Chiamata anche Cappella di San Galgano, è tradizionalmente il luogo dove Galgano Guidotti, poi onorato come San Galgano, si ritirò in eremitaggio fino alla morte. Intorno al 1185 e per volontà del vescovo di Volterra Ugo Saladini, in questo luogo fu edificata una cappella. Nel XIV° secolo la cappella fu ingrandita e vi fu annesso il campanile. Nonostante restauri, avvenuti in epoche successive, ha conservato l’aspetto originale a forma di cilindro. Sulla facciata c’è un cornicione decorato con sculture antropomorfe con teste umane, zoomorfe e fitomorfe, sculture risalenti alla costruzione dell’edificio. L’interno è molto suggestivo: in basso un basamento circolare in pietra mentre la copertura è una volta emisferica ad anelli concentrici in bicromia (cotto e travertino).

Al centro c’è la pietra nella quale è infissa la spada di San Galgano. A sinistra c’è una cappella a pianta rettangolare con volta a crociera, realizzata nel 1334 da Ambrogio Lorenzetti, che l’abbellì con un ciclo di affreschi. Sebbene deteriorati, di alcuni sono visibili anche le sinopie, recuperate durante i lavori di restauro. Sulla parete di fondo si trova la Maestà. In tale raffigurazione, in basso, c’è Eva: sulle spalle della donna una pelle di capra (a simboleggiare la lussuria) mentre con una mano sorregge un fico (simbolo del peccato) e con l’altra mostra un cartiglio dove viene spigata la morale della scena. Nella parete sinistra, in alto, l’affresco Galgano circondato da Santi e Angeli offre un modello della roccia dov’è infissa la spada e, nella parte inferiore, Veduta di città con figure alate.

Orari di Apertura

Lunedì

9.00 al tramonto

Martedì

9.00 al tramonto

Mercoledì

9.00 al tramonto

Giovedì

9.00 al tramonto

Venerdì

9.00 al tramonto

Sabato

9.00 al tramonto

Domenica

9.00 al tramonto

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Chiusdino (SI) – località San Galgano

GPS:

43.14958, 11.155255799999964

Telefono: