La Campagna toscana

« colline di Toscana, i celebri poderi, le ville, i paesini che sono quasi città, nella più commovente campagna che esista. »

Quando solo si menziona la parola Toscana sono numerosi i paesaggi a cui viene subito associata, ma il primo in assoluto e il più caratteristico è senz’altro la campagna. Cipressi, olivi  e vigneti caratterizzano il paesaggio tipico della campagna Toscana, un paesaggio che colpisce per i colori che cambiano con le stagioni. La campagna toscana è meta di migliaia di turisti ogni anno che cercano  relax, benessere e qualità di vita in  un territorio con paesaggi rurali ancora incontaminati. I numerosi agriturismi presenti sono in grado di offrire una vasta gamma di servizi per chi vuole godersi appieno una vacanza all’insegna della natura.

C’è solo da scegliere tra la grande varietà delle zone di campagna in Toscana: le colline del Chianti senese e fiorentino, famose per la viticoltura e la produzione di grandi vini; il brullo paesaggio delle Crete Senesi e la splendida Val d’Orcia, dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, con i suoi terreni argillosi e i tipici filari di cipressi; la Garfagnana coperta da boschi selvaggi; la Maremma con la sua macchia mediterranea. Sono tantissime le attività che la campagna Toscana offre al turista: da passeggiate a cavallo, alla degustazione dei prodotti tipici della tradizione toscana accompagnata dai ottimi vini del territorio. Inoltre sono numerosi gli agriturismi che offrono corsi di cucina tipica toscana tra altri.

In seguito le principali comune inseriti nella campagna toscana e che sono mette turistiche pregiate. Come sono tante le località ovunque in Toscana dove sono ubicati attrezzati agriturismi, cerchiamo di aggrupparle per zona geonaturalistica.  Per leggere di più sulle attrazioni e servizi turistici offerti, cliccare sul nome di ogni comune o località elencati.

Salva

DIntorni ad Arezzo e Siena

arte338Campo di girasole in Vadichiana (AR)

CASENTINO (provincia di Arezzo)

bibbiena montagnaBIBBIENA  (AR) – villaggio collinare

Bibbiena è da tempo sinonimo di teatro, scenografia e costume per la qualità delle attività culturali sviluppate in questi settori. La realizzazione del Museo di Scenografia rappresenta poi una novità assoluta. A Bibbiena si trova l’importante monastero-santuario di Santa Maria del Sasso.

 

 


capolona2CAPOLONA  (AR) – villaggio agricolo

Il territorio comunale si estende sulle propaggini meridionali del monte Pratomagno. È un tranquillo villaggio immerso nella verde campagna toscana, in quel punto che il sommo poeta Dante Alighieri definiva …lì dove l’Arno torce il muso agli aretini…” . Tracce del passato sono presenti nei ruderi dei castelli, nelle torri e nelle pievi sparse nel territorio circostante. Ad esempio, ben conservate sono la torre di Santa Flora, quella della Casella e quella di Bibbiano. In questi ultimi anni, il turismo ha registrato un forte incremento grazie anche alla presenza di numerose aziende agrituristiche ubicate sulle verdi colline del territorio.


pieve socanaCASTEL FOCOGNANO (AR) – villaggio collinare

Il territorio comunale comprende la località di Salutio, originariamente un castello, oggi pittoresco villaggio montano punto di partenza per escursioni verso il monte Pratomagno. Da visitare la romanica Pieve a Socana.

 

 


museo pietra lavorataCASTEL SAN NICCOLO (AR) – villaggi collinari

Sotto il nome di Castel San Niccolò, derivato da quello della più antica fortificazione della zona, sono attualmente riuniti vari villaggi. La sede amministrativa è Strada in Casentino, mentre altri due agglomerati urbani di una certa importanza sono Cetica e Borgo alla Collina. Attorno a questi centri abitati ce ne sono numerosi altri, ancora più piccoli, ma che hanno ben conservato l’originale aspetto medievale, mentre sparsi qua e là si trovano castelli, pievi ed antiche abitazioni. Per il resto il territorio è estesamente boschivo con una grande presenza di abetine. Dalla cittadina iniziano vari sentieri verso il monte Pratomagno, all’interno di un ambiente naturalistico di notevole rilievo. Da vedere il museo della Pietra Lavorata.


castello conti ubertiniCHITIGNANO (AR) – villaggio collinare

Chitignano è un piccolo borgo di montagna situato lungo la strada che conduce a La Verna, il santuario di San Francesco. Nel passato, la cittadina fu il centro del contrabando di tabacco e della polvere da sparo. Nel territorio è presente sorgenti di acque termale ferrugginose, molto apprezzate per la salute. Interessante da visitare è il Museo della Polvera da Sparo.

 


raggioloORTIGNANO  RAGGIOLO (AR) – villaggio collinare

Il territorio comunale ed il nome sono stati originati dalla fusione dei due centri abitati di Ortignano e Raggiolo. Nei villaggi si sono conservate molte vecchie abitazioni, con interessanti elementi architettonici come gli archi delle porte scolpiti con raffigurazioni di soggetto piuttosto vario. In tempi recenti le cittadine hanno trovato nel turismo estivo una nuova possibilità di sviluppo: gli introiti hanno permesso di ristrutturare molte delle vecchie case, alcune delle quali poggiano spesso direttamente su spuntoni di roccia viva.


castello poppi (3)POPPI (AR) – borgo medievale di campagna

Borgo di prette origini medievali, è una delle rare “città murate”, rimasta pressoché intatta nelle sue bellezze artistiche. Il centro storico merita un’attenta visita, per l’architettura dei palazzi, i caratteristici rioni con le vie fiancheggiate da portici e gli stretti vicoli laterali. Da Porta Fronzola, punto d’ingresso dell’abitato, già si scorge, in alto, la Torre dei Diavoli, epilogo della vicenda della Contessa Matelda. La cittadina è dominata dal Castello di Poppi, conservato integralmente nella struttura originale.  Il borgo di Poppi è un eccellente punto panoramico di tutto il Casentino settentrionale: si possono ammirare il crinale del Pratomagno, l’alto corso del fiume Arno e l’ampio rilievo dell’Appennino, dal Monte Falterona alla guglia rocciosa della Verna. Il territorio di Poppi che comprende anche i complessi dei monasteri di Badia Prataglia e Camaldoli che si estendono all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.


pieve romenaPRATOVECCHIO STIA (AR) – villaggi di campagna

Pratovecchio e Stia sono due località che ci sono fusi in modo a costituire  il comune di Pratovecchio Stia. La loro storia è sempre stata unita alla bellezza dei boschi rigogliosi e alla maestosità del monte Falterona e non è un caso se attualmente vi ha sede il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. I monumenti presenti nel territorio sono diversi e interessanti: la suggestiva pieve romanica di Romena e il vicino Castello dei Conti Guidi.

 


subbiianoSUBBIANO (AR) – villaggio agricolo

Sorge alla riva sinistra del fiume Arno ed il suo territorio è la porta d’ingresso al Casentino, zona ricca di storia e di natura incontaminata dove ancora rimangono vive le tradizioni agricole e artigianali.

 

 

 


TALLA (AR) – villaggio collinare

Il territorio comunale si estende tra verdeggianti colline ed è costellato di caratteristici borghi all’interno dei quali è possibile ammirare i resti di numerose architetture di epoca medievale

Salva

Salva

CHIANTI (provincia Firenze, Arezzo, Siena)

barberino chiantiBARBERINO VAL D’ELSA  (FI) – cittadina  borgo di campagna

Il territorio comunale si estende su una zona collinosa punteggiata da vigne, oliveti e cipressi secolari, ed attraversata dalla via Cassia (SS2). Barberino Valdelsa è un’accogliente cittadina che ha mantenuta intatta la struttura di borgo medievale. Il centro storico ha una forma “a fuso” ed è solcato per tutta la lunghezza dalla strada principale che collega le due porte di accesso, quella Senese Romana, in pietra con arco gotico, e quella Fiorentina. La caratteristica peculiare del territorio è la presenza di numerosi piccoli borghi medievali che sovrastano le colline tutt’intorno al capoluogo. Pur derivati dalla stessa matrice storica e culturale, questi piccoli abitati risultano comunque diversi uno dagli altri, offrendosi così come piccoli mondi tutti da scoprire.


castellina arteCASTELLINA IN CHIANTI (SI) – cittadina di campagna

È un borgo medievale arroccato in posizione panoramica, su un colle che domina le valli dell’Arbia, della Pesa e dell’Elsa al confine tra la provincia di Siena e quella di Firenze, nella parte più centrale del Chianti, zona rinomata per la produzione di vino e olio. Villaggio situato tra i territori di due città rivali, la sua storia è inevitabilmente costellata di aneddoti e leggende che raccontano le aspre contese tra Firenze e Siena. In tempi recenti il centro storico è stato interamente restaurato, anche grazie al boom turistico legato alla Strada del Vino Chianti Classico.


CASTELNUOVO BERARDENGA (SI)  – cittadina di collina

Castelnuovo Berardenga è una incantevole cittadina localizzata nella zona del Chianti, circondata di numerosi castelli, borghi fortificati e ville storiche. La città fa parte della Associazione Nazionale Città del Vino e del movimento Città Slow che significa – Città del buon vivere. Tra le attrazioni più importante del territorio si indicare il borgo di San Gusmè, la certosa di Pontignano, il castello di Montalto, la villa Chigi Saracini, la Villa Arceno, il vicolo dell’Arco e la Chiesa delle Madonna del Patrocinio tra altri.


Gaioli in chianti borgoGAIOLE IN CHIANTI (SI) – cittadina di campagna vinicola

Terra di boschi e di colline, di vigne e di oliveti, Gaiole in Chianti è culla di produzioni artigianali che affondano le loro radici in un lontano passato. L’offerta è ricca ed apprezzata in tutto il mondo e va dalla lavorazione artistica della ceramica, alla tessitura manuale con antichi telai, dalla produzione di oggetti in ferro, alla realizzazione di oggettistica da regalo. Nel territorio sono sparsi numerosi piccoli borghetti che ancora mantengono l’ originale aspetto medievale, da segnalare i castelli di Brolio, di Meleto e di Tornano. Tutta la zona è caratterizzata da una produzione vinicola pregiata, quella del Chianti Classico.


greve chiantiGREVE IN CHIANTI (FI) – cittadina vinicola di campagna

Il Comune di Greve in Chianti è un territorio fortemente segnato dalla presenza umana, non solo nelle opere di architettura, ma anche nelle  tradizioni che segnano il territorio per la nota produzione di vino ed olio. Fin dal Medio Evo la storia di Greve è stata legata alla sua piazza principale che ha sempre esercitato la funzione di mercatale grazie alla sua posizione strategica, situata nel punto in cui si incontravano le vie di collegamento tra il Valdarno, Firenze e Siena. Nei dintorni ci sono vari castelli, ancora ben conservati, come il castello di Uzzano, Verrazzano, Mugnana e Sezzate, oltre al borgo di Montefioralle immersi in un paesaggio che ha incanta artisti e scrittori.


impruneta2IMPRUNETA (FI) – cittadina d’arte della ceramica

È conosciuta per la secolare produzione di terracotta, il cosiddetto “cotto di Impruneta”. Inoltre, la cittadina è nota per il santuario di Santa Maria, meta di pellegrinaggio, ed alcuni eventi di rilievo quali la Festa dell’Uva e la Fiera di San Luca. Non meno importante è la produzione di vino e olio nelle colline nei dintorni all’abitato.

 


1137092MONTEFIORALLE (comune Greve in Chianti – FI) – villaggio medievale

Si tratta di un borgo-castello, risalente al XI° secolo. Il borgo è a forma circolare dominato dalla la chiesa di Santo Stefano, che conserva all’interno una Madonna con Bambino di scuola fiorentina databile alla fine del XIII° secolo. Dell’antico cassero oggi è rimasta una poderosa struttura a pianta rettangolare che presenta un rivestimento in filaretto di pietra alberese. Il tessuto urbano si presenta con uno stile molto unitario, caratterizzato da edifici con strutture medievali. Tra questi edifici si segnalano una casa ritenuta essere stata di proprietà del navigatore fiorentino Amerigo Vespucci.


falorniPANZANO IN CHIANTI (comune Greve in Chianti – FI) – villaggio medievale agricolo

Panzano è una piccolo paesino che si  si trova al lungo della Via Chiantigiana. Abitata fin dall’epoca etrusca, è conosciuta soprattutto per il suo castello con  struttura molto semplice. Dall’unica porta di accesso si raggiunge una piccola piazzetta sulla quale si affaccia il cassero, costituito da un’alta torre che si eleva più in alto di tutti gli altri edifici. Tutte le strutture del castello sono riconducibili al XI° secolo. Fuori dal castello, lungo la via di accesso che segue il crinale della collina, si trova invece il borgo, articolato in due strade che partendo da una piazzetta proseguono parallele fino al castello. Il borgo e il castello formano attualmente la cosiddetta Panzano Alta. A Panzano è possibile ammirare una delle chiese di epoca romanica più importanti di tutto il Chianti: la Pieve di San Leolino. Di Panzano è il noto macellaio Dario Cecchini noto come poeta e per le sue specialità a base di carne.


poggibonsiPOGGIBONSI (SI) – cittadina  storico agro-industriale

Fin dal Medioevo, periodo in cui era un emporio sulla Via Francigena (o Romea), la cittadina ha sempre avuto una particolare vocazione commerciale, in particolare degli scambi economici attraverso la Valdelsa. Non a caso, attualmente la cittadina è il capoluogo del Distretto Industriale dell’Alta Valdelsa. Nei dintorni si trovano il castello di Staggia e il castello della Magione visitabile.

 


raddaRADDA IN CHIANTI (SI)  – cittadina di campagna vinicola

È un grazioso borgo medievale, racchiuso tra imponenti mura forma ellittica allungata, che ha conservato l’aspetto originale, caratterizzato da stretti vicoli che sbucano nella piazza centrale. Nei dintorni si trovano anche molti borghi, castelli e pievi, tutti di epoca medievale, perfettamente conservati, come esempio i borghi Badia a Montemuro e Volpaia. Attualmente Radda e i suoi ameni dintorni sono diventati un’ambita meta turistica per coloro che amano il buon vino e la natura. Nella cittadina ci sono ottimi ristoranti ed enoteche dove è possibile gustare tutti i prodotti tipici della zona.


san casciano chiantiSAN CASCIANO IN VAL DI PESA (FI) – cittadina di campagna

San Casciano in Val di Pesa fa parte della zona del Chianti Classico ed è un centro rinomato per la produzione di vini, dell’olio extravergine d’oliva, e dei prodotti agricoli in generale. La zona di San Casciano è molto rinomata per la produzione di vini e olio d’oliva. Tra altre spiccano note aziende vinicole instalate all’interno dei terreni di ville ed i castelli come il castello di Palagio, di Gabbiano, Villa Antinori e Villa Le Corti. Nella zona di San Casciano sono presente numerosi agriturismo ubicati in aree ricche di storia e costruzioni medievale.


DSC07144SAN DONATO IN POGGIO  (comune di Tavarnelle Val di Pesa- FI) – villaggio storico

Il borgo conserva ancora notevoli testimonianze del XIII° e XIV° secolo, quale la cinta muraria con le due porte di accesso, il palazzo Malaspina di epoca rinascimentale, il Palazzo Pretorio che all’interno conserva affreschi del XIV° secolo e la chiesa di Santa Maria della Neve del XV° secolo. Il centro storico presenta una serie di stradine tortuose contornate da notevoli elementi architettoniche medievali tra quali la casa-torre denominata “Torre Campanaria” risalente al XII° secolo. Fuori del borgo si trova la pieve di San Donato in Poggio, un notevole esempio di architettura romanica fiorentina (XII° secolo).


san gusmeSAN GUSME’  (comune Castelnuovo Berardenga – SI) – villaggio di campagna

Si tratta di un piccolo agglomerato urbano che ha conservato l’anello delle originarie mura ancora quasi totalmente integro. Nel XII° secolo fu feudo della famiglia Ricasoli. Nel XV° e XVI° secolo il borgo fu varie volte occupato nel corso delle campagne militari tra Firenze e Siena. La campagna circostante è caratterizzata da colture intensive di vigneti ed uliveti. Appena fuori dal paese ci sono le sorgenti del fiume Ombrone.

 


tavarnelleTAVARNELLE VAL DI PESA (FI) – cittadina vinicola

Il territorio comunale di Tavarnelle è situato nella zona del Chianti nota per produzione di pregiati vini. Tavarnelle si presenta abbastanza moderno tranne che lungo la via principale dove sono presente numerosi palazzotti del XVII° e XVIII° secolo. Da segnalare la Badia di Passignano, antico monastero noto per la produzione vinicola.

 


petrognanoTIGNANO  (comune Barberino Val d’Elsa – FI) – borgo medievale

Ubicato su di un poggio con un’ampia vista panoramica sulla Valdesa, è uno dei pochi borghi totalmente murati rimasto  immutato nel corso dei secoli. Contraddistinto da pianta circolare, è dominato dal castello, cui si accede tramite una ripida rampa che conduce alla Porta Fiorentina. Questa era difesa dal cassero, una tozza mole quadrata. All’interno del castello c’è l’Oratorio di Sant’Anna, risalente al XVI° secolo. Nel centro abitato spicca la casa-torre di Tignano Alto. All’interno del borgo c’è la chiesa di San Romolo, in stile romanico ed a pianta rettangolare. All’interno un tabernacolo in terracotta invetriata di Giovanni della Robbia.


vagliagliVAGLIAGLI (comune Castelnuovo Barardenga – SI) -villaggio di campagna

Il nome, piuttosto curioso, è una contrazione di “valle degli agli”, ad indicare che, nella zona, c’era abbondanza di aglio selvatico. Ha conservato un complessivo aspetto medievale grazie alla presenza di alcuni edifici storici. Tra questi la Chiesa di San Cristoforo, in stile romanico, risalente al XIII° secolo. In tempi recenti è divenuto meta turistica. Nel villaggio sono state girate alcune scene dei film  Piazza delle Cinque Lune e Letters to Juliet.

 


volpaiaVOLPAIA  (comune Radda in Chianti- SI) – villaggio di campagna

È un piccolo centro abitato che presenta una notevole armonia architettonica e conserva ancora la struttura del borgo fortificato. Le strutture architettoniche più interessanti sono il Castello di Volpaia e la Commenda di Sant’Eufrosino. Durante i secoli XV° e XVI° la località divenne nota per una serie di personaggi eruditi, artisti e costruttori di orologi, sfere armillarie, compassi e notturlabi. Questa particolare meccanica di precisione, tipica del periodo anteriore a Galileo Galilei, fu sviluppata da componenti della famiglia Della Volpaia, proprietaria del castello. Lorenzo di Volpaia, amico di Leonardo da Vinci e spesso suo consigliere su questioni tecniche, è noto per aver costruito, per conto della famiglia Medici, l’orologio planetario che, attualmente, si trova in Palazzo Vecchio, a Firenze.

Salva

CRETE SENESI E VAL D'ORCIA (provincia di Siena)

abbazia monte oliveto ad ascianoASCIANO (SI) – cittadina di campagna

La parte occidentale e meridionale del territorio comunale si caratterizza per un susseguirsi di biancane e calanchi che formano un suggestivo paesaggio. Sono le cosiddette “crete senesi”, zona che nel Medioevo era denominata “Deserto di Accona”, dalle caratteristiche quasi lunari. L’attuale centro storico, di origini medievali, conserva pregevoli monumenti. Nella località di Chiusure si trova l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, un complesso monastico sede della Congregazione Benedettina di Monte Oliveto. Situato all’interno di un bosco di cipressi, querce e pini, è uno dei più importanti monumenti della Toscana sia per l’aspetto storico che per l’elevato numero di opere d’arte conservate.


bagno vignoniBAGNO VIGNONI (comune di San Quirico d’Orcia – SI) – villaggio termale naturalistico

È un piccolo villaggio con caratteristiche medievali, immerso in un paesaggio tipico toscano,  situato all’interno del Parco Artistico Naturale della Val d’Orcia. Il nome deriva dalla sorgente termale e da Vignoni, castello già noto nel XI° secolo, i cui ruderi dominano il borgo da un’altura. La località è conosciuta per le terme, note fin dalle epoche etrusca e poi romana, e per i numerosi centri benessere annessi. Allo sviluppo del borgo contribuì anche la vicinanza della via Francigena. Nel XII° secolo il “Bagno” fu soggetto alla famiglia Tignosi, signori di Tintinnano. Alla fine di quello successivo la proprietà del villaggio e dei castelli circostanti fu trasferita alla famiglia senese Salimbeni. Nel 1417 il Castello di Vignoni fu venduto a Siena. Le terme furono frequentate da illustri personaggi, quali Papa Pio II°, Santa Caterina da Siena, Lorenzo Medici, detto “Il Magnifico”, solo per citare i più noti. Nonostante numerosi episodi di guerra, devastazioni ed incendi che coinvolsero la Val d’Orcia tra il Medio Evo ed il XVI° secolo, l’aspetto di Bagno Vignoni è rimasto sostanzialmente immutato. Parco dei Mulini e Piazza delle Sorgenti.


san filippoBAGNI DI SAN FILIPPO  (comune di Castiglione d’Orcia – SI) – villaggio termale naturalistico

È una piccola località termale che si è sviluppata per la presenza di acque sulfuree con proprietà terapeutiche conosciute fin dall’antichità. Nei pressi dell’abitato c’è il cosiddetto Fosso Bianco, dove il passaggio millenario di acque calcaree ha lasciato bianche concrezioni a forma di cascatelle. Qui si trova anche la grotta di San Filippo Benizi, scavata in un solo grande blocco di travertino e divisa da un tramezzo. Una leggenda racconta che, nel 1267, il futuro santo si rifugiò nella grotta per sfuggire all’elezione a papa e vivere in eremitaggio.


castiglioneCASTIGLIONE D’ORCIA (SI) – cittadina naturalistica collinare

Il territorio è situato al centro della Val d’Orcia ed è prevalentemente montuoso e collinare. Il capoluogo del comune è dislocato su una collina che fa parte delle propaggini settentrionali del Monte Amiata. Le formazioni geologiche argillose, conosciute come “crete” o “calanchi”, fanno contrasto con il verde delle zone boschive. La zona fa parte del Parco Artistico, Naturale, Culturale della Val d’Orcia, classificato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2004.

 


abbazia san galgano1CHIUSDINO (SI) – villaggio storico-religioso

È un caratteristico borgo che conserva intatto gran parte del suo tessuto urbano medievale. Situato nella porzione delle Colline Metallifere del territorio di Siena, nei dintorni vissero gli Etruschi e poi i Longobardi. Qui nacque San Galgano, a cui fu intitolata l’abbazia di San Galgano, meta turistica principalmente nell’estate quando all’interno sono organizzati concerti musicali e l’Eremo di Montesiepe dove c’è la spada infilata nella roccia.

 


castello banfiMONTALCINO (SI) – cittadina vinicola di campagna

È situato sulla cima di un colle da cui si gode un eccellente panorama delle vallate circostanti e, verso sud, del più lontano Monte Amiata. Il nome della cittadina deriva dal latino mons Ilcinus, in riferimento alla grande estensione dei boschi di leccio (ilex) nella zona. Montalcino conserva ancora inalterato l’aspetto di borgo medievale di origine difensiva, solcato da strette e ripide vie. Di quest’epoca rimangono anche le mura che conservano ancora le porte e parte dei torrioni. Il territorio, che fa parte del Parco Artistico Naturale e Culturale della Val d’Orcia, è pieno di vigneti da cui si ricavano vini di alto pregio come il famoso Brunello. La cittadina è anche nota per la qualificata produzione di miele, di olio extravergine di oliva, di salumi tipici e di formaggi. Nel 2004 Montalcino e la Val d’Orcia hanno ricevuto il riconoscimento di “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”.  Da segnalare l’Abbazia di Sant’Antimo, Museo del Vetro ed il Museo del Brunello.


grancia di cuna1MONTERONE D’ARBIA (SI) – cittadina di campagna

La cittadina è situata tra le più belle colline della Toscana meridionale, vicino al fiume Arbia. Ha conservato l’atmosfera medievale che oggi ancora emana dalle piccole chiese, dalle case coloniche e dalle fattorie, dall’antico mulino e da altri elementi architettonici ben conservati. È un’area di notevole valore paesaggistico.

 


 treno naturaMONTISI ( comune San Giovanni d’Asso – SI) – villaggio di campagna

È situato sul Monte Ghisi, da cui l’abitato prende il nome. Nonostante le piccole dimensioni, la cittadina conserva importanti monumenti di epoca medievale. Del castello feudale rimane una parte del cassero ed un torrione a pianta quadrata. Nei pressi del villaggio c’è anche una piccola necropoli etrusca con tombe a capanna dell’VIII° secolo a.C. Da visitare la fattoria fortificata Grancia di Montisi, la pieve della S.S. Annunziata e l’Oratorio di Sant’Antonio.

 


040MONTICIANO (SI) villaggio termale naturalistico

La natura è l’elemento caratterizzante del territorio, da sempre poco popoloso. La notevole biodiversità presente sul territorio ha creato le condizioni per la sua conservazione e protezione. Sono ben quattro le riserve naturali all’interno del territorio comunale: la Riserva Naturale dell’Alto Merse, la Riserva Naturale del Basso Merse, la Riserva Naturale del Farma e la Riserva Biogenetica e di Popolamento Animale e Vegetale di Tocchi. Suggestiva è la località di Bagni di Petriolo con le sue vasche termali all’aperto, ubicata all’interno della zona protetta. Nonostante la presenza di in un efficiente stabilimento termale, la località mantiene l’incanto di un luogo fuori dal mondo.


murlo4MURLO (SI) – villaggio collinare

Il territorio, esclusivamente collinare e con estesi boschi di lecci, è compreso tra la valle del fiume Merse e quella del fiume Arbia. Murlo è terra di gente etrusca. Analisi genetiche effettuate sulla popolazione ed un approfondito studio comparato sul DNA degli abitanti “autoctoni”, hanno confermato che questa gente discende direttamente dagli etruschi. Interessanti sono risultati anche i confronti tra le fisionomie, che hanno evidenziato somiglianze incredibili tra i tratti somatici di alcuni abitanti con le statue e le pitture etrusche. C’è una spiegazione abbastanza probabile. Per secoli, il territorio è rimasto al di fuori dalle vie di comunicazione e dai commerci, evitando però invasioni ed assedi. Infatti, l’area non ha subito mutazioni di rilievo e l’aspetto attuale è davvero un’immagine di altri tempi, pur conservando al suo interno tracce delle civiltà che si sono succedute. Il borgo di Murlo conta oggi solamente 29 abitanti ed è, perlopiù, un’attrattiva turistica per la presenza delle mura medievali e del ricco museo archeologico.


pienza4PIENZA  (SI) – cittadina d’arte e architettura urbanistica

La storia della cittadina è strettamente legata a quella di Enea Silvio Piccolomini, nato nel villaggio e poi divenuto papa con il nome di Pio II°. Il pontefice volle trasformare il piccolo borgo medievale, denominato Castello di Corsignano in residenza papale. Il progetto fu affidato a Bernardo Gambarelli, detto il Rossellino. Ne sono testimonianaza i molti palazzi del XV° secolo disposti lungo la via principale e la Cattedrale. Pienza è il centro più noto e di maggiore importanza artistica di tutta la Val d’Orcia. Nel 1996 il centro storico è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Altrettanto pittoresco è il quartiere Gozzante, il più antico nucleo dell’abitato, caratterizzato da piccole case collocate sulla rupe di arenaria e che si affacciano sulla Val d’Orcia (valle del fiume Orcia). La zona è anche nota per la produzione di ottimi formaggi, primo tra tutti il pecorino.


san giovanniSAN GIOVANNI D’ASSO (SI) – cittadina di campagna

L’abitato si trova al centro della zona delle cosiddette “crete senesi”, lungo il torrente Asso, da cui prende il nome. È costituito da due nuclei distinti, situati sullo stesso colle: il “paese alto”, più antico, ubicato sulla sommità e che contiene la parte storica-artistico-culturale dell’abitato, ed il “paese basso”, più moderno e di carattere residenziale. La zona è famosa per un’eccellente qualità di tartufi bianchi e per un’ottima produzione di vino.

 


villa cetinaleSOVICILLE  (SI)villaggio collinare

Sovicille è una cittadina ubicata nella Montagnola senese ricca di attrazioni storiche e culturali, oltre la bellezza paesaggistica della zona in cui è inserita. Da segnalare i castelli di Montarrenti, di Celsa e i ruderi del castello di Capraia. Pittoresco è il Ponte della Pia, che fin dall’epoca romana attraversava il torrente Rosia, non lontano dall’omonimo abitato e di cui ci sono numerose leggende.

Salva

Salva

VALDARNO (provincia Firenze e Arezzo)

BUCINE (AR) – cittadina di campagna

La cittadina do Bucine è situata lungo il percorso del torrente Ambra, nella zona denominata Valdambra (Val d’Ambra), ed è considerata una porta di accesso al zona del Chianti. Il territorio è infatti ricco di grandi vigneti ed oliveti. Il territorio del comune comprende anche vari borghi ricchi di storia ed architettura. La segnalare la Torre Galatrona che ancora oggi sorveglia tutta la zona e il piccolo borgo di San Leonino. Per le caratteristiche della produzione agro-alimentare Bucine fa parte dell’”Associazione Nazionale Città del Vino” e del movimento delle città del buon vivere “Città Slow” con alto livello di qualità di vita dovuto alle condizioni climatici e la fartura enogastronomica. Nella zona si produce vini di buona qualità, oltre miele, frutta, verdura, salumi, formaggi e carne bovina e suina in genere.


le balzeCASTELFRANCO PIANDISCO (AR) – cittadina naturalistica collinare

Sul territorio gravitano due centri principali – Castelfranco di Sopra e Pian di Scò – ubicati ai piedi del monte Pratomagno lungo l’antico tracciato che collegava Arezzo a Fiesole. La campagna circostante è costellata di case coloniche, case-torri, piccole località e resti di castelli feudali, circondati da uliveti e ordinate sistemazioni agrarie a terrazzamenti. Da segnalare la Badia di San Salvatore a Soffena con significativi elementi gotici (Castelfranco di Sopra) e la Chiesa romanica di Santa Maria di Pian di Scò. Un’altra caratteristica del territorio è la presenza, nei pressi di Faella, di calanchi o balze di colore rossastro: in questi fenomeni erosivi sono stati scoperti resti fossili, a confermare le antichissime origini lacustri della zona.


gello biscardo1CASTIGLION FIBOCCHI (AR) – borgo di campagna

È un borgo situato sulle pendici del monte Pratomagno che conserva alcune vestigia del periodo medievale, in particolare il palazzo comunale e la chiesa di San Pietro a Pezzano. Nell’ambito dell’architettura residenziale sono di notevole interesse i resti di due costruzioni gentilizie, Villa Cassi e Villa Occhini. Percorrendo la Strada Provinciale 85 (o dei “Sette Ponti”) si possono scorgere alcuni esempi dell’edilizia rurale della zona, in particolare le tipiche case con la loggia al piano terreno, il portico al primo, la colombaia appoggiata sul tetto. In tutto il territorio di Castiglion Fibocchi sono molto diffuse le produzioni agroalimentari, in primo luogo quella del vino.


parco naturaleCAVRIGLIA (AR) – cittadina di campagna

 La cittadina è ubicata tra colline dove si possono fare percorsi a piedi, in bici o a cavallo, lungo sentieri e strade bianche che consentono anche di visitare il Parco Naturale di Cavriglia, area protetta con animali del bosco in libertà, oltre praticare birdwatching. Da segnalare anche il roseto botanico con una grande varietà di specie di rose ben ambientate tra pavoni ed altri uccelli. Numerose sono le aziende vitivinicole con produzione limitata del vino Chianti ed alcune anche con produzione di rilievo sul piano quantitativo e soprattutto qualitativo.


arnop3FIGLINE  E INCISA VALDARNO (FI) –  cittadine di campagna

La maggior parte del territorio è pianeggiante, mentre una piccola parte si estende sulle colline del Chianti. Il flusso turistico è particolarmente elevato grazie alla presenze di numerose strutture ricettive, alla bellezza del territorio e alla vicinanza con Firenze. Uno dei eventi più tradizionale è il Palio di San Rocco che si realizza nei primi giorni di settembre. Sono organizzati tornei a cui partecipano gli atleti delle varie contrade . Le gare le gare sono il tiro alla fune, la gara della Bigoncia, il palio del carretto ed infine il palio a cavallo dove i cavalieri devono centrare con una lancia, un anello di 6 cm di diametro che si trova sospeso su una sagoma a 3 metri di altezza. Durante tutta la durata della manifestazione vengono organizzati concerti e giostre.


padule di ducecchio

FUCECCHIO (FI) – cittadina naturalistica di campagna

Il territorio comunale si trova sulla riva destra del fiume Arno, al confine con le province di Lucca, Pisa e Pistoia, in prossimità dell’area umida del Padule di Fucecchio, riserva naturalistica di importanza nazionale. L’abitato si estende in parte adagiato su di un colle che, già in da tempi antichi, ha preso il nome di “Poggio Salamartano”, e, per la maggior parte, nella zona pianeggiante che si trova alle pendici. Inserito nel cosiddetto Comprensorio del Cuoio, attualmente il nome di Fucecchio è noto per la produzione di pelletteria e calzature.


laterina3LATERINA (AR) – villaggio collinare

Il nome della cittadina deriva dal latino later o lateris, che significa “fabbrica di mattoni”. In piena sintonia con la natura argillosa del terreno e la presenza ininterrotta, fino ai giorni nostri, nell’abitato ci sono ancora numerose fornaci. Laterina è nota anche per la riproduzione dei carri di guerra antichi come arieti che sono esibiti durante la Festa Medievale.

 


SAM_6812MONTELUPO FIORENTINO (FI) – cittadina d’arte della ceramica

Il borgo è situato in cima ad un colle con il paesaggio circostante formato da oliveti e vigneti. Fin dall’antichità il territorio fu un importante crocevia per le comunicazioni di verso Firenze e la zona appenninica da una parte, il Mar Tirreno dall’altra. L’ubicazione e la presenza di importanti vie d’acqua all’epoca navigabili – il fiume Arno ed il torrente Pesa – contribuirono allo sviluppo di numerose attività manifatturiere. Tra queste soprattutto quella della ceramica, che a Montelupo raggiunse sviluppo e notorietà tra il XV° e il XVI° secolo. L’attività prosegue ancora oggi nei numerosi laboratori di ceramica artistica e celebra ogni anno i fasti durante la Festa Internazionale della Ceramica.


montevarchi2MONTEVARCHI (AR) – cittadina agro-industriale

Montevarchi si localizza vicino alla riva sinistra del fiume Arno. L’abitato si sviluppò come espansione del castello da cui prese il nome. Il centro storico conserva ancora le tracce del passato medievale ben evidenziati nella Piazza Varchi con il Palazzo Pretorio e la chiesa di San Lorenzo. Dopo la Seconda Guerraa Mondiale, Montevarchi ha assunto un aspetto industriale che ne fa un polo importante nella zona del Valdarno superiore, principalmente nel settore di pelletteria.

 


torre san mateoMONTOPOLI SULL’ARNO (PI) – cittadina di campagna

La cittadina è nota per la terracotta, un’attività artigianale di antica tradizione. Ricerche archeologiche hanno consentito di trovare frammenti di olle, catini e tegole, la cui produzione è riconducibile al periodo tra il XII° ed il XIV° secolo, e maiolica arcaica databile al XIV° secolo. Le fornaci, numerose in tutta la zona, fornivano mattoni da costruzioni oltreché vasi e ceramiche per uso domestico. Fu però nel XIX° secolo che Montopoli conobbe il momento, forse, più significativo, per merito Dante Milani. Infatti, l’azienda da lui fondata ebbe anche una grande rinomanza internazionale nel biennio 1929-1930. Le sue produzioni, assieme ad altre di pregio, sono raccolte in una esposizione permanente ospitata all’interno del Palazzo Guicciardini. Sulle colline intorno a Montopoli in Val d’Arno sgorgano le acque minerali della Sorgente Tesorino che hanno proprietà terapeutiche.


ponte di romitoPERGINE VALDARNO (AR) – villaggio di campagna

Il territorio  di Pergine Valdarno è caratterizzato dal tipico paesaggio della Toscana rurale interna, con boschi nella parte più elevata delle colline e coltivazione di viti e olivi. Nella zona è prodotto uno dei oli d’oliva più pregiati. Accanto alla tradizionale economia agricola si è sviluppato anche un tessuto artigianale e industriale nel settore orafo,  e nella meccanica di precisione. Dal punto di vista storico-culturale, nella zona si trova i resti del vecchio ponte del Romito, che sembra certo sia quello dipinto da Leonardo Da Vinci nel più noto quadro, la ‘Monna Lisa’. Il ponte è inserito all’interno della Riserva naturale di Bandella detta anche Valle dell’Inferno. Trattasi di una zona palustre che comprende boschi e una fauna decisamente interessante.


IMG_4382REGGELLO (FI) – cittadina di campagna

Gran parte della fascia collinare del territorio comunale è caratterizzata da curate colture a terrazze con vigneti ed oliveti, presenti fin dal XIV° secolo. Le attrazioni più importanti della zona sono l’imponente Abbazia di Vallombrosa, ricca di storia e opere d’arte, il Circuito delle Capelle, pittoresco itinerario nell’omonima foresta ed il Castello di Sammezzano. Degne di menzione sono le due riserve naturali con numerosi itinerari di trekking: l’Area Naturale Protetta della Foresta di Sant’Antonio e la Riserva Biogenergetica della Foresta di Vallombrosa. Ancora nel territorio l’outlet The Mall con offerte vantaggiose di abbigliamenti di grande marche e numerose aziende agricole che producono il pregiato olio extravergine di Regello Toscano IGP. La ricettività turistica ha una variegata offerta: dal piccolo B&B alle numerose ed attrezzate aziende agrituristiche, fino alle strutture alberghiere.


122RIGNANO SULL’ARNO (FI) – cittadina di campagna

L’economia della cittadina era basata fino a qualche decennio fa sulla produzione cementizia che derivava dallo sfruttamento delle cave nei dintorni. Notevole importanza ebbero anche la produzione tessile e la produzione agricola, basata sulla coltivazione dell’ulivo e della vite. Oggi il territorio ha un’importante zona industriale, con fabbriche nel campo della meccanica, della falegnameria e della manifattura del cotto. Da segnalare la presenza di alcune grandi firme del campo della moda e la vicinanza dei due distretti outlet “The Mall” e “Dolce&Gabbana” che ricevano centinaia i turisti settimanalmente alla ricerca di abbigliamenti a dei noti marchi degli stilisti italiani riconosciuti internazionalmente.


San GIovanni ValdarnoSAN GIOVANNI VALDARNO (AR) – cittadina agro-industriale

Situato all’incirca a metà strada tra Firenze ed Arezzo, è uno dei principali centri industriali dell’alta valle del fiume Arno (Valdarno Superiore) circondata dalle splendide colline del Chianti e dalla dorsale montuosa del Pratomagno. Il centro storico, progetto urbanistico elaborato nel XIII° secolo dall’architetto Arnolfo di Cambio, ha mantenuto la struttura di borgo medievale: piccole strade, tra cui i caratteristici “chiassi”, quasi privi di sole, e l’improvvisa apertura sulle piazze centrali, una delle quali dedicata a Masaccio, il grande pittore nato nella cittadina. La casa-museo dove visse Masaccio  è o aperta a visitazione.


riserva bandellaTERRANUOVA BRACCIOLINI (AR) – cittadina agro-industriale

Il territorio comunale si  estende in una zona pianeggiante del Valdarno Superiore. L’economia locale si basa prevalentemente sull’agricoltura e sull’allevamento di bovini e sull’avicoltura. Nel territorio sono anche presenti numerose industrie meccaniche, calzaturiere, tessili e per la lavorazione del vetro.

 

Salva

VALDICHIANA (provincia Arezzo e Siena)

zone civitellaCIVITELLA IN VAL DI CHIANA (AR) – villaggio agricolo

Civitella è un villaggio che mantiene quasi intatto il tracciato ellittico delle mura medievali intervallato da torri quadrate, e dove è ubicata la porta d’accesso fortificata, comunemente conosciuta come “Aretina”. La zona è conosciuta per gli allevamento della razza bovina chianina, che produce carne di eccellente qualità. Civitella in Val di China fa parte anche dell’elenco di “Città Slow” oppure del buon vivere, dovuto all’alto livello di qualità ambientale.

 


zone foianoFOIANO DELLA CHIANA (AR) – cittadina – borgo di campagna

È un vivace centro agricolo (cereali, vino, tabacco) e commerciale. Nei dintorni è presente l’Outlet Village Valdichiana con negozi delle marche più prestigiose a buon prezzo.

 

 


marciano1MARCIANO DELLA CHIANA (AR) – villaggio collinare

Marciano è un piccolo villaggio collinare della zona di Val di Chiana caratterizzato da grande centri agricoli che producono vari tipi di cereali, oltre vino e olio. La torre del castello domina il paesaggio dove visse il noto capitano di ventura Fanfulla da Lodi. L’abtitato si trova vicino a centri storici importante come Cortona e Lucignano.

 


monte san savino zoneMONTE SAN SAVINO (AR) – cittadina borgo di campagna

Monte San Savino è un antico borgo ricco di suggestioni medievali e rinascimentali. Ma è anche conosciuto per le sue ceramiche che sapienti artigiani forgiano quotidianamente ancora oggi nelle loro botteghe, utilizzando tecniche antichissime tramandate di generazione in generazione. Un punto forte di Monte San Savino è la gastronomia, dove si può mangiare la tradizionale porchetta con erbe e bere vini pregiati.

 


Terme sensoriali1CHIANCIANO TERME (SI) – villaggio termale

È tradizionalmente una località legata al concetto di benessere termale, visto che da fin dalle epoche etrusca e romana e poi attraverso tutto il Rinascimento sono stati sfruttati i benefici delle acque, che nella zona sgorgano abbondantemente. Come centro termale ricco di acque minerali con effetti curativi, Chianciano è anche nota per l’ameno paesaggio. La cittadina è infatti circondata da colline boscose di querce, faggi, lecci e castagni, caratterizzata da un clima mite ed immersa in un ambiente salutare ed incontaminato. Chianciano Terme ha conservato il primato di cittadina termale moderna e perfettamente attrezzata senza tuttavia rinnegare le proprie radici: un centro storico ben conservato, una rilevante quantità di aree verdi nei parchi termali e nei giardini pubblici, ville ed accoglienti alberghi.


tomba pellegrina1CHIUSI (SI) – villaggio etrusco di campagna

Chiusi fu una delle più importanti città etrusche di tutta l’Italia. Ebbe un ruolo egemone tra le altre città etrusche e, in un momento della sua storia, minacciò addirittura Roma. Di questo glorioso periodo rimangono numerose tracce su tutto il territorio (tombe) ed un ricco patrimonio di oggetti esposti nel grande museo della cittadina.

 


vino4MONTEPULCIANO (SI) – cittadina borgo vinicolo di campagna

Il centro abitato ha mantenuto le caratteristiche di borgo medievale a forma di S ed è racchiuso da tre cerchi di mura, costruite nel XIV° secolo. I piccoli insediamenti rurali coesistono con centri urbani pieni di memorie storiche e notevoli opere d’arte all’interno di un armonioso paesaggio agricolo. Il territorio di Montepulciano è noto per l’abbondanza di vigneti, le cui uve vengono sapientemente trasformate nel Vino Nobile di Montepulciano DOCG. Le maggiori attività produttive si concentrano sui settori delle eccellenze locali: l’enologia, l’agricoltura, il turismo.


san casciano bagni2SAN CASCIANO DEI BAGNI  (SI) – villaggio termale

La storia e lo sviluppo della cittadina sono essenzialmente legate alla presenza di acque termali, ben 42 sorgenti con una temperatura media di 40°C. Il dato più importante ed impressionante è la massa d’acqua che sgorga nel territorio: la portata complessiva delle sorgenti raggiunge i 5,5 milioni di metri cubi, valore che colloca la cittadina al terzo posto in Europa per flusso di acqua termale. Le acque termali hanno comunque vissuto fasi alterne ma l’interesse verso le proprietà terapeutiche di queste storiche sorgenti è di nuovo cresciuto dopo la realizzazione del Centro Termale Fonteverde.


saracinoSARTEANO (SI) – villaggio collinare

Sarteano si trova sui rilievi montuosi che separano la Valdichiana dalla Val d’Orcia, una delle più pittoresche zone della Toscana meridionale. È anche una zona di valore, sia dal punto di vista storico (civiltà etrusca) che naturalistico. La cittadina è dominata dall’imponente castello che si staglia sullo sfondo verde del Monte Cetona. L’economia di Sarteano è diversificata, ma fondamentalmente si basa sull’agricoltura – olio, vino e frumento – e sul turismo.

 


sanalunga1SINALUNGA  (SI) – villaggio collinare

Il territorio di Sinalunga è, in pratica, formato da un’insieme di piccoli villaggi, alcuni dei quali di origini medievali, quasi tutti insediati sulle alture che dominano la Val di Chiana. Le tracce del periodo medievale sono visibili un po’ dovunque, nonostante i danni riportati nel corso delle faide politiche di Siena e durante il confronto armato con Firenze. Gran parte degli edifici religiosi contiene pregevoli opere d’arte.

 


TtorritaORRITA DI SIENA (SI) – villaggio di campagna

La cittadina è spesso stata al centro di cruente vicende storiche che hanno purtroppo alterato molto l’originale aspetto medievale. Le chiese custodiscono invece alcune pregevoli opere d’arte. La cittadina è sede di uno dei più anchi palii e, quasi a contrastare le origini medievali, ha aperto le porte ad uno dei generi musicali più moderni, il blues.

 


trequandaTREQUANDA (SI) – villaggio di campagna

È un ameno borgo collocato tra vigneti, oliveti e boschi che, assieme, compongono il tipico paesaggio della campagna toscana. Il villaggio è situato in quella zona con tipico colore ocra del terreno, in gran parte argilloso. Isolati o in filari lungo strade poderali, i cipressi costituiscono la specie arborea più caratteristica della zona. Nel territorio ci sono pittoreschi borghi medievali ben conservati nel tempo quali Petroio, dove vengono prodotte ceramiche artigianali, e Castelmuzio.

Salva

VALTIBERINA (provincia Arezzo)

BADIA TEDALDA (AR) – villaggio naturalistico collinare

Il borgo si trova  al confine tra tre regioni: Toscana, Romagna e Marche. Inoltre è collocato lungo la via Francigena (o Romea) che pellegrini, monaci, abati hanno percorso per molti secoli. Il paesaggio fa da cornice al villaggio, che è un punto di partenza per passeggiate a piedi o a cavallo, alla scoperta di un interessante patrimonio naturalistico. Nei dintorni ci sono la Riserva naturale Alpe della Luna con area destinata a pesca sportiva e l’Area  protetta Nuclei a Taxus in località Pratieghi, un  bosco di oltre 60 ettari dove vivono piante di tasso di notevole età e dimensioni.


capresemichelangelo1CAPRESE MICHELANGELO (AR) – villaggio storico

Il territorio comunale si trova nell’area più verde del percorso del fiume Tevere in Toscana (Valtiberina). Numerosi altri corsi d’acqua attraversano il territorio per confluire nel torrente Singerna, che si unisce poi al Tevere nel lago di Montedoglio. Boschi di faggi, di querce e di castagni ricoprono buona parte della zona, mentre funghi, tartufi, more, fragole e lamponi sono i frutti spontanei di questa terra, che conserva ancora genuini ed incontaminati scenari. A Caprese, nel 1475, nacque Michelangelo Buonarroti, scultore e pittore di fama immortale.


museo madonna del partoMONTERCHI (AR) – villaggio storico di campagna

La cittadina è un tipico borgo di chiara impronta medievale, arroccato su una collina isolata, denominata in passato Mons Herculis (Monte di Ercole) che sovrasta l’alta Valtiberina (valle del fiume Tevere). Secondo la leggenda, il semidio Ercole avrebbe fondato Monterchi dopo aver sconfitto la mostruosa Idra, evento che campeggia nello stemma comunale. La cittadina è nota per il celebre affresco di Piero della Francesca con la Madonna gravida – Madonna del parto (1455).

 


eremo cerbaiolo1PIEVE SANTO STEFANO (AR) – villaggio naturalistico di campagna

Situata in una valle circondata da monti al confine tra la regione Toscana, Umbria e Romagna, Pieve Santo Stefano offre opportunità di turismo ecologico, una volta che il territorio conserva varie riserve naturale con fauna e flora di considerabile importanza. Sono proposti vari percorsi trekking in sentieri che permettono di raggiungere punti suggestivi e panoramici quali il Passo delle Gualanciole e la Vallesanta. Oltre l’abitato è diventato conosciuto come la “città del diario”. Questa fama si deve al fatto dalla conservazione di una raccolta di scritti di persone comune, testimonianze, lettere d’amore, diari di giovanni che riflettano, in varie forme, la vita della popolazione in epoche passate.


sasso simoneSESTINO (AR) – villaggio naturalistico collinare

Si trova ai confini con le regioni Emilia-Romagna e Marche. Nei dintorni si trovano antichi agglomerati urbani che conservano memorie storiche ed artistiche in un ambiente di notevole interesse naturalistico e praticamente incontaminato. Tra questi, Monterone, San Donato, Colcellato e Case Barboni sono i villaggi più significativi. Significativo è Sasso Simone, un enorme blocco di roccia calcarea ricco di fossili che si erge come un parallelepipedo regolare sul crinale dell’Appennino Toscano, raggiungendo l’altezza di 1204 metri. Attualmente è incluso nella Riserva Naturale del Sasso di Simone, i cui boschi sono costituiti essenzialmente da alberi di cerro e di faggio e che ospita una fauna particolarmente variegata, con abbondanza di piccoli mammiferi, animali selvatici e numerose specie di uccelli. Numerosi sentieri percorrono a riserva.

Salva

DIntorni a Firenze, Prato e Pistoia

arte777Castello di Trebbio – Mugello (FI)

MUGELLO (provincia di Firenze)

lago-bilancino1BARBERINO DI MUGELLO (FI) – cittadina agro-industriale

A Barberino di Mugello si può visitare inoltre numerose chiese e pievi risalenti al periodo Trecentesco, il Castello di Villanova (detto anche Villa delle Maschere) e il Loggiato Mediceo dell’architetto rinascimentale Michelozzo, che al tempo veniva utilizzato come mercato coperto. Vicino alc entro di Barberino, in località Cafaggiolo, si trova la villa medicea di Cafaggiolo, che fu fatta edificare dalla famiglia Medici come residenza di campagna e che conserva ancora oggi numerosi arredi originali del periodo dei Medici. Nella zona sono presenti numerosi sentieri nel bosco  lungo il percorso del torrente Stura dove si può avvistare animali selvaggi quali volpi, conghiali, lepri e daini. Barberino di Mugello si affascia al Lago di Bilancio, luogo ideale per villeggiatura.


sant onofrio dicomano-2DICOMANO (FI) – cittadina di campagna

Dicomano è collocato alla base dei rilievi dell’Appennino Tosco-Emiliano. Il territorio è solcato da corsi d’acqua e ricco di boschi di castagni, cerri o faggi. Per la sua felice ubicazione, snodo di strade verso Firenze, il Casentino, il Mugello e la Romagna, ha da sempre rappresentato un punto d’incontro e di scambio tra esperienze e tradizioni diverse, oltre ad essere un’importante nodo commerciale. Il centro storico ha vie eleganti, con loggiati intercomunicanti con archi su pilastri quadrangolari risalenti al XVII° secolo. Il territorio è ricco di numerosi percorsi naturalistici.


scarperia11SCARPERIA (FI) – (comune di Scarperia San Piero ) – cittadina di campagna

Scarperia è nota per la produzione artigianale di coltelli. Infatti questa tradizione è vecchia di almeno cinque secoli. Fino al XVIII° secolo la presenza degli artigiani del settore era numerosa e vastissima la produzione di ferri taglienti, sia per usi bellici (pugnali, lance e spade), che per la casa ed il lavoro (forchette e punteruoli, roncole, cesoie e temperini). Attualmente sono attive solo quattro imprese, con una ricca produzione di coltelli di tutti i generi: da quelli da caccia a quelli da macellaio, dalla coltelleria da cucina a completi di posate con il manico di corno, oltre a tutti i tipi di forbici e pennati di tutte le dimensioni.


vicchio1VICCHIO (FI) – cittadina di campagna

E’ una cittadina di origini storiche adagiata su una collina nell’Alto Mugello. E’ nota per  due grandi pittori del Medioevo: Giotto di Bondone ed il Beato Angelico che sono nati nella cittadina. Quindi dell’innovatore pedagogo don Lorenzo Milani.

Salva

MONTALBANO E VAL DI BISENZIO (provincia Prato)

CANTAGALLO (PO) – villaggio rurale

Cantagallo è situato nella valle del Rio Ceppeta, circondato dalle montagne dell’Appennino Tosco-Emiliano e vicino alle sorgenti del fiume Bisenzio. Rappresenta una base ideale per le escursioni sui monti circostanti da quali si godono ampie vedute panoramiche. Nei dintorni all’abitato, si può visitare la località di Luicciana, un interessante villaggio con opere d’arte contemporanea che constituiscono un museo all’aperto ed i ruderi della Rocca di Cerbaia. Dal territorio fanno parte la Riserva Naturale Acquerino-Cantagallo e la Riserva Alto Carigiola – Monte delle Scalette.


CARMIGNANO (PO) –  cittadina di campagna

Situata nel cuore della Toscana, Carmignano offre una serie di attrazioni importanti, dal Parco archeologico di Carmignano con la Necropoli di Prato Rosello ed il Tumulo di Montefortinii di origini etrusche alle ville e fattorie storiche come la Villa Medicea “la Ferdinanda” e la Fattoria di Capezzana. Agli amanti dell’arte, una visita alla Pieve di San Francesco e San Michele offre la possibilità di ammirare una delle più importante opere del noto pittore Pontormo – La Visitazione. Il territorio vanta una ricca tradizione enogastronomica. Infatti, nelle colline che mantengono ancora il tipico paesaggio toscano, sono prodotti preggiati vini come il Carmigiano DOCG e il Barco Reale DOC, oltre l’olio extra vergine Toscano IGP, apprezzati in tutto il mondo. Da Carmignano partono numerosi sentieri naturalistici e percorsi trekking verso Montalbano (Monte Albano).


MONTEMURLO  (PO) – villaggio  naturalistico

Il comune di Montemurlo si trova a metà strada tra le città di Prato e Pistoia. La cittadina comprende numerosi ville storiche del periodo rinascimentale con suggestivi giardini, aperte alla visitazione organizzata dall’associazione Antichi Giardini. Il territorio è conosciuto anche per le cave di serpentino, roccia di colorazione verde usate come materiale decorativo di chiese e monumenti e che producono un effetto geologico interessante. La zona è meta anche di escursionismo dovuto le ampio aree naturale protette ricche di biodiversità e paesaggi incantevoli.


VAIANO (PO) – cittadina in collina

Il territorio di Vaiano è compreso tra due ampie aree protette, quella del Monteferrato e quella della Calvana. Il centro abitato si sviluppa al lungo della valle del fiume Bisenzio. In epoche passate, le acque del fiume furono sfruttate come energia idraulica per i mulini.  Oggi, è una tranquilla località adeguata al turismo ecologico per la ricchezza di ecosistemi preservati e incontaminati.

 


VERNIO (PO) – cittadina in collina

Il nucleo abitato di Vernio si svolge lungo il fiume Bisenzio in zona prevalentemente montuosa. La cittadina spicca per la sensibilità in materia ambientale: turbine idroelettriche, impianti fotovoltaici e la nuova fontana che eroga acqua pubblica. Fanno parte del territorio comunale piccoli paesini tipici di montagne come Montepiano, San Quirico e San’Ippolito ricchi di storia e natura.

Salva

VALDINIEVOLE (provincia di Pistoia)

buggiano castelloBUGGIANO (PT) – cittadina borgo collinare

E’ uno dei più antichi comuni della Valdinievole. L’origine del paesino è raffigurata nello stemma del comune con due “bue andante” che riporta alla leggenda dell’origine dell’abitato. Noto per il mercato di bestiame e l’allevamento del baco da seta, Buggiano oggi è una vivace cittadina che centra il suo svuluppo nella produzione industriale.

 


Montecatini terme 1MONTECATINI TERME (PT) –  borgo medievale e cittadina termale

La località è nota per le ricche attrezzature termali suddivise in diversi stabilimenti di aspetto elegante e raffinato ubicati tra numerosi edifici in stile liberty, vasti parchi e viali alberati. Numerose manifestazioni di alto livello, strutture congressuali e attrezzature complementari quali il campo da golf e l’ippodromo fanno di Montecatini una stazione di soggiorno, non solo termale, ma anche culturale.

 


 grotta giusti34MONSUMMANO TERME (PT) – cittadina termale

La cittadina è dominata dal colle di Monsummano Alto che si erge isolato al margine occidentale della catena del Montalbano, in posizione dominante su tutta la Valdinievole. Con particolari grotte naturali, offre ai visitatori un’ampia ed autonoma possibilità di scelta di percorsi d’arte e cultura, di escursioni naturalistiche, di centri per la cura del corpo e per le attività sportive. Spicca la Grotta Giusti, centro termale per eccelenza ubicata in una zona di bellezze naturalistiche.

 


 svizzera pesciatinaPESCIA (PT) – cittadina e borghi  medievali collinari

Considerata capoluogo storico della Valdinievole per la ricchezza di monumenti e testimonianze di tutte le epoche, la cittadina è un importanti centro di coltivazione di fiori. Inoltre, nelle vicinanze, si trova il piccolo borgo di Collodi, reso famoso per il Parco di Pinocchio, con numerose sculture dei personaggi della fiabba del burattino, che da sempre incanta i bambini. Nel territorio del comune si trova anche la “Svizzera Pesciatina”, che offre un scenario particolare costituito da una decima di borghetti, uno vicino all’altri, arroccati nelle colline dintorno e che mantengono preservati le lori caratteristiche originale.


Lamporecchio1LAMPORECCHIO (PT) – villaggio naturalistico collinare

Il paesino, prima conosciuto per la produzione artigianale di cappelli di paglia, oggi basa sua economia sul settore calzaturiero, dolciario, edile, produzione di materiali in plastica e agroalimentare. Dal territorio proviene il Montalbano DOCG, vino Chianti di altissima qualità, e l’olio d’oliva extravergine Montalbano, IGP toscano.

 


larciano5LARCIANO (PT) – cittadina di campagna

Da territorio con attività prevalentemente agricola, nell’ultimo ventennio si sono invece sviluppate attività produttive artigianali, in particolare oggetti per uso domestico, raggiungendo importanza anche a livello internazionale. Nonostante questa trasformazione, rimane tuttavia ancora importante la presenza dell’agricoltura, i cui prodotti fondamentali sono il vino e l’olio. Da Larciano partono itinerari naturalistici per il Padule di Fucecchio.

 


santuario madonna buon consiglioPONTE BUGGIANESE (PT) – villaggio collinare

La storia della cittadina non è molto antica poiché manca la fase medievale tipica dei paesini collinari della zona da cui Ponte Buggianese trae origine e nome. Il tranquillo villaggio di pianura nasconde la storia di duro lavoro per strappare il fango della palude per rendere la terra coltivabile. Per il turismo naturalistico è interessante l’area del Padule di Fucecchio, in cui sono possibili escursioni a piedi o in barca, attività di cicloturismo, equitazione o birdwatching.

 


uzzano 1UZZANO (PT) – borgo-villaggio collinare

Uzzano è un piccolo borgo situato tra Montecatini Terme e Pescia. Ubicato su una collina ricoperta di ulivi, il borgo di Uzzano Castello si affaccia sulla valle del torrente Pescia ed è visibile da tutta la Valdinievole. Il paesino conserva ancora l’assetto e l’architettura medievale. Ha un impianto urbanistico a triangolo, con il vertice segnato dall’area dell’antica Rocca e dalla Chiesa dei Santi Jacopo e Martino. Rimangono ancora palazzotti e edifici del XVI° e XVII° secolo.

Salva

DIntorni a Massa Carrara, Lucca e Pisa

artenmnBagni di Lucca – Garfagnana (LU)

Salva

LUNIGIANA (provincia Massa Carrara)

Aulla1AULLA (MS) – cittadina di campagna

È il più importante centro commerciale e industriale della Lunigiana, situato al confine con la regione di Liguria, e circondato da colli punteggiati da caratteristici borghi. Le vicende storiche sono state influenzate dal fatto di essere sempre stata un nodo tra importanti vie di comunicazione. Infatti è documentata come una delle tappe dell’antica via Francigena (o Romea). Il territorio di Aulla è ricco di percorsi culturali, naturali e gastronomici, oltre monumenti storici come la secolare Abbazia di San Caprasio e l’imponente Fortezza della Brunella. Nelle vicinanze di Aulla, ci sono incantevoli piccoli borghi che conservano ancora l’aspetto medievale originale come Caprigliola con le mura Medicee, Bibola e Bigliolo con ruderi di castelli, Albiano e Olivola con le case medievali e il particolare borgo medievale di Pallerone. In questi luoghi si può anche apprezzare la genuina cucina della zona di Lunigiana.


Castello di BagnoneBAGNONE (MS) – citadina borgo  collinare

Il borgo di Bagnone, che ancora conserva gli anelli  degradanti verso il fondovalle, si trova su uno sperone roccioso, immerso in un fitto bosco di pini e querce. Il territorio ha una morfologia essenzialmente montana, dominata dal crinale appenninico, dove stacca il Monte Sillara. La zona è ricca di luoghi d’interesse storico come i vari castelli come il castello di Trschietto e piccoli borghetti attorno a Bagnone quali Corvarola. Il territorio è anche attraversato dal torrente Bagnone che forma piccole cascate e laghetti dove è possibile la pesca sportiva con la mosca e nei mesi invernali la pratica dello kayak.

 


alpi apuaneCASOLA IN LUNIGIANA (MS) – borgo naturalistico collinare

Casola è un borgo collinare molto ben tenuto e suggestivo, con palazzi, portali e botteghe medievali e rinascimentali. La strategica posizione, in prossimità del Parco delle Alpi Apuane, permette numerosi percorsi naturalistici e termali. Nei dintorni, si possono ammirare opere come le Pievi di Codiponte e di Offiano, la Pieve San Lorenzo ed incantevoli borghi come Regnano, Ugliancaldo e Castiglioncello. Casola è compresa nella Via dei Mercati Medievali, iniziativa che cerca di rievocare le antiche fiere e mercati. Nel corso dell’anno sono organizzate 3 fiere, una a Casola e altri nelle località vicine di Codiponte e Equi. Quanto all’enogastronomia, merita citare la Marocca di Casola, un saporito pane di farina di castagne che va degustato con formaggi e lardo di Colonnata.


Borgo di CaprioFILATTIERA (MS) – villaggio storico di campagna

Il borgo di Filattiera, fu originariamente un’antica fortificazione bizantina. Nel territorio si trovano testimonianze religiose di importanza come la pieve romanica di Sorano. Nei dintorni di Filattiera, ci sono altri borghi medievali, come quelli di Ponticello e Caprio con le case-torri, oltre aree di natura con paesaggi spettacolari come Rocca Sigillina, Lusignana ed i Prati di Logarghena.

 


Fivizzano1FIVIZZANO (MS) – cittadina naturalistica collinare

Fivizzano ha un territorio comunale tra i più ampi della Lunigiana. È sempre stato un centro importante, come testimoniano il gran numero di chiese, castelli e palazzi signorili presenti nel centro storico. Nella cittadina è nato Jacopo da Fivizzano che sviluppò il processo di stampa a caratteri mobili, conservati nel Museo della Stampa. Nel territorio comunale si trovano altri nuclei abitati interessanti, come la frazione di Monzone con il Museo del Lavoro, Gragnola con il Castello dell’Aquila e il Parco delle Grotte di Equi Terme. All’interno del parco si trova il Museo delle Grotte che comprende un complesso carsico sotterraneo con cavità, cunicoli, sale con quattro tipi di acque (solforosa, salata, nera, dolce). Dalla Buca (entrata), un percorso attrezzato conduce ad una successione di 9 grotte, ricche di stalattiti, stalagmiti ed ogni tipo di concrezione naturale. Il percorso si conclude lungo un laghetto sotterraneo.


Borgo di Licciana NardiLICCIANA NARDI (MS) – villaggio naturalistico di campagna

La cittadina si trova lungo il corso del torrente Taverone in mezzo a una zona pianeggianti e con alcuni rilievi montuosi.   E’ un tipico esempio di borgo sviluppatosi nel fondovalle, eminentemente con funzioni di sbarramento militare. L’insieme delle fortificazioni comprende la rocca, un ampio anello di mura bastionate in parte ancora esistenti e un fortilizio sull’altra sponda del fiume. Quest’ultimo, denominato Castello di Piano, è interessante esempio di architettura militare, trasformato in struttura residenziale nel XVI° secolo. Nella piazza del municipio si trova il monumento-ossario di Anacarsi Nardi, l’eroe rinascimentale che diede nome attuale alla città. Nel territorio sono inoltre presenti vari castelli: Bastia, Monti, Pontebosio, Terrarossa. Inoltre la Pieve di Venelia, il borgo di Panicale (con il palazzo Medici), Apella (con la casa Nardi) e il borgo di Tavernelle con le sue antiche botteghe di mercanti.


castello gavedoMULAZZO (MS) – borgo storico collinare

Mulazzo è un borgo che si trova nell’alto corso del Magra. Sede di un antico borgo-castello ligure e di un altro castello di cui rimane solo la cosiddetta torre di Dante, a Mulazzo è possibile ammirare anche gli antichi archi dell’acquedotto Malaspiniano e Piazza Dante, sovrastata dalla chiesa di San Nicolò e dal palazzo Malaspina Zini. Il territorio del comune è punteggiato da castelli e borghi fortificati: Montereggio, sede della fiera del libro, il borgo di Castevoli, il castello di Lusuolo, sede del Museo dell’Emigrazione, il castello di Gavedo, Canossa, Campoli, e Castagnetoli, nota per la produzione di un tipico attrezzo da cucina lunigianese, il testo.

 


Podenzana Castello BibollaPODENZANA (MS) – villaggio naturalistico di campagna

Nonostante le dimensioni ridotte, il comume di Podenzana si è uno dei più caratteristici della Lunigiana. Il territorio, prevalentemente collinare, è molto adatto alle coltivazioni della vite, dell’olivo e del melo “binotto”, prodotto tipico locale. Una consistente parte dell’economia è rappresentata dal turismo legato e dalla gastronomia locale. Curiosa è la presenza di numerose e significative le “maestà” nel territorio di Podenzana. Questi piccoli gioielli artistici sono edicole con bassorilievi in marmo o pietra collocate dalle famiglie più facoltose agli incroci delle strade, in generale dedicate alla Madonna.

 


pontremoli3PONTREMOLI (MS) – borgo medievale di campagna

Situata nella vallata del fiume Magra, il borgo di Pontremoli si trova su una delle più antiche vie di collegamento tra Liguria e Toscana. Il nome deriva, probabilmente, da Pons Tremulus, ad indicare il pioppo usato nella costruzione del primo ponte oppure, forse, anche dal tremolio dovuto alla flessibilità di questo tipo di legno.  Pontremoli mantiene molte vestigia del suo importante ruolo nel passato: nel centro storico si possono ancora ammirare gli antichi ponti medievali, le case-torri e le fortificazioni, ma anche raffinati edifici religiosi di età barocca. Pontremoli è anche nota come “Città del Libro”. Il legame tra la cittadina e la carta stampata si fa risalire al 1458, quando, a neppure due anni dall’invenzione della stampa, è qui storicamente attestato un mercatum tomorum (mercato dei libri). È proprio dalla grande tradizione dei librai del luogo che nacque, nel 1952, il prestigioso Premio Letterario “Bancarella”.


tresana1TRESANA (MS) – villaggio di campagna

Il borgo di Tresana si trova arroccato sul di un colle, immerso nel verde tra boschi di castagneti. Domina l’abitato i ruderi della torre quadrangolare e i tronchi di due torri minori che facevano parte del castello originale. Il castello di Villa di Tresana, completamente restaurato è una delle attrazione della zona. Il paesaggio circostante è caratterizzato da molti sentieri e strade paesaggistiche, oltre i torrenti Peno ed Osca, di cui acque, sono sfruttate per l’irrigazione dei campi coltivati di ortaggi. Attorno Tresana, ci sono vari altri borghetti  incantevole come Barbarasco, Groppo, Giovagallo,dove sono ancora visibili i ruderi della vecchia chiesa e del vecchio castello, Noveggiola e Villa.


Borgo di Malgrate1VILLAFRANCA IN LUNIGIANA (MS) – borgo storico naturalistico

Il borgo di Villafranca si è sviluppato lungo la strada del monte Bardone, sul tracciato medievale della Via Francigena. Il territorio comunale comprende alcuni borghi e centri storici interessanti per conformazione urbanistica quali Filetto, Fornoli, Irola, Virgoletta. Da segnalare il Castello di Malnido e il Castello di Malgrate.

GARFAGNANA (provincia Lucca)

bagni di luccaBAGNI DI LUCCA (LU) – villaggio naturalistico – termale

Ubicata sul versante toscano degli Appennini e bagnata dal torrente Lima, la cittadina è una vera oasi di pace e serenità. La sorgente termale fu sfruttata fin dall’epoca romana, fino a diventare una delle maggiori stazioni termali d’Europa. Nel XIX° secolo Bagni di Lucca era nota anche come la “Svizzera della Toscana”. Il territorio comprende aree naturalistiche di notevole interesse quali l’Orrido di Botri, canyon carsico meta di escursioni, e Monte Prato Fiorito, un’incantevole montagna punteggiata di strutture medievali e pievi romaniche. Bagni di Lucca offre numerose possibilità di praticare attività sportive.  Le piscine all’interno del  alimentate con acqua termale,  comprendono una grande vasca olimpionica, una per bambini ed una per tuffi. Il torrente Lima, che scende dalla montagna pistoiese, è molto adatto per la pesca. Inoltre nelle sue acque vengono praticati rafting e canoa. Per i più esperti e preparati il torrente offre la possibilità di un’emozionante discesa in gommone. Gli appassionati di trekking, mountain bike, equitazione hanno a disposizione adeguati sentieri, tutti segnalati. La cima del Monte Prato Fiorito è ideale per il parapendio. Ci sono anche offerte di  escursioni in Moto Quad.


fortezza di camporgianoCAMPORGIANO (LU) – cittadina di campagna

Camporgiano si trova nell’alta valle del fiume Serchio, fiancheggiato dalle catene montuose delle Alpi Apuane e degli Appennini. Il paesaggio è quello tipico dell’alta collina: folti boschi di castagni, vasti prati e zone agricole, principalmente coltivate a farro. Nel centro storico di Camporgiano si trova l’antica rocca costruita sopra ad un dirupo che scende a picco sul fiume Serchio.

 


trassilico1GALLICANO (LU) – cittadina naturalistica collinare

Il centro storico della cittadina è arroccato sulla desta del torrente Turrite, dove spicca la chiesa di San Jacopo, una vera opera d’arte della dell’architettura romanica. Da segnale anche il Palazzo Comunale, sotto il cui loggiato si trova un tondo di ceramica di Della Robbia raffigurante la Madonna con Bambino. Rilevante anche è la fonte pubblica di Via Cavour, anch’essa con decorazioni di Della Robbia. Gallicano è un attivo un centro artigianale ed industriale, ospita numerosi negozi ed un vivace centro commerciale.

 


Ponte di San Michele

PIAZZA AL SERCHIO (LU) – villaggio naturalistico collinare

Situato sopra uno dei grossi coni di materiale vulcanico (doglioni) che emergono dal letto del fiume Serchio, è un villaggio situato in una zona ricca di storia e di tradizioni e circondato da un gradevole panorama. Molte strade consentono di raggiungere agevolmente alcuni tra i più suggestivi monti e valichi degli Appennini. Inoltre esistono molti sentieri che permettono escursioni a piedi, a cavallo e, soprattutto, in mountain bike. Nel territorio comunale ci sono antichi borghi, sparsi lungo le pendici dei monti, che hanno mantenuto inalterato nei secoli il loro aspetto architettonico. Tra quelli di maggiore attrattiva ci sono Borsigliana, con la chiesa romanica di Santa Maria Assunta, Gragnana, dove sono ancora visibili i ruderi del castello, Nicciano, un tempo importante caposaldo difensivo, Petrognano, dove rimangono i ruderi di antichi fortilizi, Sala, il più antico di tutti i borghi della zona, e San Michele, con il ponte del XIV° secolo. È una zona che sembra ancora rimasta ferma nel tempo, ovunque contornata dal rigoglioso paesaggio della Garfagnana.


sillicoPIEVE FOSCIANA (LU) – villaggi storici collinari

Prende il nome dall’antica pieve dell’VIII° secolo attorno alla quale si sviluppò il nucleo abitato con le sue strette vie fiancheggiate da antiche case in pietra. Il territorio comunale si estende dalle pendici occidentali degli Appennini fino al valle del fiume Serchio ed include anche due borghi di notevole attrattiva. Il primo è Pontecosi, dove si trova il particolare ponte medievale, denominato Ponte della Madonna. L’altro è Sillico dove rimangono i ruderi di un’antica torre.

 


seravezzaSERAVEZZA  (LU) –  villaggio collinare

Seravezza ha una morfologia piuttosto varia: nella parte orientale ci sono le pendici delle Alpi Apuane, in quella occidentale si trova la zona pedemontana. Il villaggio è ubicato in una piccola valle percorsa da due torrenti, il Serra ed il Vezza, entrambi provenienti dalle Alpi Apuane. Nel centro abitato spicca l’imponente Villa Medicea, sede di importanti mostre d’arte.

 


orecchiellaSILLANO  (comune di Sillano Giucugnano – LU) – villaggio  naturalistico collinare

Situato al confine tra Toscana ed Emilia, Sillano si trova vicino alla cima del monte Prado che, con i suoi 2054 m s.l.m., è la vetta più alta della Toscana. Il territorio è circondato da castagneti noti per la produzione della “farina di neccio”, comprende una serie di attraenti piccoli borghi rurali. Da segnalare i borghi di Capanne di Sillano, Giucugnano,  Villa Soaggio e Caporanda che hanno conservato le antiche tradizioni legate alla pastorizia, e che sono ubicati in una zona rimasta quasi intatta dal punto di vista ambientale. Il territorio comunale comprende una piccola parte del Parco dell’Orecchiella. L’economia si basa sulla produzione di cereali, sulla pastorizia e sullo sfruttamento dei boschi. Da vedere l’Altopiano dell’Argegna e il Santuario Madonna della Guardia.


lago vagliVAGLI DI SOTTO (LU) – villaggio naturalistico collinare

È una zona molto pittoresca, circondata dal torrente Edron e piena di boschi rigogliosi, dove ci sono due centri abitati “gemelli”. Vagli di Sotto, arroccato su un promontorio che domina il lago di Vagli. A poca distanza c’è Vagli di Sopra. Nelle vicinanze c’è un lago artificiale che ha una certa notorietà perché l’acqua ha sommerso il villaggio Fabbriche di Careggine, visibile solo quando il bacino viene svuotato. Oggi, l’economia di Vagli si basa prevalentemente sulla coltivazione di cereali, frutta, ortaggi, sull’allevamento degli ovini e su alcune attività di estrazione mineraria. La zona è punto di origine per vari percorsi naturalistici tra cui quello verso l’eremo di S. Viviano, una cappella scavata nella roccia e quello delle Cave di Marmo.


Grotta-del-VentoVERGEMOLI  (comune di Fabbriche di Vergemoli – LU) – villaggio  naturalistico collinare

Il territorio di Vergemoli è dominato da due imponenti massicci appenninici, la Pania della Croce e la Pania Secca. Costituisce uno degli angoli più belli della Garfagnana. Tutta la zona è ricca d’acqua che, in passato, forniva l’energia per le macine dei molti mulini e per i magli delle ferriere. Attualmente i numerosi torrenti alimentano il lago di Trombacco e la Polla Gangheri. Numerosi sono gli allevamenti ittici che sfruttano l’abbondanza di acqua. Tra le maggiori attrattive della zona c’è la famosa Grotta del Vento, una delle cavità naturali più conosciute d’Europa, inserita nel Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane. Da segnalare anche l’Eremodi Calomini, insolito esempio di costruzione addossata alla roccia viva e l’insolito Monte Forato.


orecchiellaVILLA COLLEMANDINA (LU) – cittadina storico-naturalistica

Il piccolo comune di Villa Collemandina è situato nell’alta Garfagnana, al centro di un’area di importanza archeologica. Nel territorio ci sono infatti numerose grotte dove sono state individuate tracce sia di insediamenti preistorici che delle popolazioni stanziate nella zona in epoche successive. La Grotta Guerra, la Grotta Raffaelli, la Grotta della Penna Gialla e la Grotta del Cinghiale sono i siti di maggior rilievo.

Salva

VALDERA (provincia di Pisa)

capannoli1CAPANNOLI  (PI) – villaggio agricolo di campagna

Capannoli è una piccola cittadina immersa nel verde della campagna pisana localizza nella zona denominata Valdera (Val d’Era). L’economia locale si basa prevalentemente sulla produzione vitivinicola e sull’allevamento di bestiame, oltre che sulla produzione di mobili per arredo. Interessante da visitare è la Villa Bourbon del Monte-Baciocchi e Museo Zoologico.

 


chiesa santillarioCASCIANA TERME LARI  (PI) – villaggio termale e borgo medievale collinare

Casciana Terme fu un comune autonomo fino a 1° gennaio 2014 quando si è fuso con Lari per formare il nuovo comune di Casciana Terme Lari. La cittadina è conosciuta soprattutto per gli impianti termali lussuosi che usufruiscono delle acque sulfuree che sgorgano nella zona a 37°C costanti. Già Lari è un incantevole borgo dal quale si gode una vista bellissima panoramica della valle del fiume Era. L’abitato è noto per la produzione di ciliegie e pesche. Infatti, nel mese di Aprile, i terreni intorno all’abitato sono colori dei fiori bianche delle ciliegie che danno un visuale spettacolare alla zona. Il centro storico conserva ancora l’aspetto medievale e c’è come attrazione principale il Castello dei Vicari dove sono allestite mostre e eventi culturale.


palio barchiniCASTELFRANCO DI SOTTO (PI) – cittadina di campagna

Il territorio di Castelfranco di Sotto è caratterizzato da un paesaggio collinare. La cittadina à conosciuta internazionalmente per la manifestazione “Sagra del Bignè” dove pasticceri affermatisi internazionalmente partecipano della gara del “Dolcione”. Si tratta di una sfida tra vere e proprie sculture di grandi dimensioni (veramente da Guinness dei primati) costruite utilizzando quattro componenti fondamentali: zucchero, burro, uova e farina. Alla fine della competizione i dolci giganti, che riproducono importanti monumenti storici, sfilano su carri per le strade della frazione e nei dintorni. Un’altra particolarità di Castelfranco di Sotto è il “Palio dei barchini con le route” mossi dai rematori, una gara veramente divertente.


teatro silenzioLAJATICO (PI) – villaggio di campagna

Nel stemma del comune è scritto: “Tutto vive Tutto muore”. L’abitato si localizza tra la valle del fiume Era e il torrente Sterza, in una zona delle più belle quanto al paesaggio e la qualità ambientale. Nei dintorni ci sono numerosi fattorie tra cui spicca la villa storica di Spedaletto.

Andrea Bocelli, noto cantante lirico italiano, nato propriamente a Lajatico, ha dedicato un bel poema alla cittadina: “….Questa è la mia terra. Una terra che, come me, ama il silenzio… “


palaiaPALAIA (PI) – cittadina borgo collinare

Il territorio è caratterizzato dalla coltivazione della vite, dell’olivo e degli alberi da frutto. Lo sfruttamento delle risorse agricole è ancora oggi la maggiore fonte di sostegno per gli abitanti del territorio. In tempi più recenti si è aggiunta l’attività ricettiva, come conferma il notevole numero di agriturismi presenti in tutta la zona che sfruttano lo stupendo paesaggio in cui è immerso l’abitato. La cittadina mantiene le tracce del passato medievale ancora presente negli elementi architettonici delle edifici.

 


parco presistoricoPECCIOLI (PI)  – cittadina borgo naturalistico collinare

L’abitato presenta una topografia con al centro la piazza e la chiesa in stile romanico-pisano. Peccioli è caratterizzato da vie strette e tipici vicoletti ripidi (chiassi) dei borghi medievali. Nei dintorni è stato realizzato i Parco dei Dinosauri, il primo parco di divertimenti in Toscana con ricostruzione di dinosauri a grandezza naturale realizzati in vetroresina.

 


vinoTERRICIOLA (PI)  – villaggio di campagna

L’aspetto attuale del villaggio conserva evidenti tracce del periodo medievale, con particolare riferimento agli stretti vicoli che separano le costruzioni. Inoltre le gallerie scavate nel tufo, alcune addirittura di epoca etrusca, rappresentano una peculiarità della cittadina e sono attualmente conosciute come “Antiche Cantine”.

Salva

Salva

Salva

DIntorni a Grosseto e Livorno

tsl-radicondoliColline Metallifere (GR)

Salva

AMIATA (provincia di Grosseto)

cinigiano castelloCINIGIANO (GR) – villaggio agricolo collinare

Il territorio si estende su di un rilievo collinare che domina la Valle dell’Ombroneda un lato, e la parte finale della Val d’Orcia dall’altro. La cittadina ha vocazione agricola, ma recentemente ha avuto un ingrandimento del turismo, principalmente con turisti venuti dalla Germania e dalla Svizzera. La zona è molto conosciuta anche per la produzione vinicola di qualità rappresentata per il marchio Montecucco DOCG che comprende varie fattorie che formano la Strada del Vino di Montecucco. Sono offerte al turista, visite guidate alle fattoria con degustazione di vino e prodotti tipici locali. Nei dintorni sono presenti caratteristici borghi che ancora mantengono l’archiettura medievale originale come i borghi di Porrona e Montiecello Amiata. Ci sono anche castelli che hanno avuto un ruolo impotante nella storia come il Castello di Colle Massari e   Vicarello e Tenuta di Monte Cucco che oggi sono prestigiose aziende agricole.


Piancastagnaio roccaPIANCASTAGNAIO (SI) – villaggio rurale

La cittadina è situata sul versante orientale del Monte Amiata. Il centro storico, di forma circolare, si sviluppa a ventaglio ed è intersecato da vicoli medievali. Qua e là ci sono chiese e fontane. Dalla cittadina hanno origine vari sentieri che permettono di effettuare escursioni verso il Monte Amiata e la Riserva Naturale del Pigelleto. Piancastagnaio fa parte del Parco Nazionale Museo delle Miniere dell’Amiata perché nel suo territorio, per l’esattezza in località Cancelli, si estraeva il cinabro (minerale del mercurio).

 


 roccalbegna1ROCCALBEGNA (GR) – villaggio  collinare

Il paesino è ubicato nell’alta valle del fiume Albegna, ai piedi di due ripide e pittoresche rupi, una più alta dell’altra, su ognuna delle quali sorge una fortificazione, la Rocca aldobrandesca e il Cassero Senese. Da questa particolare orografia deriva il detto popolare “se il Sasso scrocca, addio la Rocca”. Il villaggio è un labirinto di strade e vicoli su cui si affacciano piccoli edifici, tra cui un’importante chiesa romanica. Inoltre due palazzi i notevole valore, quello Bichi Ruspoli e quello della Lana.

 


SEGGIANO (GR) – villaggio agricolo medievale

La cittadina, ubicata sopra un poggio circondato da olivi e castagneti, a metà strada tra la sommità del Monte Amiata e la valle del fiume Orcia, ha mantenuto intatto l’aspetto medievale e conservato le origini rurali. Rimangono ancora le tre antiche porte e grande parte dalla cinta muraria del X° secolo, che conteneva tutto il nucleo abitato. Nella zona ci sono piccoli borghi inseriti in un paesaggio boschivo dove sono presenti anche vecchi casali, alcuni dei quali trasformati in confortevoli agriturismi. Da menzionare Pescina, la cui principale attrattiva sono i ristoranti dove si possono gustare le specialità culinarie locali. Dalla vetta dell’Amiata si apre un’area sciabile; inoltre numerosi sentieri per escursioni a piedi e trekking.


sempronianoSEMPRONIANO (GR) – villaggio collinare

Compreso tra le pendici del Monte Amiata e la Maremma, tutto il territorio è piuttosto tranquillo, caratterizzato da un paesaggio suggestivo costituito da gradevoli colline e ampi panorami sulle valli dei fiumi Fiora e Albegna. Semproniano si presenta come un piccolo borgo con un centro storico, ben conservatosi nel tempo, con caratteristici vicoli stretti, vecchie case di pietra e balconi di travertino. Il territorio è ricco di piccoli borghi ubicati tra oliveti.

COLLINE METALLIFERE (provincia Grosseto e Livorno)

castelnuovoCASTELNUOVO DI VAL DI CECINA (PI) – villaggio medievale

Castelnuovo di Val di Cecina è un incantevole villaggio che ha conservato l’omogeneità architettonica del periodo medievale: l’impianto urbano tipico del castello e del suo borgo, le originali porte d’accesso, le viuzze strette e tortuose lastricate in pietra, gli ampi scorci sulla vallata del fiume Cecina. Il territorio comprende alcuni pittoreschi borghi, tutti di origine medievale: Montecastelli Pisano, La Leccia, Sasso Pisano.


venturinaCAMPIGLIA MARITTIMA (LI) – cittadina di campagna vinicola

Il territorio comunale comprende due distinti agglomerati urbani: Campiglia, il capoluogo, e Venturina. La campagna circostante è ricca di aziende agricole che producono vini, miele e ortofrutta. Dalle colline, inserite nel percorso della Strada del Vino Costa degli Etruschi, si gode di un suggestivo panorama sull’ Arcipelago Toscano e, quando visibile, sul nord della Corsica. Nel dintorni si trova il Parco Archeominerario di San Silvestro, con percorso all’interno delle gallerie minerarie di Lanzi-Temperino attraverso un trenino minerario le terme di Venturina con laghetto e sorgente di acqua calda.


gavorranoGAVORRANO (GR) – cittadina mineraria di campagna

La cittadina è situata sul versante settentrionale del Monte d’Alma, un sottosuolo piuttosto ricco di minerali, soprattutto i grandi giacimenti di pirite, sfruttati intensamente fino agli anni ‘80. L’abitato è stato un importante centro di minerario che ancora conserva le cave di pietra e le infrastrutture per l’escavazione e la lavorazione della pirita. Nei dintorni ci sono incantevoli borghi, boschi di querce, castagneti, tombe etrusche e vecchie miniere inseriti nel percorsi del Parco Minerario Naturalistico di Gavorrano. Numerosi pozzi di estrazione di pirite, oggi non più funzionanti, sono visitabili come Pozzo Impero, Pozzo Roma, Rigoloccio ed altri. Di particolare interesse è il Teatro delle Rocce all’interno della cava di San Rocco, la miniera Ravi Marchi, la Chiesa di San Giuliano con opere dello scultore senese Giovanni d’Agostino e il Centro di Documentazione che conversa reperti degli scavi archeologici riguardanti ai ruderi del Castel di Pietra.


parco naturalistico biancaneMONTEROTONDO MARITTIMO (GR)– cittadina geotermica

La zona ha come principale caratteristica i fenomeni naturali dei soffioni boraciferi che fuoriescono dal sottosuolo. Da tempo l’industria geotermica è riuscita a sfruttare i soffioni per la produzione di energia elettrica e per il riscaldamento delle abitazioni. La presenza di acido borico nelle acque sulfuree del lago di Cerchiaio dette fama e notorietà alla cittadina, una volta che il boro fu abbondantemente utilizzato per il trattamento di malattie della pelle. Nei dintorni ancora ci sono ruderi di strutture termale di epoca longobarda denominate “Bagni di Re Porsenna”. L’abitato è circondato dal verde, rappresentato per boschi di latifoglie e castagneti. Da segnalare il castello minerario di Cugnano e il santuario della Madonna del Frassine, meta di pellegrinaggio.


monteverdi_marittimo_1MONTEVERDE MARITTIMO (PI) – villaggio di montagna

Il nome riflette l’aspetto paesaggistico e scenografico della zona, caratterizzato da una morfologia montuosa estremamente accidentata che offre al contempo ampi scorci panoramici. La zona conserva resti di insediamenti di epoca romana, ma le origini vanno ricercate nella fondazione dell’abbazia di San Pietro in Palazzuolo, avvenuta nel 754, che ancora oggi conserva la struttura originaria.

 


montieriMONTIERI (GR)– cittadina mineraria

La ricchezza dei giacimenti di minerali – rame, ferro, piombo e argento – ha profondamente influenzato la storia del territorio. Infatti, il nome della località deriva dal latino mons aeris, ossia “monte del rame”, in riferimento alla presenza del metallo nella zona. Lo sfruttamento del sottosuolo per un lungo periodo ha profondamente modificato il paesaggio, ma ancora oggi il territorio ha mantenuto un equilibrato connubio di boschi, torrenti, miniere e fonderie. Oggi le ricchezze del sottosuolo sfruttate sono quelle geotermiche, situate nei pressi della località di Travale.


geotermiaPOMARANCE (PI) – villaggio geotermico

La località ha una storia di molti secoli, come testimoniano i reperti etruschi e romani reperiti nel corso di vari scavi archeologici. Il toponimo originario dell’attuale denominazione era Ripomarrancia, fusione tra la parola ripa (“riva”) e il nome di epoca romana Arranciae, ovvero la riva di Arrancio. Lo sfruttamento dell’energia geotermica fornita dai soffioni boraciferi ha favorito, in tempi recenti, l’evoluzione economica e socio-culturale del territorio. Da visitare la località di Larderello dove si possono osservare di vicino  l’uscita dei vapori del sottosuolo.


terme di sassettaSASSETTA (LI) – cittadina termale

Sassetta è una piccola cittadina con tradizioni legate principalmente alla raccolta di castagna ed ai mestieri del bosco, come i carbonai e i boscaioli. Nel  Museo del Bosco allestito all’interno del Parco di Poggio Neri si può conoscere le strutture e gli strumenti di lavoro di questi mestieri antichi. Nei dintorni ci sono sorgenti termali che alimentano gli stabilimenti  molto ricercati per il benessere.

 


suveretoSUVERETO (LI) – borgo medievale di campagna

Il territorio ricco di sughere, olivi secolari e viti, riflette i caratteri dell’economia locale, basata tradizionalmente sull’agricoltura, le attività forestali e l’allevamento, oggi anche su artigianato e turismo. In particolare, i boschi di sughere, mescolate alla profumata e variegata macchia mediterranea, conferiscono al paesaggio una impronta esclusiva. La cittadina è sede di importanti aziende vinicole DOC Val di Cornia e fa parte dell’associazione Città del Vino. È stata inserita tra i borghi più belli d’Italia. Da segnala l’interessante Museo della Bambola che conserva esemplari di importanza storica ed artistica.

MAREMMA (provincia Grosseto e Livorno)

BOLGHERI (comune di Castagneto Carducci – LI) – cittadina borgo naturalistico

Antico borgo della Maremma al quale si giunge percorrendo il Viale dei Cipressi, una strada rettilinea, lunga quasi cinque chilometri, fiancheggiata da fittissimi cipressi secolari che inizia esattamente davanti all’Oratorio di San Guido, ubicato sulla via Aurelia (SS 1), e sale verso l’abitato. Al villaggio si accede tramite un’unica porta ad arco. Il centro storico conserva ancora l’antica struttura urbanistica originaria, caratterizzata da un’articolazione concentrica delle strade. Frequenti le architetture storiche, vecchie fabbriche e curiose botteghe artigianali. Da visitare il Castello di Bolgheri. Nei dintorni è presente un rifugio faunistico  “Oasi di Bolgheri” ubicato in una suggestiva zona umida popolata da migliaia di uccelli acquatici. Inoltre caprioli, daini, anatre e falchi pescatori vivono sia nella pineta che nell’area paludosa che possono essere osservati da una torri di osservazione da cui si può anche  ammirare l’intera palude.


MANCIANO (GR) – villaggio medievale

Arroccata in cima ad una collina e difesa da solide mura, la cittadina domina il corso dei fiumi Albegna e Fiora. In eccellente posizione per gli avvistamenti, Manciano ebbe grande importanza come punto di osservazione al punto da essere denominata “spia della Maremma”.  Le mura, che inglobano l’abitato, era costituita di numerose torri. Delle 11 torre di avvistamento, ne sono visibili soltanto due, mentre le altre sono state inglobate all’interno degli edifici. Il territorio comprende le note Terme di Saturnia, con stabilimenti termale con grande flusso turistico, oltre numerosi siti archeologici d’età etrusca e romana, di cui Pian di Palma e la Necropoli di Banditella. Nella zona ci sono fortificazioni e castelli, che ancora sfidano il tempo e caratteristici borghi medievali come Montemerano.    L’economia del villaggio si basa in gran parte sull’agricoltura, prevalentemente con produzione di cereali, vino, olio d’oliva, formaggio.

 

SERVIZI TURISTICI

Tour Operator e Agenzie Viaggi

TIME AROUND TUSCANY - Tour Operator e Organizzazione Eventi

wat66xxIndirizzo: Piazza Signorelli – 52044 Cortona (AR)
Tel. +39 347 3527205
Sito: www.timearoundtuscany.com
Email: info@timearoundtuscany.com
Servizi: organizzazione eventi, tour operator

Tour:

  • Wine tour Cortona
  • Tour del Brunello
  • Vino in Chianti
  • Nobile di Montepulciano
  • Vino a Roma
  • Tour dell’olio Cortona
  • Tour del Tartufo
  • La città della Cioccolata
  • Degustazione formaggi a pienza
  • Bagni Termali in Val d’Orcia
  • Corsi di Cucina
  • Degustazione Aceto Balsamico
  • Imparara a fare la Piazza e il Pane
  • Cortona in Vespa / in Bici

Time around Tuscany è un tour operator specializzato nell’enogastronomia, nell’esplorazione del mondo delle specialità culinarie locali e regionali, e del vino, grazie all’ esperienza della sua titolare. Come agenzia turistica di incoming specializzata in vacanze gourmet, Time Around Tuscany offre agli amanti del buon cibo e del vino di qualità, corsi pratici di cucina, tour privati in aziende vinicole ed esperienze culinarie.

E’ per questo motivo che, oltre ai percorsi classici legati all’arte e alle interessanti mete culturali e religiose, fra le proposte non mancano mai attività dedicate agli appassionati dell’enogastronomia, itinerari studiati per farvi scoprire particolarità sconosciute e vini mai assaggiati prima. I tour sono condotti da guide professioniste specializzate che offrano tutta la loro disponibilità e vi sveleranno cose molto interessanti su ogni città che visiterete insieme. Time Arounf Tuscany progetta vacanze uniche per buongustai che vogliono sperimentare e avere una visione più profonda di una regione interessante come la Toscana.

I tour del vino vi porteranno a visitare aziende vinicole molto quotate ma anche piccole aziende meno conosciute, il tutto in macchina, a piedi, in bicicletta o in vespa, con il mezzo che preferite. Avrete la possibilità di incontrare l’ enologo e scoprire qualche trucco del processo di vinificazione, degustare i vini e scoprire di più sulle diverse varietà di uva in aree diverse della Toscana. Potete scegliere fra il tour del vino nel Chianti Classico, o scoprire il miglior Syrah d’Italia a Cortona, oppure visitare Montepulciano e degustare il Vino Nobile. Oppure e a Montalcino degustare diverse versioni di Brunello.

Salva