Agriturismi in Toscana – Le località e le offerte

Agriturismo in Toscana, tranquillità e relax tra vigneti, oliveti e il verde di prati e boschi

Il territorio della Toscana è prevalentemente collinare e quasi il 66% della regione è caratterizzato da un paesaggio ricco di oliveti e vigneti, talvolta interrotto da filari di cipressi, che colpisce per i colori che cambiano con le stagioni. Ogni anno la campagna toscana è meta di migliaia di turisti alla ricerca di relax, benessere, esperienze di contatto con la natura e la qualità della vita in un territorio con zone rurali ancora incontaminate. I numerosi agriturismi nella regione (circa 4.600) sono in grado di offrire una vasta gamma di servizi per chi vuole godersi appieno una vacanza all’interno della natura. C’è solo da scegliere tra la grande varietà delle zone di campagna. Tra queste spiccano le Colline del Chianti, famose per la viticoltura e la produzione di grandi vini; il brullo paesaggio delle Crete Senesi e la splendida Val d’Orcia, dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, la Garfagnana coperta da boschi rigogliosi e la Maremma con la tipica macchia mediterranea.

Sono tantissime le attività che la campagna toscana offre al turista: da passeggiate a cavallo, alla degustazione di prodotti tipici accompagnata dagli eccellenti vini del territorio. Sono inoltre numerosi gli agriturismi che organizzano corsi di cucina toscana. Qui di seguito, suddivise per zone, le principali località della campagna toscana che sono mete turistiche ricercate.

Salva

PROVINCE DI AREZZO, DI FIRENZE E DI SIENA

arte338Girasoli in Vadichiana (AR)

CASENTINO (provincia di Arezzo)

Il Casentino è una delle quattro aree geografiche della provincia di Arezzo. È un’ampia vallata solcata dal primo tratto del fiume Arno, punteggiata da località di villeggiatura, castelli e fortilizi di epoca feudale, abbazie e pievi romaniche, antichi eremi e complessi monastici. Le aree boschive sono estese e, in buona parte, incluse nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Di particolare interesse sono la romanica Pieve di Romena a Pratovecchio Stia, il Santuario della Verna, luogo di ritiro di San Francesco successivamente diventato un famoso complesso religioso, il monastero e l’Eremo di Camaldoli fondati da San Romualdo e il santuario-monastero di Santa Maria del Sasso, presso Bibbiena.

Comuni da visitare

bibbiena montagnaBIBBIENA  (AR) – villaggio collinare

A Bibbiena c’è l’importante monastero-santuario di Santa Maria del Sasso. La cittadina è da tempo sinonimo di teatro, scenografia e costume per le attività culturali sviluppate in questi settori. La realizzazione del Museo di Scenografia rappresenta una novità assoluta in questo ambito.

 

capolona2CAPOLONA  (AR) – villaggio agricolo

Il territorio comunale si estende sulle propaggini meridionali del monte Pratomagno. È un tranquillo villaggio immerso nella verde campagna toscana, in quel punto che il poeta Dante Alighieri definiva …lì dove l’Arno torce il muso agli aretini…” . Tracce del passato sono presenti nei ruderi dei castelli, nelle torri e nelle pievi sparse in tutto il territorio. Ad esempio, ben conservate sono la Torre di Santa Flora, quella della Casella e quella di Bibbiano. In questi ultimi anni il turismo ha registrato un forte incremento grazie anche alla presenza di numerose aziende agrituristiche dislocate sulle verdi colline.


pieve socanaCASTEL FOCOGNANO (AR) – villaggio collinare

Il territorio comunale comprende la località di Salutio, originariamente un castello, poi diventato un pittoresco villaggio montano e punto di partenza per escursioni verso il monte Pratomagno. Da visitare la romanica Pieve a Socana.

 

 


museo pietra lavorataCASTEL SAN NICCOLO (AR) – villaggi collinari

Il nome Castel San Niccolò, derivato da quello della più antica fortificazione della zona, raggruppa vari villaggi. La sede amministrativa è Strada in Casentino, mentre altri due agglomerati urbani di una certa importanza sono Cetica e Borgo alla Collina. Attorno a questi ce ne sono numerosi altri, più piccoli, che hanno ben conservato l’originale aspetto medievale, mentre sparsi qua e là ci sono castelli e pievi. Il territorio è estesamente boschivo con una grande presenza di abetine. Dalla cittadina iniziano vari sentieri verso il monte Pratomagno, all’interno di un ambiente naturale di notevole pregio. Da visitare è il Museo della Pietra Lavorata.


castello conti ubertiniCHITIGNANO (AR) – villaggio collinare

Chitignano è un piccolo borgo situato lungo la strada che sale verso La Verna, il grande santuario dedicato San Francesco. In passato, la cittadina fu un centro del contrabbando di tabacco e di polvere da sparo. Nel territorio ci sono sorgenti di acque termali ferrugginose, molto apprezzate per la salute. Interessante e insolito è il Museo della Polvere da Sparo.

 


raggioloORTIGNANO  RAGGIOLO (AR) – villaggio collinare

Il territorio comunale e il nome sono originati dalla fusione dei due centri abitati di Ortignano e Raggiolo. Nei villaggi si sono conservate molte vecchie abitazioni, con interessanti elementi architettonici come gli archi delle porte scolpiti con raffigurazioni di soggetto piuttosto vario. In tempi recenti le cittadine hanno trovato nel turismo estivo una nuova possibilità di sviluppo: gli introiti hanno permesso di ristrutturare molte delle vecchie case, alcune delle quali poggiano spesso direttamente su spuntoni di roccia viva.


castello poppi (3)POPPI (AR) – borgo medievale

Cittadina di chiare origini medievali, è una delle rare “città murate” rimasta pressoché intatta nell’aspetto originario. Il centro storico merita un’attenta visita, per l’architettura dei palazzi, i caratteristici rioni con le vie fiancheggiate da portici e gli stretti vicoli laterali. Da Porta Fronzola, punto d’ingresso dell’abitato, si scorge, in alto, la Torre dei Diavoli, teatro della vicenda della Contessa Matelda. La cittadina è dominata dal Castello, conservatosi integralmente nella struttura originale. Il borgo è un eccellente punto panoramico di tutto il Casentino settentrionale: si possono ammirare il crinale del Pratomagno, il corso iniziale del fiume Arno e l’ampio rilievo dell’Appennino, dal Monte Falterona allo sperone roccioso della Verna. Il territorio include anche i monasteri di Badia Prataglia e Camaldoli collocati all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.


pieve romenaPRATOVECCHIO STIA (AR) – villaggi di campagna

Pratovecchio e Stia sono due località che ci sono recentemente fuse in modo a costituire un unico comune. La loro storia è sempre stata unita alla bellezza dei boschi rigogliosi e alla maestosità del monte Falterona. I principali edifici storici nel territorio sono diversi ma altrettanto interessanti: la suggestiva pieve romanica di Romena, il vicino Castello dei Conti Guidi e il Castello di Porciano. A Stia si svolge l’importante mostra-mercato Biennale del Ferro Battuto.

 


subbiianoSUBBIANO (AR) – villaggio agricolo

È collocato sulla riva sinistra del fiume Arno e il territorio è la vera porta d’ingresso al Casentino. La zona è ricca di storia e di natura incontaminata e qui sono ancora vive tradizioni agricole e artigianali.

 

 

 


TALLA (AR) – villaggio collinare

Il territorio si estende tra verdeggianti colline ed è costellato di caratteristici borghi all’interno dei quali è possibile ammirare le tracce di numerose architetture di epoca medievale.

CHIANTI (province di Firenze, di Siena e di Arezzo)

Chianti è sinonimo di buon vino e dolci colline. Con il passare del tempo è diventata una delle mete turistiche più richieste per i paesaggi incontaminati, i borghi medievali, i castelli, le chiese e i monasteri, e le ville che si susseguono in un fantastico itinerario che esalta l’operosità e l’inventiva dell’uomo. La zona del Chianti si estende essenzialmente tra le province di Firenze e di Siena e, parzialmente, anche in quella di Arezzo. Nei comuni di quest’area avviene la quasi totalità della produzione del Chianti, rosso DOC e DOCG, uno dei vini più famosi al mondo. Fin dal 1927 esiste il Consorzio Vino Chianti che, attualmente, riunisce oltre 2.500 produttori. L’eccellente gastronomia di tutta la zona costituisce un altro motivo di richiamo.

barberino chiantiBARBERINO VAL D’ELSA  (FI) – cittadina e borgo di campagna

Il territorio si estende su una zona collinosa punteggiata da vigne, oliveti e cipressi secolari. Barberino Valdelsa è un’accogliente cittadina che ha mantenuta intatta la struttura di borgo medievale. Il centro storico è solcato per tutta la lunghezza dalla strada principale che collega le due porte di accesso, quella Senese Romana, in pietra con arco gotico, e quella Fiorentina. Una caratteristica del territorio è la presenza di numerosi piccoli borghi medievali che sovrastano le colline tutt’intorno. Pur originati dalla stessa matrice storica e culturale, questi borghi sono comunque diversi l’uno dagli altri e sono piccoli mondi tutti da scoprire.


castellina arteCASTELLINA IN CHIANTI (SI) – cittadina di campagna

È un borgo medievale arroccato in posizione panoramica, su un colle che domina le valli dell’Arbia, della Pesa e dell’Elsa, nella parte più centrale del Chianti, al confine tra la provincia di Siena e quella di Firenze. Situato tra i territori di due città rivali, la storia del villaggio è inevitabilmente costellata di aneddoti e leggende che ricordano le aspre contese tra le città nemiche. In tempi recenti il centro storico è stato interamente restaurato, conseguenza tangibile del boom turistico collegato alla Strada del Vino Chianti Classico.


CASTELNUOVO BERARDENGA (SI)  – cittadina di collina

Castelnuovo Berardenga è un’incantevole cittadina, circondata da numerosi castelli, borghi fortificati e ville storiche. Tra le attrazioni più importanti del territorio ci sono la certosa di Pontignano e la pieve di Pacina, i borghi di San Gusmè e di Vagliagli, due belle ville. La cittadina fa parte della Associazione Nazionale Città del Vino e del movimento Città Slow, cioè “città del buon vivere”.


Gaioli in chianti borgoGAIOLE IN CHIANTI (SI) – cittadina di campagna

Terra di boschi e di colline, di vigne e di oliveti, Gaiole in Chianti è anche una culla di artigianato che affonda le radici nel passato. La produzione è diversificata e apprezzata in tutto il mondo: dalla lavorazione artistica della ceramica alla tessitura con antichi telai a mano, dalla produzione di oggetti in ferro alla realizzazione di oggetti da regalo. Nel territorio ci sono numerosi piccoli borghi che hanno conservato l’aspetto medievale. Di particolare rilevanza sono i castelli di Brolio, di Meleto e di Tornano. Tutta la zona è caratterizzata da una pregiata produzione vinicola.


greve chiantiGREVE IN CHIANTI (FI) – cittadina di campagna

È un territorio fortemente segnato dall’attività umana, non solo nelle architetture religiose e civili, ma anche per la tradizionale produzione di vino e olio di qualità eccellente. Fin dal Medio Evo la storia della cittadina è stata legata alla piazza principale: ha sempre esercitato la funzione di mercatale grazie alla posizione strategica, situata all’incrocio delle vie tra il Valdarno, Firenze e Siena. Nei dintorni ci sono vari castelli, ancora ben conservati, come quelli di Uzzano, Verrazzano, Mugnana e Sezzate. Inoltre l’attraente borgo di Montefioralle.


impruneta2IMPRUNETA (FI) – cittadina della ceramica

È conosciuta per la secolare produzione di terracotta, il cosiddetto “cotto dell’Impruneta”. Inoltre, la cittadina è nota per l’artistica chiesa di Santa Maria, meta di pellegrinaggio, e alcuni eventi di rilievo quali la tradizionale Festa dell’Uva e la Fiera di San Luca. Non meno importante è la produzione di vino e olio proveniente dalle colline che circondano l’abitato.

 


1137092MONTEFIORALLE (comune Greve in Chianti – FI) – villaggio medievale

È un borgo-castello di forma circolare risalente all’XI° secolo e di aspetto molto unitario, caratterizzato da edifici di epoca medievale. L’abitato è dominato dalla chiesa di Santo Stefano, che conserva all’interno una Madonna con Bambino di scuola fiorentina (fine del XIII° secolo). Del cassero è rimasta una poderosa struttura a pianta rettangolare con rivestimento in filaretto di pietra alberese. Tra le abitazioni ce n’è una che sarebbe stata proprietà del navigatore Amerigo Vespucci.


falorniPANZANO IN CHIANTI (comune Greve in Chianti – FI) – villaggio medievale agricolo

Panzano è una piccolo villaggio lungo la Via Chiantigiana, in una zona abitata già in epoca etrusca. Il nucleo storico è denominato Panzano Alta. Tutte le strutture del castello risalgono all’XI° secolo. Dall’unica porta di accesso si entra in una piccola piazza sulla quale si affaccia il cassero, costituito da un’alta torre che si eleva sopra tutti gli altri edifici. Il borgo è collocato lungo la via di accesso che segue il crinale della collina, distribuito lungo due strade che, partendo da una piazzetta, proseguono parallele fino al castello. Nel villaggio c’è una delle più importanti chiese romaniche di tutto il Chianti, la Pieve di San Leolino. A Panzano vive e lavora Dario Cecchini un macellaio divenuto noto per la qualità della carne e poi anche come poeta.


poggibonsiPOGGIBONSI (SI) – cittadina storica e agro-industriale

Fin dal Medioevo, periodo in cui era un emporio sulla Via Francigena (o Romea), la cittadina ha sempre avuto una particolare vocazione commerciale, in particolare gli scambi economici attraverso la Valdelsa. Non a caso, attualmente la cittadina è il capoluogo del Distretto Industriale dell’Alta Valdelsa. L’abitato è dominato dalla grande e incompiuta Fortezza di Poggio Imperiale. Nella vicina località di Staggia Senese c’è un attraente e ben conservato castello.

 


raddaRADDA IN CHIANTI (SI)  – borgo medievale e cittadina agricola

È un grazioso borgo medievale, racchiuso tra imponenti mura di forma ellittica allungata, che ha ben manetnuto l’aspetto originale, caratterizzato da stretti vicoli che sbucano nella piazza centrale. Nei dintorni si trovano molti altri borghi, castelli e pievi, tutti di epoca medievale, ottimamente conservati, quali, ad esempio, Badia a Montemuro e Volpaia. Radda e i dintorni sono diventati un’ambita meta per coloro che amano il buon vino e la natura. Nella cittadina ci sono ottimi ristoranti ed enoteche dove è possibile assaggiare tutti i prodotti tipici della zona.


san casciano chiantiSAN CASCIANO IN VAL DI PESA (FI) – cittadina agricola

San Casciano in Val di Pesa appartiene alla zona denominata Chianti Fiorentino ed è rinomata per la produzione di vino, di olio extravergine d’oliva e di prodotti agricoli in generale. Nel territorio ci sono note aziende vinicole con sede all’interno di castelli e ville quali il castello di Palagio e quello di Gabbiano, Villa Antinori e Villa Le Corti. Nella zona di San Casciano ci sono numerosi agriturismi dislocati in aree ricche di storia e di edifici storici.


DSC07144SAN DONATO IN POGGIO (comune di Tavarnelle Val di Pesa – FI) – villaggio storico

Il borgo conserva ancora importanti tracce del XIII° e XIV° secolo, quali la cinta muraria con due porte di accesso, il Palazzo Malaspina di epoca rinascimentale, il Palazzo Pretorio (all’interno affreschi del XIV° secolo) e la chiesa di Santa Maria della Neve (XV° secolo). Il centro storico è caratterizzato da una serie di stradine tortuose con notevoli edifici medievali tra i quali la casa-torre denominata “Torre Campanaria”, risalente al XII° secolo. Fuori dal borgo c’è la pieve di San Donato in Poggio, un notevole esempio di stile romanico fiorentino (XII° secolo).


san gusmeSAN GUSME’  (comune Castelnuovo Berardenga – SI) – villaggio agricolo

Si tratta di un piccolo agglomerato urbano che ha conservato l’anello delle originarie mura ancora quasi totalmente integro. Nel XII° secolo fu feudo della famiglia Ricasoli. Nel XV° e XVI° secolo il borgo fu occupato a più riprese durante le operazioni militari che contrapposero Firenze e Siena. La campagna circostante è caratterizzata da colture intensive di vigneti e oliveti. Appena fuori dal villaggio ci sono le sorgenti del fiume Ombrone.

 


tavarnelleTAVARNELLE VAL DI PESA (FI) – cittadina agricola

Il territorio è situato in quella zona del Chianti particolarmente nota per produzione di pregiati vini. L’aspetto dell’abitato è abbastanza moderno tranne che la via principale dove ci sono numerosi palazzotti del XVII° e XVIII° secolo. Nelle vicinanze c’è la storica Badia di Passignano, antico monastero di pregio artistico, noto anche per l’ottima produzione vinicola.

 


petrognanoTIGNANO  (comune Barberino Val d’Elsa – FI) – borgo medievale

Ubicato su di una collina con ampia vista panoramica sulla Valdesa, è uno dei pochi borghi totalmente murati rimasto inalterato nel corso dei secoli. Caratterizzato da pianta circolare, è dominato dal castello, cui si accede tramite una ripida rampa. All’interno c’è l’Oratorio di Sant’Anna, risalente al XVI° secolo. Nell’abitato spicca la casa-torre di Tignano Alto. Dentro il borgo c’è la chiesa di San Romolo, in stile romanico, che contiene un tabernacolo in terracotta invetriata di Giovanni della Robbia.


vagliagliVAGLIAGLI (comune Castelnuovo Barardenga – SI) – villaggio agricolo

Il nome, piuttosto curioso, è una contrazione di “valle degli agli”, ad indicare che, nella zona, c’era abbondanza di aglio selvatico. Il villaggio ha conservato complessivamente l’aspetto medievale. Tra gli edifici storici spicca la romanica Chiesa di San Cristoforo, risalente al XIII° secolo. In tempi recenti Vagliagli è divenuto una meta turistica frequentata. Nel villaggio sono state girate alcune scene dei film Piazza delle Cinque Lune e Letters to Juliet.

 


volpaiaVOLPAIA  (comune Radda in Chianti – SI) – villaggio agricolo

È un piccolo centro abitato con una notevole armonia architettonica e che ha conservato l’aspetto del borgo fortificato. Gli edifici più interessanti sono il Castello di Volpaia e la Commenda di Sant’Eufrosino. Durante i secoli XV° e XVI° la località divenne nota per una serie di personaggi eruditi, artisti e costruttori di orologi, sfere armillarie, compassi e notturlabi. Questa particolare meccanica di precisione, tipica del periodo anteriore a Galileo Galilei, fu sviluppata da componenti della famiglia Della Volpaia, proprietaria del castello. Lorenzo di Volpaia, amico di Leonardo da Vinci e spesso suo consigliere su questioni tecniche, è noto per aver costruito, per conto della famiglia Medici, l’orologio planetario che, attualmente, si trova in Palazzo Vecchio a Firenze.

CRETE SENESI e VAL D'ORCIA (provincia di Siena)

La zona delle Crete Senesi, situata a sud di Siena, colpisce per il paesaggio, uno più insoliti della Toscana. Nel Medioevo era denominata “Deserto di Accona”. Infatti è una serie di colline erose dallo scorrere del tempo, secche e spoglie, ma dall’indiscusso fascino. Il paesaggio è del tutto particolare: colli argillosi quasi privi di vegetazione d’alto fusto, solcati da profondi calanchi e biancane che si alternano a tratti, in modo formare uno scenario quasi lunare. Ad accentuare il contrasto ci sono aree di cipressi e pini che interrompono la sequenza argillosa, quelle in cui pascolano greggi di pecore dal cui latte si ricava un ottimo pecorino. Altro prodotto pregiato della zona è un’eccellente tartufo bianco.

La Val d’Orcia è un’ampia vallata che si estende, in gran parte, nella provincia di Siena e, in piccola parte, in quella di Grosseto. Attraversata dal fiume Orcia, è caratterizzata da gradevoli panorami di colline dolci e rotondeggianti, spesso abbellite da caratteristici filari di cipressi. Non mancano fenomeni di erosione che mettono a nudo il sottostante strato argilloso di colore chiaro. Il paesaggio attuale non è molto diverso da quello che affascinò grandi pittori, viaggiatori europei del “grand-tour” e scrittori inglesi, tedeschi e francesi. Per proteggere bellezza, storia e ambiente è stato istituito il Parco Artistico Naturale della Val d’Orcia, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. La via Francigena, direttrice principale di pellegrinaggio medievale verso Roma, attraversa la zona. Anche per questo è meta turistica molto apprezzata.

abbazia monte oliveto ad ascianoASCIANO (SI) – cittadina agricola

La parte occidentale e meridionale del territorio comunale è un susseguirsi di biancane e calanchi che formano un suggestivo paesaggio: sono le cosiddette Crete Senesi. Il centro storico, di chiare origini medievali, contiene pregevoli edifici. Nella località di Chiusure c’è l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, un complesso monastico sede della Congregazione Benedettina di Monte Oliveto. Situato all’interno di un bosco di cipressi, querce e pini, è uno dei più importanti edifici religiosi della Toscana sia per l’aspetto storico che per l’elevato numero di opere d’arte conservate.


bagno vignoniBAGNO VIGNONI (comune di San Quirico d’Orcia – SI) – villaggio termale

È un piccolo villaggio con caratteristiche medievali situato all’interno del Parco Artistico Naturale della Val d’Orcia. Il nome deriva dalla sorgente termale e da Vignoni, castello già noto nel XI° secolo. La località è conosciuta per le terme, note fin dalle epoche etrusca e poi romana. Allo sviluppo del borgo contribuì anche la vicinanza della via Francigena. Nonostante numerosi episodi di guerra, devastazioni e incendi in Val d’Orcia tra il Medio Evo e il XVI° secolo, l’aspetto di Bagno Vignoni è rimasto sostanzialmente immutato. Al centro del borgo c’è la Piazza delle Sorgenti, un’ampia vasca rettangolare, risalente del XVI° secolo, alimentata da una sorgente di acqua calda sulfurea che fuoriesce da una falda sotterranea di origini vulcaniche. Le terme furono frequentate da illustri personaggi, quali Papa Pio II°, Santa Caterina da Siena, Lorenzo Medici, detto “Il Magnifico”, solo per citare i più noti. Nel Parco dei Mulini è possibile bagnarsi liberamente nell’acqua calda e solforosa.


san filippoBAGNI DI SAN FILIPPO  (comune di Castiglione d’Orcia – SI) – villaggio termale

È una piccola località che si è sviluppata per la presenza di acque sulfuree con proprietà terapeutiche conosciute fin dall’antichità. Nei pressi dell’abitato c’è il cosiddetto Fosso Bianco, dove il passaggio millenario di acque calcaree ha lasciato bianche concrezioni a forma di cascatelle. Qui si trova anche la grotta di San Filippo Benizi, scavata in un solo grande blocco di travertino e divisa da un tramezzo. Una leggenda racconta che, nel 1267, il futuro santo si rifugiò nella grotta per sfuggire all’elezione a papa e vivere in eremitaggio.


castiglioneCASTIGLIONE D’ORCIA (SI) – cittadina collinare

Il territorio è situato al centro della Val d’Orcia ed è prevalentemente montuoso e collinare. Il maggior centro abitato è collocato su una collina che fa parte delle propaggini settentrionali del Monte Amiata. Il villaggio è dominato da due poderose fortificazioni, entrambe di epoca medievale, a suo tempo espressione di fazioni rivali. Nel territorio comunale è inclusa la località termale Bagni di San Filippo.

 


abbazia san galgano1CHIUSDINO (SI) – borgo medievale

È un caratteristico borgo, situato nella porzione delle Colline Metallifere della Provincia di Siena, che ha conservato intatto gran parte del tessuto urbano medievale. Di grande richiamo sono i due edifici religiosi legati alla figura di Galgano Guidotti, poi beatificato. Il più imponente è certamente l’Abbazia di San Galgano che, pur spoglia e senza tetto, esercita un fascino incredibile. Durante i mesi estivi all’interno sono organizzati concerti musicali di grande richiamo. Altrettanto affascinante è il piccolo Eremo di Montesiepi, costruito attorno al presunto luogo di eremitaggio di San Galgano.

 


castello banfiMONTALCINO (SI) – borgo medievale in zona vinicola di pregio

È situato sulla cima di un colle da cui si gode un eccellente panorama delle vallate circostanti e, verso sud, del più lontano Monte Amiata. Montalcino ha conservato l’aspetto di borgo medievale, solcato da strette e ripide vie. Di quest’epoca rimangono anche le mura con le porte e parte dei torrioni. Il territorio è pieno di vigneti da cui si ricavano vini di alto pregio come il famoso Brunello. La cittadina è anche nota per la qualificata produzione di miele, di olio extravergine di oliva, di salumi e di formaggi. A pochi chilometri di distanza è ubicata la splendida Abbazia di Sant’Antimo. Di notevole interesse sono il Museo del Vetro e il Museo del Brunello.


grancia di cuna1MONTERONI D’ARBIA (SI) – villaggio rurale

La cittadina è situata tra le più belle colline della Toscana meridionale, vicino al fiume Arbia. Ha conservato l’atmosfera medievale che oggi ancora emana dalle piccole chiese, dalle case coloniche e dalle fattorie, dall’antico mulino e da altri edifici ben conservati. Nel territorio sono di notevole importanza storica e architettonica il Castello di San Fabiano, due pievi medievali e l’imponente fortezza-fattoria Grancia di Cuna.

 


 treno naturaMONTISI (comune di Montalcino – SI) – villaggio di campagna

È situato sul Monte Ghisi, da cui l’abitato prende il nome. Nonostante le piccole dimensioni, il villaggio conserva importanti tracce di epoca medievale. Del castello rimane una parte del cassero e un torrione a pianta quadrata. Gli altri edifici di rilievo sono la pieve della S.S. Annunziata, l’Oratorio di Sant’Antonio e la fattoria fortificata Grancia di Montisi. Nei pressi del villaggio è stata scoperta una piccola necropoli etrusca con tombe a capanna dell’VIII° secolo a.C.

 


040MONTICIANO (SI) – villaggio collinare e centro termale

La natura è l’elemento caratterizzante del territorio, da sempre poco popolato, e la notevole biodiversità presente è stata favorita nella conservazione e protezione. Sono ben quattro le riserve naturali nella zona: la Riserva Naturale dell’Alto Merse, la Riserva Naturale del Basso Merse, la Riserva Naturale del Farma e la Riserva Biogenetica e di Popolamento Animale e Vegetale di Tocchi. Suggestiva è Bagni di Petriolo con vasche di acqua calda e solforosa all’aperto. Nonostante la presenza di in un moderno stabilimento termale, la località ha l’atmosfera di un luogo un poco fuori dal mondo.


murlo4MURLO (SI) – borgo collinare

Il territorio, esclusivamente collinare e con estesi boschi di lecci, è compreso tra la valle del fiume Merse e quella del fiume Arbia. Murlo è davvero la terra degli ultimi discendenti degli Etruschi. Analisi genetiche effettuate e un approfondito studio sul DNA della popolazione hanno confermato che gli abitanti discendono direttamente dal grande popolo che civilizzò gran parte della Toscana. C’è una spiegazione abbastanza plausibile. Per secoli, il territorio è rimasto al di fuori dalle vie di comunicazione e dai commerci, evitando così invasioni e assedi. Infatti, l’area non ha subito mutazioni di rilievo e l’aspetto attuale è davvero un’immagine di altri tempi. Il borgo di Murlo conta oggi solamente una trentina di abitanti ed è, perlopiù, un’attrattiva turistica per la presenza delle mura medievali, del ricco museo archeologico e di un interessante scavo etrusco.


pienza4PIENZA  (SI) – cittadina d’arte

La storia è strettamente legata a quella di Enea Silvio Piccolomini, nato nel villaggio e poi divenuto papa con il nome di Pio II°. Il pontefice volle trasformare il piccolo borgo medievale in un centro abitato di tutt’altro livello. Il progetto fu affidato a Bernardo Gambarelli, detto il Rossellino. Ne sono testimonianza i molti eleganti palazzi del XV° secolo disposti lungo la via principale e la Cattedrale. Attualmente Pienza è il centro più noto e di maggiore importanza artistica di tutta la Val d’Orcia e, nel 1996, il centro storico è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Molto pittoresco è il quartiere Gozzante, il più antico nucleo dell’abitato, caratterizzato da piccole case collocate sulla rupe di arenaria e che si affacciano direttamente sulla Val d’Orcia. La zona è anche nota per la produzione di ottimi formaggi, primo tra tutti il pecorino.


san giovanniSAN GIOVANNI D’ASSO (Comune di Montalcino – SI) – cittadina agricola

L’abitato si trova al centro delle cosiddette Crete Senesi, lungo il torrente Asso. È costituito da due nuclei distinti: il “paese alto”, più antico, ubicato sulla sommità e che contiene la parte storica-artistico-culturale dell’abitato, e il “paese basso”, più moderno e di carattere residenziale. Nel primo sono ubicate la Rocca di San Giovanni e due belle chiese. Nel territorio anche l’imponente Castel Verdelli. La zona è famosa per l’eccellente qualità di tartufi bianchi – cui è dedicato anche un museo – e per la produzione di ottimo vino.

 


villa cetinaleSOVICILLE (SI) – villaggio collinare

È una cittadina ubicata nella Montagnola Senese, un territorio dal paesaggio attraente e ricco di tracce storiche. Vanno segnalati i castelli di Montarrenti, di Celsa e i ruderi di quello di Capraia, due splendide pievi romaniche, il Monastero di Santa Mustiola. Pittoresco è il Ponte della Pia, che fin dall’epoca romana attraversava il torrente Rosia, non lontano dall’omonimo abitato e attorno al quale sono nate numerose leggende. La zona si è recentemente arricchita di ottime strutture ricettive e ristoranti di qualità

Salva

Salva

VALDARNO SUPERIORE (province di Arezzo e di Firenze)

Valdarno è il nome generico della valle attraversata dal fiume Arno. È divisa in due aree distinte: Valdarno Superiore e Valdarno Inferiore che, assieme, si estendono dalla provincia di Arezzo, a quella di Firenze per terminare in quella di Pisa. Nell’intero Valdarno ci sono cittadine, villaggi storici e piccoli borghi, costellati di torri, pievi e castelli che il turista ha la possibilità di ammirare, all’interno di un paesaggio variegato, soffermandosi sia nelle località principali che in quelle meno conosciute. Pur conservando una tradizione agricola secolare, soprattutto produzione di vino e di olio di elevata qualità, il Valdarno è una delle aree dove si sono impiantate consistenti attività industriali. La zona ha comunque conservato intatto dappertutto il patrimonio artistico e ambientale, un perfetto equilibrio tra natura e modernità.

Il Valdarno Superiore è tutto suddiviso tra le province di Arezzo e Firenze. Nel corso dei secoli il fiume Arno si è scavato il corso, talvolta formando una pianura alluvionale relativamente larga, talvolta “forzando” i punti più stretti. È questo il caso della cosiddetta Valle dell’Inferno, area molto suggestiva dal punto di vista naturalistico. Il Valdarno Superiore è fiancheggiato da rilievi dove abbondano boschi di conifere e di faggi, di cerri e di castagni, mentre le pendici più basse sono ricoperte da vigneti e oliveti. Nella zona ci sono vari outlet per acquistare i marchi più ricercati della moda e oggetti casalinghi a prezzi vantaggiosi. Tipico del Valdarno Superiore è l’artigianato del vetro e del legno.

BUCINE (AR) – cittadina di campagna

La cittadina di Bucine è situata lungo il percorso del torrente Ambra, nella zona denominata Valdambra (Val d’Ambra), ed è considerata una delle porte di accesso al Chianti. Il territorio è infatti caratterizzato da estesi vigneti e oliveti ma include anche vari pittoreschi borghi ed edifici storici. Tra gli altri i castelli di Cennina e di Montebenichi, il piccolo borgo di San Leonino e la Torre Galatrona. Oltre a vino di ottima qualità nella zona si producono frutta, verdura, carne bovina e suina, salumi, formaggi, miele. Per tali caratteristiche Bucine fa parte dell’Associazione Nazionale Città del Vino e del movimento delle città del buon vivere “Città Slow“, sinonimo di alto livello di qualità della vita per le condizioni climatiche e le attrazioni enogastronomiche.


le balzeCASTELFRANCO PIANDISCO’ (AR) – cittadine rurali

Nel territorio ci sono due centri principali – Castelfranco di Sopra e Piandiscò – ubicati ai piedi del monte Pratomagno lungo il tracciato che collegava Arezzo a Fiesole in epoca etrusca. La campagna circostante è costellata di piccole località, resti di castelli medievali, case-torri e case coloniche circondate da oliveti e ordinate coltivazioni agricole a terrazzamenti. Tra i monumenti di maggior valore la Badia di San Salvatore a Soffena con significativi elementi gotici (Castelfranco di Sopra) e la chiesa romanica di Santa Maria di Piandiscò. Un’altra caratteristica del territorio è la presenza, nei pressi della località di Faella, di calanchi o balze di origine erosiva: al loro interno sono stati individuati resti fossili, a confermare le antichissime origini lacustri della zona.


gello biscardo1CASTIGLION FIBOCCHI (AR) – borgo rurale

È un borgo, situato sulle pendici del monte Pratomagno, che conserva alcune vestigia del periodo medievale, in particolare il palazzo comunale e la chiesa di San Pietro a Pezzano. Per quanto riguarda gli edifici residenziali storici sono di notevole interesse i resti di due costruzioni gentilizie, Villa Cassi e Villa Occhini. Attraente anche il piccolo borgo di Gello Piscardo. Lungo la Strada Provinciale 85 (o dei “Sette Ponti”) si possono osservare alcuni tipici edifici rurali, in particolare le case con la loggia al piano terreno, il portico al primo, la colombaia appoggiata sul tetto. In tutto il territorio è molto diffusa l’agricoltura, in primo luogo quella del vino.


parco naturaleCAVRIGLIA (AR) – cittadina agricola

 La cittadina è ubicata tra colline dove si possono effettuare percorsi a piedi, in bicicletta o a cavallo, lungo sentieri e strade sterrate che consentono anche di visitare il Parco Naturale di Cavriglia, area protetta con animali in libertà, oltre che praticare il birdwatching. Di notevole interesse anche il Roseto Botanico con una grande varietà di rose e popolato da pavoni e altri uccelli. Numerose sono le aziende agricole impegnate nella produzione di vino Chianti, alcune delle quali di rilievo sul piano quantitativo e, soprattutto, qualitativo.


arnop3FIGLINE  E INCISA VALDARNO (FI) –  cittadine di campagna

La maggior parte del territorio, generato dalla recente fusione di due comuni confinanti, è pianeggiante, mentre una piccola parte si estende sulle colline settentrionali del Chianti. Notevoli le tracce dell’epoca medievale: il Castello di Incisa, la casa del poeta Francesco Petrarca all’Incisa, Il Palazzo Pretorio di Figline, tre edifici religiosi un poco più lontani, uno dei quali è la storica Abbazia di Montescalari in località Ponte agli Stolli. All’Incisa è ubicato l’outlet di uno dei più noti nomi della moda italiana: Dolce e Gabbana.


laterina3LATERINA (AR) – villaggio collinare

Il nome della cittadina deriva dal latino later o lateris, che significa mattone. Il nome riflette la natura argillosa del terreno e la presenza quasi ininterrotta, fino ai giorni nostri, delle numerose fornaci ancora attive in tutto il territorio. Il centro storico, in posizione elevata, domina il corso dell’Arno e all’interno sono visibili tracce di architetture medievali. Tra i monumenti più significativi del territorio il Castello di Penna e l’imponente Villa Monsoglio. A Laterina si svolge un’attraente festa medievale.


montevarchi2MONTEVARCHI (AR) – cittadina agro-industriale

La cittadina è ubicata vicino alla riva sinistra del fiume Arno. L’abitato si sviluppò attorno al castello da cui prese il nome. Il centro storico conserva ancora le tracce del passato medievale ben evidenti in Piazza Varchi con il Palazzo Pretorio e la chiesa di San Lorenzo. Nei dintorni c’è il pittoresco borgo di Caposelvi. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Montevarchi ha assunto un marcato ruolo industriale e, attualmente, è un polo importante del Valdarno Superiore, principalmente nel settore della pelletteria.


ponte di romitoPERGINE VALDARNO (AR) – villaggio di campagna

Il territorio è caratterizzato dal tipico paesaggio della Toscana rurale, con boschi nella parte più elevata e colline con viti e olivi. Della zona è originario uno degli oli d’oliva ritenuti più pregiati. Nelle vicinanze di Pergine ci sono i resti del vecchio ponte del Romito che, sembra accertato, sia quello visibile dietro la celebre Monna Lisa dipinta da Leonardo Da Vinci. Il ponte è all’interno della Riserva Naturale di Bandella, detta anche Valle dell’Inferno. È una zona palustre con boschi e una fauna davvero interessante.


IMG_4382REGGELLO (FI) – cittadina di campagna

Gran parte della fascia collinare del territorio è caratterizzata da curate colture a terrazze di vigneti ed oliveti, attivi fin dal XIV° secolo. Gli edifici più significativi della zona sono l’imponente Abbazia di Vallombrosa, ricca di storia e opere d’arte, e il Castello di Sammezzano. Importanti sono due riserve naturali, solcate da numerosi itinerari di trekking: l’Area Naturale Protetta della Foresta di Sant’Antonio e la Riserva Biogenergetica della Foresta di Vallombrosa. Numerose sono le aziende agricole che producono il pregiato olio extravergine di Reggello Toscano IGP, a cui è dedicata anche una mostra-mercato. Nella parte pianeggiante denominata Leccio c’è l’outlet The Mall, un grande centro commerciale con abbigliamento di grande marche a prezzi vantaggiosi.


122RIGNANO SULL’ARNO (FI) – cittadina di campagna

Il territorio, eminentemente collinare, è caratterizzato da estese coltivazioni di viti e olivi. Tra gli edifici storici due di epoca protoromanica – la Pieve di San Leolino e l’Abbazia di Santa Maria a Rosano – e due grandi ville gentilizie, una delle quali sede anche di un’azienda viti-vinicola. Fino a qualche decennio fa l’economia della cittadina era basata sulla produzione di cemento, poi sostituita da altre attività industriali della meccanica, della falegnameria e della manifattura del cotto.


San GIovanni ValdarnoSAN GIOVANNI VALDARNO (AR) – cittadina agricola e industriale

Situato all’incirca a metà strada tra Firenze e Arezzo, è uno dei principali centri industriali del Valdarno Superiore, affiancato dalle colline settentrionali del Chianti. Il centro storico, progetto urbanistico elaborato nel XIII° secolo dall’architetto Arnolfo di Cambio, ha mantenuto la struttura di borgo medievale. All’artista si deve anche il progetto del Palazzo Pretorio. Di Masaccio, il grande pittore nato nella cittadina, è aperta al pubblico la casa-museo dove visse l’artista. Nel borgo nacque anche Giovanni da San Giovanni, valente pittore tardo-rinascimentale.


riserva bandellaTERRANUOVA BRACCIOLINI (AR) – cittadina agricola e industriale

Il territorio si estende in una zona quasi completamente pianeggiante del Valdarno Superiore. L’economia si basa prevalentemente sull’agricoltura e sull’allevamento di bovini e sull’avicoltura. L’architetto Arnolfo di Cambio elaborò il progetto di ricostruzione dopo la quasi completa distruzione del castello avvenuta nel XIII° secolo: l’impianto urbano fu realizzato a pianta rettangolare e circondato da robuste mura. Il nuovo borgo divenne un importante presidio militare di Firenze.

 

Salva

VALDICHIANA (provincie di Arezzo e di Siena)

La Valdichiana (o Val di Chiana) è un’ampia valle di origine alluvionale lunga circa 100 chilometri, amministrativamente suddivisa tra le province di Arezzo e di Siena in Toscana, e tra quelle di Perugia e di Terni in Umbria. Il paesaggio è prevalentemente collinare, interrotto da ampie aree pianeggianti intensamente coltivate. Borghi e villaggi storici, importanti iniziative culturali, ambiente naturale attraente e ben conservato, numerosi stabilimenti termali sono gli ingredienti principali della zona. Tra tutte molto conosciute sono le terme di Chianciano note fin dall’epoca etrusca per le proprietà benefiche delle acque. Inoltre anche le terme di Montepulciano, costituite da moderne strutture orientate al benessere della persona. La Valdichiana offre numerose opportunità di trascorrere giornate all’aria aperta muovendosi a piedi (trekking), a cavallo e in mountain bike. Nella zona abbondano le strutture ricettive, in particolare attrezzati agriturismi dove vengono svolte attività di vario genere: didattiche, sportive, agresti, culturali o ricreative.

zone civitellaCIVITELLA IN VAL DI CHIANA (AR) – cittadina agricola

Civitella è un villaggio che ha conservato quasi intatto il tracciato ellittico delle mura medievali, intervallato da torri quadrate. La zona è nota per gli allevamenti della razza bovina chianina, caratterizzata da carne di qualità sopraffina. Civitella in Val di Chiana fa parte anche delle “Città Slow” (città del buon vivere), per l’alto livello della qualità ambientale.

 


zone foianoFOIANO DELLA CHIANA (AR) – cittadina rurale

È un vivace centro agricolo (produzione di cereali, vino, tabacco) e commerciale. La cittadina ha conservato l’antico tracciato delle mura medievali. Nell’abitato ci sono alcuni interessanti palazzi del XVIII° secolo. Nelle vicinanze è ubicato il Valdichiana Outlet Village dove si possono fare acquisti di prodotti delle marche più prestigiose a prezzi vantaggiosi.

 

 


marciano1MARCIANO DELLA CHIANA (AR) – villaggio collinare

Marciano è un piccolo villaggio ubicato in una zona di basse colline. La torre del castello, dove soggiornò per qualche tempo il capitano di ventura Fanfulla da Lodi prima della battaglia di Marciano (1554), domina l’abitato. In tutta la zona ci sono numerose aziende agricole che coltivano viti, olivi e cereali. La fertilità della zona è il risultato di grandi bonifiche avvenute nei periodi rinascimentale e lorenese. Nelle vicinanze ci sono importanti centri storici come Cortona e Lucignano.

 


monte san savino zoneMONTE SAN SAVINO (AR) – borgo agricolo

È un borgo ricco di significative costruzioni medievali e rinascimentali. Non lontano c’è lo splendido Castello di Gargonza, adattato anche a sede congressuale e struttura ricettiva. Monte San Savino è anche conosciuto per le ceramiche che abili artigiani producono quotidianamente, utilizzando tecniche tramandate di generazione in generazione. Una delle attrattive del villaggio è la gastronomia, in particolare si può mangiare la tradizionale porchetta con erbe accompagnandola con vini pregiati.

 


Terme sensoriali1CHIANCIANO TERME (SI) – cittadina termale

È una località tradizionalmente legata all’attività termale, dato che da fin dalle epoche etrusca e romana e poi attraverso tutto il Rinascimento sono stati sfruttati i benefici delle acque, che nella zona sgorgano in abbondanza. Ben conosciuta come centro termale ricco di acque con effetti terapeutici, Chianciano è anche apprezzata per l’ameno ambiente circostante. La cittadina è infatti circondata da colline di querce, faggi, lecci e castagni e caratterizzata da un clima mite. Chianciano Terme non ha trascurato altri aspetti, anche legati alle radici storiche: un centro cittadino ben mantenuto, importanti musei e siti archeologici, una rilevante quantità di aree verdi, accoglienti alberghi.


tomba pellegrina1CHIUSI (SI) – cittadina di origini etrusche e centro agricolo

È stata una delle più importanti città etrusche di tutta l’Italia, ebbe un ruolo egemone nell’antica Etruria e, in un momento della sua storia, minacciò addirittura Roma. Di questo glorioso periodo rimangono numerose tracce in tutto il territorio (siti archeologici e tombe di primaria importanza) e un ricco patrimonio di oggetti esposti nel grande Museo Archeologico Nazionale. Altrettanto interessanti due ben conservate necropoli paleocristiane.

 


vino4MONTEPULCIANO (SI) – cittadina storica e centro vinicolo di eccellenza

Il centro abitato ha nettamente mantenuto le caratteristiche di borgo medievale a forma di S ed è racchiuso da tre cerchie di mura, costruite nel XIV° secolo. All’interno del borgo c’è uno splendido Palazzo Comunale e interessanti edifici religiosi. Molti e variegati gli eventi che si susseguono nel corso dell’anno, primo tra tutti lo storico Bravio delle Botti. Il territorio circostante è noto per l’abbondanza di vigneti, le cui uve vengono sapientemente trasformate nel celebre Vino Nobile di Montepulciano DOCG.


san casciano bagni2SAN CASCIANO DEI BAGNI  (SI) – cittadina termale

La storia e lo sviluppo della cittadina sono essenzialmente legati alle acque termali, ben 42 sorgenti con una temperatura media di 40°C. Il dato più impressionante è la massa d’acqua che sgorga: la portata complessiva delle sorgenti raggiunge i 5,5 milioni di metri cubi, valore che colloca la cittadina al terzo posto in Europa per flusso. Le terme hanno comunque vissuto fasi alterne ma l’interesse è di nuovo cresciuto dopo la realizzazione del grande Centro Termale Fonteverde. Nella zona ci sono alcuni interessanti edifici medievali, tra cui il Castello di Fighine.


saracinoSARTEANO (SI) – villaggio storico

È collocato sui rilievi montuosi che separano la Valdichiana dalla Val d’Orcia, una delle più pittoresche zone della Toscana meridionale. È anche una zona di valore, sia dal punto di vista storico (una grande necropoli etrusca con la splendida Tomba della Quadriga Infernale) che ambientale. La cittadina è dominata dall’imponente fortezza che si staglia sullo sfondo verde del Monte Cetona. Nelle vicinanze ci sono la grande Abbazia di Spineta, trasformata in un centro congressuale, e il grazioso villaggio di Castiglioncello del Trinoro.

 


sanalunga1SINALUNGA  (SI) – villaggio collinare

Il territorio è costellato da piccoli villaggi, alcuni dei quali di origini medievali, quasi tutti insediati sulle alture che dominano la Val di Chiana. Le tracce del periodo medievale sono visibili un po’ dovunque, nonostante i danni riportati nel corso delle faide politiche di Siena e durante il confronto armato con Firenze nel XVI° secolo. Di particolare interesse sono Bettolle, Farnetella, Rigomagno e Scrofiano, tutte località dove gran parte degli edifici religiosi contiene pregevoli opere d’arte. In tutto il territorio si svolgono numerosi e coloriti eventi.

 


TtorritaORRITA DI SIENA (SI) – cittadina medievale

Nonostante il nome accattivante le frequenti e cruente vicende del passato hanno purtroppo alterato molto l’originale aspetto medievale della cittadina. Le chiese contengono invece alcune pregevoli opere d’arte. Attraente è il borgo medievale di Montefollonico, un’area in cui si produce un rinomato formaggio pecorino. A Torrita si svolge uno dei più antichi palii e, quasi a sfidare il tormentato periodo medievale, organizza un importante evento dedicato a uno dei generi musicali più moderni, il blues.

 


trequandaTREQUANDA (SI) – villaggio rurale

È un borgo circondato da vigneti, oliveti e boschi che, assieme, compongono il tipico paesaggio della Toscana. Il villaggio è situato nella zona denominata Crete Senesi. Castelli e chiese di valore sono distribuite anche nelle vicinanze. Nel territorio ci sono pittoreschi borghi medievali che si sono ben conservati nel tempo quali Petroio, dove vengono prodotte ceramiche artigianali, e Castelmuzio.

Salva

VALTIBERINA (provincia di Arezzo)

La Valtiberina, cioè il primo tratto della Valle del Tevere, è tutta ubicata nella porzione più orientale della Toscana. Il nome deriva dal Tevere, il fiume che la percorre per tutta la sua lunghezza. A livello paesaggistico è un territorio prevalentemente collinare, contraddistinto dalla presenza di fitti boschi, soprattutto castagneti, alternati ad ampi pascoli. Ci sono “città murate” molto ben conservate come Anghiari ma anche cittadine più a contatto con il fiume come Pieve Santo Stefano. Numerose le costruzioni medievali, senza contare importanti centri religiosi quali Camaldoli e La Verna. Importanti artisti, tra cui Michelangelo e Piero della Francesca, sono nati nella zona. Nella Valtiberina ci sono ottimi prodotti enogastronomici quali insaccati e vino.

BADIA TEDALDA (AR) – villaggio collinare

Il villaggio è al confine tra tre regioni: Toscana, Romagna e Marche. L’attraente paesaggio fa da cornice al villaggio, che è punto di partenza per escursioni a piedi o a cavallo, alla scoperta di un interessante patrimonio naturalistico. Nei dintorni ci sono infatti la Riserva Naturale Alpe della Luna, che include un’area destinata alla pesca sportiva, e l’Area Protetta Nuclei a Taxus in località Pratieghi, un bosco di oltre 60 ettari con piante di tasso di età e dimensioni considerevoli.


capresemichelangelo1CAPRESE MICHELANGELO (AR) – borgo storico

Il territorio è collocato nell’area più verde della Valtiberina. Boschi di faggi, di querce e di castagni ricoprono gran parte della zona dove sono comuni funghi, tartufi, more, fragole e lamponi. Apprezzate anche le castagne, celebrata in una tra le più importanti sagre dedicate al “frutto del bosco”. Il borgo è dominato dalla rocca, ancora circondata da mura, al cui interno gli edifici principali sono il Palazzo del Podestà (ritenuto il luogo di nascita di Michelangelo Buonarroti nel 1475), il Palazzo Clusini e la Corte Alta. Una parte degli edifici è stata adattata a museo dedicato al grande pittore e scultore.


museo madonna del partoMONTERCHI (AR) – borgo rurale

È un borgo di chiara impronta medievale, arroccato su una collina isolata, con veduta sulla Valtiberina. Gran parte degli edifici medievali furono distrutti da un rovinoso terremoto nel 1917. La cittadina è nota per uno dei più apprezzati affreschi di Piero della Francesca, la Madonna del parto (1455), ottimamente conservatosi nonostante alcune vicissitudini e trasferimenti. Il dipinto è attualmente collocato in un apposito museo. Nella zona ci sono anche tre chiese di pregio.

 


eremo cerbaiolo1PIEVE SANTO STEFANO (AR) – villaggio di campagna

Circondata da rilievi montuosi al confine tra la Toscana e l’Emilia Romagna, Pieve Santo Stefano offre numerose opportunità agli appassionati della natura, dato che nel territorio ci sono varie riserve naturali con fauna e flora di considerabile importanza. I percorsi trekking permettono di raggiungere punti suggestivi e panoramici quali il Passo delle Gualanciole e la Vallesanta. L’abitato è diventato noto come la “città del diario”. Questa fama si deve alla conservazione di una grande raccolta di scritti di persone comuni, testimonianze, lettere d’amore, diari di giovani che riflettono, in varie forme, la vita degli italiani in genere.


sasso simoneSESTINO (AR) – villaggio collinare

È al confine con le regioni Emilia-Romagna e Marche. Nei dintorni ci sono vecchi agglomerati urbani ricchi di edifici storici e tutti circondati da un ambiente praticamente incontaminato e di notevole interesse naturalistico. Tra questi, Monterone, San Donato, Colcellato e Case Barboni sono quelli più significativi. Nel museo Antiquarium Nazionale sono esposti molti e interessanti reperti di epoca romana. Imponente è il Sasso di Simone, un enorme blocco di roccia calcarea che si erge sul crinale dell’Appennino, raggiungendo l’altezza di 1.204 metri. È incluso nella Riserva Naturale del Sasso di Simone, attraversata da numerosi sentieri adatti a piacevoli escursioni.

Salva

PROVINCE DI FIRENZE E DI PISA


Villa Saletta – Valdera (PI)

VALDARNO INFERIORE (province di Firenze e di Pisa)

Valdarno è il nome generico della valle attraversata dal fiume Arno. È divisa in due aree distinte: Valdarno Superiore e Valdarno Inferiore che, assieme, si estendono dalla provincia di Arezzo, a quella di Firenze per terminare in quella di Pisa. Nell’intero Valdarno ci sono cittadine, villaggi storici e piccoli borghi, costellati di torri, pievi e castelli che il turista ha la possibilità di ammirare, all’interno di un paesaggio variegato, soffermandosi sia nelle località principali che in quelle meno conosciute. Pur conservando una tradizione agricola secolare, soprattutto produzione di vino e di olio di elevata qualità, il Valdarno è una delle aree dove si sono impiantate consistenti attività industriali. La zona ha comunque conservato intatto dappertutto il patrimonio artistico e ambientale, un perfetto equilibrio tra natura e modernità.

Il Valdarno inferiore è tutto suddiviso tra le province di Firenze e di Pisa. Nel corso dei secoli il fiume Arno ha progressivamente ampliato il corso, formando una pianura alluvionale relativamente larga, ma anche la mano dell’uomo è intervenuta. Fin dall’epoca rinascimentale sono state prosciugate paludi e acquitrini e il corso stesso del fiume è stato alterato per adattarlo alle esigenze di una regione in trasformazione. Numerose e di notevole interesse storico, culturale e paesaggistico le cittadine, i villaggi e i borghi tanto nella provincia di Firenze che in quella di Pisa. Nel Valdarno Inferiore si sono installate numerose attività industriali, anche di rilievo, ma l’agricoltura è ancora ben presente sia nella pianura che nelle colline circostanti. Tra le attività artigianali tradizionali la ceramica e il vetro sono forse quelle più rilevanti.


palio barchiniCASTELFRANCO DI SOTTO (PI) – cittadina di campagna

Il territorio è caratterizzato da paesaggio collinare. La cittadina è conosciuta per due eventi piuttosto curiosi e diversi tra di loro. Il primo è la “Sagra del Bignè” dove pasticceri affermatisi internazionalmente partecipano a una competizione: è una sfida tra vere e proprie sculture di grandi dimensioni costruite utilizzando quattro componenti fondamentali, zucchero, burro, uova e farina. L’’altro è il “Palio dei barchini con le route” mossi dai rematori, una competizione veramente divertente.


padule di ducecchio

FUCECCHIO (FI) – borgo storico e cittadina rurale

Il territorio è tutto disposto sulla riva destra del fiume Arno, al confine con le province di Lucca, Pisa e Pistoia. L’abitato storico, dove spicca il Palazzo del Podestà, è tutto su di un colle mentre quello moderno è nella zona pianeggiante che si trova alle pendici. L’intera cittadina è dominata dalla rocca e da tre torri medievali. Nelle vicinanze ci sono l’area umida Padule di Fucecchio, riserva naturalistica di importanza nazionale, e lo storico e pittoresco Ponte a Cappiano.


SAM_6812MONTELUPO FIORENTINO (FI) – cittadina dell’artigianato della ceramica

Fin dall’antichità il territorio fu un importante crocevia per le comunicazioni verso Firenze e la zona appenninica da una parte, il Mar Tirreno dall’altra. L’ubicazione e la presenza di importanti vie d’acqua all’epoca navigabili – il fiume Arno e il torrente Pesa – contribuirono allo sviluppo di numerose attività manifatturiere. Tra queste soprattutto quella della ceramica che a Montelupo raggiunse notorietà tra il XV° e il XVI° secolo, manufatti a cui è dedicato un importante museo. Tale attività prosegue ancora oggi nei numerosi laboratori di ceramica artistica e celebra ogni anno i fasti durante la mostra-mercato Festa Internazionale della Ceramica. Nel territorio ci sono inoltre tre interessanti siti archeologici.


torre san mateoMONTOPOLI SULL’ARNO (PI) – cittadina rurale

Collocata su un rilievo tufaceo Montopoli ha la struttura del borgo medievale e contiene vari edifici civili e religiosi di questo periodo e di quello immediatamente successivo. La cittadina è nota per la produzione di oggetti in terracotta, un artigianato di antica tradizione. La produzione iniziale è riconducibile al periodo tra il XII° ed il XIV° secolo. Alcuni di questi manufatti, assieme ad altri di pregio, sono riuniti assieme in un’esposizione permanente ubicata all’interno del Palazzo Guicciardini.

 

Salva

VALDERA (provincia di Pisa)

Valdera è il nome del territorio attraversato dal fiume Era, cioè l’area compresa tra le Colline Metallifere e l’ultimo tratto del Valdarno Inferiore. È una zona di rilievi collinari dove c’è alternanza tra campagna coltivata e boschi caratterizzati da una vegetazione piuttosto varia, ma con predominanza di cipressi, pioppi e ginestre. Numerosi i torrenti e i piccoli corsi d’acqua che confluiscono tutti nel fiume Era, prima che questo, a sua volta, affluisca nell’Arno nella cittadina di Pontedera. La varietà di ambienti ha permesso di creare numerosi percorsi per gli appassionati di varie discipline sportive all’aria aperta quali il trekking, l’equitazione e la mountain bike. Anche per tali ragioni in tutta la zona si sono progressivamente diffuse numerose aziende agrituristiche in grado di offrire ottimi servizi. La Valdera è anche attraversata dalla Strada del Vino delle Colline Pisane lungo la quale ci sono cantine che offrono degustazione e vendita diretta di vini eccellenti.

capannoli1CAPANNOLI  (PI) – villaggio agricolo

È una piccola cittadina immersa nel verde della campagna. Nell’abitato spicca la grande Villa Bourbon del Monte-Baciocchi, al cui interno sono stati collocati il Centro di Documentazione Archeologica, con reperti di epoca etrusca rinvenuti nella zona, e il Museo Zoologico. In località Camugliano c’è l’imponente Villa Niccolini. A Capannoli si svolge la Fiera Nazionale degli Uccelli, un evento tradizionale molto animato e colorato. L’economia locale si basa prevalentemente sulla produzione vitivinicola e sull’allevamento di bestiame.


chiesa santillarioCASCIANA TERME LARI  (PI) – cittadina termale e borgo medievale

Il territorio è frutto della fusione tra due comuni con caratteristiche piuttosto diverse. Casciana Terme è conosciuta soprattutto per due attrezzati stabilimenti termali che sfruttano acque sulfuree che sgorgano costantemente a 37°C. Lari è un delizioso borgo dal quale si gode un’ottima vista panoramica della Valdera. Il centro storico, dominato dall’imponente Castello dei Vicari, conserva ancora intatto l’aspetto medievale. Nei dintorni sono interessanti i due borghi di Ceppato e di Parlascio, entrambi pure di origine medievale. La campagna attorno a Lari produce ciliegie e pesche di ottima qualità. Il territorio è pure attraversato dalla Strada del Vino di Montescudaio.


teatro silenzioLAJATICO (PI) – cittadina rurale

È ubicata tra la valle del fiume Era e il corso del torrente Sterza, una delle più belle zone per paesaggio e qualità ambientale. La cittadina è nota per aver dato i natali al noto cantante lirico Andrea Bocelli. Proprio qui l’artista ha creato il Teatro del Silenzio, una struttura all’aperto ricavata nell’alveo naturale di una collina. Nei pressi della frazione di Orciatico ci sono i ruderi della Rocca di Pietracassia e la storica villa di Spedaletto, di origini medicee.


palaiaPALAIA (PI) – cittadina rurale

Il territorio è caratterizzato dalla coltivazione della vite, dell’olivo e degli alberi da frutto, ancora oggi la maggiore fonte di sostegno per gli abitanti. Non a caso all’attività rurale sono dedicati due musei. In tempi più recenti si è aggiunta l’attività ricettiva, come conferma il crescente numero di agriturismi in tutta la zona. La cittadina conserva tracce del passato medievale in due belle chiese e in qualche altro edificio. Il borgo di Saletta, di origini medievali, è stato utilizzato dai fratelli registi Taviani per alcune scene del film “La Notte di San Lorenzo”. La strada che collega Palaia con San Gimignano, tutta tra colline di olivi e vigne, è ritenuta tra le più belle al mondo: il panorama, punteggiato di piccoli borghi, torri, castellari e casolari, è particolarmente accattivante.

 


parco presistoricoPECCIOLI (PI) – borgo collinare

L’abitato ha tutte le caratteristiche dei borghi medievali della Valdera: vie strette, vicoli ripidi e chiesa in stile romanico-pisano. Peccioli ha conseguito la Bandiera Arancione per la qualità e l’accoglienza in ambito turistico e ambientale. L’economia si basa infatti principalmente sull’agricoltura (vino ed olio), sull’allevamento del bestiame e sull’agriturismo. I percorsi che iniziano dal villaggio sono adatti alle escursioni a cavallo, in mountain bike o a piedi. Il territorio è attraversato dalla Strada del Vino di Montescudaio. Nei dintorni dell’abitato c’è il Parco Preistorico, il più vecchio parco di divertimenti in Toscana con dinosauri a grandezza naturale.

 


vinoTERRICCIOLA (PI) – villaggio rurale

L’aspetto attuale del villaggio ha tutte le caratteristiche dei borghi medievali della Valdera: vie strette e vicoli ripidi che separano gli edifici. Alcune gallerie scavate nel tufo, alcune addirittura di epoca etrusca e attualmente conosciute come “Antiche Cantine”, sono una peculiarità della cittadina. Attraente è l’abitato di Soiana, con evidenti tracce dell’epoca medievale. Il vino caratterizza da epoca immemorabile fortemente la zona: il Consorzio Terre del Silenzio propone visite alle cantine e degustazione dei prodotti. I vini Chianti DOCG sono accomunati dalla denominazione “Colli dell’Etruria Centrale“. Il territorio è inoltre attraversato sia dalla Strada del Vino Delle Colline Pisane che dalla Strada del Vino di Montescudaio.

Salva

Salva

Salva

PROVINCE DI FIRENZE, DI PRATO E DI PISTOIA

arte777Castello del Trebbio – Mugello (FI)

MUGELLO e VALDISIEVE (provincia di Firenze)

Il Mugello è un’ampia vallata tutta attraversata corso del fiume Sieve e che immette nella più stretta ma altrettanto pittoresca Valdisieve. Il Mugello è delimitato dalla cintura dell’Appennino Tosco-Emiliano e da colline che degradano fino alla pianura solcata dal fiume e dove sono ubicati i maggiori centri abitati. Nella vallata sono inclusi quattro complessi forestali dove sono frequenti gli avvistamenti di daini, caprioli, cinghiali ma, più recentemente, anche di lupi così come di aquile. La zona è coltivata intensivamente: oltre ai tradizionali vigneti e oliveti ci sono ampie aree di cereali e foraggi. Sono piuttosto numerosi e apprezzati i prodotti agro-alimentari tipici e anche quelli biologici. La Valdisieve coincide con il tratto finale del corso del fiume fino alla sua confluenza con l’Arno. È una valle più stretta, fiancheggiata da colline ricche di vigne, olivi e rigogliosi boschi.

lago-bilancino1BARBERINO DI MUGELLO (FI) – cittadina agricola e commerciale

È ubicato nella parte più alta del Mugello ed è facilmente accessibile tramite un’uscita dedicata della A1 (Autostrada del Sole). È un centro dedicato all’agricoltura e con numerosi allevamenti di bovini. Nel territorio ci sono interessanti edifici, prima tra tutti l’affascinante villa di Cafaggiolo, che fu residenza di campagna dalla famiglia Medici e che contiene numerosi arredi originali. Inoltre altre tre costruzioni signorili. Di indubbio richiamo è il Barberino Designer Outlet, una cittadella dello shopping strutturata come borgo rinascimentale. Ci sono oltre 100 negozi, tra boutique di stilisti rinomati e negozi multimarca delle migliori firme dell’abbigliamento. Il vicino e ampio Lago di Bilancino ha, da qualche tempo, assunto anche connotazioni balneari.


sant onofrio dicomano-2DICOMANO (FI) – cittadina rurale

Dicomano è collocato alla base dei rilievi dell’Appennino Tosco-Romagnolo. Il territorio è solcato dal fiume Sieve e dal torrente Comano ed è ricoperto di boschi di castagni, cerri o faggi. Per tale ragione sono stati allestiti diversi itinerari per escursioni trekking o a cavallo, uno dei quali consente di visitare anche il sito archeologico di Frascole. Per la felice ubicazione, alla congiunzione di strade verso Firenze, il Mugello, il Casentino e la Romagna, è sempre stato un’importante centro commerciale.


scarperia11SCARPERIA (FI) – (comune di Scarperia San Piero ) – cittadina rurale e artigianale

È ubicata in una zona del Mugello orientata verso l’Appennino. Il centro storico di Scarperia, ancora circondato da ampi tratti delle mura, è ben conservato e vi spiccano il Palazzo dei Vicari, una chiesa ricca di opere d’arte e tre interessanti musei. Nei dintorni ci sono alcune belle ville storiche. Nelle vicinanze della cittadina c’è l’Autodromo Internazionale del Mugello, sede di prestigiose competizioni motociclistiche e automobilistiche. Scarperia è anche nota per la produzione artigianale di coltelli, una tradizione vecchia di almeno cinque secoli. A San Piero a Sieve, l’altra maggiore località del territorio, ci sono due interessanti fortificazioni: il Castello del Trebbio e l’incompiuta Fortezza di San Martino, da tempo in restauro. Nell’abitato c’è una bella pieve e, nei dintorni, uno storico convento.


vicchio1VICCHIO (FI) – cittadina rurale

È una cittadina di antiche origini ubicata su una collina. Ha dato i natali a due grandi pittori del Medioevo: Giotto di Bondone e Beato Angelico. Per qualche tempo qui visse anche l’importante scultore Benvenuto Cellini. Pochi gli edifici sopravvissuti a un rovinoso terremoto del 1919, tra cui la bella pieve rinascimentale e alcuni palazzi nel centro storico. Nella cittadina ci sono due importanti musei, dedicati a ciascuno dei due grandi pittori. Nella località di Barbiana abitò e svolse la sua opera per circa un decennio l’innovatore pedagogo don Lorenzo Milani.

Salva

MONTALBANO (province di Firenze, di Pistoia e di Prato)

Il Monte Albano, anche denominato Montalbano, si estende da Serravalle Pistoiese alla Stretta della Gonfolina, separando nettamente la piana a ovest di Firenze-Prato-Pistoia dal Valdarno Inferiore e dalla Valdinievole. I due versanti sono piuttosto diversi: quello occidentale è più uniforme, degradando dolcemente verso basse colline (le “Cerbaie”).
 Il versante orientale ha inizialmente una scarpata più ripida fino a un’alternanza irregolare di pendii più dolci.
Nel Montalbano meridionale la presenza umana è accertata fin dal Paleolitico. Numerose e importanti le tracce della civiltà etrusca nei pressi di Artimino, attorno a Comeana, a Prato Rosello. Fin dall’Alto Medioevo l’area faceva quasi interamente parte del contado pistoiese ed era protetta da molti castelli e fortificazioni. Di questo periodo rimangono il borgo di Artimino e il castello di Larciano. In epoca rinascimentale i vari granduchi Medici lo utilizzarono come riserva di caccia e qui costruirono importanti ville: “La Ferdinanda” ad Artimino, la Villa “Ambra” a Poggio a Caiano, la Villa “La Magia” a Quarrata e altre due a Cerreto Guidi e a Montevettolini. Sul Monte Albano nacque Leonardo da Vinci. Del genio rimangono la casa natale ad Anchiano (Vinci) e due importanti strutture museali nel capoluogo.
Numerose e diverse sono le aree verdi e naturali protette. Tutto il Monte Albano si presta molto bene all’attività all’aria aperta: 16 gli itinerari di trekking segnalati e ottime possibilità per il ciclismo su strada e la mountain bike. Non mancano strutture per il benessere e le Terme di Monsummano sono certamente quelle più rilevanti.
I prodotti tipici sono il vino e l’olio. Sono numerose le fattorie storiche attive, tra cui la tenuta di Capezzana e la fattoria di Artimino. La zona è soprattutto dedicata alla produzione di vini rossi, tra i quali spiccano il Carmignano DOCG, il Chianti Montalbano DOCG e il Barco Reale DOC. L’olio extravergine di oliva è denominato IGP Toscano menzione Montalbano nel rispetto dell’area geografica.
L’artigianato di qualità è presente in molte località. Tra i prodotti più tipici e tradizionali i cappelli di paglia di Lamporecchio, i fiori secchi di Larciano e di Lamporecchio, i ricami nella zona collinare di Lamporecchio e di Serravalle Pistoiese, la ceramica a Capraia.


CARMIGNANO (PO) –  cittadina rurale

Nel territorio, situato all’estremo sud della Provincia di Prato, ci sono numerose e importanti attrazioni. Il passato etrusco è tutto visibile nel Parco Archeologico di Carmignano. L’epoca medievale è ben testimoniata dal borgo storico. Nella Pieve di San Francesco e San Michele c’è una delle più importanti opere del pittore Pontormo, La Visitazione. Il pittoresco borgo di Artimino avvolge la splendida Villa Medicea “La Ferdinanda”. Molto attraente è anche la Fattoria di Capezzana, nell’omonima località. Da Carmignano iniziano numerosi sentieri e itinerari di trekking verso il Montalbano (Monte Albano). Il territorio vanta un’antica e ricca tradizione agricola: vini pregiati come il Carmignano DOCG e il Barco Reale DOC, e olio extra-vergine Toscano IGP.


Lamporecchio1LAMPORECCHIO (PT) – villaggio collinare

È un grazioso villaggio ubicato in una zona collinare. Nei dintorni c’è un’imponente villa del XVII° secolo. Un tempo conosciuto per la produzione artigianale di cappelli di paglia, oggi basa sua economia sul settore calzaturiero, dolciario, edile, produzione di materiali in plastica e agroalimentare. Nel territorio si produce il Montalbano DOCG, un vino di qualità, e l’olio d’oliva extravergine Montalbano, IGP toscano.


larciano5LARCIANO (PT) – villaggio rurale

Il villaggio, ubicato su un rilievo collinare, è dominato dal castello medievale, sede anche di un interessante museo. Significativa è l’attività agricola, con produzione di vino e olio di buona qualità. Nell’ultimo ventennio si sono anche sviluppate attività artigianali, in particolare oggetti per uso domestico, raggiungendo importanza anche a livello internazionale. A Larciano c’è uno dei centri visita con accesso al Padule di Fucecchio, la riserva naturale per la protezione di vari tipi di uccelli selvatici. La visita è consentita utilizzando due sentieri principali attrezzati.


 grotta giusti34MONSUMMANO TERME (PT) – cittadina termale

La cittadina moderna, posta nella zona pianeggiante, è dominata da Monsummano Alto, in posizione panoramica su tutta la Valdinievole. Del borgo medievale di rimangono ampi tratti della cinta muraria, una sola imponente torre e la pieve romanica di San Nicolao. Come dice il nome l’attività della cittadina è incentrata sull’attività termale, di cui la Grotta Giusti ha costituito l’inizio e ne è ancora il maggior richiamo, anche per gli aspetti geologici e naturalistici della cavità. Di rilievo anche la Grotta Parlanti, pure dedicata all’attività termale. Ben conservato è il borgo medievale di Montevettolini con una bella chiesa e una villa medicea. Il territorio comunale include anche su un’ampia porzione del Padule di Fucecchio, un’area naturalistica di rilevante interesse.

VAL DI BISENZIO (provincia di Prato)

Si estende nella parte settentrionale della provincia di Prato, iniziando dietro il capoluogo e insinuandosi tra i rilievi dell’Appennino Tosco-Emiliano. Come dice il nome è tutta solcata dal Bisenzio, uno degli affluenti del fiume Arno. La vegetazione è quasi immacolata perché la zona non è stata oggetto di consistenti insediamenti industriali. Molti i castagneti, storica risorsa alimentare degli abitanti. La fauna è variegata e tipica dell’Appennino. Nei corsi d’acqua vivono pesci e gamberi d’acqua dolce.
L’importante insediamento etrusco di Galceti (Prato) confermerebbe il ruolo strategico per il controllo del valico appenninico di Montepiano, più facile e a quota più bassa. L’etimologia di Vernio indica con tutta probabilità accampamenti invernali di guarnigioni romani. Nell’Alto Medioevo la valle fu inizialmente feudo dei Conti Alberti ma, successivamente, il controllo passò alla città di Prato, di cui seguì tutte le vicende storiche. Dell’epoca medievale il fortilizio certamente più significativo è la Rocca di Cerbaia. Altrettanto suggestiva è la Rocca di Vernio. Castelli della stessa epoca esistono anche a Fossato, Luicciana, Codilupo.
L’ampia e ben conservata zona verde offre molte e diversificate possibilità di escursioni, anche se nella parte più alta gli itinerari sono più impegnativi. La Riserva Naturale Acquerino-Cantagallo è di recente istituzione.
Le specialità gastronomiche sono legate ai prodotti del territorio. Nella parte più bassa viene prodotto un olio di eccezionali proprietà organolettiche. La parte più montana è il regno della castagna e della patata, quest’ultima alla base del piatto più famoso, i tortelli. Inoltre la produzione di biscotti tipici (gli zuccherini di Vernio) sia quelli a base dei prodotti del territorio (miele, farina di castagne, olio d’oliva). Per gli amanti dei funghi i boschi e i prati sono adatti alla raccolta di vari tipi, dai prugnoli ai porcini, senza dimenticare l’abbondanza del tartufo nero.
Numerosi gli eventi, spesso legati alla rievocazione di fatti storici o a prodotti tipici. Ad esempio la Festa della Polenta di Vernio, quattro giorni di iniziative culturali, degustazione e vendita di prodotti enogastronomici tipici. Oppure il “Re Tartufo” di Vaiano, mercatino del tartufo della Caldana.


CANTAGALLO (PO) – villaggio collinare

Cantagallo è situato nella valle del Rio Ceppeta, vicino alle sorgenti del fiume Bisenzio e a poca distanza dall’Appennino Tosco-Emiliano. Del territorio fanno parte la Riserva Naturale Acquerino-Cantagallo e la Riserva Alto Carigiola – Monte delle Scalette. Anche per questo motivo il villaggio è una base ideale per escursioni sui monti circostanti dai quali si ammirano ampie vedute panoramiche. I ruderi della Rocca di Cerbaia (XII° secolo), in posizione dominante sul corso del fiume Bisenzio, sono raggiungibili attraversando l’ancora più vecchio Ponte di Cerbaia.


MONTEMURLO  (PO) – villaggio collinare

Il comune di Montemurlo è ubicato circa a metà strada tra le città di Prato e Pistoia. Il centro storico è sovrastato dalla rocca e include una pregevole pieve rinascimentale. Nel territorio ci sono numerose ville del periodo rinascimentale con suggestivi giardini e aperte alla visita. L’area montuosa, ivi compresa la Riserva Naturale di Monteferrato, è meta di escursioni perché ricca di biodiversità e di attraenti paesaggi. Nel territorio c’è una significativa produzione di vino Chianti DOCG e di una più limitata produzione di olio extravergine d’oliva, peraltro di qualità eccellente.


VAIANO (PO) – cittadina collinare

Il territorio, immediatamente a nord della città di Prato, è compreso tra due ampie aree protette, quella del Monteferrato e quella della Calvana. Il centro abitato è distribuito lungo il corso del fiume Bisenzio e, nella zona centrale, c’è un pregevole monastero benedettino con annesso museo. Da Vaiano iniziano alcuni sentieri che risalgono l’area montuosa della Calvana, meta di escursioni trekking, di cui è particolarmente frequentata la Riserva Naturale per l’abbondanza di ecosistemi incontaminati ottimamente conservati.

 


VERNIO (PO) – cittadina montana

Ubicato all’estremo nord della Provincia di Prato, il territorio include anche una porzione dell’Appennino Tosco-Emiliano. Il nucleo abitato è distribuito lungo il tratto iniziale del fiume Bisenzio. Nel territorio ci sono piccoli e attraenti paesi di montagna ricchi di storia e di natura. Quello di maggiori dimensioni è Montepiano che, attorniato da sorgenti perenni e con un bel monastero medievale, è da anni un’apprezzata località di villeggiatura. Inoltre San Quirico, con un interessante parco-memoriale della Linea Gotica e San’Ippolito con una pregevole pieve romanica. La vicina Riserva Naturale dell’Alto Carigiola, caratterizzata da un paesaggio montano di grande bellezza, è raggiungibile tramite un sentiero di crinale.

Salva

VALDINIEVOLE (provincia di Pistoia)

La Valdinievole è la zona più orientale della Provincia di Pistoia e prende il nome dal Nievole, il torrente che l’attraversa prima di dirigersi verso il Palude di Fucecchio. Tutta la zona è molto verde e caratterizzata da punti con eccellenti panorami. Le località maggiori sono Montecatini, Monsummano, Pescia, ognuna nota e apprezzata per molteplici e specifici motivi. Montecatini Terme è una celebre e rinomata località termale dotata di eleganti e storici stabilimenti. Altrettanto apprezzata è Monsummano Terme che è pure una località termale di prestigio internazionale. Pescia, la capitale storica della Valdinievole, con importanti edifici civili e religiosi e fulcro di un ampio comparto floro-vivaistico. Una delle aree più apprezzate è la cosiddetta “Svizzera Pesciatina“, una decina di borghi medievali che hanno conservato aspetto e atmosfera storiche. Tra questi il borgo di Collodi dove è ubicato il Parco di Pinocchio, un parco tematico dedicato al burattino più amato dai bambini. Attraenti sono anche i comuni ubicati sul versante occidentale del Monte Albano.

buggiano castelloBUGGIANO (PT) – cittadina e borgo collinare

È uno dei più antichi comuni della Valdinievole e le sue origini si confondono con la leggenda. Del nucleo storico, denominato Castello di Buggiano, rimangono il Palazzo Pretorio, una chiesa romanica e i resti di alcune case-torri. L’imponente Villa Bellavista, nella zona pianeggiante, è visibile solo dall’esterno. Nella zona collinare sono stati predisposti sei diversi itinerari per escursioni a piedi e trekking.

 

Montecatini terme 1MONTECATINI TERME (PT) – borgo medievale e cittadina termale

Separati e molto diversi tra di loro i due abitati che costituiscono il capoluogo comunale. Montecatini Alto è arroccato su un cocuzzolo che domina la Valdinievole ed ha conservato l’aspetto di borgo con piccole strade e una piazza principale. Del periodo storico sono rimasti una parte della cinta muraria, la Torre di Ugolino e la Chiesa di San Pietro. Montecatini Basso si estende nella parte pianeggiante. La località è nota per le cure termali in diversi storici stabilimenti di aspetto elegante e raffinato. La cittadina è caratterizzata da numerosi edifici in stile liberty, vasti parchi e viali alberati. Numerose manifestazioni di alto livello, attrezzati centri congressuali e strutture complementari quali il campo da golf e l’ippodromo fanno di Montecatini un centro non solo termale, ma anche culturale e sportivo di rilievo.


 svizzera pesciatinaPESCIA (PT) – cittadina collinare

Considerata capoluogo storico della Valdinievole per l’importanza di edifici religiosi e civili risalenti a varie epoche storiche. Inoltre cinque importanti musei, tutti legati al territorio. Particolarmente pittoresca e attraente è la cosiddetta “Svizzera Pesciatina”, una decina di borghi di origine medievale, uno vicino all’altro, che hanno conservato le caratteristiche originali. Tra gli altri il villaggio di Collodi, dove il Parco di Pinocchio attira da sempre i bambini. Pescia è al centro di un importante comprensorio di coltivazione e di smercio di fiori.


santuario madonna buon consiglioPONTE BUGGIANESE (PT) – villaggio rurale

La storia della cittadina non è molto antica poiché manca del tutto la fase medievale tipica dei paesini collinari della zona. È un tranquillo villaggio di pianura che nasconde la storia del duro lavoro per strappare il fango della palude e trasformarlo in terra coltivabile. Infatti la zona è vicina al Padule di Fucecchio, la riserva naturale per la protezione di vari tipi di uccelli selvatici. La visita è consentita utilizzando due sentieri principali attrezzati.

 


uzzano 1UZZANO (PT) – borgo-villaggio collinare

È un piccolo borgo situato su una collina che domina il corso del torrente Pescia e con una gradevole vista su tutta la Valdinievole. Il villaggio ha conservato l’aspetto medievale: impianto urbanistico a triangolo, con il vertice coincidente con la rocca e la Chiesa dei Santi Jacopo e Martino. Nell’abitato ci sono anche palazzi ed edifici del XVI° e XVII° secolo, tra cui il Palazzo del Capitano. La zona è ancora prevalentemente dedicata all’attività agricola. I boschi sono indicati per la raccolta di funghi, in particolare quella del marzuolo.

Salva

PROVINCE DI MASSA CARRARA E DI LUCCA

artenmnBagni di Lucca (LU)

Salva

VERSILIA (provincia di Lucca) e RIVIERA APUANA (provincia di Massa Carrara)

Versilia è il nome della zona costiera della Provincia di Lucca, tutta compresa tra il mare e una serie di pittoreschi rilievi, colline e il versante occidentale delle Alpi Apuane. È una sequenza praticamente ininterrotta di località con numerosi e ben attrezzati stabilimenti balneari, ideali per le vacanze delle famiglie. Tutta la Versilia è caratterizzata da spiagge larghe e sabbiose, spesso delimitate da ampie e rigogliose pinete. Iniziando da nord Forte dei Marmi, Marina di Pietrasanta, Lido di Camaiore, Viareggio, Torre del Lago Puccini sono solo alcune delle più note località di villeggiatura. L’entroterra è pieno di cittadine, villaggi e borghi ricchi di arte, cultura, attrazioni naturali. Tra quelle di maggior rilievo Camaiore, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza.
La Versilia è ben attrezzata per la pratica di molti sport nautici: vela, surf, windsurf, canoa e kayak. Inoltre le ampie aree verdi sono solcate da numerosi percorsi ciclabili.
Durante l’anno si svolgono vari eventi culturali, rievocativi e sportivi di rilievo. Probabilmente il più famoso è il Carnevale di Viareggio, che attira migliaia di visitatori in particolare durante i giorni dello svolgimento. Tra gli eventi sportivi di rilievo il Torneo Mondiale Giovanile di Calcio “Coppa Carnevale”, il Gran Fondo di Ciclismo della Versilia, il Triathlon della Versilia, il “Trofeo Burlamacco” di vela. La Versilia è piena di numerosi locali notturni e discoteche che, sopratutto in estate, attirano migliaia di visitatori e curiosi in cerca della “movida” toscana.

Riviera Apuana è la denominazione della fascia costiera della Provincia di Massa Carrara. Gradevolissimo è il contrasto tra l’azzurro del mare e il bianco delle Alpi Apuane, poco lontane. Le due località principali sono Marina di Massa e Marina di Carrara, in pratica le spiagge delle rispettive città più nell’entroterra. Poco più a sud ci sono altri lidi sabbiosi – in particolare Marina dei Ronchi e Cinquale – pieni di numerosi e moderni stabilimenti balneari, ideali per le vacanze di nuclei familiari. Le vicine città di Carrara e di Massa sono ricche di opere d’arte, musei e attrazioni culturali. La Riviera Apuana è il punto di partenza ideale per escursioni alle cave di marmo e alle sempre pittoresche Alpi Apuane.


seravezzaSERAVEZZA  (LU) – cittadina collinare

La cittadina è ubicata in una piccola valle percorsa da due torrenti, il Serra ed il Vezza. Nel centro abitato spicca l’imponente Villa Medicea. Michelangelo Buonarroti ha lasciato tracce della permanenza nella zona: in località Azzano la Pieve di San Martino a Cappella ha elementi architettonici progetto del grande artista. Michelangelo riattivò numerose cave e selezionò i marmi destinati a vari edifici religiosi. Si occupò anche di realizzare una più agevole strada che collegasse le cave al mare. L’Area Archeomineraria Cave del Bardiglio Cappella (“Cave di Michelangelo”) permette un’interessante visita ai luoghi di estrazione. La cittadina è uno dei punti di accesso al Parco Regionale delle Alpi Apuane, al cui interno c’è una rete di più di 60 chilometri di itinerari adatti al trekking, alla mountain bike ed alcuni anche al cavallo.

 

Salva

GARFAGNANA (provincia di Lucca)

La Garfagnana è la valle solcata dal fiume Serchio e dai suoi affluenti, fiancheggiata dalle catene montuose delle Alpi Apuane e dell’Appenino Tosco-Emiliano. La vallata, ricca di boschi rigogliosi, di prati e di aree coltivate, offre un’ampia varietà di paesaggi di particolare bellezza. Le zone più in quota e boscose sono un vero e proprio paradiso per gli escursionisti, con numerosi e ben segnalati percorsi adatti al trekking, all’equitazione e alla mountain bike. Numerose e attraenti anche le riserve e le aree protette, tutte visitabili e piene di percorsi segnalati. Tra tutte sono di particolare interesse l’Orrido di Botri e il Parco dell’Orecchiella, da cui si può accedere all’attraente Eremo di Calomini. In Garfagnana ci sono molte grotte carsiche aperte alle visite, prima tra tutte la Grotta del Vento. Nella vallata c’è una ampia disponibilità di alberghi, pensioni familiari, agriturismi, case vacanze. La cucina è frugale ma, al tempo stesso, ricca e sostanziosa. Sono da assaggiare piatti a base di legumi, formentone, farro. Altri gustosi prodotti della vallata sono le trote, i salumi, i formaggi, i frutti del sottobosco, il miele, le castagne. Nelle cittadine, nei villaggi e nei borghi è facile imbattersi in solitari artigiani all’opera, attività quasi scomparse altrove: norcini, formaggiai, mugnai, tessitori a mano, ceramisti, fabbri, falegnami, cavapietre.

bagni di luccaBAGNI DI LUCCA (LU) – cittadina termale

Ubicata sul versante toscano degli Appennini e bagnata dal torrente Lima, la cittadina è una vera oasi di pace e serenità. Le sorgenti calde furono sfruttate fin dall’epoca romana e, nei secoli successivi, la località divenne una delle maggiori stazioni termali in Europa. A Bagni di Lucca ci sono numerose possibilità di praticare attività sportive. Il torrente Lima, che scende dalla montagna pistoiese, è molto adatto alla pesca. Inoltre nelle acque vengono praticati rafting e canoa. Il territorio comunale include riserve naturali di notevole interesse quali l’Orrido di Botri, canyon carsico meta di escursioni, e Monte Prato Fiorito, un’attraente montagna punteggiata di strutture medievali e pievi romaniche e la cui cima è ideale per il parapendio. Gli appassionati di trekking, equitazione e mountain bike hanno a disposizione adeguati sentieri, tutti segnalati.


fortezza di camporgianoCAMPORGIANO (LU) – cittadina collinare

È ubicata nell’alta valle del fiume Serchio, fiancheggiata dalle catene montuose delle Alpi Apuane e degli Appennini. Il paesaggio è quello tipico dell’alta collina: folti boschi di castagni, vasti prati e zone agricole, principalmente coltivate a farro. Il centro storico è dominato dalla robusta fortezza costruita sopra un dirupo. All’interno c’è un interessante museo di ceramiche rinascimentali.


trassilico1GALLICANO (LU) – cittadina collinare

Il centro storico della cittadina, dominato dalla fortezza rinascimentale, è ubicato sulla destra del torrente Turrite. Gli edifici di maggior pregio sono la chiesa di San Jacopo, eccellente esempio dell’architettura romanica, e il Palazzo Comunale, entrambi con opere Della Robbia. Nel territorio comunale ci sono una decina di borghi storici, quasi tutti di origine medievale. Escursioni possono essere effettuate nel non lontano Parco Regionale delle Alpi Apuane.


Ponte di San Michele

PIAZZA AL SERCHIO (LU) – villaggio collinare

È una zona che sembra rimasta ferma nel tempo, circondata ovunque dal rigoglioso paesaggio della Garfagnana. Il villaggio è ubicato in una zona ricca di storia e di tradizioni e circondato da un gradevole panorama. Nel territorio ci sono borghi di origine medievale, sparsi lungo le pendici dei monti, che hanno mantenuto inalterato nei secoli il loro aspetto. Molte strade consentono di raggiungere agevolmente alcuni tra i più suggestivi monti e valichi dell’Appennino Tosco Emiliano. Inoltre ci sono molti sentieri che permettono escursioni trekking, a cavallo e, soprattutto, in mountain bike.


sillicoPIEVE FOSCIANA (LU) – villaggi storici collinari

Il territorio è compreso tra le pendici occidentali dell’Appennino Tosco Emiliano e la vallata del fiume Serchio. Il villaggio principale prende nome dalla pieve (VIII° secolo) attorno alla quale si sviluppò il primo nucleo abitato. Di questo periodo storico rimangono strette vie fiancheggiate da vecchie case in pietra. Nel territorio ci sono due attraenti borghi di origine medievale. Attorno a Pieve Fosciana c’è una rete di percorsi attrezzati e segnalati, in particolare i Sentieri del Moro, una rete di itinerari verso il borgo di Sillico che possono esser percorsi a piedi o a cavallo. Il territorio è inoltre attraversato dalla storica via Vandelli.


orecchiellaSILLANO  (comune di Sillano Giucugnano – LU) – villaggio collinare

Situato vicino al confine tra Toscana ed Emilia, Sillano appartiene al comune più settentrionale di tutta la Garfagnana. È ubicato vicino al Monte Prato che, con i suoi 2.054 metri s.l.m., è la montagna più alta di tutta la Toscana. Tutta la zona è rimasta quasi intatta dal punto di vista ambientale, con un territorio ricco di castagneti, dove sono ubicati altri piccoli villaggi quali Capanne, Giuncugnano (da vedere l’Altopiano dell’Argegna e il Santuario Madonna della Guardia), Villa Soraggio (con l’attraente grotta Tana delle Fate) e Caporanda. L’economia si basa ancora fondamentalmente sulla produzione di cereali, sulla pastorizia e sullo sfruttamento dei boschi (castagne, legna).


lago vagliVAGLI DI SOTTO (LU) – villaggio collinare

È un territorio molto pittoresco, attraversato dal torrente Edron e pieno di boschi rigogliosi, dove sono ubicati due abitati “gemelli”: Vagli di Sotto, arroccato su un promontorio che domina un lago artificiale, e Vagli di Sopra. Nel territorio sono possibili numerose escursioni, tutte molto adatte agli amanti della natura. I sentieri salgono tutti verso il Monte Tambura e il Monte Sumbra, dalle cui cime si godono eccellenti panorami. Altrettanto interessanti sono le visite al Monte Roccandagia, nelle cui vicinanze c’è il villaggio agreste di Campocatino e la vicina conca glaciale naturale (Oasi di Campocatino). Anche l’eremo di S. Viviano, una cappella scavata nella roccia, e le cave di marmo sono meta di escursioni.


Grotta-del-VentoVERGEMOLI  (comune di Fabbriche di Vergemoli – LU) – villaggio collinare

Il territorio è dominato da due imponenti massicci, la Pania della Croce e la Pania Secca, ed è uno degli angoli più belli di tutta la Garfagnana. Tutta la zona è ricca d’acqua e i torrenti sono molto adatti alla pesca. In alcuni dei corsi d’acqua è possibile praticare anche la canoa. Tra le maggiori attrattive c’è la Grotta del Vento, una delle cavità naturali più conosciute d’Europa, inserita nel Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane. Meta di escursioni è anche l’insolito Monte Forato. Da segnalare anche l’Eremo di Calomini, attraente costruzione addossata alla roccia viva.


orecchiellaVILLA COLLEMANDINA (LU) – cittadina collinare

La cittadina è situata nell’alta Garfagnana, al centro di un’area di importanza archeologica. Nel territorio ci sono infatti numerose grotte dove sono state individuate tracce sia di insediamenti preistorici che delle popolazioni stanziate nella zona in epoche successive. La Grotta Guerra, la Grotta Raffaelli, la Grotta della Penna Gialla e la Grotta del Cinghiale sono i siti di maggior rilievo. Data la vicinanza, un’escursione consigliata è quella all’Orto Botanico ubicato all’interno della Riserva Naturale della di Pania di Corfino.

Salva

LUNIGIANA (provincia di Massa Carrara)

La Lunigiana è una zona al confine con le regioni Liguria ed Emilia Romagna. È una vallata solcata dal fiume Magra che interrompe l’andamento dell’Appenino Tosco-Emiliano e si protende verso i primi contrafforti delle Alpi Apuane. Tutta la zona offre una notevole bellezza e ricchezza di ambienti e di paesaggi con possibilità di percorrere sentieri e itinerari a contatto con una natura molto spesso immacolata e non intaccata dalla presenza di centri abitati. Per facilitare l’escursionismo sono stati impiantati numerosi rifugi, gestiti soprattutto dal C.A.I. (Club Alpino Italiano), nella parte più alta e montuosa della vallata. Numerosi e attraenti anche le profonde forre e le grandi cavità, spesso costituite da gallerie e grotte carsiche. Ci sono numerose possibilità di praticare sport e attività all’aria aperta in genere, dal trekking, al nordic-walking, alla mountain bike, all’equitazione. Gli appassionati di alpinismo hanno a disposizione alcune apprezzate pareti per arrampicata e scuola di roccia, mentre gli appassionati di speleologia possono penetrare in alcune grotte di notevole interesse non esclusivamente geologico. Il fiume Magra e gli affluenti consentono di praticare attività fluviali come torrentismo, canoa, rafting. La storia ha lasciato edifici imponenti e di valore artistico quali la Fortezza della Brunella e vari altri castelli e fortificazioni medievali e rinascimentali, in gran parte voluti dalla storica famiglia Malaspina. In Lunigiana ci sono anche molte tracce religiose: grande è il numero di pregevoli chiese e pievi romaniche, abbazie e oratori in tutta la vallata. Ciò è da mettere in relazione con il fatto che la Via Francigena, principale direttrice di pellegrinaggio verso Roma, scendeva dal Passo della Cisa e costeggiava il corso del fiume Magra fino ad Aulla.

Aulla1AULLA (MS) – cittadina commerciale e industriale

Situata quasi all’inizio della Lunigiana, è il più importante centro commerciale e industriale della vallata. L’abitato è dominato dall’imponente Fortezza della Brunella e include la secolare e pregevole Abbazia di San Caprasio. Nei dintorni ci sono piccoli borghi che conservano ancora l’aspetto medievale come Caprigliola (mura medicee), Bibola e Bigliolo (ruderi di castelli), Albiano e Olivola (case medievali) e il particolare borgo di Pallerone. Le escursioni sono possibili seguendo il percorso Trekking Lunigiana oppure il tracciato della via Francigena che aveva una delle sue tappe proprio nella cittadina. Aulla è una delle migliori località per apprezzare la cucina della Lunigiana.


alpi apuaneCASOLA IN LUNIGIANA (MS) – borgo collinare

Collocata su uno sperone roccioso dominato dalle Alpi Apuane, è una cittadina suggestiva con abbondanza di palazzi e portali medievali e rinascimentali. Nei dintorni ci sono edifici di valore come le pievi di Codiponte, di Offiano e di San Lorenzo e deliziosi borghi come Regnano, Ugliancaldo e Castiglioncello. La vicinanza al Parco delle Regionale delle Alpi Apuane permette numerosi percorsi trekking in mezzo alla natura non dimenticando quelli proposti da Trekking Lunigiana. Casola è inserita nella Via dei Mercati Medievali, un’iniziativa che rievoca antiche fiere e mercati.


Borgo di CaprioFILATTIERA (MS) – borgo rurale

Il borgo, ubicato nella parte mediana della Lunigiana, mostra chiare tracce del periodo medievale. Di particolare pregio è la romanica Pieve di Santo Stefano di Sorano, poco distante dall’abitato. Nel territorio ci sono castelli di epoche diverse – Castelvecchio e Castello di San Giorgio – e borghi medievali, come quelli di Ponticello e di Caprio con le tipiche case-torri. Nella parte più bassa della zona sono ben conservate fattorie storiche e mulini (Mulino Giuliani, Mulino Zampetti). Importanti anche le aree verdi e panoramiche quali Rocca Sigillina, Lusignana e i Prati di Logarghena. Il territorio è anche attraversato dalla Strada del Vino dei Colli di Candia e di Lunigiana.


Fivizzano1FIVIZZANO (MS) – cittadina collinare e termale

Il territorio comunale è tra i più estesi della Lunigiana: Fivizzano è sempre stato un centro importante, come conferma il numero di chiese e palazzi signorili nel centro storico. Nella zona ci sono altri abitati di valore, come le frazioni di Monzone, Gragnola, dominata dal Castello dell’Aquila, e Verrucola. Ad Equi Terme due sono le maggiori attrattive: lo stabilimento termale e il Parco delle Grotte. Quest’ultimo contiene un museo costituito da un complesso carsico sotterraneo con cavità, cunicoli, sale con quattro diversi tipi di acque. Gli appassionati di trekking possono scegliere tra i percorsi proposti da Trekking Lunigiana e da S.T.E.L.


Borgo di Licciana NardiLICCIANA NARDI (MS) – villaggio rurale

È ubicata circa a metà della Lunigiana e lungo il corso del torrente Taverone. Era un borgo sviluppatosi nel fondovalle, eminentemente con funzioni di sbarramento militare. L’insieme delle fortificazioni comprende la rocca, un ampio anello di mura bastionate e il Castello di Piano sull’altra sponda del torrente. Nel territorio ci sono altri interessanti castelli: Bastia, Monti, Pontebosio, Terrarossa. Quindi altre strutture o insediamenti storici quali la Pieve di Venelia, il borgo di Panicale, Apella e il borgo di Tavernelle. Quasi tutti sono visitabili tramite un percorso trekking di orientamento storico. L’attività all’aria aperta è privilegiata anche dagli itinerari Trekking Lunigiana e S.T.E.L. Licciana Nardi è un punto di accesso privilegiato al Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.


castello gavedoMULAZZO (MS) – borgo medievale

È collocato nella parte più alta della Lunigiana. Il nucleo storico ha conservato l’aspetto medievale caratterizzato da vicoli, porte e torri. Inoltre gli archi di un acquedotto costruito dalla famiglia Malaspina. Insolito e interessante è il Museo Dantesco. Nel territorio ci sono molti piccoli borghi di origine medievale e un’antica abbazia benedettina, tutti ben conservati nell’aspetto originario: Montereggio, Castevoli, Lusuolo, Gavedo, Canossa, Campoli, Castagnetoli. Notevoli le possibilità di praticare attività all’aria aperta utilizzando gli itinerari predisposti da Trekking Lunigiana e S.T.E.L.


Podenzana Castello BibollaPODENZANA (MS) – villaggio rurale

Nonostante le dimensioni ridotte, il territorio è uno dei più caratteristici della Lunigiana: prevalentemente collinare, è molto adatto alle coltivazioni della vite, dell’olivo e del melo “binotto”, una varietà locale. Numerose e significative le “maestà”, edicole con bassorilievi in marmo o pietra, in generale dedicate alla Madonna, collocate dalle famiglie più facoltose agli incroci delle strade. Una consistente parte dell’economia è costituita dal turismo legato alla gastronomia locale. A tal proposito si ricordano i “panigacci”, una sorta di pane azzimo, ottimi assieme a ogni tipo di pietanza, oppure semplicemente conditi con salsa di funghi o pesto, olio e formaggio parmigiano.


pontremoli3PONTREMOLI (MS) – borgo medievale e cittadina rurale

Situata nella parte più alta della Lunigiana, la cittadina ha conservato nel centro storico molte vestigia dell’importante ruolo passato: il Castello di Piagnaro, case-torri, ponti medievali ma anche raffinati edifici religiosi di epoca barocca. Di notevole interesse è il Museo delle Statue Stele della Lunigiana. Molte e attraenti le possibilità di attività all’aria aperta: gli itinerari Trekking Lunigiana, quelli locali Valli del Magra e Valli del Verde, una significativa porzione della via Francigena. Di tutt’altro tipo l’itinerario proposto dalla Strada del Vino Colli di Candia e di Lunigiana. Dalla grande tradizione dei librai del luogo è nato, nel 1952, il prestigioso Premio Letterario “Bancarella”.


tresana1TRESANA (MS) – villaggio rurale

È un grazioso borgo arroccato su un colle e circondato dal verde di castagneti. Il castello Villa di Tresana, completamente restaurato, è una delle attrazioni. Nel territorio ci sono vari piccoli e deliziosi borghi come Barbarasco, Groppo, Noveggiola e Giovagallo. In crescita è il turismo, attirato da un territorio incontaminato e preservato dal punto di vista ambientale, solcato da numerosi itinerari adatti alle escursioni e al trekking quali quelli proposti da Trekking Lunigiana e S.T.E.L.

PROVINCE DI GROSSETO, DI LIVORNO E DI SIENA

tsl-radicondoliLe Colline Metallifere

Salva

AMIATA (province di Grosseto e di Siena)

È la montagna più alta e imponente di tutta la Toscana meridionale (1.738 metri s.l.m.). Amministrativamente è suddivisa tra le province di Grosseto – comuni di Arcidosso, Castell’Azzarra, Castel del Piano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano, Semproniano – e di Siena – comuni di Abbadia San Salvatore e di Piancastagnaio. Il Monte Amiata è costituito da una notevole varietà di ambienti e di paesaggi. Infatti è un antichissimo vulcano che non ha la classica forma a cono, ma appare come l’unione di varie cime. Inoltre costituisce il culmine di un massiccio montuoso articolato comprendente il Monte Labbro, il Monte Buceto, il Monte Civitella e il Poggio Zoccolino. I corsi d’acqua principali sono il Fiora, che nasce nei pressi dell’abitato di Santa Fiora, l’Albegna, che nasce sul versante orientale del Monte Labbro, il Paglia e l’Orcia. Le pendici sono ricoperta da rigogliose abetine, faggete, castagneti, piene di rocce dalle forme inconsuete e di fresche sorgenti e laghetti di origine vulcanica.
Tutto intorno al Monte Amiata ci sono numerosi villaggi e borghi ricchi di arte e storia. Insediamenti preistorici, ruderi di epoca romana, fortificazioni medievali, palazzi rinascimentali sono ubicati in varie località, a testimoniare la presenza dell’uomo in tutte le fasi storiche. Fu inoltre terra di frontiera fin dal VII° secolo d.C. e anche di transito, lambita dalla via Francigena (o Romea), consolidatasi in epoca longobarda in alternativa alla via Cassia romana.
La montagna è solcata da una rete di sentieri segnalati per il trekking e per le escursioni in mountain bike o a cavallo. I percorsi uniscono tutti i centri abitati di maggior rilievo, la montagna e anche le grandi direttrici della sentieristica nella Toscana meridionale. Uno di questi sentieri, 28 chilometri di lunghezza, gira attorno alla montagna a quote comprese tra 1.050 e 1.300 metri.
Nella cosiddetta “fascia del castagno”, in particolare nei comuni di Arcidosso, Castel del Piano e Seggiano, sono visibili numerosi seccatoi. Per valorizzare ulteriormente questo prodotto è stato anche allestito un percorso denominato “Strada della Castagna”.
Di notevole interesse sono i vari complessi museali quali il Parco Minerario dell’Amiata e le numerose aree protette. Tra queste il Parco Faunistico del Monte Amiata, dove vivono animali tipici quali daini, mufloni, asini e lupi appenninici, e sei riserve naturali (Monte Labbro, Monte Penna, Pescinello, Poggio all’Olmo, Rocconi, SS. Trinità). Di interesse enogastronomico, ma anche storico e artistico, le “strade del vino” che lambiscono il Monte Amiata. In tutte le principali località sono organizzate sagre ed eventi per la valorizzazione della cucina tipica, senza dimenticare la castagna, prodotto tipico per eccellenza.

cinigiano castelloCINIGIANO (GR) – villaggio agricolo collinare

Il territorio si estende su di un rilievo collinare che domina la Valle dell’Ombroneda un lato, e la parte finale della Val d’Orcia dall’altro. La cittadina ha vocazione agricola, ma recentemente ha avuto un ingrandimento del turismo, principalmente con turisti venuti dalla Germania e dalla Svizzera. La zona è molto conosciuta anche per la produzione vinicola di qualità rappresentata per il marchio Montecucco DOCG che comprende varie fattorie che formano la Strada del Vino di Montecucco. Sono offerte al turista, visite guidate alle fattoria con degustazione di vino e prodotti tipici locali. Nei dintorni sono presenti caratteristici borghi che ancora mantengono l’archiettura medievale originale come i borghi di Porrona e Montiecello Amiata. Ci sono anche castelli che hanno avuto un ruolo impotante nella storia come il Castello di Colle Massari e   Vicarello e Tenuta di Monte Cucco che oggi sono prestigiose aziende agricole.


Piancastagnaio roccaPIANCASTAGNAIO (SI) – villaggio rurale

La cittadina è situata sul versante orientale del Monte Amiata. Il centro storico, di forma circolare, si sviluppa a ventaglio ed è intersecato da vicoli medievali. Qua e là ci sono chiese e fontane. Dalla cittadina hanno origine vari sentieri che permettono di effettuare escursioni verso il Monte Amiata e la Riserva Naturale del Pigelleto. Piancastagnaio fa parte del Parco Nazionale Museo delle Miniere dell’Amiata perché nel suo territorio, per l’esattezza in località Cancelli, si estraeva il cinabro (minerale del mercurio).

 


 roccalbegna1ROCCALBEGNA (GR) – villaggio  collinare

Il paesino è ubicato nell’alta valle del fiume Albegna, ai piedi di due ripide e pittoresche rupi, una più alta dell’altra, su ognuna delle quali sorge una fortificazione, la Rocca aldobrandesca e il Cassero Senese. Da questa particolare orografia deriva il detto popolare “se il Sasso scrocca, addio la Rocca”. Il villaggio è un labirinto di strade e vicoli su cui si affacciano piccoli edifici, tra cui un’importante chiesa romanica. Inoltre due palazzi i notevole valore, quello Bichi Ruspoli e quello della Lana.

 


SEGGIANO (GR) – villaggio agricolo medievale

La cittadina, ubicata sopra un poggio circondato da olivi e castagneti, a metà strada tra la sommità del Monte Amiata e la valle del fiume Orcia, ha mantenuto intatto l’aspetto medievale e conservato le origini rurali. Rimangono ancora le tre antiche porte e grande parte dalla cinta muraria del X° secolo, che conteneva tutto il nucleo abitato. Nella zona ci sono piccoli borghi inseriti in un paesaggio boschivo dove sono presenti anche vecchi casali, alcuni dei quali trasformati in confortevoli agriturismi. Da menzionare Pescina, la cui principale attrattiva sono i ristoranti dove si possono gustare le specialità culinarie locali. Dalla vetta dell’Amiata si apre un’area sciabile; inoltre numerosi sentieri per escursioni a piedi e trekking.


sempronianoSEMPRONIANO (GR) – villaggio collinare

Compreso tra le pendici del Monte Amiata e la Maremma, tutto il territorio è piuttosto tranquillo, caratterizzato da un paesaggio suggestivo costituito da gradevoli colline e ampi panorami sulle valli dei fiumi Fiora e Albegna. Semproniano si presenta come un piccolo borgo con un centro storico, ben conservatosi nel tempo, con caratteristici vicoli stretti, vecchie case di pietra e balconi di travertino. Il territorio è ricco di piccoli borghi ubicati tra oliveti.

COLLINE METALLIFERE (province di Livorno, di Pisa, di Siena e di Grosseto)

Si estendono nella parte centro-occidentale della Toscana, una zona suddivisa tra le province di Pisa e di Grosseto e, parzialmente, anche quelle di Livorno e di Siena. Il paesaggio è in parte selvaggio, ma caratterizzato da colori vivaci dovuti alla presenza di vari minerali nel sottosuolo. Attualmente si sfruttano principalmente i soffioni boraciferi, dai quali si ricava energia geotermica. Particolarissima è la zona detta Valle del Diavolo, con scenari davvero unici, piena di soffioni boraciferi e di “lagoni”, piccole cavità piene d’acqua che sprigionano gas naturali.
L’aspetto della maggior parte dei centri abitati conserva ancora caratteri tipicamente medievali. Il territorio include un gioiello dell’architettura toscana, la cittadina di Massa Marittima, importante esempio di urbanistica dell’età medievale. Nelle Colline Metallifere ci sono numerose e importanti tracce dell’epoca etrusca.
In tutte le Colline Metallifere ci sono numerosi aree museali o espositive all’aperto quali parchi archeologici (Parco Archeominerario di San Silvestro, Parco Archeologico degli Etruschi) e minerari (Parco Tecnologico ed Archeologico delle Colline Metallifere), riserve naturali (Val di Farma, La Pietra, Oasi Monte Leoni, Lago dell’Accesa, percorso geotermico Le Biancane) e miniere visitabili. Eccellenti le possibilità di attività all’aria aperta -trekking, mountain bike, equitazione – e di vari tipi di sport.

castelnuovoCASTELNUOVO DI VAL DI CECINA (PI) – villaggio medievale

È un delizioso villaggio di aspetto medievale: impianto urbano tipico del castello e del borgo, porte d’accesso originali, viuzze strette e tortuose. Il territorio include alcuni borghi pittoreschi, tutti di origine medievale: La Leccia, Montecastelli Pisano, Sasso Pisano. In quest’ultimo sono particolarmente evidenti i fenomeni geotermici, numerosi soffioni e “lagoni” boraciferi. Il calore endogeno genera anche acque con proprietà terapeutiche sfruttate nello stabilimento termale di Bagno a Morbo ma presenti anche in varie vasche naturali. Tra le attrazioni da visitare il Museo Etrusco e Romano, due siti archeologici, la miniera di rame del Pavone, il Parco delle Fumarole. Anche un itinerario escursionistico consente di attraversare i terreni caldi, spesso circondati da vapori.


venturinaCAMPIGLIA MARITTIMA (LI) – cittadina storica e termale

Il territorio include due distinti agglomerati urbani: Campiglia, il capoluogo posto in alto, e Venturina, nella zona pianeggiante. Il primo è un delizioso borgo medievale, dominato dalla rocca, con edifici storici e un interessante museo archeologico. Venturina, decisamente più moderna, è nota per le terme (Parco Termale Calidario). Tra le attrazioni il Parco Archeominerario di San Silvestro, dove le gallerie Lanzi-Temperino sono visitabili a bordo di un trenino minerario. Una rete di sentieri attraversa l’area naturale protetta Parco di Montioni e consente di raggiungere vecchie cave di allume. Il territorio è inserito nella Strada del Vino Costa degli Etruschi.


gavorranoGAVORRANO (GR) – cittadina mineraria

È situato sul versante settentrionale del Monte d’Alma ed è stato un importante centro di minerario. Tutto il territorio è pieno di cave e di vecchie strutture per l’escavazione e la lavorazione dei minerali. Nei dintorni ci sono attraenti borghi, come quello medievale di Ravi, tombe etrusche, boschi rigogliosi, miniere in disuso. Queste ultime sono visitabili all’interno del Parco Museo Minerario, in particolare numerosi pozzi di estrazione della pirite. Di notevole interesse è il Teatro delle Rocce ricavato all’interno di una cava di di calcare dismessa. Affascinanti sono i ruderi del Castel di Pietra, dove la tradizione dice sia morta Pia de’ Tolomei. Per gli appassionati di sport all’aria aperta arrampicata e parapendio sono possibili in alcuni punti del Monte Calvo.


parco naturalistico biancaneMONTEROTONDO MARITTIMO (GR) – cittadina di geotermia

La principale caratteristica della cittadina, dominata dalla rocca, sono i soffioni boraciferi che fuoriescono dal sottosuolo. Nell’abitato, circondato da boschi di latifoglie e castagneti, c’è lo storico Palazzo delle Logge. Tra le attrattive nei dintorni ci sono il Santuario della Madonna del Frassine, meta di pellegrinaggi, il castello minerario di Cugnano e i ruderi di strutture termali di epoca longobarda denominate “Bagni di Re Porsenna”. I fenomeni geotermici sono ben visibili all’interno dell’area naturale protetta Parco delle Biancane. Altrettanto interessanti sono le Alluminiere di Monteleo, ubicate all’interno del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Grossetane.


monteverdi_marittimo_1MONTEVERDI MARITTIMO (PI) – villaggio collinare

È una piccola cittadina collinare all’estremo sud della provincia di Pisa. Il nome riflette l’aspetto paesaggistico della zona, caratterizzato da morfologia accidentata ma con ampi scorci panoramici. Boschi di lecci, sugheri e castagni costituiscono la bellezza di un territorio ancora del tutto incontaminato. Il centro storico della cittadina è attraversato dalle “rughe”, un fitto reticolo di vicoli che si aprono su piccole piazze. Nel territorio circostante c’è il borgo medievale di Canneto e i ruderi del monastero di San Pietro in Palazzuolo. Gli amanti dell’attività all’aria aperta e del trekking possono visitare la Riserva Regionale Foresta di Monterufoli-Caselli seguendo un itinerario segnalato.


montieriMONTIERI (GR) – cittadina mineraria

Lo sfruttamento del sottosuolo ha profondamente modificato il paesaggio, ma il territorio ha mantenuto un equilibrio tra boschi, torrenti, miniere e impianti industriali. Nella cittadina, dominata dal Cassero Senese, ci sono due significativi edifici religiosi e palazzi storici. Di notevole interesse è il settore che, all’interno del Parco Nazionale delle Colline Metallifere Grossetane, illustra l’attività mineraria e metallurgica. Ci sono numerose miniere di rame e di argento che ancora conservano gli impianti, i sistemi di trasporto e le gallerie di estrazione. Vi si accede dalla località di Boccheggiano, antico villaggio minerario. Il polmone verde del territorio è la Riserva Regionale Cornate e Fosini, area naturale protetta di notevole interesse floreale e adatta all’osservazione notturna del cielo.


geotermiaPOMARANCE (PI) – villaggio di geotermia

La cittadina deve il suo sviluppo allo sfruttamento della geotermia, ma le maggiori attrazioni sono tutte situate nel territorio circostante. Innanzi tutto l’imponente Rocca Sillana, possente fortificazione del XII° secolo, ubicata su un rilievo collinare. Quindi i due attraenti borghi di Montegemoli e di Lustignano. Il Museo Casa Bicocchi contiene importanti reperti compresi tra il Paleolitico e il Rinascimento, ivi compresi reperti etruschi e romani. Larderello ha un aspetto completamente diverso ma qui si possono osservare da vicino numerosi soffioni e fumarole. Una panoramica completa è il Museo della Geotermia. La Riserva Regionale Foresta di Monterufoli-Caselli è un’area protetta visitabile seguendo appositi itinerari.


terme di sassettaSASSETTA (LI) – cittadina termale

Arroccato su un colle, è un piccolo borgo che ha conservato tracce del passato. Le Terme di Sassetta sono alimentate da acque che sgorgano a 49,6°, ricche di solfati, calcio e oligoelementi. A Sassetta si svolgono varie manifestazioni ed eventi ricchi di suggestione e di folclore. Nei boschi ci sono percorsi e sentieri adatti a escursioni a piedi, trekking, in bicicletta e a cavallo. All’interno del Parco Forestale di Poggio Neri c’è il Museo del Bosco, un omaggio all’importanza del bosco e delle castagne per l’economia della zona. Numerosi gli agriturismi, alcuni dei quali vendono prodotti tipici.


suveretoSUVERETO (LI) – borgo medievale rurale

Collocato in posizione collinare, è catalogato tra i borghi più belli d’Italia. Le tracce del passato medievale sono visibili nella rocca che domina l’abitato, in tre importanti edifici religiosi e nel palazzo comunale. Insolito e interessante è il Museo della Bambola che conserva esemplari di valore storico e artistico. Le aree verdi più prossime sono il Parco Naturale di Montioni, solcato da una fitta rete di sentieri, e il Parco Naturale di Poggio Neri. L’economia del territorio è tradizionalmente basata sull’agricoltura – vigneti, oliveti secolari e sughereti -, le attività forestali e l’allevamento. La zona è inclusa nella Strada del Vino Costa degli Etruschi e vi hanno sede aziende che producono vini DOC Val di Cornia.

COSTA DEGLI ETRUSCHI (provincia di Livorno)

È un ampio tratto della costa toscana lungo quasi 90 chilometri che si estende da Livorno a Piombino. Il nome deriva dalle numerose necropoli etrusche, principalmente quelle di Baratti e Populonia. Il mare, la natura e la storia convivono in un unico e armonico ambiente. Alcune località della costa hanno ottenuto riconoscimenti “Bandiera Blu” per la qualità dell’ambiente e dei servizi turistici. Ci sono ben 47 spiagge con caratteristiche diverse, ma anche tratti con scogli e fondali profondi. Notevoli le opportunità per la nautica da diporto. Sono ben 28 i percorsi cicloturistici segnalati per escursioni rilassanti e visite alle varie attrazioni storiche e naturali.
Tutta la zona è ricca di musei pieni di reperti etruschi e romani, come quelli di Rosignano Marittimo, Cecina e Piombino. Nel Parco Archeologico di Baratti e Populonia ci sono le tracce più significative degli Etruschi. Di particolare valore è Populonia Alta, un borgo sulla cima di una collina, primo e unico esempio di città costiera etrusca.
Folte pinete, boschi e una campagna ricca di colori e di profumi sono lo scenario naturale. Oltre il 20% della Costa degli Etruschi è costituito da parchi, aree protette, oasi naturalistiche e rifugi faunistici. Tra tutti spiccano l’Oasi WWF di Bolgheri, zona umida di importanza internazionale, il Parco della Magona che ospita un’oasi biogenetica, il Parco delle Colline Livornesi, di notevole interesse storico-naturalistico, l’oasi faunistica del Parco di Rimigliano, l’oasi di Orti-Bottagone e i Parchi della Sterpaia e di Montioni. Itinerari segnalati per il trekking e per le escursioni a cavallo sono presenti un po’ dovunque.
L’ormai dismessa attività mineraria dispone di parchi e strutture che ne rievocano l’importanza. Nel Parco Archeominerario di San Silvestro, vero museo a cielo aperto, sono state ricostruite le fasi di lavorazione dei metalli dall’epoca etrusca fino al Medioevo.
Invitanti sono le specialità enogastronomiche del territorio, primo tra tutti il vino. La Strada del Vino Costa degli Etruschi include aree di produzione di assoluto pregio: il Bolgheri DOC, tra cui spiccano il Sassicaia e l’Ornellaia, è uno dei vini più pregiati al mondo. Il suggestivo itinerario include tutte aziende agricole di qualità. Da segnalare anche l’olio extravergine di oliva di altissima qualità (marchio IGP), spremuto con tecniche tradizionali.
Da alcuni anni, nel mese in giugno, i principali centri abitati della Costa degli Etruschi celebrano l’arrivo dell’estate con una “Notte Blu” ricca di feste, concerti, spettacoli ed eventi culturali ed enogastronomici.


BOLGHERI (comune di Castagneto Carducci – LI) – borgo storico e area vinicola

Borgo di origine medievale raggiungibile tramite il Viale dei Cipressi,  che inizia esattamente davanti all’Oratorio di San Guido. È stato celebrato da una delle più note poesie di Giosué Carducci. Al borgo, che ha conservato l’aspetto originario, si accede da una porta, ubicata direttamente sotto il castello. Numerosi gli edifici storici, le vecchie fabbriche e curiose botteghe artigianali. Il vino è l’elemento dominante della zona. Il noto Sassicaia fu prodotto per la prima volta nelle cantine del castello di Castiglioncello. Bolgheri è ovviamente incluso nella Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi e tra i vari eccellenti prodotti spicca il conosciuto e apprezzato Bolgheri DOC.


venturinaCAMPIGLIA MARITTIMA (LI) – cittadina storica e termale

Il territorio include due distinti agglomerati urbani: Campiglia, il capoluogo posto in alto, e Venturina, nella zona pianeggiante. Il primo è un delizioso borgo medievale, dominato dalla rocca, con edifici storici e un interessante museo archeologico. Venturina, decisamente più moderna, è nota per le terme (Parco Termale Calidario). Tra le attrazioni il Parco Archeominerario di San Silvestro, dove le gallerie Lanzi-Temperino sono visitabili a bordo di un trenino minerario. Una rete di sentieri attraversa l’area naturale protetta Parco di Montioni e consente di raggiungere vecchie cave di allume. Il territorio è inserito nella Strada del Vino Costa degli Etruschi.


terme di sassettaSASSETTA (LI) – cittadina termale

Arroccato su un colle, è un piccolo borgo che ha conservato tracce del passato. Le Terme di Sassetta sono alimentate da acque che sgorgano a 49,6°, ricche di solfati, calcio e oligoelementi. A Sassetta si svolgono varie manifestazioni ed eventi ricchi di suggestione e di folclore. Nei boschi ci sono percorsi e sentieri adatti a escursioni a piedi, trekking, in bicicletta e a cavallo. All’interno del Parco Forestale di Poggio Neri c’è il Museo del Bosco, un omaggio all’importanza del bosco e delle castagne per l’economia della zona. Numerosi gli agriturismi, alcuni dei quali vendono prodotti tipici.


suveretoSUVERETO (LI) – borgo medievale rurale

Collocato in posizione collinare, è catalogato tra i borghi più belli d’Italia. Le tracce del passato medievale sono visibili nella rocca che domina l’abitato, in tre importanti edifici religiosi e nel palazzo comunale. Insolito e interessante è il Museo della Bambola che conserva esemplari di valore storico e artistico. Le aree verdi più prossime sono il Parco Naturale di Montioni, solcato da una fitta rete di sentieri, e il Parco Naturale di Poggio Neri. L’economia del territorio è tradizionalmente basata sull’agricoltura – vigneti, oliveti secolari e sughereti -, le attività forestali e l’allevamento. La zona è inclusa nella Strada del Vino Costa degli Etruschi e vi hanno sede aziende che producono vini DOC Val di Cornia.

MAREMMA (province di Grosseto e di Livorno)

È un’ampia fascia che si estende sia lungo la costa che nell’interno della zona più meridionale della provincia di Livorno e di tutta quella di Grosseto. Paesaggio variegato, colline dolci, monti ricoperti di fitta vegetazione sono i tratti salienti. Quindi mare limpido, costa sabbiosa, calette isolate e i due promontori di Punta Ala e dell’Argentario. Numerosi i borghi e le cittadine storiche quali Ansedonia, Capalbio, Castiglione della Pescaia, Talamone. Quindi località più tipicamente balneari come Marina di Grosseto, Principina a Mare, Punta Ala, Porto Ercole, Porto S. Stefano.
Le aree archeologiche etrusche sono di assoluto rilievo: nelle vicinaze di Grosseto c’è Roselle, con un grande Parco Archeologico, più a sud Vetulonia.
Nella Maremma ci sono numerose aree naturali protette. Una delle principali è il Parco Regionale della Maremma, tutto lambito dal mare, con ben 13 riserve naturali ricche di attrazioni botaniche, zoologiche e geologiche. All’interno del parco i Monti dell’Uccellina sono un’attrazione a parte: natura incontaminata e grande varietà di paesaggi da gustare a piedi o a cavallo. Ancora sulla costa, anche la Riserva Regionale Diaccia Botrona, l’Oasi della Laguna di Orbetello e la Riserva Statale Duna Feniglia. Butteri, tipici cowboy maremmani, caratteristici buoi dalle lunghe corna, cavalli allo stato brado, uccelli acquatici in libertà sono scenari che si possono osservare solo in Maremma. La natura e la varietà del terreno favoriscono numerose attività sportive tra cui escursionismo, trekking, cicloturismo, mountain bike, equitazione. Moltissimi gli  itinerari e percorsi segnalati. Vela e attività subacquee sono praticate diffusamente lungo la costa.
Ci sono anche alcuni centri termali quali le ormai famose Terme di Saturnia.
La cucina tipica maremmana è ricca di sapori forti. È costituita da piatti tradizionali (tra cui l’apprezzata “acqua cotta”), selvaggina (cinghiale, lepre, fagiano), funghi. Ma non mancano la carne bovina (l’apprezzata Razza Maremmana), l’agnello, gli animali da cortile. Ottimi anche i salumi e i formaggi. Anche il vino ha le sue zone di eccellenza: Ansonica Costa, Bianco di Pitigliano, Capalbio, Monteregio di Massa Marittima, Montecucco (vero “cugino” del Montalcino), Morellino di Scansano, Parrina, Sovana. Ottimo anche l’olio delle zone collinari.
In molti borghi si svolgono rievocazioni storiche con cortei in costume d’epoca e storiche sfide tra rioni. Tra i più importanti il Balestro del Girifalco a Massa Marittima, il Palio Marinaro dell’Argentario ed il Salto della Contessa a Gavorrano.


MANCIANO (GR) – borgo medievale e cittadina termale

Collocato su una collina, in passato ebbe grande importanza come punto di osservazione, anche se delle 11 torri di avvistamento ne sono sopravvissute soltanto due. Nel territorio ci sono due notevoli borghi medievali: Saturnia e Montemerano. Il primo, in particolare, è un miscuglio di architetture di epoca romana (una porta d’accesso e un tratto della via Clodia) e medievale (mura e rocca). Altre attrazioni del territorio sono il castello di Scerpena e la fattoria di Marsiliana. Nel territorio sono numerosi i siti archeologici etruschi e romani, quali la necropoli di Pian di Palma e la necropoli della Banditella. I reperti sono visibili in due distinti musei. Altra attrazione sono le Terme di Saturnia che offrono un ampia gamma di terapie curative e che dispongono di raffinate strutture ricettive. Numerosi, nella zona, gli itinerari per trekking, cavallo e mountain bike.

 

TENUTA I BONSI - Reggello

strong>TENUTA I BONSI

Tenuta I Bonsi

Indirizzo: Via I Bonsi, 47 Località Sant’Agata-Pietrapiana – 50066 Reggello
Tel.: +39 055 8652118
Sito: www.agriturismoibonsi.it
Email: info@agriturismoibonsi.it
Email: fattoria@agriturismoibonsi.it
Prezzi: da €1.015 a €1.736,00 a settimana per 7 persone / €540,00 a settimana per 2 persone / €180,00 2 notte per 2 persone

La Tenuta i Bonsi si estende sulle colline fiorentine e la vallata del fiume Arno, detta Valdarno. E’ situata ad un’altitudine di 400 metri s.l.m. e occupa una superficie di quasi 300 ettari tra le città di Firenze (35km) ed Arezzo (65km). Circondata da olivi, la villa padronale, risalente al XV° secolo, fu proprietà della famiglia fiorentina Bonsi della Ruota. Nel XVII° secolo fu ceduta ai monaci della Chiesa del Carmine di Firenze e trasformata in convento. Nel XIX° secolo la famiglia Budini Gattai, su progetto dell’architetto e pittore Raffaello Sorbi, trasformò l’edificio in una villa-castello in stile neogotico. Attorno alla villa fanno da cornice il bel parco con un lungo viale alberato, giardino, la chiesetta (XVII° secolo) e le terrazze con vista panoramica. Il giardino romantico ottocentesco, ricco di alberi secolari, piante e fiori, rappresenta una cornice naturale per eventi all’aperto dagli aperitivi di accoglienza, coffe break a ricevimenti serali o pranzi.

Tenuta I Bonsi

Oltre a conservare le caratteristiche tipiche di villa-castello, la Tenuta I Bonsi ha sviluppato le premesse necessarie per una produzione agricola dedicata alla vite e, in particolare, all’olivo il cui prodotto di punta è il noto “Laudemio” olio extravergine di oliva delle colline del Valdarno superiore. Di particolare rilievo la cantina con volte a crociera in laterizi, risalente al periodo medievale, e l’orciaia, con manufatti del XIX° secolo.

ACCOGLIENZA AGRITURISTICA

Tenuta I BonsiTenuta I Bonsi

La Tenuta I Bonsi comprende due casali indipendenti – Casa Cencio e Casa Bicocchi con appartamenti ben attrezzati, con giardino privato, e tutti i confort.

CASA CENCIO

Tenuta I Bonsi
Appartamenti: 3
Posti letti totale: 16
Composizione: bagni privati, TV satellitare, connessione Internet Wi-Fi e riscaldamento, soggiorno con camino, grande tavolo da pranzo e zona living con divano cucina indipendente attrezzata, bagno con doccia/vasca (adatta ai disabili). Gli appartamenti si affacciano su una corte esterna dove per ognuno è presente uno spazio attrezzato con tavolo sedie e barbecue.

1. Cencio Terreno – 170 mq
Camere: 3 camere doppie ed una singola
Posti letti: 7

2. Cencio Loggia – 100 mq
Camere: 2 camere doppie, una camera singola
Posti letto: 5

3. Cencio Torre – 110 mq
Camere: una camera matrimoniale e bagno con vasca (secondo piano) e camera doppia e bagno con vasca (primo piano)
Posti letto: 4

CASA BICOCCHI

Tenuta I BonsiTenuta I Bonsi

 

Appartamenti: 2
Posti letto totale: 11
Composizione: cucina attrezzata e caratterizzata da un camino in pietra serena, un ampio soggiorno con tavolo da pranzo e zona living con divano, poltrone e tv satellitare
La casa Bicocchi è un antico casale situato all’interno del parco della Villa. Edificata come casa di caccia alla fine del XIX° secolo,interamente in pietra in stile neogotico, la struttura mantiene ancora oggi le volte a crociera nei soffitti del piano terreno e travi in legno nei piani superiori. E’ suddivisa in due appartamenti: Giardino e Pomaio, che possono essere resi comunicanti e affittati unitamente.

1. Bicochi Giardino – 110 mq
Camere: 3 camere doppie, una camera singola, due bagno con vasca.
Posti letto: 7

2. Bicochi Pomaio – 90 mq
Camere: studio con camera matrimoniale in soppalco e bagno con doccia, una camera doppia e bagno con vasca
Posti letto: 4

TORRINO – 28mq

Camere: una camera matrimoniale e bagno con doccia
Posti letto: 2
Composizione: soggiorno, angolo cottura, zona giorno con tavolo da pranzo, divano letto e tv satellitare e soppalco.
È un grazioso loft facente parte del complesso principale della villa. Tramite una scala a chiocciola si accede al soggiorno dove da un lato è disposto l’angolo cottura e da l’altro un’ampia zona giorno. L’appartamento si affaccia sul giardino della villa e dispone di una zona esterna ad uso esclusivo con tavolo, sedie e barbecue.

SERVIZI E DOTAZIONI GENERALE

  • Pulizie iniziali e finali dell’appartamento
  • Riscaldamento autonomo
  • Ventilatore
  • Tv satellitare
  • Lavastoviglie
  • Asciugacapelli
  • Frigorifero/congelatore
  • Forno tradizionale
  • Tostapane
  • Macchina per il caffè italiano moka
  • Bollitore
  • Spremiagrumi
  • Biancheria da letto, da bagno e da cucina inclusa
  • Connessione Internet Wi-Fi
  • Utenze incluse
  • Animali domestici ammessi di piccola taglia (avvisare alla prenotazione)
  • Dotazione attrezzatura per spazio esterno (tavolo, sedie e barbecue)
  • Telo da bagno per piscina
  • Culla da viaggio / Seggiolone
  • Biciclette
  • Servizio lavanderia a pagamento

WEDDING ED EVENTI

Tenuta I Bonsi

La Tenuta I Bonsi offre ambienti suggestivi e raffinati per convegni, cerimonie ed eventi. Ubicate al pian terreno della Villa, le sale del vecchio frantoio e dell’antico torchio godono di accesso diretto al parco esterno e possono ospitare fino a 150 persone. I due ambienti mantengono perfettamente conservati oggetti storici come l’antico frantoio in pietra e il Torchio seicentesco.

LA FATTORIA

Tenuta I Bonsi
La produzione agricola della Tenuta I Bonsi è centrata prevalentemente sull’olivo, ma si coltivano anche 11 ettari di vigneti e si ricava un miele purissimo che raccoglie i profumi del territorio. Da segnalare l’elegante e strutturato vino Rosso IGT e il Vin Santo Tenuta I Bonsi caratterizzato da profumi intensi,e adatto ad accompagnare dessert, cioccolato e formaggi.

L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA “Cum Laude”

La produzione olivicola è considerevole. In totale si coltivano circa 15.000 olivi su una superficie di 73 Ha. L’azienda ha aderito al sistema di coltivazione biologico, ottenendo la certificazione sull’intera produzione. Il frantoio è un elemento di orgoglio. Infatti, oggi il Frantoio i Bonsi vanta l’utilizzo di un moderno impianto a ciclo continuo a due fasi con una capacità di lavorazione di 1500 kg di olive in un ora. Il sistema di estrazione a due fasi, operando con un ridotto apporto di acqua di processo, consente di limitare il lavaggio di composti idrosolubili come antiossidanti e sostanze aromatiche mantenendo ed esalando le proprietà nutrizionali del frutto.

Tenuta I Bonsi

Su appuntamento è possibile visitare la fattoria tramite un percorso guidato che illustra gli sviluppi della tecnica di produzione dell’olio extravergine a partire dall’uso del frantoio medioevale a macine, ancora perfettamente conservato nelle sale della villa, fino all’attuale sistema di estrazione a ciclo continuo. Il percorso include la visita all’antica orciaia e alle cantine storiche. Si organizzano su richiesta degustazioni dei prodotti della Fattoria.

DOVE TROVARCI

SERVIZI TURISTICI

Dove dormire in Toscana – I migliori agriturismi

AREZZO E DINTORNI

AGRITURISMO LE GRET - Subbiano (Arezzo))

AGRITURISMO LE GRET

Indirizzo: Località Le Grete, 128 – Poggio d’Ancona – 52010 Subbiano (AR)
Tel.: +39 0575 487021 / +39 335 255226
Sito: www.legretagriturismotoscana.it
Email: massimo.marapodi@gmail.com
Facebook: www.facebook.com/AgriturismoLeGret
Periodo di chiusura: periodo invernale da 31 Ottobre a 13 Aprile
Accessibilità a disabili:

L’agriturismo è ubicato nella valle confinante con il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi dove sono presenti incantevoli borghi medievali, monasteri, pievi e castelli millenari. Il complesso agrituristico è composto da sei edifici adibiti all’accoglienza e da 30 ettari di terreno dedicati alla produzione di nocciole e tartufi. Ci sono tre case con appartamenti e camere arredate con gusto dotate di tutti i confort per un totale di 25 posti letto. Inoltre, ci sono la sala per la colazione,  la sala ristorante, una saletta per riunioni, una zona all’aperto con barbecue, piscina con idromassaggio, campo di calcetto e ping-pong.

Servizi generali: bar – ristorante colazione/cena, aperitivo in piscina, piscina con idromassaggio, campo di calcetto, ping-pong, terrazza solarium, barbecue, servizio lavanderia, pulizia giornaliera, parcheggio gratuito

CAMERE

Le strutture sono:
. appartamento bilocale
. appartamento di 85 mq con 2 camere
. appartamento confort
. 2 mini appartamenti e 3 camere all’interno della casa padronale

Servizi: TV satellitare, wi-fi, riscaldamento, cucina, bollitore, frigo negli appartamenti e frigobar nelle camere, set cortesia, asciugacapelli, accappatoio – ciabattine – telo piscina a richiesta

Prezzi: a partire da €60,00 a notte con colazione – possibilità di mezza pensione colazione-cena.

RISTORANTE

L’agriturismo Le Gret è dotato di cucina attrezzata con forno a volta dove sono preparate pietanze utilizzando prodotti freschi e genuini. L’agriturismo offre un’abbondante e variegata colazione. Nella sala ristorante sono servite le cene con elaborati piatti tipici della cucina toscana.

SPORT E DIVERTIMENTO

I dintorni di Le Gret sono ideali per percorsi trekking, sia a piedi che a cavallo. Infatti nelle vicinanze dell’agriturismo ci sono maneggi dove è possibile noleggiare cavalli oppure prendere lezioni di equitazione. Un campo di calcetto e un tavolo di ping-pong sono a disposizione degli ospiti.

Inoltre l’agriturismo è ubicato in un’area dove si possono facilmente raggiungere le città d’arte come Firenze, Arezzo, Siena, Perugia e il famoso complesso religioso francescano de La Verna. Da non dimenticare le gradevoli ore di relax nella piscina con idromassaggio, dove è possibile gustare deliziosi aperitivi preparati dallo staff di Le Gret guardando un tramonto fantastico.

CERCANDO  TARTUFI

E’ possibile partecipare alla ricerca e raccolta dei tartufi con l’aiuto dei cani. E’ un’attività piuttosto insolita e divertente.

DOVE TROVARCI

FIRENZE E DINTORNI

TENUTA POGGIO AI MANDORLI - Greve in Chianti (FI)

POGGIO AI MANDORLI – Greve in Chianti (FI)

Poggio ai Mandorli agriturismo - Strada in Chianti

Indirizzo: Via di Poggio ai Mandorli, 43 –  località Strada in Chiantiprenota
50027 Greve in Chianti
Tel. +39 055 317264  /  +39 335 1626863
Email: poggioaimandorli@virgilio.it
Servizi: appartamenti arredati in stile toscano, giardino, piscina, cantina, wine tour, eventi

La tenuta  Poggio ai Mandorli è sita nel cuore del chianti classico nel comune di Greve in chianti, dove produciamo il famoso ed antico vino chianti classico e l’olio extra vergine di oliva. La famiglia Trambusti da sempre votata al mondo vinicolo, ha le sue antiche origini nella zona, ed ha comprato la tenuta 12 anni fa completamente ristrutturandola, sia vigneti che gli antichi e prestigiosi edifici.

Abbiamo all’interno diversi appartamenti in agriturismo dove giungano clienti da tutto il mondo per trascorrere le loro vacanze in Toscana alla ricerva di relax e divertimento. Gli appartamenti sono molto confortevoli e grandi, suggestive aree verdi li circondano.

Le nostre prestigiose cantine per visita e degustazione guidata di minimo 5 persone max.25 sono aperte su prenotazione. A richiesta possiamo organizzare eventi, cene, wine tour e molto altro ancora. Per qualsiasi informazione prego chiamare Veronica al +39 335 1626863.

 


Castello Vicchiomaggioprenota

Via Vicchiomaggio, 4 – Greve In Chianti
tel. +39 055 854079
sito: www.vicchiomaggio.it
e-mail: vicchiomaggio@vicchiomaggio.it

Servizi: camere con superficie media: 60/70 mq •  WiFi  • TV LCD • Biancheria da bagno in 100% cotone • Prodotti di cortesia biologici per il bagno • Asciugacapelli • Asciugamani per la piscina • Angolo cottura attrezzato con stoviglie • Cassaforte  • Colazione  inclusa  • Piscina • Parcheggio  • Visita alle cantine, degustazione di vini e corsi di cucina • Ristorante all’interno del Castello

Le origini del Castello Vicchiomaggio risalgono all’incirca al 1400. Costruito in pietra il cui fulcro è l’alta torre merlata risalente al 1100, conserva d’intorno abitazioni castellane e mura di difesa. Nella sua lunga e gloriosa storia, hanno soggiornato al Castello Vicchiomaggio numerose personalità, fra cui Leonardo da Vinci e Francesco Redi. Grazie ad attenti e minuziosi restauri, è oggi perfettamente conservato ed è stato riconosciuto monumento nazionale. Vicchiomaggio è anche una rinomata casa vinicola, il vino è sempre stato prodotto al castello.

Ristorante – situato all’interno del Castello Vicchiomaggio e caratterizzato da saloni rinascimentali con ampie volte è suggestivo punto d’incontro dove assaporare cibi tipici toscani preparati secondo antiche ricette rivisitate con gusto e raffinatezza dai chef.

Giardino delle Erbe – situato vicino alla Canonica, vengono coltivati prodotti di stagione utilizzati poi in cucina.

Matrinomi – il Castello Vicchiomaggio offre la possibilità di un matrimonio veramente esclusivo permettendo celebrazione (civile e religiosa), ricevimento e alloggio.

Cantine e Degustazione – le visite guidate ai vigneti e alle storiche cantine del Castello permettono di vivere la splendida realtà produttiva di Vicchiomaggio e di scoprire i segreti del mondo vitivinicolo. Le visite vengono effettuate solo su prenotazione e hanno una durata media di un’ora e trenta minuti. Dopo la visita guidata alle cantine viene la degustazione dei vini, con un pranzo nel ristorante del Castello.

Camere e appartamenti – gli appartamenti possono ospitare da 2 a 6 persone e sono soluzioni ideali anche per famiglie con bambini. Arredati finemente secondo uno stile classico, gli appartamenti presentano arredi d’epoca, pavimenti in cotto e soffitti a volta o con travi a vista. Canonica, edificio adiacente al Castello, restaurato recentemente con gusto classico ed elegante e con una grande attenzione per i dettagli. Al suo interno si trovano 7 suite, eleganti e confortevoli, finemente arredate. La Canonica offre una zona relax comune agli ospiti delle suite e un giardino privato con vista sulle colline e sulle vigne del Castello.

 

TENUTA I BONSI - Reggello (FI)

strong>TENUTA I BONSI

Tenuta I Bonsi

Indirizzo: Via I Bonsi, 47 Località Sant’Agata-Pietrapiana – 50066 Reggello
Tel.: +39 055 8652118
Sito: www.agriturismoibonsi.it
Email: info@agriturismoibonsi.it
Email: fattoria@agriturismoibonsi.it
Prezzi: da €1.015 a €1.736,00 a settimana per 7 persone / €540,00 a settimana per 2 persone / €180,00 2 notte per 2 persone

La Tenuta i Bonsi si estende sulle colline fiorentine e la vallata del fiume Arno, detta Valdarno. E’ situata ad un’altitudine di 400 metri s.l.m. e occupa una superficie di quasi 300 ettari tra le città di Firenze (35km) ed Arezzo (65km). Circondata da olivi, la villa padronale, risalente al XV° secolo, fu proprietà della famiglia fiorentina Bonsi della Ruota. Nel XVII° secolo fu ceduta ai monaci della Chiesa del Carmine di Firenze e trasformata in convento. Nel XIX° secolo la famiglia Budini Gattai, su progetto dell’architetto e pittore Raffaello Sorbi, trasformò l’edificio in una villa-castello in stile neogotico. Attorno alla villa fanno da cornice il bel parco con un lungo viale alberato, giardino, la chiesetta (XVII° secolo) e le terrazze con vista panoramica. Il giardino romantico ottocentesco, ricco di alberi secolari, piante e fiori, rappresenta una cornice naturale per eventi all’aperto dagli aperitivi di accoglienza, coffe break a ricevimenti serali o pranzi.

Tenuta I Bonsi

Oltre a conservare le caratteristiche tipiche di villa-castello, la Tenuta I Bonsi ha sviluppato le premesse necessarie per una produzione agricola dedicata alla vite e, in particolare, all’olivo il cui prodotto di punta è il noto “Laudemio” olio extravergine di oliva delle colline del Valdarno superiore. Di particolare rilievo la cantina con volte a crociera in laterizi, risalente al periodo medievale, e l’orciaia, con manufatti del XIX° secolo.

ACCOGLIENZA AGRITURISTICA

Tenuta I BonsiTenuta I Bonsi

La Tenuta I Bonsi comprende due casali indipendenti – Casa Cencio e Casa Bicocchi con appartamenti ben attrezzati, con giardino privato, e tutti i confort.

CASA CENCIO

Tenuta I Bonsi
Appartamenti: 3
Posti letti totale: 16
Composizione: bagni privati, TV satellitare, connessione Internet Wi-Fi e riscaldamento, soggiorno con camino, grande tavolo da pranzo e zona living con divano cucina indipendente attrezzata, bagno con doccia/vasca (adatta ai disabili). Gli appartamenti si affacciano su una corte esterna dove per ognuno è presente uno spazio attrezzato con tavolo sedie e barbecue.

1. Cencio Terreno – 170 mq
Camere: 3 camere doppie ed una singola
Posti letti: 7

2. Cencio Loggia – 100 mq
Camere: 2 camere doppie, una camera singola
Posti letto: 5

3. Cencio Torre – 110 mq
Camere: una camera matrimoniale e bagno con vasca (secondo piano) e camera doppia e bagno con vasca (primo piano)
Posti letto: 4

CASA BICOCCHI

Tenuta I BonsiTenuta I Bonsi

 

Appartamenti: 2
Posti letto totale: 11
Composizione: cucina attrezzata e caratterizzata da un camino in pietra serena, un ampio soggiorno con tavolo da pranzo e zona living con divano, poltrone e tv satellitare
La casa Bicocchi è un antico casale situato all’interno del parco della Villa. Edificata come casa di caccia alla fine del XIX° secolo,interamente in pietra in stile neogotico, la struttura mantiene ancora oggi le volte a crociera nei soffitti del piano terreno e travi in legno nei piani superiori. E’ suddivisa in due appartamenti: Giardino e Pomaio, che possono essere resi comunicanti e affittati unitamente.

1. Bicochi Giardino – 110 mq
Camere: 3 camere doppie, una camera singola, due bagno con vasca.
Posti letto: 7

2. Bicochi Pomaio – 90 mq
Camere: studio con camera matrimoniale in soppalco e bagno con doccia, una camera doppia e bagno con vasca
Posti letto: 4

TORRINO – 28mq

Camere: una camera matrimoniale e bagno con doccia
Posti letto: 2
Composizione: soggiorno, angolo cottura, zona giorno con tavolo da pranzo, divano letto e tv satellitare e soppalco.
È un grazioso loft facente parte del complesso principale della villa. Tramite una scala a chiocciola si accede al soggiorno dove da un lato è disposto l’angolo cottura e da l’altro un’ampia zona giorno. L’appartamento si affaccia sul giardino della villa e dispone di una zona esterna ad uso esclusivo con tavolo, sedie e barbecue.

SERVIZI E DOTAZIONI GENERALE

  • Pulizie iniziali e finali dell’appartamento
  • Riscaldamento autonomo
  • Ventilatore
  • Tv satellitare
  • Lavastoviglie
  • Asciugacapelli
  • Frigorifero/congelatore
  • Forno tradizionale
  • Tostapane
  • Macchina per il caffè italiano moka
  • Bollitore
  • Spremiagrumi
  • Biancheria da letto, da bagno e da cucina inclusa
  • Connessione Internet Wi-Fi
  • Utenze incluse
  • Animali domestici ammessi di piccola taglia (avvisare alla prenotazione)
  • Dotazione attrezzatura per spazio esterno (tavolo, sedie e barbecue)
  • Telo da bagno per piscina
  • Culla da viaggio / Seggiolone
  • Biciclette
  • Servizio lavanderia a pagamento

WEDDING ED EVENTI

Tenuta I Bonsi

La Tenuta I Bonsi offre ambienti suggestivi e raffinati per convegni, cerimonie ed eventi. Ubicate al pian terreno della Villa, le sale del vecchio frantoio e dell’antico torchio godono di accesso diretto al parco esterno e possono ospitare fino a 150 persone. I due ambienti mantengono perfettamente conservati oggetti storici come l’antico frantoio in pietra e il Torchio seicentesco.

LA FATTORIA

Tenuta I Bonsi
La produzione agricola della Tenuta I Bonsi è centrata prevalentemente sull’olivo, ma si coltivano anche 11 ettari di vigneti e si ricava un miele purissimo che raccoglie i profumi del territorio. Da segnalare l’elegante e strutturato vino Rosso IGT e il Vin Santo Tenuta I Bonsi caratterizzato da profumi intensi,e adatto ad accompagnare dessert, cioccolato e formaggi.

L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA “Cum Laude”

La produzione olivicola è considerevole. In totale si coltivano circa 15.000 olivi su una superficie di 73 Ha. L’azienda ha aderito al sistema di coltivazione biologico, ottenendo la certificazione sull’intera produzione. Il frantoio è un elemento di orgoglio. Infatti, oggi il Frantoio i Bonsi vanta l’utilizzo di un moderno impianto a ciclo continuo a due fasi con una capacità di lavorazione di 1500 kg di olive in un ora. Il sistema di estrazione a due fasi, operando con un ridotto apporto di acqua di processo, consente di limitare il lavaggio di composti idrosolubili come antiossidanti e sostanze aromatiche mantenendo ed esalando le proprietà nutrizionali del frutto.

Tenuta I Bonsi

Su appuntamento è possibile visitare la fattoria tramite un percorso guidato che illustra gli sviluppi della tecnica di produzione dell’olio extravergine a partire dall’uso del frantoio medioevale a macine, ancora perfettamente conservato nelle sale della villa, fino all’attuale sistema di estrazione a ciclo continuo. Il percorso include la visita all’antica orciaia e alle cantine storiche. Si organizzano su richiesta degustazioni dei prodotti della Fattoria.

DOVE TROVARCI

TENUTA QUADRIFOGLIO - residence di campagna - Gambassi Terme (FI)

Indirizzo: via Camporbiano, 20 – località Castagno – 50050 – Gambassi Terme (FI)
Tel: +39 0571 678008  /  +39 0571 678050
Sito: www.tenutaquadrifoglio.it
Email: info@tenutaquadrifoglio.it

Servizi: aria condizionata,  riscaldamento, telefono, frigo-bar, cassaforte, tv satellitare, biancheria, bagno privato con doccia e asciugacapelli, wi-fi, 2 due piscine immerse nel verde, parco giochi per bambini, parco naturale, giardino, corsi di cucina toscana, corsi di equitazione

La Tenuta Quadrifoglio è un fantastico complesso turistico di campagna localizzato in una zona molto privilegiata quanto al panorama naturalistico e la prossimità alle note e storiche città  quale Volterra, San Gimignano e Certaldo, oltre Siena e Firenze. Inoltre è ubicata all’interno di un parco con 80 ettari con fiori, viti e olivi tipici del paesaggio toscano.

Strutture di accoglienza

• Vecchio casolare : 4 appartamenti adatti come casa vacanze e 5 camere

• Residence: 10  appartamenti con terrazza incluso 2 villette indipendenti su 2 piani con vista panoramica sulle colline circostanti.  Gli appartamenti, arredati in stile toscano, sono dotati di ogni confort oltre terrazza e spazio esterno relax.

• Casa vacanza: 4 ampi appartamenti arredati in stile toscano e dotati di ogni confort.

• Affittacamere: camere localizzate al primo piano dell’edifico principale arredate in stile country e confort

Il panorama mozzafiato nei dintorni fa da cornice agli eventi organizzati nella tenuta quali matrimoni, feste di compleanno ed altre. Nelle celebrazioni di nozze, la struttura si avvale della vicina e scenografica  pieve di S. Maria a Chianni a Gambassi Terme e del noto complesso di San Vivaldo.

Servizi Eventi e Wedding: location eventi, cerimonie e ricevimenti, riunione di famiglia, compleanni, meeting aziendali, catering, animazioni con performers, spettacoli, fuochi d’artifici.

Catering amministrato dalla azienda RM Glamour con menù personalizzati, tenendo conto anche di eventuali allergie, intolleranze ed esigenze alimentari specifiche.

Sport e altri servizi

• Equitazione: passeggiate a cavallo oppure lezioni di equitazione per bambini, pensione per cavalli e addestramento.

• Trekking-bike guide: guide organizzano percorsi trekking, country bike o cross per soddisfare a tutte le esigenze.

• Golf:  nelle vicinanze della Tenuta Quadrifoglio, sotto il borgo di Castelfalfi è ubicato un ben attrezzato campo da golf con 27 buche suddivise in 2 percorsi, il Mountain Course (Par 72, 6.351 metri) ed il Lake Course (Par 37, 3.171 metri).

• Terme: nei dintorni è possibile godere delle acque termale delle  Terme della Via Francigena. Lo stabilimento è inserito all’interno del  “Parco Benestare”, un nuovo concetto di parco naturale.

• Corsi di cucina toscana:  contattare la tenuta per sapere i prezzi e i programmi creati apposta per voi.

FATTORIA IL CANTUCCIO - Tavarnelle Val di Pesa (FI)

Fattoria Il Cantuccio

Indirizzo: Strada Bonazza, 33 – 5028 Tavarnelle Val di Pesa (FI)
Tel: +39 055 8077121
Sito: www.il cantuccio.net
Email: info@ilcantuccio.net

Servizi: 3 appartamenti con soggiorno, angolo cottura, microonde, bollitore, bagni con doccia e vasca, camere matrimoniale, camere con letti separati, piscina esterna, boschi di querce

Prodotti: olio extravergine d’oliva e vini (zona Chianti – colli fiorentini) Chianti DOCG, Cipereto, Il Roggio, Anna Igt (rosato), Vinsanto Chianti

Per chi vuole sfruttare della tranquillità della campagna toscana tra vigne, olivi e tradizione, la Fattoria Il Cantuccio dispone di una splendida villa adibita ad agriturismo immersa nel cuore della zona vinicola del Chianti. La villa, risalente all’inizio del XVI° secolo fu residenza dei Marchesi Niccolini e poi dei loro discendenti, tra cui letterati, musicisti e scrittori di discreta notorietà. Tramandata tra le generazioni successive, attualmente, la proprietà appartiene ai Conti Passerin d’Entrèves, imparentati con gli originali marchesi. Durante i secoli, la villa subì vari interventi di restauro, però mantenendo sempre il fascino della architettura originale oltre la preservazione della bellezza dei boschi e della campagna circostante.

APPARTAMENTI

La villa dispone di tre appartamenti per un totale di 12 poti letto. Gli appartamenti all’interno della villa, elegantemente arredati in autentico stile toscano, offrono tutti i confort. E’ possibile l’affitto dell’intera villa per gruppi interessati in un contatto ravvicinato con la natura e con gli animali che abitano nella zona.

La tipologia di appartamenti disponibile sono:

Cantuccio 1 – 140mq (6 persone) con soggiorno, 3 camera da letto, cucina con angolo cottura, zona pranzo, microonde, bollitore, 2 bagni con doccia e vasca
Cantuccio 2 – 90mq (4 persone) con soggiorno, 2 camera da letto, cucina con angolo cottura, microonde, bollitore, 2 bagni con doccia e vasca e lavabo
Cantuccio 3 – 60mq (2 persone) con soggiorno, camera da letto, cucina con angolo cottura, microonde, bollitore, bagno con doccia

Tariffe settimanali per appartamento

Appartamenti
Bassissima stagione
Bassa stagioneMedia stagioneAlta stagione
Cantuccio 1
6+1 persone
€ 840,00€ 940,00€ 1.040,00€ 1.110,00
Cantuccio 2
4 persone
€ 644,00€ 725,00€ 750,00€ 840,00
Cantuccio 3
2 persone
€ 434,00€ 459,00€ 510,00€ 560,00

PRODOTTI DELLA FATTORIA

La fattoria produce un’eccellente olio extra vergine d’oliva. Inoltre una buona parte dei suoi 114 ettari di terreno è dedicata alla produzione vinicola specializzata in dalla quale spicca il noto vino Chianti “CIPERETO” .

Dall’accurata selezione di uve risulta il pregiato “IL ROGGIO”, vino barriccato dal colore rosso rubino intenso profumatissimo, adatto a pietanze forti.

AGRITURISMO I COLLI DI MARLIANO - Lastra a Signa (FI)

AZIENDA AGRICOLA I COLLI DI MARLIANO

Indirizzo: Via A. del Pollaiolo, 50 – 50055 Lastra a Signa(FI)
Mob: +39 335 6868264
Sito: www.collimarliano.it
Email: info@collimarliano.it

Servizi: Nella tranquillità della campagna fiorentina, a 15 km dal centro storico di Firenze, l’Azienda I Colli di Marliano offre accoglienza agrituristica con prima colazione in camere da 2 a 4. Ogni camera e ogni appartamento è dotato di biancheria da letto e da bagno, riscaldamento, asciugacapelli e set di cortesia nei bagni. Su richiesta l’agriturismo organizza degustazione di vini, miele e birra. Inoltre offre la possibilità di visita agli allevamenti di alpaca.

L’edificio centrale dell’azienda I Colli di Marliano è ubicato in un tipico casale toscano, ristrutturato nel massimo rispetto della tipicità . All’interno ci sono camere e appartamenti da 2 a 5 posti letto ciascuno con angolo cottura, bagno privato per un totale di 9 posti letto.

Camere e Appartamenti

Gli appartamenti hanno viste panoramiche sulla campagna circostante, oltre a caratteristiche travi a vista e pavimenti in cotto antico.

L’ambiente è in completa armonia con il paesaggio circostante e pensato per i turisti che cercano una vacanza rilassante e piacevole. L’agriturismo è localizzato in posizione ideale per visitare i più importanti centri culturali ed artistici della Toscana: centro storico di Firenze a soli 15 km, Siena, Pisa, San Gimignano, Lucca ed Arezzo circa 50 minuti in macchina.

Prodotti

Prodotti: produzione e vendita diretta di vini biologico, miele, birra artigianale e lana.

Beila nasce dall’azienda agricola “i Colli di San Lorenzo a Marliano”. L’azienda, per una superficie di 80 ettari, si adagia sulle colline di produzione del Chianti, alle porte della città di Firenze nel comune di Lastra a Signa ed al centro di un meraviglioso itinerario per la visita delle Ville Medicee Fiorentine.

Allevamento di Alpaca

Gli alpaca sono camelidi allevati in grandi greggi che pascolano sulle Ande del Perù meridionale, della Bolivia settentrionale e del nord del Cile. Gli alpaca sono allevati per la loro lana pregiata, utilizzata per tessere coperte e ponchos. Gli alpaca vengono tosati una volta all’anno, in primavera e ogni alpaca femmina produce circa 2,5 kg di lana, mentre un alpaca maschio può arrivare a produrre anche 4 kg di lana all’anno. Ma la lana più pregiata per la brillantezza e per la leggerezza, la lana che non contiene lanolina, che non infeltrisce e non dà allergie è quella del cria, il piccolo dell’alpaca. L’allevamento di alpaca dell’azienda I Colli di Marliano produce una quantità considerabile di lana.

DOVE TROVARCI

AGRITURISMO FATTORIA DI POGGIOPIANO - Fiesole (FI)

AGRITURISMO FATTORIA DI POGGIOPIANO

Indirizzo: Via dei Bassi, 13 – Località Girone – 50061 Compiobbi – Fiesole (FI)
Tel. +39 055 6593020
Mob: +39 328 6767774 / +39 335 5212706
Sito: www.poggiopiano.it
Email: info@poggiopiano.it
Skype: Galardi.Poggiopiano

Servizi: Nella tranquillità della campagna fiorentina, a 7 km dal centro storico di Firenze, la Fattoria di Poggiopiano offre pernottamento e prima colazione in 8 camere da 2 a 4 persone e 4 appartamenti da 2 a 8 persone. Ogni camera e ogni appartamento è dotato di biancheria da letto e da bagno, riscaldamento con termostato in ogni stanza, asciugacapelli e set di cortesia nei bagni, angolo cottura, connessione wi-fi, piscina esterna con sdraio e lettini, lavanderia e stireria, barbecue, parcheggio. Su richiesta l’agriturismo organizza degustazione di vini e olio accompagnate sempre da piccole stuzzicanti curiosità culinarie.

Prodotti: produzione e vendita diretta di vini e olio extravergine di oliva certificati biologici.

L’edificio centrale della Fattoria Poggiopiano è ubicato in un tipico casale toscano risalente al 1650, ristrutturato nel massimo rispetto della tipicità . All’interno ci sono diverse camere e appartamenti da 2 a 8 posti letto ciascuno e con caratteristiche diverse per un totale complessivo di 30 posti letto. Tutte le camere hanno servizi privati; gli appartamenti, anche i più’ piccoli, sono dotati di un angolo cottura che permette di preparare in modo autonomo piatti a base di prodotti tipici locali, che possono essere acquistati nelle vicinanze.

Camere e appartamenti

Gli appartamenti al primo piano dell’edificio hanno viste panoramiche sulla Valle dell’Arno e sulla campagna circostante, oltre a caratteristiche travi a vista e pavimenti in cotto antico. La ristrutturazione del casale ha seguito le linee base della bio-edilizia che prevedono l’utilizzo di materiali di origine naturale e sistemi di risparmio energetico: Per esempio, l’acqua calda viene prodotta da pannelli solari ed un impianto fotovoltaico in fattoria produce energia elettrica; i prodotti per le pulizie sono biodegradabili e si evitano alle colazioni i contenitori monodose.

L’ambiente è in completa armonia con il paesaggio circostante e pensato per i turisti che cercano una vacanza rilassante e piacevole con la comodità di esser vicino alle città d’arte di Firenze e Fiesole. Infatti, un comodo bus urbano con capolinea a 900 metri dell’agriturismo, raggiunge il centro storico di Firenze in circa 20 minuti. L’agriturismo è localizzato in posizione ideale per visitare i più importanti centri culturali ed artistici della Toscana: centro storico di Firenze a soli 7 km, Siena, Pisa, San Gimignano, Lucca ed Arezzo circa 50 minuti in macchina.

Le coccole
Ogni mattina lo staff dell’agriturismo prepara, per chi ne fa richiesta, una colazione con cibo sano e genuino . I prodotti serviti alla colazione sono fatti in casa o provengono esclusivamente da produttori locali, quasi integralmente da agricoltura biologica. Da assaggiare , senza dubbio, le deliziose marmellate che la proprietaria Elisabetta prepara con fichi, pere e uva della fattoria, oltre la cioccolata spalmabile preparata con l’olio extravergine di Oliva prodotto nell’azienda.

Attività sportive

Gli amanti dello sport e della natura potranno dedicarsi a panoramiche passeggiate a piedi, in mountain-bike o a cavallo (maneggio a 10 km), o praticare golf (campo internazionale 18 buche a 15 km, rafting e canoa con guida – partenza a 900 metri dal casale sul fiume Arno, corsi o semplici sedute di yoga da effettuarsi nel giardino o bordo piscina (minimo 2 persone). Sarà piacevole e non raro, inoltre, incontrare caprioli, lepri, cinghiali, scoiattoli, che vivono liberi nei campi della fattoria.

Prodotti premiati

La Fattoria produce un eccellente olio extra vergine di oliva biologico, che ha ottenuto numerosi riconoscimenti e premi a livello nazionale ed internazionale, oltre a vini rossi e un vino bianco. Tutti i prodotti possono essere degustati e acquistati direttamente in Fattoria:
. Vino Chianti
. Vino Chianti non filtrato
. Vino Chianti Riserva
. Vino Rosso IGT “ Com’Era”
. Vino Rosso IGT “Poggio Galardi”
. Vino Bianco IGT “ Erta al Mandorlo”


. Olio Extravergine di Oliva “Galardi “
. Olio Extravergine di Oliva “ Plenum”

AGRITURISMO COUNTRY ROOM IL MORO - Rignano sull'Arno (FI)

AGRITURISMO COUNTRY ROOM IL MORO

Country Room Il Moro

Indirizzo: Podere il Moro, 6 località Rosano – 50067 Rignano sull’Arno
Tel: +39 055 8303320
Cell.: Azzurra +39 328.0327161 / Paola +39 328.0055766
Sito: http://countryroom-ilmoro.com
Email: info@countryroom-ilmoro.com
Prezzi: da €80,00 a €115,00 per camera doppia / appartamento per 6/8 persone €220,00
Accessibilità ai disabili:
Animali: ammessi di piccola taglia
Servizi: 5 camere con bagno privato, ristorazione su prenotazione, corsi di cucina
Prodotti: olio extravergine d’oliva, vino, marmellate, liquori limoncello e finocchiello

L’Agriturismo Country-room “il Moro” si trova immerso nel verde della campagna toscana, nei dintorni alle colline fiorentine.  Il casale principale comprende un antico complesso colonico del 1700 circondato da un ampio giardino fiorito con due logge coperte, gazebo, area relax, piscina e grande forno a legna per la preparazione di  pizze.

Il nome dell’agriturismo si deve al fatto che per lungo tempo è stato noto per la coltivazione del “Gelso nero” o “Moro” utile all’allevamento del baco da seta. Gli attuali proprietari si dividono nella amministrazione e gestione del podere. La sig.ra Azzura si occupa dell’accoglienza degli ospiti, il sig. Alberto si dedica al controllo della produzione del vino rosso “Colli fiorentini” e del pregiato olio extravergine d’oliva biologico. La sig.ra Paola fa la cura dell’orto sinergico e dei giardini, oltre la decorazione e arredamento delle spazi dei casolari.

Di particolare segnaliamo il compiacimento degli ospiti, che nel mese di settembre sono invitati a partecipare alla vendemmia, raccogliere i grappoli d’uva e conoscere come si produce il vino, per poi finire con un grande pranzo. Tra artisti statunitensi, come la sig.ra Vonnie Whitworth, ha scelto l’agriturismo Il Moro per immortalalo nelle sue opere pittoriche.

STRUTTURA

Country Room Il Moro

L’edificio padronale del Country-room “Il Moro” è stato interamente ristrutturato in autentico stile rustico toscano, mantenendo, per quanto è stato possibile le originali destinazioni d’uso degli ambienti e recuperando gli antichi mattoni in cotto e pietra serena alle vecchie travi di quercia. La struttura di accoglienza è composta di due abitazioni. Sono cinque camere in totale, tutte con servizi privati. Tutte le 5 camere hanno il nome di un fiore e bagno privato. In tre camere è possibile aggiungere il terzo letto. Dalle finestre si gode di una splendida vista sulla campagna Toscana, caratterizzata da vigne e ulivi.

SERVIZI IN CAMERA:

  • Wi-fi gratis nelle camere e nelle aree comuni
  • Camere con bagno privato
  • Camere con phon
  • Camere dotate di ventilatore sul soffitto
  • Letto da campeggio per bambini ad uso gratuito
  • Bollitore
  • Set cortesia
  • TV SAT
  • Bottigliette di acqua
  • Lista panoramica

CASA COLONICA

Country Room Il Moro

La colonica dispone di tre camere da letto con bagno privato:
Ciclamino: La più grande di tutte le stanze con bagno privato esterno e con la possibilità di aggiunta del terzo letto e di un lettino da campeggio per bambini
Margherita: Camera doppia con bagno privato interno
Fiordaliso: Camera doppia con bagno privato interno

FIENILE

Country Room Il Moro

Il Fienile dispone di due grandi camere doppie con bagno privato e terzo letto, ampio soggiorno con divano, tv e cucina. All’esterno è presente un ampio loggiato e il giardino a disposizione degli ospiti per relax. La struttura può essere prenotata a camera o interamente.

AREE COMUNI e SERVIZI GENERALI

Country Room Il Moro

L’Agriturismo Country Room Il Moro offre una piscina all’aperto e la connessione WiFi gratuita in tutte le aree comuni, oltre una grande varietà di servizi quali:

  • Wi-fi gratis nelle camere e nelle aree comuni
  • Barbecue
  • Forno a legna per pizza
  • Colazione a buffet
  • Parcheggio gratuito
  • Piscina con gazebo e sdraio
  • Servizio di lavanderia
  • Visite guidate alle cantine del Chianti e wine tasting
  • Partecipazione alla vendemmia e alla raccolta delle olive
  • Passeggiate a cavallo nel vicino maneggio su oltre 15 km di sentieri immersi nel bosco
  • Cene e feste per un massimo di 15/20 persone su richiesta
  • Bambini sotto i 3 anni non pagano
  • Servizio transfer dalla struttura alla stazione ferroviaria di Pontassieve

COLAZIONE

Country Room Il Moro

La colazione viene servita nella sala principale dalle 8 alle 10 e d’estate su richiesta può essere fatta anche fuori al sole. Tutte le mattine la struttura agrituristica offre torte con ingredienti naturali, vari tipi di cereali, yogurt, le marmellate di nostra produzione, il miele biologico a km 0, il succo di frutta fresco, caffè, orzo, latte, cioccolato, tè di diverse varietà, pane fresco, salumi e formaggi.

CENA

Country Room Il Moro

Il menù propone un antipasto, un primo piatto, un secondo di carne, dolce e frutta. Per la preparazione di tutti i piatti sono usati esclusivamente olio extra-vergine di oliva biologico, carne proveniente dal Mugello e prodotti dell’orto biologico. Le persone con intolleranze e/o allergie alimentari hanno un apposito menù. Le cene in estate vengono servite all’aperto. Il costo della cena è di 25 euro.

LEZIONI DI CUCINA

Country Room Il Moro

Le lezioni di cucina, tenute dalla sig.ra Azzurra, si svolgono nella grande cucina padronale e prevedono la partecipazione massima di 6 persone, si articolano in una parte teorica, dove si presentano gli ingredienti sempre freschi e della zona e una parte pratica, dove si impara a cucinare un pasto completo (un primo piatto, un secondo, un contorno e un dolce), in un tempo massimo di 3 ore e mezza. La lezione termina con la degustazione dei piatti preparati.

FATTORIA

Country Room Il Moro

Nei nostri 2 ha di terreno appartenenti all’Agriturismo Country Room Il Moro sono coltivati viti e olivi dai quali sono prodotti l’eccellente olio extra vergine di oliva e il vino rosso “chianti colli fiorentini”. Nella fattoria sono anche coltivate piante officinali e ci sono alberi di ciliegio, pero,melo selvatico, fico, diospero, noce, nocciolo, corbezzolo, melograno, pero cotogno, sambuco e giuggiolo che finiscono in deliziose marmellate, composte da frutta, liquori, gelatine per accompagnare i formaggi, aceto aromatizzato.

DOVE TROVARCI

PISA E DINTORNI

TENUTA LA CERBANA - Palaia (PI)

TENUTA LA CERBANA

Indirizzo: Strada provinciale delle colline per Legoli, 41 (SP11) km21 – 56036 Palaia (PI)
Tel: +39 0587 632058
Sito: www.lacerbana.com
Email: info@lacerbana.com

Prodotti: olio extravergine d’oliva, tartufo bianco, vino,miele,salumi di cinghiale, orto con sistemi naturali di produzione

Servizi:

  • 16 camere doppie e triple con bagno, riscaldamento e TV
  • 2 appartamenti e 1 chalet con cucina
  • Ristorante con terrazza – cucina casalinga con alimenti di produzione propria
  • Piscina esterna nel verde
  • Sala per cerimonie  e meeting con camino – 60 posti
  • Accesso ai disabili
  • Parco giochi per bambini
  • Accetta animali
  • Degustazione gratuita di vini e prodotti
  • Visita guidata ai vigneti e cantina della azienda agricola Castelvecchio

Lingue: italiano / inglese / francese / spagnolo

Immersa nel verde della campagna toscana,la Tenuta La Cerbana comprende più di 600 ettari coltivati di grano, girasole, ulivi con al  centro l’antica casa padronale e altri fabbricati. All’interno della struttura ci sono 16 camere doppie con servizi e 3 appartamenti dotati di ogni confort. L’ambiente è accogliente. Attorno alla casa è presente una piscina con vista panoramica della campagna toscana e un grande parco naturale che regalano agli ospiti un soggiorno davvero piacevole.

Il ristorante, aperto tutto l’anno, offre una cucina genuina con una vasta scelta di carne e verdure fresche di produzione propria. Inoltre, presso la tenuta è possibile acquistare prodotti tipici quali olio extravergine, vino, miele e salumi di cinghiale.

La Tenuta la Cerbana  mantiene ancora allevamento allo stato brado di cinghiali, daini, mufloni, oltre animali di cortile quali oche, galline ed altri. Su richiesta, i bambini possono visitare i luoghi di allevamento e conoscere gli animali nel loro habitat.

AGRITURISMO COLLE VERDE - Peccioli (PI)

AGRITURISMO COLLE VERDE

Indirizzo:  Strada Provinciale delle Colline, 74 – località Legoli – Peccioli (PI)
Tel: +39 0587 632147 / +39 360 484950
Sito: www.agriturismocolleverde.com
Email: agriturismo@agriturismocolleverde.com

Prodotti:  prodotti biologici, olio extravergine d’oliva con molitura in pietra ed estrazione a freddo, vino rosso e bianco toscano, vinsanto, formaggio pecorino, funghi e tartufi bianchi, salumi, cantucci toscani, prodotti dell’orto con sistemi naturali di produzione, miele, uova.

Servizi:

  • Appartamento 100 mq  con cucina, 3 camere, 3 bagni per 8 persone
  • Appartamento 60 mq  con cucina, 3 posti letto, camera, bagno
  • Appartamento 90 mq con 5 posti letto, due camere, soggiorno, cucina, bagno, terrazza aperta sulla vallata
  • Ristorante a tema – cucina casalinga con alimenti di produzione propria
  • Piscina esterna nel verde
  • Parcheggio privato
  • TV sat, lavatrice
  • Parco giochi per bambini
  • Percorsi trekking e mountain bike
  • Noleggio bici
  • Barbecue

Lingue: italiano / inglese / francese / tedesco

L’agriturismo Colleverde è situato nel cuore delle colline pisane lungo la strada che unisce Pisa con San Gimignano. Ubicato sulle pendici di una collinetta contornata da olivi e vigne, alla fine di una stradina privata costeggiata da cipressi, dal podere si gode di una bella vista panoramica della campagna toscana. La proprietà si estende su una superficie di 125 ettari al cui centro sorgono la villa, il campo di basket-calcetto, i barbecue in muratura e la piscina all’aperto.

APPARTAMENTI

L’agriturismo comprende 15 Appartamenti indipendenti di circa 35 mq ognuno, arredati in stile confortevole e funzionale ed equipaggiati di tutto il necessario per vivere in piena autonomia. All’interno della struttura ci sono 3 ampi appartamenti dotati di ogni confort. L’ambiente è accogliente. Attorno alla casa c’è una piscina con vista panoramica della campagna toscana. La struttura propone percorsi trekking e mountain bike e mette a disposizione degli ospiti biciclette a noleggio.

 

ACCESSIBILITA’

Ci sono 2 appartamenti dedicati a persone con difficoltà motorie al piano terra con entrata secondaria attraverso la porta finestra. Gli appartamenti dispongono di bagno con doccia e lavabo per disabili.

RISTORANTE

Il ristorante “Il Cucule”, aperto tutto l’anno per pranzo e cena, offre una prelibata cucina casalinga basata su ingredienti naturali di produzione propria. Si possono gustare antipasti con salumi e crostini, piatti di pasta fresca all’uovo conditi con sughi classici, funghi e tartufi, grigliate, arrosti di pollo, coniglio e agnello dell’allevamento, formaggio e ortaggi coltivati nell’orto della proprietà.

 

PET FRIENDLY

L’Agriturismo Colleverde accetta animali (cani, gatti, canarini, pesci rossi, furetti,..). Nei giardino e area attorno alla struttura è comune l’avvistamento di scoiattoli, cerbiatti e cinghiali.

DOVE TROVARCI

AGRITURISMO SERRASPINA - Volterra (PI)

SERRASPINA – agriturismo in azienda biologica

Indirizzo: Podere Serraspina, 35 – 56048 Volterra (PI)
Tel. +39 0588 30188 / +39 329 9170882
Sito: www.serraspina.it
Email: info@serraspina.it

Servizi: 5 appartamenti (60mq ognuno ) con riscaldamento, bagno, salotto con angola cottura, frigo, TV satellitare e connessione WIFI. facilità per disabili, giardino, piscina all’aperto, escursioni trekking e mountain bike, ristorante con aria condizionata, cene per gruppi, corsi di cucina toscana.

Localizzato nei dintorni a Volterra, la città dell’alabastro, l’agriturismo “Serraspina” occupa una superficie di 55 ettari.  Oltre i campi di coltivazione del grano con il metodo dell’agricoltura biologica, Serraspina è’ un luogo ideale per chi vuole  trascorrere la vacanza immerso in natura e godersi del sole ai bordi della piscina o del fresco nel boschetto di olmi. Nei dintorni, il paesaggio è caratterizzato dai calanchi e delle note Balze di Volterra, oltre, senza dubbio, pievi di campagna tipiche della zona.  Dall’agriturismo si raggiunge facilmente le città vicine quale  Volterra, San Gimignano, Siena, Firenze, Pisa oppure  verso il mare di Cecina.

GLI APPARTAMENTI
Ognuno degli appartamenti del complesso agrituristico ha un nome particolare riguardante a una tipologia di grano  duro di cui l’azienda è una produttrice rispettata. Tutti gli appartamenti hanno riscaldamento, bagno, angola cottura,  frigo, TV satellitare e connessione WIFI.

PREZZI
Tariffa giornaliera – B&B (pernottamento e prima colazione)
Tariffa –  € 38,00 a persona in appartamento oppure € 60,00 con mezza pensione
Bambini – sotto i 2 anni: gratis. Tra i 2 e i 10 anni: 50% di sconto.

RISTORANTE 
Nel ristorante troverete solo menù tipici toscani ottenuti con prodotti rigorosamente della zona, dalla pasta, agli affettati, alle carni.

CORSI DI CUCINA TOSCANA

Su prenotazione si organizzano corsi di cucina toscana.

PRODOTTI
Da qualche anno, la nostra azienda ha iniziato a produrre FARRO BIOLOGICO.

I nostri prodotti sono certificati bio di alta qualità: Perlato di Farro – adatto per minestroni di legumi o insalate fredde con i prodotti dell’orto, Pasta di Farro – adatta  a sughi vegetariani o con olio e formaggio e Farina di Farro – adatta per dolci e biscotti.

SIENA E DINTORNI

AGRITURISMO IL CAGGIO - appartamenti - ristorante - Sovicille (SI)

AGRITURISMO IL CAGGIO

Agriturismo Il Caggio

Indirizzo: SP 52 della Montagnola, 21 – 53018 Sovicille (SI)
Tel.:+39 338 4544137 / +39 0577 345506
Sito: www.ilcaggio.it
Email: ilcaggio@interfree.it
Servizi: 7 appartamenti con conforti, connessione wifi gratuita, ristorante, parcheggio, piscina con vista, servizio lavanderia, degustazione di olio e marmellate, location wedding, animali ammessi

L’Agriturismo Il Caggio è immerso nel verde della Montagnola Senese, tra querce secolari ed arbusti aromatici. Il vasto parco recintato offre una vista speciale, con scorci unici. Il Caggio è un luogo ideale per gli amanti della natura e delle escursioni in campagna, o semplicemente per coloro che desiderano trascorrere una vacanza all’insegna della quiete e del riposo, magari rilassandosi nella nostra splendida piscina attrezzata. Il soggiorno, nell’agriturismo Il Caggio è ricco di esperienze speciali ed uniche nella loro semplicità quale seguire i ritmi della natura, toccarne con mano i frutti, imparare ad apprezzare sia i doni che la terra ci offre.

STRUTTURA

La struttura, ricavata da un antico podere contadino in un’area un tempo abitata dagli Etruschi, è oggi suddivisa in sette comodi appartamenti, dotati di ogni comfort per gli ospiti, sono stati completamente ristrutturati e arredati in stile toscano. Il soffitto è il protagonista indiscusso: le imponenti travi che lo attraversano hanno origine plurisecolare e non possono certo passare inosservate. La struttura è adatta anche come location per matrimoni e banqueti. Nell’agriturismo è attivo un ristorante aperto a colazione, brunch, cena e aperitivo.

APPARTAMENTI

Il Caggio appartamento

Gli appartamento sono di diverse tipologia per soddisfare i bisogni di ogni ospiti.

Agriturismo Il Caggio

Gli appartamenti offrono:

  • elegante camera matrimoniale
  • bagno con vasca/doccia
  • soggiorno con angolo cottura e stufa a legna
  • soppalco adibito a camera da letto (matrimoniale/doppia)
  • salotto con divano-letto
  • area esterna privata ed attrezzata con tavolo, sedie ed ombrellone
  • riscaldamento
  • connessione wifi gratuita
  • disponibilità camere familiare

Agriturismo Il Caggio - appartamentiAgriturismo il Caggio

AREA ESTERNA

Oltre la fantastica vista della campagna toscana punteggiata di colline pieni di vigneti e uliveti, l’agriturismo Il Caggio offre una deliziosa piscina dove passare momenti rilassanti godendo dei stupendi tramonti.

Il Caggio piscinaIl Caggio vista

Servizi:

  • area esterna attrezzata con tavolo, sedie ed ombrellone
  • piscina all’aperto con vista
  • parcheggio

PRODOTTI

Olio extravergine di olivaMarmellate

Da anni, l’agriturismo Il Caggio mette tutta la passione e la cura nel realizzare i prodotti che offre ai propri ospiti e non solo. Tra i nostri prodotti avrete la possibilità di assaggiare nel corso delle degustazioni e delle cene tipiche che sono organizzate nell’agriturismo:

. Olio extravergine d’oliva
Estratto esclusivamente dalle olive raccolte dagli alberi nei nostri terrazzamenti, con spremitura a freddo.

. Marmellate e Conserve
Rigorosamente realizzate con frutti e ortaggi da noi coltivati, come susine, fichi, mele cotogne, ciliegie, pomodori, zucca ed altro

. Castagne
Da cui ricaviamo la farina per dolci e molte altre specialità

DOVE TROVARCI

AGRITURISMO SAN FABIANO - Monteroni d'Arbia (SI)

Agriturismo San Fabiano – Monteroni d’Arbia (SI)

agriturismo-san-fabiano-vista-panoramica

Via San Martino, 168 – 53014 Monteroni d’Arbia (Siena)
Tel.: +39 0577 372079 / cell. +39 348 6023821
www.sanfabiano.com
info@sanfabiano.com
Servizi: agriturismo con camere arredate stile toscano con vasche idromassaggio, 20 posti letto, piscina riscaldata con anche doccia solare, teli da piscina e accappatoi, giardino, parcheggio, corsi di cucina, disegno e ceramica, bike tour nelle Crete senesi, percorsi naturalistici, accoglienza kosher
Attività: equitazione, bici, badminton, organo elettrico, biliardo, freccette, giochi da tavolo, scacchi
Attività per bambini: calcio, altalene, scivoli e casette per bimbi, ping pong, triciclo

Agriturismo San Fabiano è immerso nelle favolose Crete Senesi, a sud di Siena, vicino alla località di Monteroni d’Arbia, nella terra di Michelangelo. Il podere dell’agriturismo è l’ edificio più antico della Tenuta di San Fabiano, costruito nel 1750. Si trova a soli 20 minuti dai tesori di Siena e di molti altri affascinanti borghi e villaggi, cantine e ristoranti, siti storici ed eventi. Inoltre è facilmente raggiungibile in macchina o qualsiasi mezzo di trasporto. Vi offriamo la location perfetta per le vostre vacanze in Toscana, per riposare, esplorare o entrambi!è l’unico agriturismo con accoglienza e pasti kosher; ideale per famiglie con bambini.

La villa è ideale per riunioni di famiglie o amici, ospita fino a venti persone, in cinque unità abitative da 4 posti ciascuna.Tutte con aria condizionata e riscaldamento e wi-fi,inclusi nei prezzi. Le grandi sale comuni quali la sala da pranzo per 24 posti con cucina completa in una atmosfera stupenda con soffitti a volte in mattoni facciavista è ideale per riunirsi tutti assieme, anche per matrimoni o eventi per un numero limitato di persone.

Storia dei conti Fiorentini
San Fabiano agriturismo - Monteroni d'Arbia - Siena
Il Conte Filippo Fiorentini e sua moglie Rachele vi accoglieranno nella loro villa con una bottiglia di ottimo Sangiovese! Entrambi hanno lasciato la loro vita di città per vivere nella splendida campagna senese. Filippo è stato amministratore delegato di una multinazionale francese nel campo dei lavori pubblici in tutta Italia. Era il Presidente dell’Unione Ingegneri ed Architetti di Roma. Suo padre era anch’egli un ingegnere e un grande industriale di Roma, che produceva macchinari da costruzione ed era rappresentante esclusivo per l’Italia della International Harvester di Chicago. Lui aveva comprato la tenuta San Fabiano per la caccia dei fagiani e per pubbliche relazioni. Rachele si è innamorata della Toscana molti anni fa, e ha apprezzato il ritmo meno frenetico di quando era Project Manager, in modo da assaporare la vita con I locali e con Ia salutare alimentazione mediterranea. Filippo è un rotariano del Rotary International Club di Siena, Rachele è socia dell’ Inner Wheel International Club di Siena. Il loro figliolo David è il Presidente dell’ Interact Rotary Club di Siena.

Lezioni di Cucina Toscana

Minimo: 4 persone
Prenotazione obbligatoria:
Partecipate alla lezione di cucina se siete almeno in 4. Il Martedì a Monteroni d’Arbia c’è il mercato settimanale con tanti prodotti locali. Poi cucinate con lo chef una cena completa nella nostra bella cucina, ed imparate a fare la pasta , con le vostre mani! a cena, nella sala del XVIII secolo, gusterete ottimo vino, ascoltando una buona musica! Prenotate in anticipo.

AGRITURISMO IL FICARETO - camere, fattoria didattica, corsi cucina - Sovicille (SI)

AZIENDA BIOAGRITURISTICA IL FICARETTO

Agriturismo Ficareto

Indirizzo: Strada di Ficareto, 6 – Località Ancaiano – 53018 Sovicille (SI)
Podere Ficareto
Tel.:+39 370 3069433 / +39 0577 311020
Sito: www.podereficareto.it
Email: info@podereficareto.it
Servizi: 6 camere doppie con conforti, connessione wifi gratuita, ristorante, parcheggio, piscina con vista, servizio lavanderia, degustazione di vini, olio e marmellate, corsi di cucina, animali ammessi, accessibilità a disabili, equitazione, bici
Prodotti: Vendita diretta di prodotti biologici – vino, olio confetture

Prezzi: Il prezzo della camera include sempre la prima colazione a buffet, connessione WiFi, set di cortesia, biancheria da letto e da bagno, parcheggio – Contattare la struttura per ricevere un’offerta personalizzata in base alle tue esigenze e ai servizi richiesti.

Il Podere Ficareto è ubicato alle falde della”Montagnola” Senese e occupa un’area di ha 50 ha tra vigneti, uliveti e boschi di lecci. E’ raggiungibile tramite una comodissima rete stradale per chi provenga da qualsiasi direzione. L’edificio centrale è stato accuratamente ristrutturato per poter offrire ambienti accoglienti e confortevoli mantenendo quel sapore di antico. A disposizione degli ospiti c’è una sala TV e libreria con caminetto e un confortevole salone per colazione e cena. Gli esterni dispongono di molti spazi e di tanta ombra, oltre il parco giochi per bambini, la piscina, il pergolato lungo 25 metri in cui insistono 22 varietà di uve da tavola opportunamente segnalate con cartelli. Non lontano dell’edificio centrale, si trova l’ allevamento dei bovini Angus e Charolais, i cavalli, i pony e l’asinello. Attorno la villa padronale ci sono fruttiferi diversi adottati anche per la preparazione di confetture a base di fichi, uva, ciliegie, albicocche, pesche, susine, pere e mele.

STRUTTURA

Agriturismo Il Ficareto
L’agriturismo dispone di 6 camere doppie con vista panoramica. Possibilità di aggiungere il terzo letto in ogni camera. Tutte le stanze sono hanno collegamento internet in wi-fi gratuito e TV e riscaldamento biologico (centrale termica a legna). Le camere sono ampie e molto luminose con l’arredamento è in stile rustico. Le camere sono di diverse tipologia per soddisfare i bisogni di ogni ospiti.

Il Ficareto - camera

L’agriturismo offre:

  • eleganti camere matrimoniale/doppia
  • bagni con vasca/doccia
  • wi-fi gratuito per connessione a Internet in tutte le camere e le sale comuni
  • sala TV e libreria con caminetto
  • ampia e confortevole sala da pranzo
  • riscaldamento biologico

AREA ESTERNA

Oltre la fantastica vista della campagna toscana punteggiata di colline piene di vigneti e uliveti, l’agriturismo Il Ficareto offre una deliziosa piscina dove passare momenti rilassanti godendo dei stupendi tramonti.
Agriturismo Il Ficareto

Servizi area esterna e spazi comuni:

  • piscina
  • parco giochi per bambini
  • tavolo da ping pong
  • noleggio biciclette

PRODOTTI

Agriturismo Il Ficareto

Tra prodotti dell’agriturismo avrete la possibilità di assaggiare e degustare:

– Olio extravergine d’oliva – estratto esclusivamente dalle olive della fattoria,e con spremitura a freddo.

– Marmellate e Conserve – rigorosamente realizzate con frutti e ortaggi della fattoria, come susine, fichi, mele cotogne, ciliegie, pomodori, zucca ed altro

– Castagne – da cui si ricava la farina per dolci e molte altre specialità

RISTORANTE

Nel Ristorante troverai ricette tradizionali e innovative cucinate con ingredienti genuini prevalentemente biologici quali il Carosello di Salumi e Formaggi accompagnato dalle confetture prodotte in fattoria, La Ribollita, l’Arrosto di Cinta ripieno in porchetta, la Fiorentina, la Panna Cotta al basilico ed altri piatti. Inoltre, il ristorante offre la BIO Piazza con impasto preparato con 5 farine di grani antichi macinati a pietra e lievitato per tre giorni prima di essere steso, farcito e infornato. Menù fisso tutti i giorni con  antipasto, primo, secondo con contorni e dessert (prezzo a persona € 20,00 escluse bevande). Il ristorante offre anche colazione all’americana con buffet di prodotti salati e dolci e cena su richiesta, tradizionale o vegetariana anche a base di ingredienti biologici.Contattare la struttura per pranzi o cene di lavoro, piccoli eventi, feste e anniversari. Prenotazione entro le ore 11,00 per pranzo e ore 18,00 per cena

CORSI DI CUCINA
Corsi di Cucina Toscana
Apprendere i segreti della Cucina Toscana è divertente e rilassante. Il Podere Ficareto offre corsi di cucina tipica toscana con ingredienti sani, genuini e sempre di stagione.

DEGUSTAZIONI DI VINI

L’Agriturismo Il Ficareto offre la possibilità di degustazioni di pregiati vini e prodotti locali. Le degustazioni possono essere effettuate su prenotazione scrivendo a info@podereficareto.it o telefonando allo (+39) 0577311020.

Degustazioni 1
Min. 2 pax – Durata: circa 1 ora
Degustazione di 4 vini DOCG accompagnati da formaggi e salumi locali
Prezzo: 25,00 Euro per persona

Degustazione di 2
Min. 2 pax – Durata: circa 1 ora
Brunello di Montalcino e 2 IGT accompagnati da formaggi e salumi locali
Prezzo: 40,00 Euro per persona

Degustazione Viaggio in Toscana
Min. 2 pax – Durata: circa 1 ora
Vini: Chianti Colli Senesi, Chianti Classico, Chianti Riserva, Rosso di Montalcino, Brunello di Montalcino, Rosso di Montepulciano, Nobile di Montepulciano
Prezzo: 60,00 Euro per persona

FATTORIA DIDATTICA

L’agriturismo Il Ficareto offre la possibilità a gruppi organizzati e scuole di scoprire cos’è l’agricoltura biologica tramite percorsi con tematiche specifiche. Seguendo lafilosofia del BIO e del “Mangi ciò che vedi” il Podere Ficareto ha intrapreso la strada dell’allevamento di polli da uova e carne allevati a terra, suini razze Grigio Senese e Large White allevati allo stato semi brado, bovini razze Angus e Charolai allevati allo stato semi brado. La fattoria offre accesso facile per pulmini, mentre un pullman gran turismo potrebbe sostare a circa 300 metri dalla casa. Per informazioni scrivere a info@podereficareto.it  o telefonare allo (+39) 0577311020

Elenco dei percorsi:
Dal grano al pane: percorso didattico con breve storia del grano e i suoi derivati, manipolazione degli elementi base e cottura finale nel forno a legna.
Dall’uva al vino: vendemmia in campo e successive fasi della vinificazione con visita in una cantina.
Attività nell’orto biologico: rotazioni colturali, consociazioni, fertilizzanti naturali, differenze tra gli ortaggi, cure colturali e raccolte.
Vita nel bosco: le stagioni nel bosco, cosa succede agli animali, ai bambini, a chi lavora in campagna.
Alla scoperta dell’ambiente naturale: laboratori del gusto, giochi, colori, i 5 sensi.

EQUITAZIONE
Passeggiata a cavallo

Percorsi a cavallo di facile esecuzione in totale sicurezza con la compagnia delle guide autorizzate nei dintorni. Su richiesta tour di uno o più giorni a cavallo.
Passeggiata di un’ora nell’azienda Ficareto – € 25,00 a persona
Passeggiata nel Bosco Santo fino al Castello di Celsa durata 3 ore – € 45,00 a persona
Tour della Montagnola con pausa pranzo durata 6 ore – € 70,00 a persona

DOVE TROVARCI

Tour Operator e Agenzie Viaggi

TIME AROUND TUSCANY - Tour Operator e Organizzazione Eventi

wat66xxIndirizzo: Piazza Signorelli – 52044 Cortona (AR)
Tel. +39 347 3527205
Sito: www.timearoundtuscany.com
Email: info@timearoundtuscany.com
Servizi: organizzazione eventi, tour operator

Tour:

  • Wine tour Cortona
  • Tour del Brunello
  • Vino in Chianti
  • Nobile di Montepulciano
  • Vino a Roma
  • Tour dell’olio Cortona
  • Tour del Tartufo
  • La città della Cioccolata
  • Degustazione formaggi a pienza
  • Bagni Termali in Val d’Orcia
  • Corsi di Cucina
  • Degustazione Aceto Balsamico
  • Imparara a fare la Piazza e il Pane
  • Cortona in Vespa / in Bici

Time around Tuscany è un tour operator specializzato nell’enogastronomia, nell’esplorazione del mondo delle specialità culinarie locali e regionali, e del vino, grazie all’ esperienza della sua titolare. Come agenzia turistica di incoming specializzata in vacanze gourmet, Time Around Tuscany offre agli amanti del buon cibo e del vino di qualità, corsi pratici di cucina, tour privati in aziende vinicole ed esperienze culinarie.

E’ per questo motivo che, oltre ai percorsi classici legati all’arte e alle interessanti mete culturali e religiose, fra le proposte non mancano mai attività dedicate agli appassionati dell’enogastronomia, itinerari studiati per farvi scoprire particolarità sconosciute e vini mai assaggiati prima. I tour sono condotti da guide professioniste specializzate che offrano tutta la loro disponibilità e vi sveleranno cose molto interessanti su ogni città che visiterete insieme. Time Arounf Tuscany progetta vacanze uniche per buongustai che vogliono sperimentare e avere una visione più profonda di una regione interessante come la Toscana.

I tour del vino vi porteranno a visitare aziende vinicole molto quotate ma anche piccole aziende meno conosciute, il tutto in macchina, a piedi, in bicicletta o in vespa, con il mezzo che preferite. Avrete la possibilità di incontrare l’ enologo e scoprire qualche trucco del processo di vinificazione, degustare i vini e scoprire di più sulle diverse varietà di uva in aree diverse della Toscana. Potete scegliere fra il tour del vino nel Chianti Classico, o scoprire il miglior Syrah d’Italia a Cortona, oppure visitare Montepulciano e degustare il Vino Nobile. Oppure e a Montalcino degustare diverse versioni di Brunello.

Salva