L’artigianato toscano ha  una particolare linea di buon gusto  e rappresenta  la più antica memoria dei popoli che  mantengono vive le più antiche tradizioni e mestieri che affondano le sue radici sin nell’età etrusca. E’ sempre stato un settore di punta, trainante per l’economia della regione.  Fino ad oggi in Toscana, l’artigianato continua innovando e cercando nuove forme espressive. Tessuti,  abiti di alta moda, la ceramica di Montelupo, l’alabastro di Volterra, le terrecotte senesi, l’oreficeria fiorentina,  gioielli, opere d’arte sono prodotti ambiti ed esportati a varie parti del mondo.  Una vacanza in Toscana significa scoprire le ricchezze che questa terra ha prodotto grazie al lavoro e alla sapienza dell’uomo. La Toscana ospita inoltre numerose mostre dedicate all’artigianato, tra cui la Fiera Internazionale dell’Artigianato a Firenze, la fiera Artigian In Piazza a Figline Valdarno a Maggio, la Fiera dell’Artigianato di Arezzo ogni prima domenica del mese, e molte altre ancora.

 A Pistoia si lavora il rame, l’ottone, il bronzo. A Siena, il ferro battuto.

A Firenze, gli argentieri ornano a sbalzo e cesello vasi e piatti d’argento e vantano come maestro il grande Benvenuto Cellini. E ancora a Firenze si intreccia la paglia, il vimine, il giunco; il primo acquisto che fanno i turisti è proprio un cappello di paglia di Firenze.

ALABASTRO

volterra alabastroComune: Volterra (PI)

La lavorazione dell’alabastro (solfato di calcio idrato) è parte integrante dell’artigianato in Toscana. Volterra è il centro principale di produzione, famoso in tutto il mondo per i suoi lavori, che coprono oramai una gamma infinita di oggetti: vasi, statue, reggilibri, bicchieri, urne, coppe, scatole, lampade, orologi, oggetti d’arte sacra e altri torniti e scolpiti in questa pietra ricca di colori (bianca, venata, gialla, rossa). Gli oggetti in alabastro sono particolarmente apprezzati dagli americani. La straordinaria eleganza e bellezza di questo materiale tenero, usato già dagli etruschi, si rivela  in laboratorio dal maestro artigiano abile nell’arte millenaria della sua lavorazione.

La visita guidata  a botteghe artigine si presta particolarmente ad essere completata nel Museo Guarnacci  di Volterra che custodisce  bellissime urne e oggetti  in alabastro.

Laboratori artistici

Alab’Arte

Via Orti di S.Agostino, 28 – 56048 – Volterra (PI)
Telefono: +39 0588 87968
E-mail: alabarte@welcome.to
Esposizione: via Don Minzoni, 18 – 56048 – Volterra (PI)

Alab´Arte è una bottega artigiana di scultura situata a 50m dal Museo Guarnacci. La bottega è aperta a visite di gruppo con spiegazioni sui metodi di lavoro in alabastro.

Bianchi Romano

SR 68 Km 37,200 – 56048 -Volterra (PI)
Telefono: +39 058887237
Sito internet: www.romanobianchi.com
E-mail: info@romanobianchi.com

Negozio estivo: via dei Cavalleggeri nord – 57020 – Marina di Bibbona (LI)
Tel. +39 0586 600059

La Ditta Romano Bianchi si dedica dall´escavazione, alla lavorazione artigianale, alla commercializzazione diretta in Italia e all´esportazione all´estero dell’alabastro, presso la sede in Volterra, dove si trova anche la cava da cui viene estratto il tipico Alabastro volterrano. Negli ultimi dieci anni la Ditta si è specializzata nella realizzazione di oggetti per l´illuminazione di interni come lampadari, applique, lampade da tavolo, vasi ornamentali, centri tavola, colonne e piatti, tutti torniti, lavorati e rifiniti a mano. L’azienda organizza workshop rivolti ad artisti italiani e stranieri, che partecipano agli incontri per apprendere o affinare le proprie abilità nella scultura e nell´intarsio dell´Alabastro.

Giannelli Gloria
via Don Minzoni, 13 -56048 – Volterra (PI)
Telefono: +39 0588 84030 – 85402

Fin da giovanissima, Gloria Giannelli ha dato un´impronta particolare, molto femminile, all´artigianato alabastrino, distinguendosi nella lavorazione ricca di trafori e ricami particolarmente elaborati. Per l´eleganza dei suoi manufatti, le sono stati dedicati articoli su riviste locali, nazionali e internazionali.

Silvia Provvedi

via di sotto,2 – Volterra (PI)

Telefono:  +39 0588 88452

Silvia effettua le sue opere scultoree e i suoi delicati trafori, creando un ambiente accogliente dove poter ammirare le varie tecniche di lavorazione tradizionale dall´ideazione a lavoro finito. Da oltre otto anni effettua anche corsi di scultura per bambini ed adulti.

Alessandro Marzetti

via orti di Sant´Agostino – Volterra (PI)
Telefono: + 39 3477647398

Scultore e docente dei corsi di scultura in alabastro presso il Centro Interculturale Villa Palagione.

Boldrini Daniele
via Don Minzoni, 60 – 56048 – Volterra (PI)
Telefono: +39 0588 87811 – 348 8123212

Nato in una famiglia dove tutti, da sempre, lavorano l´alabastro, Daniele Boldrini ha respirato per anni l´atmosfera della bottega artigiana.  Versatile e curioso, ha appreso anche la lavorazione delle pietre dure e la preparazione di stampi in terracotta per la riproduzione con altri materiali. Ma la sua passione resta il figurativo, che esprime nelle sue sculture dedicate agli animali e alla natura, nella sua bottega vicino al Museo Guarnacci.

Gazzina Valdo
Via di sotto, 6 – 56048 – Volterra (PI)
Telefono: +39 0588 86919

Nato nel 1949 a Volterra, artigiano ornatista, si è formato sin dall´età dell´adolescenza nelle vecchie botteghe cogliendo i segreti dei vecchi artigiani. Anche se oggi il lavoro è reso agevole dagli utensili, i suoi lavori sono realizzati interamente a mano, con i metodi di una volta, su proprio progetto o su idea del committente. Tra i suoi lavori più significativi, la realizzazione, in scala, della Cattedrale di S. Patrick a New York.

Alabastro Pecchioni
Via Annibale Cinci 22 – 56048 –  Volterra (PI)
Telefono: +39  0588 86354 – +39 347 438828

Impresa individuale che rappresenta la continuità di un lavoro di artigianato tradizionale tramandato di padre in figlio. Per dieci anni Giorgio ha partecipato a mostre internazionali di artigianato artistico. Nel 2000, con l´apertura del negozio “Opus Artis”, inizia un nuovo studio sulla sonorità delle pietre … l´Alabastro Sonoro. Con passione e creatività realizza i primi flauti traversi etruschi e poi in collaborazione con maestri musicisti, costruisce flauti dritti e traversi con varie intonazioni in scala temperata, oltre a chitarre e basso elettrici, percussioni, corni, trombe e ocarine e litofoni in alabastro.Un vero e proprio studio di liuteria applicato ad una pietra, insolito materiale per uno strumento.

CERAMICA

montelupo ceramicaComune: Montelupo Fiorentino (FI), Asciano (SI), Pontedera (PI), Carmignano – Borgo Bacchereto (PO)

La Toscana vanta una tradizione antichissima della ceramica che risale a prima dell’anno 1000, in particolare nella zona di Montelupo Fiorentino in provincia di Firenze, diffondendosi solo più tardi nei comuni limitrofi di Empoli, Capraia e Limite e Montespertoli.  Inizialmente nelle fornaci venivano prodotti oggetti di uso comune come piatti, bicchieri e contenitori di cibi e bevande come olio e vino. Gradualmente la produzione di ceramica si è diversificata orientandosi alla creazione di oggetti per l’arredamento e di componenti e prodotti di altissima tecnologia.

Le ceramiche toscane sono famose per lo smalto, per le decorazioni, per i colori e le forme. Ancora oggi l’artigianato in Toscana è ricco e vario e si continua la tradizione delle ceramiche dipinte a mano in numerose botteghe sparse per tutta la Toscana. Dai piatti, orci e barattoli decorati in stile tradizionale fino ai prodotti di un design spiccatamente moderno.

A Montelupo esiste ormai da alcuni anni la scuola di ceramica dove viene insegnata l’antica arte dei maestri ceramisti. La cittadina si è specializzata nella realizzazione di ceramiche smaltate, arricchendosi di forme e fantasie uniche. Infatti girare per le vie del centro storico di Montelupo per scorgere le botteghe di artigiani che espongono oggetti rigorosamente fatti a mano è un  percorso molto piacevole ed istruttivo. Per chi desidera conoscere la storia della ceramica di Montelupo può anche visitare il Museo della Ceramica  dove sono esposti oggetti antichi rinvenuti negli scavi di Montelupo o in altre località della Toscana ed in particolare nella zona della Valdelsa.  A giugno si tiene la rinomata Festa della Ceramica di Montelupo, evento di certo da non perdere..

Oltre A Montelupo, importanti centri per l’artigianato ceramico sono anche i comuni di Asciano (SI) e Pontedera (PI),  il borgo di Bacchereto  nei pressi del comune di Carmignano – PO.

Botteghe artistiche

Il contenuto va qui, fai clic sul pulsante modifica per modificare questo testo.

VETRO E CRISTALLO

vetroComune: Colle Val d’Elsa (SI) , Empoli (FI)

Dalla soffiatura a bocca fino alla cesellatura a mano, il lavoro di abili artigiani e la loro continua ricerca di un equilibrio armonioso tra funzionalità e canoni innovativi certamente è un percorso interessante. La vetreria, il luogo dove viene lavorato il vetro, presenta un ambiente con un fascino particolare. Oltre al calore ed al rumore dei forni, è interessante assistere al processo della lavorazione del vetro: i maestri vetrai, prendono la pasta di vetro incandescente servendosi di lunghe canne di metallo con le quali soffiano il vetro a bocca dentro appositi stampi. Da qui, servendosi di apposite pinze, forbici ed altri strumenti del mestiere modellano la pasta del vetro fino a fargli assumere la forma desiderata.

La lavorazione del vetro in Toscana nacque  nel XIII secolo  e sviluppatasi inizialmente nei territori di Montaione e Gambassi (provincia di Firenze). Più tardo l’arte del vetro si diffuse nella zona di  Colle Val d’Elsa nel XIV secolo e poi di Empoli (provincia di Firenze) intorno al  XV secolo. Da allora i maestri vetrai e i bicchierai hanno tramandato la loro arte fino ai giorni nostri  rappresentando un perfetto connubio tra tradizione e modernità.  Nel 1820 quando l’alsaziano François Mathis da vita ad una moderna vetreria, nasce la base che farà di Colle di Val d’Elsa, la capitale mondiale del cristallo.  Infatti, attualmente,  a Colle Val d’Elsa (provincia di Arezzo) si concentra il 15 per cento della produzione mondiale ed il 95 per cento della produzione nazionale di articoli in cristallo, tanto da essere chiamata la “Città del cristallo”. L’artigianato del vetro a Empoli  è ancora oggi una delle attività produttive più importanti. Vengono prodotti articoli da tavola ed arredamento in vetro bianco, colorato e cristallo, articoli da illuminazione, bottiglie e damigiane in vetro verde compreso il tradizionale fiasco. Alcuni laboratori artigiani sono specializzati nell’incisione e la decorazione di oggetti di vetro.

Presso alcune fabbriche per la lavorazione artistica del vetro è possibile acquistare vasi, bicchieri, vassoi, coppe, cristalli realizzate con vetri bianchi, colorati e con il tradizionale vetri rustici: caraffe e bicchieri verdi e azzurri.  Chi desidera scoprire le antiche tradizioni non può perdersi il Museo del Vetro a Empoli, Museo del Cristallo a Colle Val d’Elsa e la Mostra Permanente dell’attività vetraria a Gambassi Terme.

Botteghe artistiche

Il contenuto va qui, fai clic sul pulsante modifica per modificare questo testo.

MARMO

Museo del Marmo1Comune: Carrara – località Colonnata (MS)

Sin dai tempi dei Romani il marmo delle Alpi Apuane è sempre stato uno dei più ricercati.

Visitiamo uno studio di lavorazione per vedere come dalle mani di un abile artigiano un blocco di marmo si trasforma in un pezzo d’arte elegante e prezioso! La visita guidata può essere integrata da un itinerario lungo le cave di marmo per osservare a dovuta distanza di sicurezza il pesante lavoro della sua escavazione, del trasporto e della segagione.

Laboratori artistici

Elenco dei laboratori artistici della città di Carrara con i relativi recapiti possibile di esser visitati.

A.M.A di Andrei Carlo
Via Delle Pinete, 21 – 54036 Marina di Carrara
Tel. +39 0585 634769 Fax +39 0585 634705
E-mail info@ama.centrale.marble.it
Internet www.ama.centrale.marble.it
Visite su prenotazione
Stage estivi

Arte Più snc di Ceccarelli & Gianfranchi
Via Villafranca, 1 – 54031 Avenza
Tel. +39 0585 53758
E-mail artepiusncscultura@virgilio.it
Ingresso libero

Canalini Ercole di Bruno Canalini
Via Carriona, 228 – 54033 loc. Pontecimato Carrara
Tel. +39 0585 845590
E-mail canalinimarmi@inwind.it
Internet www.canalinimarmi.net
Ingresso libero

Cava Scuola di Giorgi Franca
Via Fantiscritti, 1 Miseglia – 54033 Carrara
Tel.+39 0585 54793 cell. 3383739813
E-Mail info@scolpireilmarmo.com
Sito internet www.scolpireilmarmo.com
Visite al laboratorio, visite guidate alla cava galleria del Ravaccione, corsi di scultura.

Corsanini Luigi
Viale Domenico Zaccagna, 6 – 54033 Avenza
Tel. +39 0585 53559
E-mail info@corsanini.it
Internet www.corsanini.it
Ingresso libero
Per visite telefonare

Costa Paolo &C. snc
Via Carriona, 92 – 54033 Carrara
Tel. +39 0585 71740
E-mail info@costapaolo.it
Internet www.costapaolo.it
Ingresso libero

D.&B. di P. Francesco Dalleluche &C. snc
Via Carriona, 384 – 54031 Avenza
Tel.+390585844612
E-mail info@dalleluche.it
Internet www.dalleluchepierfrancesco.it
Ingresso libero

Devoti 3d snc di Devoti Marco & C.
Via Fivizzano, 56 – 54031 Avenza
Tel. +39 0585 856345
E-mail devoti3d@libero.it
Internet www.devoti3d.it
Visite guidate con preavviso

E.L.T.M. di Fabrizio Lazzeri & C.
Via Provinciale, 113 – 54033 Avenza
Tel. +39 0585 840493 Fax +39 0585 842512
E-mail eltm.sas@tin.it
Internet www.paginegialle.it
Ingresso libero

Felici Dino
Via Aurelia,1 loc. Turigliano – 54031 Avenza
Tel.+39 0585 858310
E-mail art@dinofelici.com
Internet www.dinofelici.com
visite su richiesta

F.lli Poletti e Ghio snc
Via Provinciale, 111 – 54031 loc. Nazzano Carrara
Tel. +39 0585 840175
E-mail info@polettieghio.it
Internet www.polettieghio.it
Ingresso libero
Stage estivi

F.lli Gabrielli Snc di M. Gabrielli
Via Delle Pinete, 25 – 54036 Marina di Carrara
Tel. +39 0585 785366
E-mail gabriellisoci@virgilio.it
Ingresso libero

Kosmos Marmo di Hurtado Oliverelias Art
Via Capitan Fiorillo, 15 – 54036 Marina di Carrara
Tel. +39 0585 858434
E-mail kosmosmarmo@virgilio.it
Internet www.kosmosmarmo.it

Il Marmo di Lido Vatteroni
Via Carriona, 22 – 54033 CARRARA
Tel. +39 0585 70032
Ingresso libero

Marmo In di Augusto Danesi
Via Colle – 54033 Bedizzano
Tel.+390585779294
E-mail info@marmoin.com
Internet www.marmoin.com

Marmo Ornamento di Alberto Giananti
Via Ghiacciaia, 11 – 54033 Carrara
Tel. +39 0585 70991
E-mail agiananti@tiscali.it
Internet www.marmoornamento.com

Monfroni Michele
Via Codena, 29/B – 54033 Carrara
Tel.+39058574203
E-mail info@marmomonfroni.it
Internet www.marmomonfroni.it
Ingresso libero
Visite al laboratorio, show room.

Nicoli & Lyndam Sculptures srl
Piazza XXVII Aprile, 8 – 54033 Carrara
Tel. + 39 0585 70079/0585 74243
Fax 0585 73183
E-mail info@nicoli-sculptures.com
Sito internet www.nicoli-scultures.com
Visite guidate su prenotazione
Stages mensili in ambiente altamente specializzato.

Nuova Marmotecnica di Giordano W. Baudoni
Via Piave, 11 Bis – 54033 loc. Stadio Carrara
Tel.+39 0585 841084
E-mail marmotecnica@marmotecnica.com
Internet www.marmotecnica.com

Pedrini Mario &C. snc
Viale Domenico Zaccagna, 6 – 54031 Avenza
Tel. +39 0585 55945
E-mail pedriscu@tin.it
Internet www.pedrinisculptors.com

Spinetti Daniele
Via Carriona, 2 – 54033 Carrara
Tel. +39 0585 74502
E-mail torniturespinetti@virgilio.it
Internet www.dittaspinettialdo.it
Ingresso libero

Statuariamarmi srl
Via llice, 15 – 54031 loc. Nazzano Carrara
Tel.+39 0585 846300
E-mail f.vanelli@statuariamarmi.it
Internet www.statuariamarmi.it
Ingresso libero
Orario visite .9-12.30/13.30-18
Possibilità di stage

Studi D´arte Cavemichelangelo srl
Via Piave, 32 – 54033 Carrara
Tel. +39 0585 842496
E-mail studimichelangelo@tin.it
Internet www.cavemichelangelo.it
Ingresso libero
Visite guidate con preavviso

Studio di Scultura Coop. Arco Arte
Via Carriona di Colonnata, 10 – 54033 Carrara
Tel.+39 0585 777000
E-mail arcoarte@arcoarte.it
Internet www.arcoarte.it
Corsi di scultura da metà maggio a metà ottobre.
Per il restante periodo su prenotazione.

PAGLIA - CAPPELLI E INTRECCIATI

PagliaQuesta umile e antica forma di artigianato è sul punto di sparire. Il mercato, prediligendo i più economici prodotti asiatici, soffoca il lavoro dell’artigianato locale. Andiamo a trovare nel bellissimo paesaggio dell’entroterra pisano uno degli ultimi artigiani che sanno ancora produrre cesti ed altri oggetti di uso domestico ed agricolo.

Artigiani

Il contenuto va qui, fai clic sul pulsante modifica per modificare questo testo.

OREFICERIA

Le tecniche classiche di filigrana, incastonatura, microfusione a cera, sbalzo, incisione, stampo, satinatura, lucidatura e via dicendo non sono più sufficienti per trasformare un gioiello d’oro o d’argento in un pezzo unico, moderno e di design: l’artigiano si avvale di pietre grezze, ottone, rame, acciaio e sperimenta nuovi abbinamenti. Il risultato? Anelli, collane, pendagli, orecchini e una vasta gamma di  monili capaci di entrare in sintonia con lo stile di chi li indossa.

Attiva o disattiva titolo

Il contenuto va qui, fai clic sul pulsante modifica per modificare questo testo.

TERRACOTTA

museo terracottaComune:  Pienza, Poggibonsi, Impruneta

Un altro prodotto tipico dell’artigianato toscano è la terracotta, soprattutto pquello prodotto nella zona di Valdelsa, regione ricca di argille. L’artigianato della terracotta assume oggi sempre più importanza, perché oltre ai materiali edili, la terracotta interessa anche il campo dell’arredamento per la casa e oggetti ornamentali da giardino come statue e vasi. Centri importanti sono Pienza, Poggibonsi, Impruneta e in generale tutto il Chianti senese, dove gli artigiani lavorano da secoli secondo l’antica tradizione e con la stessa passione di sempre. 

Durante le visite  guidate alle fornace  si può guardare come si impasta l’argilla,  le tecniche che rendono il cotto pregiato resistente alle intemperie e sopratutto  capire come si arriva ad un oggetto che soddisfi il gusto e duri nel tempo.

Formace

Il contenuto va qui, fai clic sul pulsante modifica per modificare questo testo.