Il nucleo più antico, edificato dalla famiglia Aldobrandeschi tra il X° e il XII° secolo, è ancora ben riconoscibile nella parte alta dell’abitato: è racchiuso da edifici che formano un recinto circolare, dove le attuali pareti esterne un tempo furono le prime mura. Pereta fu un importante presidio militare lungo una strada che collegava la costa con l’interno. Nel 1238 l’esercito di Siena assalì il borgo, un’azione militare che si svolse parallelamente anche contro Collecchio, Magliano in Toscana e Montiano. Fu così occupata tutta quella fascia costiera, punto di partenza per lanciare un attacco decisivo contro Sovana, sede principale degli Aldobrandeschi. Siena cercò di provvedere al recupero del castello, il centro urbano fu arricchito di nuovi edifici pubblici e privati, gli artisti senesi abbellirono chiese e residenze signorili. Ma, soprattutto, il villaggio fu dotato di nuove e più ampie mura, atte ad includere tutte le costruzioni al di fuori del borgo originário.
I lavori si svolsero, principalmente, a partire da metà del XIV° secolo: tra l’altro furono erette due torri di avvistamento e completamente rifatta, in stile gotico e completa di merlatura, la porta di accesso. Con i nuovi ordinamenti, il villaggio venne riconfermato podesteria e tale rimase fino a che, nel XIX° secolo, fu aggregato al nuovo comune di Magliano. Il centro storico ha un interessante tessuto urbano che, sviluppatosi tra il X° e XV° secolo, ha mantenuto intatti i caratteri di borgo medievale fortificato, pur riflettendo i mutamenti politici avvenuti in questo arco di tempo. Infatti, il borgo conserva alcuni tratti delle due diverse cinte murarie, la pregevole Porta di Pereta, la torre civica e due chiese. La parte alta è dominata dall’imponente Torre dell’Orologio, originariamente destinata a funzioni difensive e di avvistamento, poi modificata nei secoli XIV°-XV°.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Magliano in Toscana (GR) – località Pereta

GPS:

42.64578718684555, 11.322608321933217