La coscienza d’Europa è nata sulle vie di pellegrinaggio.

                                                                                    Goethe

via volto santoLa Via del Volto Santo è stato  il percorso montano  univa la Lunigiana  alla Garfagnana e che portava   a  Lucca, importantissima meta del pellegrinaggio medievale per la devozione al  Volto Santo, il crocifisso ligneo esposto nel Duomo di Lucca e che raffigurava la vera faccia di Gesù. Era un percorso alternativo al tracciato di Sigerico (XII° secolo), la via Francigena,  la strada che  permetteva ai “romei” di raggiungere Roma, passando da Lucca e dal crocifisso del Volto Santo. Questa strada alternativa saltava la costa ed i pericoli delle malattie malariche e degli attacchi dei pirati. Scendeva dalla Lunigiana attraverso il Passo di Tea. L’obiettivo era raggiungere Lucca per partecipare alla processione del Volto Santo che si svolge da mille anni nel 13 settembre. Il pellegrino medievale,  dopo lasciare Pontremoli (provincia di Massa Carrara) e arrivato alla pieve di Sorano nel comune di Filattiera, in Lunigiana, aveva due possibilità per raggiungere Lucca e poi proseguire per Roma: o passava per la via di costa a sud delle Alpi Apuane  (Passo di Tea) o passava per la via montana a nord delle stesse (Passo di San Pellegrino).

via volto santo1Proprio dalla pieve di Sorano a Filattiera (provincia di Massa Carrara) cominciava  la Via del Volto Santo , che dopo toccava  Licciana Nardi (provincia Massa Carrara), Fivizzano (provincia di Massa Carrara) e poi un altro ramo di strada toccava  Minucciano (provincia di Lucca),  Piazza al Serchio in Garfagnana già in terre lucchese, Camporgiano, Castelnuovo Garfagnana, Gallicano, Borgo a Mozzano, tutti in territorio lucchese. Superata il Ponte della Maddalena detto Ponte del Diavolo e poi percorrendo  l’antica via romana  Strada delle Cento Miglia se arrivava a Lucca.

Sono molti i segni che certificano il passaggio della via Francigena in Garfagnana e della Via del Volto Santo evidenziati dalla presenza di antichi  ospedali,  di numerosi conventi, di confraternite di Misericordia e di molte chiese intitolate ai Santi legati ai pellegrini (San Rocco, San Donnino, San Michele, San Cristoforo, San Sebastiano, San Jacopo). Questi segni sono stati dettati anche dai mercati settimanali sorti nel tempo, come quelli di Piazza al Serchio (provincia di Lucca) e quello soprattutto di Castelnuovo di Garfagnana (provincia di Lucca) che da secoli si svolge al giovedì.

Percorso

[list style=”style4″]

  • via del Volto santo (1)Il percorso segue il tracciato di un antico pellegrinaggio che portava all’adorazione del “Volto Santo”, il crocifisso ligneo conservato nella chiesa di San Martino a Lucca.
    Da Villafranca in Lunigiana si gira a verso Aulla, poi verso Amola dove si svolta a sinistra proseguendo per Monti di Licciana Nardi, fino a raggiungere Pontebosio. Dalla località si continua per Gabanasco, poi Magliola e Castel del Piano in direzione  si gira a Fivizzano-Licciana-Bagnone. A Cuccarello si gira per Bigliolo, poi per Villanova e si prosegue per Moncigoli. Si continua  verso l’abitato di Posara e si sale per Fivizzano.  Superato Terenzano si prende a destra per Calcinaia, passato Luscignano si segue fino a Casola e Codiponte. Si prosegue per Casciana, Ugliancaldo, si passano i centri abitati di Mezzana, Monte dei Bianchi, Isolano e si in direzione Equi Terme.
  • via del Volto santo (2)Nel percorso i punti di attrazioni sono: il  museo Etnografico di Villafranca in Lunigiana; il castello di Castiglione del Terziere a Bagnone; il castello di Monti  a Licciana Nardi; la Verrucola di Fivizzano; la pieve di Codiponte nei pressi di Casola; il borgo di Equi Terme e Parco Culturale delle Grotte; Il Museo della Stampa “Jacopo da Fivizzano”,  il  Palazzo Fantoni-Bononi,  il Museo del Lavoro nella Valle del Lucido a Fivizzano.

[/list]

 

  • TIPOPercorso reigioso, artistico, naturalistico
  • ZONA
  • Lunigiana
    PARTENZAVillafrnca in Lunigiana (provincia Massa Carrara)
  • ARRIVO
  • località Equi Terme (comune di Fivizzano, provincia di Massa Carrara)
  • PERCORRIBILITA
  •  in mountain bike o macchina
  • LUNGHEZZA
  • 62,5 chilometri
    TEMPO DI PERCORSO 3 ore
    DIFFICOLTAmedio impegnativa
  • DISLIVELLO
  • 380m   min. 120 e  max. 500
  • TIPO DI STRADA
  • asfalto
  • ATTRAZIONI
  • boschi e sorgenti, fiume Magra, borghi di  Villafranca, Amora, Monti, Pontebosio, Posara,  Fivizzano, Terenzano, Luscignano, Casola, Codiponte, Mezzana, Monzone,  Equi Terme, castelli di Monti, Verruccola, Parco delle Grotte di Equi Terme, museo della Stampa
  • INFORMAZIONI