto sono offerte degustazioni guidate e non, laboratori sensoriali, presentazione di libri, di prodotti, di eventi. Innovativa è la possibilità di degustare i vini della zona attraverso il sistema Wine Dispenser (assaggio e calice)  utilizzando un card ricaricabile.  Si può aver ance informazioni su degustazioni guidate alle aziende agricole del territorio.

Salumeria

I prodotti derivati dai maiali  sono  molto apprezzati, siamo queli  oriundi dai maiali tradizionali oppure animali della stessa famiglia come il cinghiale e la cinta senese.

porchettaPorchetta

E’ un prodotto tipico aretino e rinomato. Suino intero in crosta, cotto al legnoe preparato con una caratteristica miscela di insaporimento: un mix di sale ed erbe aromatiche include anche la spezia del  finocchio selvatico.Da segnalare la stupenda porchetta di Monte San Savino, riconosciuta prodotto tradizionale della Toscana.

Arrosti

Le carne cotte arrosto, specialmente il maiale, sono prodotti dalla cottura di calore asciutto ed una scelta appropriata per grendi tagli di carne tenera. Sostanzialmente la cottura avviene al forno, con diversi metodi di arrostimento. La carne cuocendo, si mantiene tenera all’interno, mentre la tostatura esterna permette di apprezzare il naturale sapore e gustosità del prodotto.

Prosciutto Toscano D.O.P.

La produzione del Prosciutto Toscano con Denominazione di Origine Protetta (D.O.P.) è resa possibile dall’impegno e dal rispetto per la tradizione alimentare toscana. La salatura è eseguita a secco con l’impiego di sale marino, pepe e aglio. Il sapore che ne deriva è quello caratteristico  gusto delicato, ma arrichito sapientemente da quegli aromi inconfondibili della Toscana.

finocchionaSalame Toscano

Il salame toscano è un insaccato tipico della tradizione gastronomica toscana. Si distingue per l’aspetto di colore rosso scuro o rosato con cubetti di grasso bianco. Il gusto conservato è sapido e aromatico. La parte magra del salame toscano viene ricavata delle cosce e dalle spalle del suino, mentre la parte grassa comprende pancetta e parte dorsale. Ci sono vari tipi di salame a seconda delle  carne ed ingredienti utilizzati. Da segnalare il Capocollo, il Lozino stagionato, Il Guanciale, la Soprassata, la Bresaola di Chianina. Alcumi prelibatezze sono fatte con predominanza della parte grassa del maiole quali il Rigatino toscano, la Pancetta arrotolata, il Lardo stagionato e che dano sapore a tutti i piattiquali sono aggiunti.

finocchionaFinocchiona

La finocchiona è un salume tipico del territorio toscano che deve il suo nome all’aggiunta nell’impasto di finocchio in fiore e di semi di finocchio selvatico. La finocchiona è un insaccato di carne di maiale macinata, la cui stagionatura comporta un salame di tipo consistente. La carne grassa, costituita dalla guancia del maiale, è tritata insieme a carne magra viene poi mescolata con sale, peppe e finocchio. Infine, il risultato viene convogliato nel budello, legato e lasciato a maturare in apposite cantine.

Salsiccia

La salsiccia è un salume di carne di antichissima tradizione, confezionato con parti grasse e magre del maiale, insaporito con sale, pepe e insaccato in budello naturale. Altre spezie utilizzate per la sua preparazione sono nel caso toscano anche aglio e aromi tipici del territorio. La salsiccia può esser consumata cotta oppure stagionata.

Cinghiale e Cinta senese

Da segnalare la pezzatura di cinghiale lavorata e stagionata artigianalmente è senz’altro un alimento ambito e di alta gastronomia. Salsicce e salami di cinghiale sono prodotti gustosi aromatizzati con spezie ed erbe di bosco, rappresentano un modo per iniziare un antipasto sulla tavola di ogni buon gustaio. Anche la Cinta Senese, la capostipite di tutti i maiali della Toscana. Questa particolare razza di suino si contraddistinghe per il mantello scuro e per la caratteristica fascia bianca, la cosidetta “cinta” da cui deriva il nome. La cinta senese viene allevata all stato brado o semibrado, è senz’altro più pregiata risetto ai suini classici e per questa si aspetta la macellazione dopo i 14 mesi di età. Fantastici sono la Finocchiona di cinta senese, il prosciutto di cinta, il salame e il Lardo di cinta senese.

Prodotti speciali

Possiamo anche suggerire prelibatezze spezile quali: salame di cervo, salame di chianina, salame di cinghiale al finocchietto selvatico oppure aromatizzati tartufo.

Mercato Logge del Grano

Logge-del-Grano2 - ArezzoLogge del Grano

Tipo: Mercato agro-alimentare e artigianale
Indirizzo: Piazzetta Logge del Grano, 5 – Arezzo (AR)
Tel: +39 0575 20646
Sito: www.loggedelgrano.it
Orari: da lunedì a sabato 9.00 – 20.0 e la prima domenica del mese in concomitanza con la Fiera Antiquaria.

Il mercato ubicato in un palazzo storico del 1886, è  costituito da una rete di 62 produttori, prevalentemente aziende agricole;  ne fanno parte anche artigiani, quindi trasformatori, che sono vincolati all’uso di prodotti del territorio e ricette tradizionali. La merce in vendita va dall’ortofrutta, al vino, al pane fino al prodotto pronto al consumo e  anche  a quello già pronto per la consumazione. La maggior parte dei prodotti alimentari offerti sono oriundi di agricultura biologica.

Fa parte all’interno del mercato, aree per conferenze su enogastronomia e cibo sano, degustazione di vini, olio e prodotti tipici locali di eccelenza. Inoltre, ai bambini è uriservato uno spazio, dove, attraverso dei giochi educativi, loro possono imparano nozioni di alimentazione sana.

Salva

Salva

Salva

Altri prodotti

olive d'oliva extravergineOlio d’oliva

La salubrità del clima, la ricchezza nutrizionale della terra e il paesaggio tipicamente collinare hanno contribuite alla buona qualità dell’olio toscano. Infatti, il principale olio è il Colline di Arezzo – Toscano IGP. È un olio dal colore verde intenso, profumo fruttato intenso e dal sapore piccante e leggermente amaro.

sagra bistecaCarne chianina

La carne bovina di razza chianina, allevata con un rigido disciplinare IGP, è alla base di piatti “storici”. Oltre all’apprezzata e diffusa “bistecca alla fiorentina”, l’altrettanto gustoso peposo alla fornacina, piatto attributo agli operai delle fornaci che producevano materiale per la costruzione della vicina cappella del Brunelleschi in Firenze.

Tartufo e funghi

Da segnalare il pregiatissimo tartufo della Valtiberina ed i funghi dal noto boletus edulis, al meno famoso, ma sicuramente più profumato, “prugnolo” che  impreziosisce le polente e le frittate.

Castagna

Un altro prodotto molto usato per realizzare dolci e spuntini è la castagna, per ottenere dalla sua farina il massimo risultato gastronomico nella montagna del Pratomagno si utilizza un procedimento molto particolare un doppio passaggio delle castagne nel forno per avere un prodotto di un lieve colore nocciola, dolce e molto profumato, con cui si riescono a fare “castagnacci” e frittelle nutrienti e gradevoli.

Raviggiolo

Buoni sono tutti i prodotti legati alla trasformazione del latte di pecore e capre allevate al pascolo, tra cui da segnalare il “raviggiolo”, la ricotta, il pecorino a latte crudo.

Tabacco

In alcune zone della provincia, in particolare nella Valtiberina, è diffusa la coltivazione del tabacco, sopratutto la varietà le cui foglie sono utilizzate per confezionare lo storico e apprezzato “sigaro toscano”.

Cantine vinicole con degustazione  da visitare e acquistare prodotti

Villa La Ripa

Arezzo (AR)
Cantina vinicola

Poggio Sorbello

Cortona (AR)
Vino, olio e cereali

Birrificio La Campana d’Oro

Bibbiena (AR)
Birra agricola biologica a km0

MACELLERIA FAMIGLIA DI GORO - salumeria, norcineria, porchetta, carne chianina - Monte San Savino

MACELLERIA  FAMIGLIA DI GORO

macelleria Famiglia di GoroIndirizzo: Via Porticciolo Guglielmi, 6 – Monte San Savino (AR)
Tel: +39 0575 844017  /  +39 340 3076207
Email: digorolorenzo@gmail.com
Prodotti tipici toscani:  carne bovina chianina e suina, porchetta, salumi in genere, salsiccie fresche,  pancetta distesa, prosciutto, rigatino, coppa
Servizi: macelleria, polleria, salumeria, norcineria, rosticceria, gastronomia cotta e cruda

Macelleria

Vendita diretta dal 1978 – via Porticciolo Guglielmi, 6 – Monte San Savino
orario: dal lunedì al sabato 8.00-13.00 e 16.00-20.00 – mercoledì pomeriggio chiuso, domenica aperto soltanto per eventi

famiglia goro22Vendita ambulante – Mercati settimanali
Porchetta artigianale cotta a legna con fascine di scopa, norcineria, rosticceria

Giorni e luoghi:
Martedi – Sinalunga (SI)
Mercoledì – Anghiari (AR)
Giovedì – Città di Castello (PG)
Sabato – Castellina in Chianti (SI)
Mercato domenicale dal 15/6 al 15/9 – Vallombrosa – comune di Reggello (FI)

Laboratorio lavorazione carni e porchetta
Via della Costituizione, 17 – Monte San Savino (AR)
Tel: +39 0575 048065  /  per info +39 340 3076207

ARTIGIANATO ARTISTICO

Arte e Artigianato

Arezzo - artigianato

L’artigianato artistico aretino che porta avanti gli antichi mestieri, rappresenta una delle componenti più importanti del territorio. Tradizioni che si sono perpetuate e rappresentate in produzioni  di qualità elevata, apprezzate a livello nazionale e internazionale. Ad Anghiari troviamo la ceramica, a Sansepolcro il merletto, a Stia il ferro battuto, a Strada in Casentino la Pietra Serena lavorata, a San Giovanni il vetro ed a Pratovecchio il legno. La Provincia di Arezzo è nota come terra in cui la  storia, la cultura e le tradizioni sono state armonicamente integrate al’economia moderna, formando una parceria vincente, oggi presente nella qualità dei prodotti offerti.

Oreficeria

Comuni: Arezzo,  Sansepolcro, Anghiari, Cortona, Pieve Santo Stefano

Il territorio aretino è famoso per lavorazione dell’oro con tecniche ereditate dagli Etruschi che erano abili nella produzione orafa.  Ad Arezzo, Sansepolcro, Anghiari, Cortona e Pieve Santo Stefano sono prodotti gioielli unici e di grande qualità artistica. Durante l’anno ci sono due eventi dedicati all’oro aretino: OroArezzo  e la Biennale d’Arte Orafa.

Mobili in legno

Zona: Casentino

Dovuto le ricche foreste casentinesi, si è sviluppata nella zona una raffinata e artistica produzione di mobili di produzione di mobili di castagno, faggio, rovere, olmo e abete fate a mano. Nel mese di agosto si svolge a  Pratovecchio  la Biennale Forme del Legno, una rassegna che vuol proprio salvaguardare questo settore.

Merletto

Comuni: Sansepolcro e Anghiari

Il comuni di Sansepolcro è noto per la produzione di merletto di qualità. Infatti la prima scuola del merletto è stata creata nel 1900 da Adele e Ginna Marcelli propriamente a Sansepolcro. I dettagli che diventano preziosi i lavori sono i disegni elaborati ispirati a motivi floreali e vegetali. Ogni due anni, a settembre, sempre a  Sansepolcro si tiene la Biennale Internazionale del Merletto.

Ceramica

Zona: Valdichiana

La produzione della ceramica nella zona risale al Medioevo. Inizialmente sviluppata da vasai e pentolai per coprire le neccessità domestiche, velocemente diventa una lavorazione raffinata e artistica, principalmente nel territorio di Monte San Savino, posteriormente spandendosi per tutla la zona della Valdichiana.  Attualmente, ogni anno,al Museo del Cassero di  Monte San Savino si tiene la Mostra della Ceramica, un eveno che esibisce la nota produzione della zona.

Pietra Serena

Zona: Casentino

Nella zona del Casentino principalmente, a Montemignaio, si trovano numerose cave di pietra serena. Nella maggior parte dei villaggi e paesini della zona ci sono maestri scalpellini che lavorano la pietra serena, trasformandola in eleganti ed artistici elementi decorativi.

Intreccio di Vimini

Zona: Valtiberina

L’intreccio di vimini è un mestrieri di antiche origine  e con sviluppo molto laborioso da iniziare dalla raccolta degli steli che avviene a febbraio, poi la sbucciatura eseguita dopo una fase di ammollo di due mesi. Da questo momento in poi le fibre sono pronti per esser intreciate alla binaria oppure incrociata. Purtroppo questa tecnica è quasi sparita nei nostri giorni, rimanendo alcuni pochi artigiani che ancora lavorano il materiale.

Botteghe e Laboratori artigiani da visitare

ceramiche giotto1CERAMICHE GIOTTO Ceramiche maioliche artistiche Indirizzo: 

Via Aretina, 20 / 22 –  52048 – località Le Fonti – Monte San Savino (AR)
Tel.:+39 0575 810173
Email:
info@ceramichegiotto.com

Sito:www.ceramichegiotto.com
Servizi: pezzi unici di maioliche artistiche eseguite a mano

Il laboratorio di ceramiche d’arte “Giotto” si trova in località Le Fonti, nei pressi di Monte San Savino. Fu fondato da Giotto Giannori nel 1919. Dal 2003 la tradizione ceramica di famiglia è continuata oltre che da Araldo Giannoni anche dai figli Arianna e Alessio, che riprendono gli sperimentati stili che hanno caratterizzato la Bottega Giotto e introducono stili più attuali, che incontrano i gusti dei clienti più “moderni”. Come sempre gli oggetti sono inevitabilmente “pezzi unici”, ognuno con una storia a se, essendo interamenti eseguiti a mano.

Carlo Lanini pittore

Poppi (AR)
Pittura iperrealista

Nika Arts

Cortona (AR)
Mobili in legno e ferro

Galleria Il Pozzo

Cortona (AR)
Galleria d’arte e gift shop

PERSONALIZZA IL TUO VIAGGIO

Dove dormire nei dintorni ad Arezzo

Break House Caffè Ristorante Hotel

Terranuova Bracciolini (AR)
Hotel con ristorante

Casa Ambra

Cortona (AR)
Elegante casa vacanza

La Corte di Ambra

Cortona (AR)
B&B di lusso

Agriturismo Le Gret

Subbiano (AR)
Accogliente agriturismo

Fattoria Casamora

Castelfranco Piandiscò (AR)
Agriturismo d’autore

Tenuta di Petrolo

Bucine – AR
Vini e accoglienza eccellente

Castello di Valenzano

Subbiano (AR)
Lussuosa dimora d’epoca

Tenuta Quadrifoglio

Gambassi Terme (FI)
Fantastica location wedding

Dove mangiare

Break House Caffè Ristorante Hotel

Terranuova Bracciolini (AR)
Hotel con ristorante

Castello di Valenzano

Subbiano (AR)
Lussuosa dimora d’epoca

Shopping – cosa acquistare

Il Mondo di Amelie

Cortina (AR)
Ceramiche, gioielli etruschi

Nika Arts

Cortona (AR)
Mobili in legno e ferro

Galleria Il Pozzo

Cortona (AR)
Galleria d’arte e gift shop

Servizi Turistici – Wedding ed Eventi

Time Around Tuscany

Cortona (AR)
Tour operator

Eventy – Catering

Arezzo (AR)
Catering per matrimoni

Agenzie di Viaggi

I HAVE A DREAM – ANGHIARI Piazza G. Matteotti 69
www.ihaveadreamviaggi.cpm

ALTIUS VIAGGI – AREZZO Via Montefalco 72/90
+39 057527425

AMARANTO VIAGGI AREZZO Via Roma, 9
+39 0575 355324
www.amarantoviaggi.it

LETIZIA VIAGGI – AREZZO Viale Michelangelo 112
+39 0575 370646
www.letiziaviaggi.com

OPEN WORLD TRAVEL -AREZZO Via V. Veneto, 18
+39 0575 907808
www.cts.it

LOLLY VIAGGI – AREZZO Via Arno 10
+39 3452957377
www.lollyviaggi.it

CASENTINO VIAGGI BIBBIENA Via Ferrantina, 28
+39 0575 594776

VIAGGI D’AMBRA – BUCINE VIA Della Porta, 6 – Pietraviva
+39 055 982399

BICE VIAGGI – CASTIGLION FIORENTINO Viale Mazzini, 99
+39 0575 658049
www.biceviaggi.it

SIGHTSEEING EXPERIENCE – CAVRIGLIA Via Londra, 5
+39 055 967024
www.sightseeing-experience

Guide Turistiche

ADREANI BARBARA
Loc. Montanina, 26/A – 52043 Castiglion Fiorentino (AR)
+39 0575 650270 – 347 3493329
www.centroguidearezzo.it
barbaraadreani@virgilio.it
ING

TEDADREANI GIOVANNI
Via Q. Zampagni, 3/A – 52044 Camucia-Cortona (AR)
+39 0575 630665 – 347 1762830
adreanigiovanni@libero.it
ING

INGAMERIGHI LAURA
Via Mincio, 29 – 52025 Montevarchi (AR)
+39 055 0513445 – 389 9629161 – 349 5214581
www.centroguidearezzo.it
laura.amerighi@fastwebnet.it
ING/FRA/TED

ANDREUCCI BEATRICE
+39 055 827002 – 33 96541550
www.centroguidearezzo.it
beatriceguide@virgilio.it
ING/FRA/TED

BANCHI TIZIANA
Via Carlo Pisacane, 87 – 52100 Arezzo
+39 0575 21894 – 349 2605318
www.centroguidearezzo.it
tizianabanchi@tin.it
ING/FRA

BECCI STEFANI
Loc. Catigliano, 53 – 52031 Anghiari (AR)
+39 0575 70558 – 339 2097487
www.centroguidearezzo.it
stefaniabecci@winpower.it
FRA/SPA

BIDI SAMANTHA
Via Marco Perennio, 4 – 52100 Arezzo
+39 0575 24305 – 339 7257894
www.centroguidearezzo.it
samantha_bidi@yahoo.it
ING/TED

BIDINI LISAVIA
Marco Perennio, 103/C – 52100 Arezzo
+39 338 9249675
www.centroguidearezzo.it –
www.lisabidini.it
lisabidini@yahoo.it
ING