Sovana (comune di Sorano) è situata nel cuore della cosiddetta “Area del Tufo” e resa famosa dalle imponenti tombe monumentali e dalla vasta necropoli, la cittadina fu un importante centro etrusco e, in epoca longobarda, una fiorente città. Il nucleo abitato si sviluppò durante il Medio Evo, sotto il dominio della famiglia Aldobrandeschi, nelle vicinanze della presistente necropoli etrusca. Qui nacque il monaco riformatore Ildebrando, divenuto in seguito papa con il nome di Gregorio VII°. Nel 1293, Sovana entrò a far parte della Contea degli Orsini di Pitigliano a seguito del matrimonio tra Romano Orsini e Anastasia Aldobrandeschi, ultima eredetiera degli antichi proprietari della zona. Nei primi anni del XV° secolo, la cittadina fu oggetto di operazioni militari da parte della Repubblica di Siena ed entrò a far parte del suo territorio. Con la definitiva caduta della Repubblica di Siena, nel 1555 Sovana fu inglobata dal Granducato di Toscana, sotto la guida della famiglia Medici. Sia la necropoli etrusca che il centro storico fanno della cittadina un’importanti località archeologica e storico-artistica. Infatti c’è tanto da vedere a Sorava. Da segnalare il Duomo di Sorana, splendida costruzione in stile romanico del IX° secolo, il Palazzo Comunale, il Museo del Tesoro e  il Parco archeologico “Città del Tufo”, dove si trovano le Vie Cave e le tombe Ildebranda e dei Demoni Alati.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Sorano (GR) – località Sovana

GPS:

42.6581356, 11.6455585