E’ situata in posizione panoramica, nella zona più alta di Calenzano. Commissionata da Giuseppe Targioni all’architetto Enrico Dante Fantappiè, la villa fu costruita all’inizio del XX° secolo. Il complesso è costituito da un insieme di edifici caratterizzati da diversi stili architettonici: la villa padronale in stile manieristico,  la cappella, il teatro in stile classico, le serre, costituite da due corpi di fabbrica distinti ma collegati da un imponente arco trionfale, ed i due villini in stile medievale che collegano le due parti del parco. Il complesso è anche corredato da una serie di annessi quali grotte, casini, scuderie, e torrini, che si dispongono su terrazzamenti a verde lungo i pendii del vasto parco, con arredi in stile manierista.  L’elemento più caratteristico sotto l’aspetto ambientale è costituito senz’altro dalla galleria decorata con grotte scavate nella roccia che si richiamano alle sistemazioni manieriste del verde. L’interno della villa ha ricevuto un’impronta prevalentemente in stile liberty con motivi floreali. Ogni stanza ha un apparato decorativo secondo un tema diverso, prevalentemente mitologico, negli affreschi dei soffitti e delle pareti. Inoltre ci sono sale di rappresentanza, una biblioteca, una sala da musica, una sala da fumo, una sala da biliardo e locali accessori oltre ai raffinatissimi bagni affrescati da Ezio Giovannozzi nel 1906. Dopo ripetuti furti, vari arredi sono stati spostati altrove, ma la villa conserva ancora le caratteristiche originali. Di proprietà privata, è visitabile su prenotazione.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

località Calenzano Alto - Calenzano

GPS:

43.8629824, 11.161092300000064