È ubicata lungo la via Amerina e fu scoperta nel 1634. Il suo occultamento dovrebbe essere avvenuto nel IV° secolo d.C., per proteggere il luogo dalle razzie dei barbari. All’interno c’è il sarcofago in pietra calcarea in cui, nel 274 d.C., fu originariamente inumato il corpo della martire Mustiola. Il culto della santa è attestato dal IV° secolo e, sopra la sua sepoltura, nel V° secolo fu costruita una basilica, poi ricostruita nel 728 e quindi demolita nel XIX° secolo. Il corpo della santa fu trasferito nella Cattedrale di San Secondiano già alla fine del XV° secolo. La catacomba è composta da una serie di gallerie che si dipartono da due passaggi principali, con le pareti segnate da iscrizioni, simboli e segni. La cripta, con interessanti elementi arcaici, è il nucleo della struttura.

Indirizzo

Il nosto indirizzo:

Chiusi (SI)

GPS:

43.0155252, 11.944843499999934