Bagno a Ripoli cosa vedere 

Attrazioni in Toscana
Musei in Toscana
Gastronomia Toscana
Eventi in Toscana
Itinerari in Toscana
Storia della Toscana
termometro_fosdinovo

Bagno a Ripoli e le dolci colline a sud di Firenze

bagno a ripoli stemmaBagno a Ripoli è uno dei comuni della “cintura di Firenze” in quanto confina direttamente con il territorio della città e fa parte della cosiddetta “area fiorentina.” Il territorio è prevalentemente collinare, ricco di vigneti ed oliveti, ma non mancano i boschi, ivi compresi alcuni castagneti. Il territorio include anche una piccola porzione del Chianti, un’area dove sono presenti edifici storici, ville di epoca rinascimentale, abitazioni rurali. Tutta la zona è caratterizzata da una significativa produzione di vini DOCG pregiati. Inoltre produzione di cotto e ceramica, cui si affianca un’attività artigianale di ricamo. Da segnalare l’antico spedale di Bigallo che organizza cene medievali ed il percorso enogastronomico del vino.

ZONAPiana fiorentina
TIPOcittadina di campagna
COORDINATE43°45’00’’N 11°19’00’’E
ALTITUDINE75 m s.l.m.
PRODOTTIvino DOCG, ceramiche, ricamo
SPORTtrekking escursionistico, ciclismo, equitazione
CONFINIFiesole, Firenze città, Greve in Chianti, Impruneta, Pontassieve, Rignano sull’Arno

bagno a ripoli mapInformazioni Turistichefirenze map

Comune di Bagno a Ripoli
Piazza della Vittoria – 50012 Bagno a Ripoli (FI)
Tel: +39 055 055
urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
www.bagno-a-ripoli.fi.it

COSA VEDERE

Monumenti e luoghi da visitare a Bagno a Ripoli

villa-la-massa-bagno-a-ripoliVilla La Massa

Pievi e chiese

Zona: Piana fiorentina
Comune: Bagno a Ripoli
Tipo: edifici religiosi

Nel comune di Bagno a Ripoli ci sono alcune significative presenze di edifici di culto. Innanzi tutto la Pieve di San Pietro a Ripoli, preceduta da un porticato del XIV° secolo. L’interno, a tre navate, conserva affreschi del XIV° secolo attribuiti a Pietro Nelli e pregevoli tele del XVII° secolo. La Pieve di Santa Maria all’Antella, documentata fin dal 1040, vanta una terracotta policroma attribuita a Benedetto Buglioni e due opere di Cecco Bravo e Lorenzo Lippi. La Pieve di San Donnino a Villamagna ha uno snello campanile in stile lombardo. All’interno un trittico di Mariotto di Nardo (XIV° secolo), una Madonna in Trono e Santi della scuola del Ghirlandaio e una tavola di Francesco Granacci, nativo del luogo. Infine, nella chiesa di Santo Stefano a Paterno c’è una pregevole Crocifissione attribuita a Gaddo Gaddi (fine XIII° secolo).

Villa Medicea di Lilliano (o di Lappeggi)

villa medicea lillianoZona: Piana fiorentina
Comune: Bagno a Ripoli – località Lilliano
Tipo: villa storica (XVII° secolo)

L’edificio originario era una torre di avvistamento del IX° secolo, trasformata poi in villa nel XV°. Nel 1646 fu acquistata dal granduca di Toscana Ferdinando II° Medici per ingrandire la vicina tenuta di Lappeggi. La villa, all’epoca denominata Palazzo della Fattoria, fu inizialmente adibita a semplice residenza del fattore. Nel 1667 fu concessa al cardinale Francesco Maria Medici, il quale iniziò ristrutturazioni ed ampliamenti sotto la guida dell’architetto Anton Maria Ferri. La villa, trasformata ormai in un’elegante dimora padronale con ampi giardini, fu usata frequentemente per l’accoglienza ed il ricevimento di ospiti illustri. Nel 1709 il cardinale Francesco Maria sposò, per ordine di suo fratello il granduca Cosimo III°, Eleonora di Guastalla al fine di assicurare una discendenza alla famiglia Medici. Francesco Maria morì due anni dopo, senza aver avuto discendenti, ed i suoi beni furono venduti all’asta per pagare i debiti. In seguito la costruzione fu abbandonata fino al 1830 quando fu acquistata dalla famiglia Malenchini, che ne è ancora proprietaria.

Attorno alla villa c’è un giardino con ninfeo ed una fontana con cariatide, realizzata dall’architetto Giovan Battista Foggini, gemella della più nota fontana del Giardino di Boboli a Firenze. La facciata principale, risalente al XVII° secolo, è semplice ed inquadrata da due torri. Dal cortile interno, ornato da una vasca circolare centrale, partono due ampi scaloni simmetrici, percorribili anche a cavallo, che conducono alla terrazza con vista su Firenze. Dalla terrazza si accede ad un ampio salone un tempo adibito a granaio. All’interno dell’edificio alcune sale sono affrescate come pure una piccola cappella. Al piano sottostante sono ubicate la cantina e l’orciaia, i cui antichi orci realizzati nelle fornaci dell’Impruneta e di Belmonte. Attualmente la villa è sede di un’azienda vitivinicola e olearia.

Antico Spedale del Bigallo

antico spedale del bigalloZona: Piana fiorentina
Tipo: edificio storico (XIII° secolo)
Indirizzo: via Bigallo e Apparita, 14

Fu fondato a metà del XIII° secolo per aiutare i poveri e dare assistenza ai pellegrini. All’interno è ancora presente il refettorio con il soffitto a cassettoni, la cucina monumentale e l’acquaio in pietra. È inoltre ancora parzialmente visibile il complesso sistema di canalizzazione che garantiva l’approvvigionamento idrico con l’acqua prelevata sia da una vicina fonte sia da acque piovane convogliate in appositi depositi. Col tempo la struttura ha cambiato destinazione divenendo prima monastero e, successivamente, una struttura turistica. Attualmente vengono organizzate cene medievali con piatti dell’epoca ed animazione.

Gualchiere di Remole

gualchiere di remoleZona: Piana fiorentina
Tipo: edificio industriale (XIV° secolo)

Risalenti al XIV° secolo sono affacciate direttamente sul fiume Arno. Sono uno dei rari esempi di opificio industriale italiano risalente al tardo Medio Evo. Qui avveniva il processo di infeltritura del panno di lana, il prodotto finale che rese celebre e ricca Firenze. Infatti, dal XVI° al XVIII° secolo, la proprietà del complesso fu controllata dalla corporazione Arte della Lana di Firenze.

Parchi e giardini

Parco di Mondeggi

parco di monteggiZona: Piana fiorentina
Tipo: bosco naturale

È quanto rimane di accessibile di una bella villa che fu proprietà della famiglia Della Gherardesca.È un bosco con sentieri segnalati, pannelli didattici che informano su flora e fauna locali ed aree attrezzate per il picnic.

COSA FARE

Eventi

Rievocazione Storica del Venerdì Santo (Europassion)

europassionTipo: folklore – rievocazione religiosa
Località: Grassina
Periodo: vernerdì di Pasqua

La rievocazione della Passione di Cristo risale al XVII° secolo quando era poco più di una fiaccolata. Nel 1881 la manifestazione, ormai costituita da priori, signori e soldati a cavallo, vide il debutto della filarmonica locale. Attualmente coinvolge circa 500 figuranti e 100 attori, figure esili, possenti soldati e centurioni, maestosi cavalli, ricche matrone romane che accompagnano il Cristo nel doloroso cammino verso il Monte Calvario, attraversando tutto l’abitato. Uno spettacolo di luci e musiche accompagna la drammatizzazione, creando un’atmosfera interessante nella quale attori e natura si fondono. La rievocazione è affiancata da altri eventi, quali mostre d’arte e presentazioni di libri.

Palio dei Rioni (Giostra della Stella)

giostra della stellaTipo: folklore sportivo
Periodo: seconda domenica di settembre

Il Palio delle Contrade rievoca sia la cavalcata dei giovani in occasione della Pentecoste sia l’impegno della cittadina per la libertà del comune da Firenze tanto nel Medio Evo che nel Rinascimento. Nella manifestazione le quattro contrade in cui è diviso il territorio si sfidano nel corso in varie gare (tiro alla fune, corsa con l’uovo, corsa con i sacchi, corsa con i cerchi, corsa con i carretti). Inoltre la Giostra della Stella, competizione più attesa, dove il cavaliere deve riuscire a infilare con la propria spada una stella tenuta tra le mani di una sagoma in forma di leone. Durante la giostra i contendenti devono centrare numerose stelle, il cui foro, con il progredire della competizione, è sempre più piccolo. Il numero di stelle infilzate determina il punteggio finale. La giornata finale si conclude con la sfilata serale cui partecipano centinaia di figuranti in costume d’epoca, tra cui gli sbandieratori, e con uno spettacolo pirotecnico.

Antica Fiera dell'Antella

Tipo: fiera agropecuaria
Località: Antella

È la rievocazione dell’antica fiera di bestiame e merci. Oltre all’esposizione di animali e attività didattiche sulle tecniche agricole, c’è la mostra di buratto e ricamo a telaio, lavoro artigianale tipico della località. L’evento si conclude con uno spettacolo pirotecnico.

ITINERARI

Percorsi nei dintorni di Bagno a Ripoli

Bagno a Ripoli - percorso enogastronomico del vino
Vigneti di Bagno a Ripoli

Passeggiate ed escursioni

Nel territorio di Bagno a Ripoli si possono effettuare interessanti escursioni a piedi o in mountain-bike. È un’area di circa 1.500 ettari costituita da colline ricche di boschi dove abbondano cedui, cerri, carpini e lecci. Attraente è il bosco di Fontesanta, ricco di querce e castagni, attrezzato come parco comunale. Qui sono presenti specie arboree tipicamente litoranee: un curioso fenomeno provocato dalle correnti atlantiche che provengono dalla costa (circa 90 chilometri di distanza).

Percorso enogastronomico del vino

percorso enogastronomicoNel territorio di Bagno a Ripoli è stato organizzato un percorso enogastromico alla scoperta delle tradizioni e tecnologie vitivinicole. Il territorio è infatti caratterizzato da una produzione di vino IGT (Indicazione Geografica Tipica), DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) e, in alcuni casi, con la denominazione Chianti Colli Fiorentini, tutti di eccellente qualità.

1. L’itinerario inizia dall’Azienda Agricola Petreto, situata in località Rosano, che dal 1871 vanta un’esperienza particolare nella produzione. Tra questi spicca il vino “Pourriture Noble” prodotto con uve Sauvignon e Semillon colpite da Botrytis cinerea (nota anche come “muffa nobile”) che ha conferito premi e prestigio all’azienda. Nella produzione ci sono anche l’IGT Bianco Toscana “Le Sassaie” (Sauvignon 50% e Semillon 50%), il Chianti Colli Fiorentini DOCG (85% Sangiovese, 10% Merlot, 5% Colorino, uno dei vini tutelati dal Consorzio Chianti Colli Fiorentini) e l’IGT Bocciolè Rosso Toscano.

2. Seconda tappa è la Fattoria Le Sorgenti, situata in località Vallina. Gestita dalla famiglia Ferrari, è una delle aziende più importanti del territorio sia per la quantità che per la qualità dei prodotti. “Respiro” (uva sangiovese) è uno dei vini tutelati dal consorzio Chianti Colli Fiorentini e pluripremiato nel corso degli anni. Tra le altre produzioni lo “Sghiràs Bianco” IGT (Chardonnay, Trebbiano Toscano) e lo “Scirus Rosso” IGT (Cabernet, Merlot, Petit Verdot, Malbec). L’azienda produce anche grappa, vin santo, olio e miele.

3. Spostandosi verso la frazione Antella si raggiunge la Fattoria di Balatro, caratterizzata dalla produzione di Chianti “Fattoria di Balatro” DOCG, “Fattoria di Balatro” IGT, vino toscano rosso, vino rosato, vino sfuso e vin santo.

4. Non lontano si trova l’Azienda Agricola Malenchini, situata all’interno della Villa Medicea di Lilliano. Tra i vini spicca il “Bruzzico 2005” (composto da Cabernet Sauvignon 80% e Sangiovese 20%). Tra gli altri prodotti Chianti DOCG, Chianti “Colli Fiorentini”, e vin santo DOC prodotto con uve malvasia.

castel ruggero percorso5. La tappa successiva è l’Azienda Ruffino, situata all’interno dell’antica villa rinascimentale di Poggio Casciano. Negli anni ’80 fu pioniere in Toscana nella coltivazione del Pinot Nero. L’uva di questi vigneti viene sottoposta a microvinificazioni, importantissime per studiare la risposta di un determinato vitigno ad un microclima specifico.

6. Ultima tappa è presso l’Azienda Agricola Castel Ruggero. Nei vigneti, tutti rinnovati negli ultimi dieci anni, sono coltivati a Sangiovese, Merlot, Cabernet Franc e Syrah. L’azienda produce un Chianti Classico (uve sangiovese, Merlot, Cabernet Franc) ed un Chianti IGT (Merlot, Cabernet Franc, Syrah).

Strada del vino Chianti Colli Fiorentini

Strada del vino

CULTURA

Storia

Bagno a Ripoli viewLe origini della cittadina si fanno risalire ad un villaggio etrusco di nome Marm che, intorno al III° secolo a.C., divenne un punto di commercio. Nella zona sono state ritrovate tracce di ville e terme di epoca romana. Successivamente l’abitato fu denominato Quarto, in riferimento alla distanza da Firenze espressa in miglia. Ripulae ricorda invece le opere di difesa idraulica erette per controllare gli esondamenti del vicino fiume Arno.

In epoca medievale in tutto il territorio si diffusero pievi, chiese rurali, monasteri ed edifici religiosi, in gran parte costruiti lungo i principali tracciati viari romani in prossimità dell’Arno o tra le colline. Nel XII° secolo la città di Firenze iniziò ad estendere la propria influenza sui territori limitrofi, sostituendo i feudatari con liberi comuni. Nel secolo successivo il villaggio divenne sede della Lega di Ripoli, una delle 72 federazioni di comunità in cui fu diviso il contado di Firenze. La fiorente attività economica fece emergere un nuovo ceto costituito da mercanti, banchieri, artigiani  e proprietari di terre che si insediarono nella zona e costruirono un consistente numero di dimore signorili. Successivamente la cittadina divenne sempre più integrata con Firenze e ne seguì le sorti fino all’Unità d’Italia.

ENOGASTRONOMIA

Prodotti tipici

Cantina Ruffino di Villa Poggio di Casciano

Cantine vinicole da visitare

Podere Ema

Bagno a Ripoli (FI)
Cantina vinicola

Cantina Ruffino

Bagno a Ripoli (FI)
Vini pregiati

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire a Bagno a Ripoli

Country Room Il Moro

Rignano sull’Arno
Agriturismo e corsi di cucina

Residenze d'epoca

Villa Nobili

Via Roma, 593 – 50012 Bagno a Ripoli (FI)
accesso dal n. c. 601 di fronte al Km 7 S.P. n. 1
Tel: +39 335 5932242  /  +39 055 6511512
info@villanobili.com
Servizi: camere con arredo in stile toscano, wi-fi, degustazione di vini e olio.

Villa Nobili è un’elegante dimora signorile dell’800, dove è stato allestito un B&B di qualità. Armonie di colori, atmosfera gradevole, un’attenta cura nel servizio e nei dettagli garantiscono calore ed accoglienza. Le camere, tutte con bagno individuale, sono arredate con mobilio d’epoca e dotate di televisore e cassaforte. Inoltre è disponibile la connessione internet wifi gratuita. È inoltre disponibile l’appartamento della fattoria, un confortevole quattro stanze, completamente e finemente arredato, fornito di ogni dotazione. Il giardino della villa, completamente recintato, è a disposizione degli ospiti. A richiesta degli ospiti si possono organizzare visite a fattorie con degustazione di vini e olio, visite ad edifici storici, chiese e città d’arte.

Dove mangiare

Ristoranti e Trattorie

Jimmy

Via Costa al Rosso, 19 – località Grassina –  Bagno a Ripoli
Tel: +39 055 642613
Servizi: spaghetteria, pizzeria – chiuso lunedì

Circolo S.S.A. “Resistente”

Via Roma, 448 – località Osteria Nuova – Bagno a Ripoli
Tel: +39 055 6560283
Servizi: specialità toscane – pizzeria – aperto a prazo da lunedì al venerdì, aperto a cena da giovedì alla domenica

Circolo  Recreativo “Camillo Protto”

Via Villamagna, 123  – località Villamagna – 50012 Bagno a Ripoli
Tel: +39 055 696437
Servizi: pizzeria – aperto sabato e domenica

Trattoria Donnini

Via di Rimaggio, 22 – località Rimaggio – Bagno a Ripoli
Tel: +39 055 630076
www.trattoriadonnini.net
latrattoriadonnini@gmail.com
Servizi: pasta fatta in casa – piatti di stagione – cucina toscana ed italiana – sempre aperto