La fortificazione, ubicata su di uno sperone di roccia calcarea, domina la località di Rocca d’Orcia. La rocca ed un piccolo borgo annesso vengono citati per la prima volta nell’anno 853. Il fortilizio giunto fino ai nostri giorni risale però al XII°-XIII° secolo e fu proprietà di diverse famiglie nobili e poi, dalla metà del XIII° secolo, di Siena. La città concesse la fortificazione alla famiglia Salimbeni e, per circa due secoli, fu sede amministrativa della Val d’Orcia e punto di controllo sulla Via Francigena. Dei Salimbeni, rivoltatisi contro la città d’origine, Siena si liberò nel 1419, grazie al tradimento. Da sottolineare che, nelle diverse guerre tra Siena e Firenze per il controllo del territorio, la Rocca non fu mai espugnata.

Era praticamente impossibile, prima della comparsa delle armi da fuoco, conquistarla. Con l’inclusione del territorio nel Granducato di Toscana la Rocca fu abbandonata ed il borgo si ridusse ad un piccolo villaggio. Negli anni ’70 del XX° secolo gli ultimi proprietari donarono la Rocca allo stato italiano. Successivamente è stata restaurata ed aperta al pubblico. Il torrione poggia direttamente sulla roccia viva. Tramite una scala interna si raggiunge la sala superiore ed una piccola cucina triangolare che conserva ancora il pozzo, il forno e la canna del camino. Dalla sala superiore, ampia e con copertura a volta, una ripida scala di ferro si arrampica ad una botola di accesso alla terrazza, da dove si può ammirare un vasto panorama che spazia dal Monte Amiata alla Val d’Orcia.

Orari di Apertura

Lunedì

-

Martedì

10.00-13.00 e 14.00-17.00

Mercoledì

10.00-13.00 e 14.00-17.00

Giovedì

10.00-13.00 e 14.00-17.00

Venerdì

10.00-13.00 e 14.00-17.00

Sabato

10.00-13.00 e 14.00-17.00

Domenica

10.00-13.00 e 14.00-17.00

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Castiglione d’Orcia (SI) – località Rocca d’Orcia

GPS:

43.0108185, 11.613974699999972

Telefono: